Un account del PCC sull'attraversamento del ponte Luding (1935)

“Crossing the Luding Bridge” è un rapporto del PCC, probabilmente tratto dagli scritti di Yang Chengwu e Edgar Snow, sulle imprese dell'Armata Rossa al fiume Dadu:

“Il ponte Luding è stato costruito secoli fa e alla maniera di tutti i ponti dei fiumi profondi della Cina occidentale. Pesanti catene di ferro ... erano tese attraverso il fiume, le estremità conficcate su ogni lato sotto grandi cumuli di roccia cementata, sotto le teste di ponte di pietra. Spesse assi sferzate sulle catene formavano la strada del ponte, ma al loro arrivo i Rossi scoprirono che metà del pavimento di legno era stata rimossa, e davanti a loro solo le catene di ferro nudo oscillarono fino a un punto a metà del fiume.

Sotto, le acque rossastre, che scendevano a cascata dalle gole montuose della parte superiore del fiume, battevano contro i brutti massi che si alzavano dal letto del fiume e lanciavano schiuma bianca in alto nell'aria. Il ruggito del torrente impetuoso era assordante. Nemmeno un pesce potrebbe reggere il confronto con quell'acqua. Regolare o attraversare le barche era fuori discussione. Il ponte era l'unico modo per raggiungere l'altro lato.

Alla testa di ponte settentrionale si trovava di fronte un nido di mitragliatrici nemiche e dietro di esso c'erano posizioni occupate da un reggimento di truppe. Il ponte, ovviamente, avrebbe dovuto essere distrutto, ma i Sichuanesi erano sentimentali riguardo ai loro pochi ponti; non è stato facile ricostruirli, ed erano costosi ... E chi avrebbe mai pensato che i Rossi avrebbero cercato follemente di attraversarli con le catene da soli?

Non c'era tempo da perdere. Il ponte deve essere catturato prima dell'arrivo dei rinforzi nemici. Ancora una volta furono richiesti più volontari. Uno dopo l'altro i soldati rossi si fecero avanti per rischiare la vita e, tra quelli che si offrirono, ne furono scelti trenta.

Abbiamo iniziato il nostro attacco alle quattro del pomeriggio. Tutti i trombettieri del reggimento suonarono all'unisono la chiamata alla carica e ci aprimmo con tutte le armi che avevamo contro il nemico sulla sponda opposta. Gli spari, le grida degli uomini riecheggiarono nella valle. Portando mitragliatrici, grossi coltelli legati alla schiena, 12 granate a testa infilate nelle cinture, 22 eroi, guidati dal Comandante Liao, si arrampicarono sulle catene ondeggianti del ponte, tra i denti dell'intenso fuoco nemico. Dietro di loro venivano gli ufficiali e gli uomini della 3a Compagnia, ognuno con una tavola oltre al completo equipaggiamento da battaglia; combattevano e posavano assi allo stesso tempo ...

I cecchini hanno sparato ai Reds lanciandosi in alto sopra l'acqua, procedendo lentamente verso di loro. Il primo guerriero fu colpito e cadde nella corrente sottostante; un secondo cadde e poi un terzo. Ma mentre altri si avvicinavano al centro, il pavimento del ponte proteggeva in qualche modo questi coraggio, e la maggior parte dei proiettili nemici lanciava uno sguardo o finiva nelle scogliere sulla riva opposta.

Probabilmente mai prima d'ora i Sichuanesi avevano visto combattenti come questi - uomini per i quali il soldato non era solo una ciotola di riso, e giovani pronti a suicidarsi per vincere. Erano esseri umani, pazzi o dei? Il loro morale è stato colpito? Forse non hanno sparato per uccidere? Alcuni di loro pregavano segretamente che questi uomini riuscissero nel loro tentativo?

Alla fine un Rosso strisciò sul pavimento del ponte, tolse una granata e la lanciò con perfetta mira nella ridotta nemica. Gli ufficiali nazionalisti hanno ordinato di strappare il resto del fasciame. Era già troppo tardi. Altri rossi stavano entrando in vista. (Il cherosene) è stato gettato sul fasciame e ha iniziato a bruciare. A quel punto circa 20 rossi stavano avanzando su mani e ginocchia, lanciando granate dopo granate nel nido delle mitragliatrici nemiche ...

Il giorno seguente ... migliaia di truppe attraversarono a grandi passi il ponte di Luding. Avevamo conquistato la ribollente barriera del fiume Dadu. Le perdite erano minime. Una fonte riporta i morti a diciassette anni, con "molti bruciati e feriti, e alcuni gravemente bruciati", un'altra a meno di 50 anni, di cui 12 sono stati sospinti dal vento nel fiume sottostante. Quando arrivarono i rinforzi nazionalisti che inseguivano, l'Armata Rossa era fuggita nelle montagne del Sichuan occidentale per sopportare in seguito difficoltà ancora più intense. Jiang Jieshi era furioso. Il resto è storia."