Barnett sull'umore pubblico nel sud della Cina (1948)

A. Doak Barnett era uno scrittore e accademico americano specializzato in Cina, dove suo padre aveva lavorato ampiamente come missionario. Scrivendo alla fine del 1948, Barnett descrive l'umore pubblico nelle regioni della Cina meridionale detenute da Guomindang:

“La demoralizzazione politica in queste aree è quasi universale e il morale è incredibilmente basso. Quasi nessuno spirito di resistenza contro i comunisti rimane e la fede nel governo centrale sembra essere svanita. Ho parlato con persone di molti tipi: uomini d'affari, educatori, coolies di risciò, funzionari, tecnici, commercianti. Tutti erano psicologicamente preparati per un cambiamento di base del controllo politico e un cambio di regime.

Questa bassa morale deriva da numerosi fattori: la difficoltà della vita ordinaria, il desiderio di pace e stabilità e una crescente sfiducia nei confronti del governo centrale, nonché i racconti minacciosi dei fronti di lotta. Osservazioni come "Questo non può andare avanti" o "Qualsiasi cambiamento sarà in meglio" sono accompagnate da solenni scuotimenti di testa ed espressioni cupe. Le persone con cui ho parlato affrontano il futuro e la prospettiva di un governo dominato dai comunisti, con emozioni che mescolano dimissioni, sollievo e apprensione a vari livelli.

Lo "stato d'animo delle persone" è una cosa immateriale che non può essere descritta in formule precise o in termini misurabili. In Cina, la difficoltà di definire l'umore politico è amplificata dalla scarsità dei media di espressione pubblica. Qualunque sia la sua validità altrove, il concetto di "opinione pubblica" non è generalmente applicabile in Cina perché la maggior parte della popolazione è politicamente inarticolata.

Inoltre, milioni di persone senza accesso a informazioni affidabili non hanno opinioni chiare sugli eventi politici nazionali. Reagiscono emotivamente a stimoli come voci sulla vite, notizie incomplete, rapporti distorti e il prezzo locale del riso. Sentono, piuttosto che capire, tendenze politiche.

Le persone che ho incontrato tra Shanghai e Canton [Guangzhou] sentono che i tempi sono maturi per un grande cambiamento politico in Cina. Anche chi teme il cambiamento sembra accettarne l'inevitabilità con impotente rassegnazione ".