Yang Chengwu ricorda la traversata del ponte Luding (1935)

Yang Chengwu era un generale dell'Esercito popolare di liberazione che da adolescente partecipò alla Lunga Marcia. Qui ricorda l'attraversamento del ponte Luding:

“L'attacco è iniziato alle quattro del pomeriggio. Il comandante del reggimento e io lo dirigemmo dall'estremità ovest del ponte. I trombettieri del reggimento si sono riuniti per suonare la carica e abbiamo aperto con tutte le armi che avevamo. Lo squillo delle trombe, gli spari e le grida degli uomini riecheggiarono per la valle.

Gli eroi 22, guidati dal comandante Liao, si insinuarono sulle catene del ponte ondeggiante tra i denti di un intenso fuoco nemico. Ogni uomo portava una pistola Tommy o una pistola, una spada e bombe a mano 12. Dietro di loro vennero gli uomini della Terza Compagnia, ciascuno con una tavola in aggiunta al completo equipaggiamento da battaglia. Hanno combattuto e posato le assi allo stesso tempo.

Proprio quando la squadra d'assalto raggiunse la testa di ponte dalla parte opposta, enormi fiamme si levarono nel cielo fuori dalla porta ovest della città. Il nemico stava cercando di gettare una barriera antincendio attraverso il nostro cammino. Il bagliore, arrossendo il cielo, leccò ferocemente attraverso la fine del ponte.

L'esito dell'attacco era sospeso nell'aria ... Con il suono acuto delle trombe, il nostro gruppo d'assalto è precipitato rapidamente tra le fiamme. Il berretto del comandante Liao ha preso fuoco. L'ha buttato via e ha continuato a combattere. Anche gli altri si precipitarono tra le fiamme, alle spalle di Liao ...

I nostri valorosi uomini hanno combattuto finché tutti i proiettili e le granate non furono esauriti. La Terza Compagnia si precipitò in loro soccorso. Il comandante del reggimento Wang e io abbiamo attraversato il ponte con i nostri rinforzi ed siamo entrati in città ... Il sogno del nemico è finito in fumo ... Il nostro era un esercito popolare guidato dal Partito Comunista e dal Presidente Mao ".