I 16 punti di Mao sulla rivoluzione culturale (1966)

Questo documento, redatto da Mao Zedong e approvato dal Comitato Centrale del PCC in agosto 8th 1966, è una prima espressione dei valori politici e degli obiettivi della Rivoluzione Culturale:

“Sebbene la borghesia sia stata rovesciata, sta ancora cercando di usare le vecchie idee, cultura, costumi e abitudini delle classi sfruttatrici per corrompere le masse, catturarne le menti e tentare di inscenare un ritorno. Il proletariato deve fare esattamente l'opposto: deve affrontare di petto ogni sfida della borghesia in campo ideologico e utilizzare le nuove idee, cultura, costumi e abitudini del proletariato per cambiare la visione mentale dell'intera società.

Attualmente il nostro obiettivo è lottare contro e schiacciare quelle persone autorevoli che stanno prendendo la strada del capitalismo, criticare e ripudiare le "autorità" accademiche borghesi reazionarie e l'ideologia della borghesia e di tutte le altre classi sfruttatrici e trasformare l'istruzione, la letteratura e l'arte e tutte le altre parti della sovrastruttura che non corrispondono alla base economica socialista, in modo da facilitare il consolidamento e lo sviluppo del sistema socialista.

Le masse di operai, contadini, soldati, intellettuali rivoluzionari e quadri rivoluzionari formano la forza principale di questa Grande Rivoluzione Culturale. Un gran numero di giovani rivoluzionari, precedentemente sconosciuti, sono diventati coraggiosi e audaci interruttori di rotta. La grande rivoluzione culturale proletaria che si sta svolgendo è una grande rivoluzione che tocca le persone alla loro stessa anima e costituisce una nuova tappa nello sviluppo della rivoluzione socialista nel nostro paese, una fase più profonda e più ampia.

Poiché la Rivoluzione Culturale è una rivoluzione, inevitabilmente incontra resistenza. Questa resistenza viene principalmente da coloro che detengono l'autorità che si sono insinuati nel partito e stanno prendendo la strada del capitalismo. Viene anche dalla vecchia forza dell'abitudine nella società. Al momento questa resistenza è ancora abbastanza forte e ostinata. Tuttavia, la grande rivoluzione culturale proletaria è, dopo tutto, una tendenza generale irresistibile. Ci sono prove abbondanti che tale resistenza si sgretolerà rapidamente una volta che le masse saranno completamente eccitate ".