Reinsch sulla spinta per la riforma in Cina (1909)

Alla fine del 1909 lo scrittore politico americano Paul S. Reinsch descrisse la spinta alla riforma in Cina e le enormi sfide che la dinastia Qing ei riformisti si trovavano ad affrontare:

“Il cambiamento che la Cina sta attualmente attraversando può essere espresso dicendo che la società cinese sta diventando politica. Finora ha vissuto di generazione in generazione per consuetudine, senza consapevolezza di scopi o scopi politici; né il governo stesso è stato influenzato nella sua azione da politiche definite. Sicura della sua autorità, ha selezionato i suoi dipendenti sulla base di prove d'esame, rafforzate da quel favore che i candidati promettenti potrebbero ottenere attraverso douceur di vario genere.

Ora, all'improvviso, l'impulso politico si sta fortemente risvegliando nel seno del popolo cinese. Vedono davanti a loro le nazioni che guidano consapevolmente la loro politica dal punto di vista della vita e degli interessi nazionali. Non andrà più alla deriva, a lasciare che le dogane si prendano cura di se stesse, a gestire le nazioni straniere di giorno in giorno in compromessi, che non vanno mai alla radice di una politica, ma semplicemente sorvolano le difficoltà del momento. L'intellettuale e il responsabile tra il popolo cinese sentono un profondo bisogno di un'espressione consapevole della politica nazionale e dell'uso di una ragione attenta e lungimirante, nonché di calma fermezza, nella gestione dei loro affari nazionali.

L'impulso è venuto da [fuori dalla Cina]. L'autocompiacimento cinese subì un brusco shock nella guerra giapponese del 1894. A causa della mancanza di centralizzazione e di un comune patriottismo, questo shock sarebbe probabilmente rimasto senza una profonda influenza sulla vita cinese se non fosse stato seguito da altri e più gravi catastrofi. Era, tuttavia, il segnale per le incursioni sulla Cina da parte di ogni sorta di influenze politiche ed economiche dall'esterno. La divisione della Cina era imminente. Le masse popolari, dapprima vagamente irrequiete, furono presto profondamente commosse da paure e passioni simili al panico ... Così si precipitarono a capofitto in nuovi guai attaccando gli stranieri e le loro legazioni ...

La domanda era come uscire da questa condizione umiliante… Il compito della riforma davanti al governo era, in effetti, spaventoso. Trasformare il sistema di amministrazione accomodante, sotto il quale l'Impero ha vissuto per secoli in tempo di pace e in assenza di ogni concorrenza straniera, in un moderno motore centralizzato di azione nazionale, è di per sé un'impresa che richiede massima originalità e abilità politica ...

Gli ultimi tre anni sono stati pieni di azione e reazione nervosa. I tentativi di arrivare a idee chiare riguardo a grandi questioni di politica sono stati ripetutamente interrotti da controversie personali, intrighi di corte e dalla paura panica dei movimenti rivoluzionari. Le forze con cui il governo deve fare i conti sono estremamente complesse. Il clan imperiale stesso, essendo non cinese, deve evitare l'apparenza di seguire una semplice politica familiare o di clan ... Il governo, agendo attraverso i suoi alti funzionari cinesi e manciù, deve occuparsi, inoltre, di tutti gli interessi, i desideri e le tendenze tra i 400 milioni di persone delle 18 province e delle dipendenze. Che il desiderio di una vita nazionale unificata e di una sua efficace espressione sia diventato così forte che la resistenza ad essa inviterebbe la rivoluzione, è pienamente riconosciuto - ma, come altrove, il popolo è composto da molti elementi, discordanti e confusi nei loro obiettivi e idee. "