Mao Zedong sulla rivoluzione contadina in Hunan (1927)

Un estratto di Rapporto su un'indagine sul movimento contadino in Hunan, scritto in 1927 dal giovane leader del Partito comunista cinese Mao Zedong:

“Molti dei come e dei perché del movimento contadino sono l'esatto opposto di ciò che dicono i nobili di Hankow e Changsha. Ho visto e sentito molte cose strane di cui fino a quel momento non ero a conoscenza. Credo che lo stesso valga anche per molti altri posti. Tutti i discorsi diretti contro il movimento contadino devono essere risolti rapidamente. Tutte le misure sbagliate prese dalle autorità rivoluzionarie riguardo al movimento contadino devono essere rapidamente cambiate. Solo così si potrà beneficiare del futuro della rivoluzione. Per l'attuale ascesa del movimento contadino è un evento colossale.

In brevissimo tempo, nelle province centrali, meridionali e settentrionali della Cina, diverse centinaia di milioni di contadini sorgeranno come una potente tempesta, come un uragano, una forza così rapida e violenta che nessuna potenza, per quanto grande, sarà in grado di trattenerla . Distruggeranno tutti i tramagli che li legano e si precipiteranno in avanti lungo la strada verso la liberazione. Spazzeranno nelle loro tombe tutti gli imperialisti, i signori della guerra, i funzionari corrotti, i tiranni locali e la nobiltà malvagia. Ogni partito rivoluzionario e ogni compagno rivoluzionario saranno messi alla prova, per essere accettati o respinti a loro piacimento.

I principali obiettivi di attacco da parte dei contadini sono i tiranni locali, la malvagia nobiltà e i proprietari terrieri senza legge. Ma di passaggio, hanno anche combattuto contro idee e istituzioni patriarcali, contro funzionari corrotti nelle città e contro cattive pratiche e costumi nelle aree rurali. In forza e slancio l'attacco è tempestoso; quelli che si inchinano prima sopravvivono e quelli che resistono periscono. Di conseguenza, i privilegi di cui godevano i proprietari feudali da migliaia di anni vengono fatti a pezzi. Ogni parte della dignità e del prestigio accumulati dai proprietari viene spazzata via dalla polvere.

Con il crollo del potere dei proprietari terrieri, le associazioni contadine sono diventate ormai gli unici organi di autorità e lo slogan popolare “tutto il potere alle associazioni contadine” è diventato realtà. Anche le inezie come una lite tra marito e moglie vengono portate all'associazione contadina. Nulla può essere risolto se non è presente qualcuno dell'associazione contadina.

C'è un'altra sezione di persone che dice: "Sì, le associazioni contadine sono necessarie, ma stanno andando un po 'troppo lontano". Questa è l'opinione dei middle-of-the-roaders. Ma qual è la situazione attuale? È vero, i contadini sono in un certo senso "indisciplinati" nelle campagne. Suprema in autorità, l'associazione contadina non permette al padrone di casa di avere voce in capitolo e spazza via il suo prestigio. La gente si riversa nelle case dei tiranni locali e della nobiltà malvagia che sono contro l'associazione contadina, macella i loro maiali e consuma il loro grano. I tiranni locali, la nobiltà malvagia e i proprietari terrieri senza legge hanno spinto i contadini a questo ...

Una rivoluzione non è una cena o scrivere un saggio, o dipingere un quadro, o fare un ricamo; non può essere così raffinato, così tranquillo e gentile, così temperato, gentile, cortese, sobrio e magnanimo. Una rivoluzione è un'insurrezione, un atto di violenza con cui una classe ne rovescia un'altra. Una rivoluzione rurale è una rivoluzione mediante la quale i contadini rovesciano il potere della classe dei proprietari terrieri feudali. Senza usare la forza più grande, i contadini non possono assolutamente rovesciare l'autorità radicata dei proprietari terrieri che dura da migliaia di anni ".