Letteratura cicatriziale

letteratura sulla cicatrice
Un dipinto di una famiglia emarginata durante la Rivoluzione Culturale, di Chen Conglin

La morte di Mao Zedong nel settembre 1976 produsse manifestazioni pubbliche di dolore e adulazione. Per molti cinesi, tuttavia, la morte di Mao sollevò un grande peso dalle loro spalle. Ciò ha portato a un genere di scrittura soprannominato "letteratura sulle cicatrici".

Per anni, il vero stato d'animo della gente era stato soppresso. La fine di Mao e l'ascesa di leader più moderati hanno creato nuove opportunità per l'espressione pubblica. Il contraccolpo contro la Banda dei Quattro è stata la prima manifestazione della volontà popolare: tutti e quattro sono stati processati e condannati a lunghe pene detentive.

Sebbene Deng Xiaoping si rifiutasse di denunciare apertamente Mao, come Krusciov aveva fatto con Stalin in Russia, permise un periodo di liberalizzazione politica e culturale, in seguito definita la "Primavera di Pechino" (1977-78). A scrittori, intellettuali e intrattenitori fu permesso di criticare il governo e le sue politiche, in particolare la Banda dei Quattro e la Rivoluzione Culturale. Ciò ha innescato un'ondata di letteratura cinese, piena di racconti dolorosi della vita sotto Mao. Molti di questi racconti sono apparsi su riviste ufficiali del governo, quindi sono stati approvati per la pubblicazione da funzionari statali.

La letteratura sulle cicatrici doveva essere catartica, un tentativo di "pulire le ferite" subite dalle persone durante gli anni '1960. Molte storie contenevano racconti deprimenti o orribili della vita durante la Rivoluzione Culturale: gli autori raccontavano la persecuzione, la denuncia, il pestaggio e persino l'esecuzione di familiari e amici. C'erano anche resoconti della vita durante il Grande Balzo in avanti, in particolare la catastrofica carestia dei "tre anni amari".

Nonostante il contenuto doloroso della letteratura sulle cicatrici, la maggior parte delle storie conteneva pochissimi attacchi diretti a Mao Zedong o al governo (c'erano ancora dei limiti, dopotutto) eppure ogni storia personale costituisce effettivamente una critica delle loro politiche.

Il governo iniziò a chiudere la pubblicazione della letteratura sulle cicatrici in 1979, tuttavia il movimento continuò all'estero, questa volta nelle mani di cinesi espatriati che emigrarono o disertarono e scrissero per gli editori occidentali. Esistono diversi esempi di queste memorie personali, sebbene alcune siano solo semi-autobiografiche e tendano a cadere nella scrittura creativa piuttosto che nella storia.

Alcuni esempi di letteratura sulle cicatrici, tra cui citazioni:

Jung Chang, Wild Swans: Three Daughter of China

Jung Chang è nato nella provincia del Sichuan, nella Cina centro-occidentale a 1952. I suoi genitori erano entrambi quadri del Partito Comunista, suo padre un importante propagandista, tuttavia persero la fiducia in Mao Zedong dopo i fallimenti del Grande Balzo in avanti.

La giovane Jung è stata coinvolta nel fervore della Rivoluzione Culturale, unendosi brevemente alle Guardie Rosse in 1966. Come molti funzionari del partito, i suoi genitori furono denunciati, umiliati pubblicamente e scacciati dalla loro casa confortevole, mentre Jung fu mandato in campagna per lavorare.

Jung si è allontanata da Mao e dal PCC e due anni dopo la morte di Mao, si è trasferita in Gran Bretagna. Lì ha completato un dottorato e ha pubblicato una biografia di Madame Sun Yixian. Nel 1991, Jung Chang ha pubblicato Wild Swans: Three Daughter of China (Flamingo, 1991), una biografia di sua madre e sua nonna, nonché un memoriale della sua infelice educazione. Cigni selvatici divenne un bestseller nei paesi occidentali, probabilmente il primo esempio di letteratura sulle cicatrici a ricevere ampia diffusione al di fuori della Cina.

“La corruzione era così diffusa che Jiang Jieshi creò un'organizzazione speciale per combatterla. Si chiamava "Tiger-Beating Squad" perché le persone paragonavano funzionari corrotti a temibili tigri e invitava i cittadini a inviare le loro denunce ".

“Mio padre amava Yanan. Trovò le persone lì piene di entusiasmo, ottimismo e scopo. I leader del partito vivevano semplicemente, come tutti gli altri, in netto contrasto con i funzionari del Kuomintang. Yanan non era una democrazia, ma rispetto al luogo da cui proveniva sembrava essere un paradiso di equità ".

“Era politica comunista [durante la Guerra Civile] non giustiziare chiunque avesse deposto le armi e trattare bene tutti i prigionieri… I comunisti non gestivano campi di prigionia. Avrebbero tenuto riunioni di "parlare amarezza" per i soldati, durante le quali erano incoraggiati a parlare delle loro dure vite di contadini senza terra. La rivoluzione, dicevano i comunisti, consisteva nel dare loro la terra ".

“Il comunista ha usato la campagna [dei Cinque Antis] per persuadere e (più spesso) intimorire i capitalisti, ma in modo tale da massimizzare la loro utilità per l'economia. Non molti furono imprigionati ".

"Durante questo periodo lei [la madre di Jung Chang] ha dovuto partecipare a diverse manifestazioni di massa in cui 'agenti nemici' sono stati fatti sfilare, denunciati, condannati, ammanettati e portati in prigione - tra fragorose urla di slogan e alzate di pugni a decine di migliaia delle persone."

"Con il passare degli anni [dopo il 1955] e Mao lanciò una caccia alle streghe dopo l'altra, il numero delle vittime aumentò vertiginosamente e ogni vittima ne abbatté molte altre, prima di tutto i suoi parenti stretti".

"Lui [Mao] non era preoccupato per gli operai o i contadini [durante la campagna dei cento fiori] poiché era sicuro che fossero grati ai comunisti ... Aveva anche un disprezzo fondamentale per loro - non credeva che avessero la capacità mentale per sfidare il suo governo. "

“L'intera nazione è scivolata nel doppio linguaggio [durante il grande balzo in avanti]. Le parole sono state separate dalla realtà, dalla responsabilità e dai pensieri reali delle persone. Le bugie venivano raccontate con facilità perché le parole avevano perso il loro significato e avevano smesso di essere prese sul serio dagli altri ".

“A quel tempo dovevo spesso visitare l'ospedale per i miei denti. Ogni volta che andavo lì avevo un attacco di nausea alla vista orribile di dozzine di persone con arti gonfi, lucenti, quasi trasparenti, grandi come barili ".

“Si è scoperto che i genitori delle ragazze vendevano carne essiccata al vento. Avevano rapito e ucciso un certo numero di bambini e li avevano venduti come carne di coniglio a prezzi esorbitanti ".

“La carestia era peggiore di qualsiasi altra cosa sotto il Kuomintang, ma sembrava diversa. Ai tempi del Kuomintang, la fame avveniva insieme a sfacciata stravaganza incontrollata ".

"La paura non è mai stata assente nella costruzione del culto di Mao."

“Un giorno, nel 1965, ci fu improvvisamente detto di uscire e iniziare a rimuovere tutta l'erba dai prati. Mao aveva detto che l'erba, i fiori e gli animali domestici erano abitudini borghesi e dovevano essere eliminati ".

"Per ottenere questo [lealtà e obbedienza] lui [Mao] aveva bisogno del terrore - un terrore intenso che avrebbe bloccato tutte le altre considerazioni e schiacciato tutte le altre paure".

"Loro [le Guardie Rosse] erano anche irresponsabili, ignoranti e facili da manipolare e inclini alla violenza".

“Per stimolare i giovani alla violenza di massa controllata, le vittime erano necessarie. Gli obiettivi più vistosi in ogni scuola erano gli insegnanti ... Praticamente in ogni scuola in Cina, gli insegnanti venivano maltrattati e picchiati, a volte fatalmente. Alcuni scolari hanno istituito prigioni in cui gli insegnanti sono stati torturati ".

“[Famiglie] sono state picchiate con le fibbie di ottone delle cinture di cuoio delle guardie rosse. Hanno preso a calci e un lato della testa è stato rasato, uno stile umiliante chiamato "testa yin e yang" ... Nel centro della città, alcuni teatri e cinema sono stati trasformati in camere di tortura ".

"L'intera Cina [durante la Rivoluzione culturale] era come una prigione ... Alla fine del 1968, tutti gli studenti universitari in Cina erano stati sommariamente 'laureati' in massa, senza alcun esame, assegnati lavori e dispersi in ogni angolo del terra [Giù in campagna] ... Mao voleva che passassi il resto della mia vita come contadino. "

"Non importa quanto odiassi la Rivoluzione Culturale, dubitare di Mao non era ancora entrato nella mia mente".

"L'altro segno distintivo del maoismo, mi sembrava, era la presa dell'ignoranza ... Egli [Mao] ha lasciato non solo una nazione brutalizzata, ma anche una brutta terra con poco della sua gloria passata rimasta o apprezzata."

Anchee Min, Azalea rossa

anchee min

Anchee Min è uno scrittore e romanziere cinese-americano. Nato a Shanghai in 1957, Min è stato inviato a lavorare in una fattoria collettiva all'età di 17. Dopo mesi di lavoro debilitante, Min è stato reclutato da funzionari del partito per recitare in un film di propaganda prodotto da Jiang Qing.

Dopo l'arresto e la caduta di Jiang, la stessa Min ha subito punizioni e lavoro umiliante. Nel 1984 è fuggita dalla Cina negli Stati Uniti, nonostante non parlasse inglese. Dieci anni dopo, ha pubblicato Azalea rossa (Berkley Books, 1994), un resoconto in tre parti della sua educazione a Shanghai, il suo lavoro nelle fattorie collettive e la sua formazione come attrice.

Candido, drammatico e talvolta spaventoso, Azalea rossa ha ricevuto elogi critici e venduto molto bene nei paesi occidentali.

“Ero un adulto dall'età di cinque anni. Non era niente di insolito. I bambini con cui giocavo portavano tutti i piccoli della loro famiglia sulle spalle, legati con un pezzo di stoffa. I più piccoli giocavano con il loro moccio mentre noi giocavamo a nascondino ".

“Ho guidato i miei compagni di scuola a raccogliere i penny. Volevamo donare i penny ai bambini affamati in America ".

“In quegli anni, imparare a essere rivoluzionario era tutto. La Guardia Rossa ci ha mostrato come distruggere, come adorare. Sono saltati giù dagli edifici per mostrare la loro lealtà a Mao. "

"Disobbedire all'insegnamento di Mao è un crimine."

“Spesso rimanevamo senza cibo entro la fine del mese. Ci trasformeremmo in animali affamati ".

"A scuola i libri di Mao erano i nostri testi."

"Come posso deludere il presidente Mao, che ha riposto la sua fiducia in persone come noi, la classe operaia, la classe che una volta era persino inferiore ai maiali e ai cani prima della Liberazione?"

“Voglio che tu sia consapevole di ciò che stai creando, ha continuato [un insegnante]. Stai creando un'immagine che presto dominerà l'ideologia cinese. Stai creando la storia, la storia del proletario. Stiamo restituendo alla storia il suo volto originale. Tra pochi mesi, quando il film sarà in tutto il paese, sarai l'idolo dei giovani rivoluzionari. Voglio che memorizzi l'insegnamento del presidente Mao: "Il potere di un buon esempio è infinito". "

“Ho guardato indietro quando sono uscito dal Peace Park Gate. Ho visto le torce delle pattuglie cercare tra i cespugli. Hanno gridato slogan come avvertimenti: "Attenzione alle attività reazionarie!" "Uniamoci e sbarazziamoci delle influenze borghesi!" Il parco è sprofondato al suono della morte. "

“Poi è arrivata la notizia del secolo. Era il 9 settembre 1976. Il sole più rosso era caduto dal cielo del Regno di Mezzo. Mao era morto. Durante la notte il paese è diventato un oceano di fiori di carta bianca. Le persone in lutto hanno sbattuto la testa contro la porta, sui banchi della drogheria e sui muri. Dolore devastante. La musica funebre ufficiale è stata trasmessa giorno e notte. Ha fatto cedere l'aria. "

Li Cunxin, L'ultimo ballerino di Mao

l'ultimo ballerino di mao

L'ultimo ballerino di Mao (Viking, 2003) è stato scritto dal ballerino australiano di origine cinese Li Cunxin. Racconta del brutale regime di allenamento che ha sopportato all'Accademia di danza di Madame Mao durante i primi anni '1970.

"Il comune assegnava a ciascuna famiglia del villaggio un pezzo di terra. Un ventesimo era un ventesimo di acro ... era così piccolo che poteva essere usato solo per coltivare alimenti essenziali come mais e patate dolci".

“Quando sono nato c'erano privazioni e malattie ovunque. Tre anni del grande balzo in avanti di Mao e tre anni di maltempo avevano provocato una delle più grandi carestie che il mondo avesse mai visto. Quasi 30 milioni di persone sono morte. E i miei genitori, come tutti gli altri, stavano combattendo disperatamente per la sopravvivenza ".

"Non avevamo soldi per portare il mio niang in ospedale, e la medicina del dottore scalzo era economica e inefficace."

"Una ventina di famiglie al piano condividevano un bagno per gli uomini e uno per le donne".

“Loro [i fratelli di Cunxin] mi raccontavano storie dell'orrore sulla Guardia Rossa, su come hanno bruciato e distrutto tutto ciò che aveva un sapore occidentale: libri, dipinti, opere d'arte - qualsiasi cosa. Hanno demolito templi e santuari. Mao voleva che il comunismo non avesse concorrenza di altre religioni ".

"I rivoluzionari tiravano costantemente indietro la testa dei controrivoluzionari per umiliarli ancora di più".

“Ci siamo tutti alzati, ci siamo tolti il ​​cappello, ci siamo inchinati davanti alla foto di Mao e abbiamo gridato: 'Lunga vita al Presidente Mao! Vicepresidente Lin, buona salute, sempre buona salute. "

“Tutti in Cina, di tutte le età, sono stati incoraggiati a imparare da lui. Tutti volevano essere un "Lei Feng vivente". "

"Durante gli 11 anni della mia infanzia a Qingdao, ho sempre vissuto con la dura realtà di non avere cibo a sufficienza per riempirci lo stomaco, di vedere i miei genitori lottare, di vedere persone che muoiono di fame, di essere costantemente intrappolate in quello stesso senza speranza, circolo vizioso come i miei antenati. Ero stato determinato a uscire da quel pozzo profondo e buio. "

"La teoria della Banda dei Quattro era che la merda attira le mosche e che Confucio fosse la merda e Lin Biao la mosca."

“Ma questa volta, piangendo per il presidente Mao, è stata come un'esperienza religiosa mista a una certa paura. Avevo adorato il presidente Mao. Il suo nome era la prima parola che avevo imparato a scuola. Le parole del suo famoso Libro rosso erano impresse nel mio cervello. Sarei morta per lui. E no, se n'era andato. "

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Letteratura sulle cicatrici"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn, Sara Taylor, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/scar-literature/
Data di pubblicazione: Febbraio 12, 2016
Data di accesso: October 26, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.