Assassinio a Sarajevo

assassinio a sarajevo
Franz Ferdinand e la sua giovane figlia Sophie, rimasta orfana degli eventi di June 1914

In un altro tempo, l'assassinio a Sarajevo dell'arciduca Francesco Ferdinando avrebbe provocato indignazione ma non guerra. Tuttavia, dopo due decenni di tensioni in Europa e in particolare nei Balcani, l'omicidio del reale austriaco divenne un punto critico nella storia.

L'assassinio di Franz Ferdinand ha generato un'ondata di sentimenti anti-serbi all'interno dell'impero austro-ungarico. Fornì ai capi militari austriaci, che da tempo immaginavano una guerra di repressione contro i serbi molesti, la scusa perfetta per uno.

Sostenuta dalla Germania e dal suo impertinente e sicuro Kaiser, Guglielmo II, l'aggressione austro-ungarica catapultò l'Europa nella crisi, nelle minacce e nella guerra.

Franz Ferdinand

L'arciduca Francesco Ferdinando era il nipote dell'imperatore austro-ungarico Francesco Giuseppe. Quando l'unico figlio dell'imperatore si suicidò nel 1889, Ferdinando divenne erede al trono imperiale.

Educato alla storia e ai classici, Franz Ferdinand era intelligente, ben informato e più mondano degli altri. Negli anni Novanta dell'Ottocento aveva completato un "grand tour" in tre continenti che includeva un lungo soggiorno in Australia.

Ferdinando poteva anche essere volitivo fino alla testardaggine. Un esempio di ciò è stata la sua determinazione a sposare una non reale, Sophie Chotek, contro il consiglio della sua famiglia e dei leader politici. Il matrimonio fu approvato ma morganatico, il che significa che i figli di Ferdinando non potevano succedergli come imperatore.

Opinioni liberali

La politica di Ferdinando era sorprendentemente liberale, almeno nei confronti dei conservatori alla corte austriaca.

L'arciduca credeva che se l'impero doveva durare, sarebbe stato necessario prendere in considerazione le concessioni ai gruppi etnici dell'impero. Considerava anche la crescita dei movimenti rivoluzionari nei Balcani un sottoprodotto della pesantezza austro-ungarica.

Queste opinioni lo misero in contrasto con suo zio, l'imperatore e l'élite politica e militare conservatrice di Vienna. Ha anche reso il destino finale di Ferdinando più di una tragedia, dal momento che era uno dei pochi uomini abbastanza larghi da salvare l'impero in difficoltà.

Un tentativo di omicidio fallito

Il 28 giugno 1914 Ferdinando e sua moglie erano in tournée a Sarajevo, allora parte dell'Impero austro-ungarico e ora capitale della Bosnia.

Mentre si trovava a Sarajevo, la coppia reale è stata presa di mira da una piccola banda di nazionalisti serbi, indignati per la conquista austriaca della Bosnia-Erzegovina. Non estraneo alla violenza politica, una fazione di questo gruppo ha complottato per assassinare l'arciduca nelle strade della città.

Alle 10.10 hanno lanciato il loro primo tentativo. Cabrinovic, un giovane serbo, ha lanciato una piccola bomba verso l'auto con il tetto scoperto che trasportava Ferdinand e sua moglie, ma la bomba è rimbalzata in modo innocuo sul retro dell'auto ed è esplosa sotto il veicolo che lo seguiva, distruggendolo e ferendo più di una dozzina di persone.

Cabrinovic è fuggito, ingoiando una pillola suicida e gettandosi in un fiume vicino. Non riusciva nemmeno a farlo bene, vomitando la pillola e atterrando in acqua che arrivava a malapena alle caviglie. Cabrinovic fu presto catturato. I suoi collaboratori hanno guardato l'auto reale che si allontanava velocemente prima di sgattaiolare via nelle strade secondarie di Sarajevo, pensando che il loro piano fosse fallito.

La fortuna di Princip

assassinio a sarajevo
Gavrilo Princip, l'assassino serbo le cui azioni hanno scatenato una guerra mondiale

Avrebbero avuto ragione se non fosse stato per una fortuna fortuita. Franz Ferdinand ha interrotto il suo programma e ha ordinato una chiamata in ospedale, per controllare i feriti nel precedente attacco.

Dopo aver lasciato l'ospedale, la sua macchina ha preso la strada sbagliata ed è finita fuori da una paninoteca. Uno degli assassini, Gavrilo Princip, è uscito dal negozio, avendo appena comprato il pranzo.

Individuando l'auto reale, Princip estrasse due pistole e fece fuoco. Il suo primo colpo ha colpito la moglie dell'arciduca, Sophie, nello stomaco; il secondo colpì la gola di Ferdinando. Di nuovo, l'auto è partita per cercare assistenza medica, arrivando alla residenza del governatore pochi minuti dopo. Sophie è morta prima che potesse essere rimossa dall'auto. Suo marito è stato trascinato dentro ma è morto poco dopo su una chaise longue.

Indignazione austriaca

assassinio a sarajevo
I corpi di Franz Ferdinand e sua moglie che giacciono nello stato

L'omicidio dell'erede della doppia monarchia ha innescato un'ondata di proteste e violenze anti-serbe in molte città austro-ungariche, compresa la stessa Sarajevo. I negozi e gli edifici serbi sono stati vandalizzati e alcuni sospetti nazionalisti serbi sono stati picchiati.

In tutta Europa c'è stato uno shock diffuso per l'omicidio. C'erano anche centinaia di messaggi di sostegno a Vienna e alcuni la sollecitavano a intraprendere un'azione dura contro i terroristi.

Franz Ferdinand e Sophie furono sepolti in un castello di famiglia in Austria, dopo un funerale privato a cui non parteciparono reali o dignitari stranieri, nemmeno il Kaiser tedesco o lo stesso imperatore Francesco Giuseppe.

Ultimatum di Vienna

La risposta immediata del regime austro-ungarico è stata quella di richiedere un'inchiesta sull'assassinio e sulle persone coinvolte, da condurre sul suolo serbo dalle autorità austriache. Il governo serbo ha respinto la proposta, dichiarando che i funzionari serbi non avevano alcun coinvolgimento negli omicidi e che "la questione non riguardava il governo serbo".

Questo ha fatto precipitare la "crisi di luglio": un mese di ultimatum, minacce e battibecchi, durante i quali i leader europei hanno soppesato la causa della guerra e della pace.

Gavrilo Princip e tutti i suoi collaboratori tranne uno furono catturati, interrogati dalle autorità austro-ungariche e processati. Alcuni furono messi a morte, ma poiché le leggi contemporanee proibivano l'esecuzione di chiunque avesse meno di 20 anni, la maggior parte dei cospiratori furono condannati a 20 anni di carcere.

Princip è stato risparmiato a causa della sua età, ma ha sofferto terribilmente in prigione, contraendo la tubercolosi e successivamente con un braccio amputato. Morì nell'aprile 1918, sei mesi prima della fine della guerra che aveva contribuito a istigare.

Il punto di vista di uno storico:
“L'assassinio di Sarajevo è stato certamente il precedente cruciale della guerra europea che i suoi cospiratori avevano cercato, ma non è stata la causa storica. Quasi sessant'anni dopo Vaso Cubrilovic, che come storico aveva insegnato per quarant'anni all'Università di Belgrado, insistette sul fatto che i sette giovani non erano responsabili. 'Lo scoppio della guerra non aveva nulla a che fare con gli individui. La guerra aveva radici profonde, compresi gli effetti dirompenti della rapida industrializzazione nelle vecchie società feudali ... L'assassinio ha agito come una leva, inducendo le varie potenze in percorsi prevedibili ".
J. Bowyer Bell

1. L'arciduca Francesco Ferdinando era un reale austriaco, nipote dell'imperatore Francesco Giuseppe ed erede al suo trono.

2. L'arciduca era intelligente, mondano e di mentalità liberale, il che lo metteva in contrasto con la sua famiglia conservatrice.

3. A giugno 1914 Ferdinando era in tournée a Sarajevo, in Bosnia, quando cadde vittima di una banda terroristica di nazionalisti serbi.

4. Gli assassini erano giovani, nervosi e goffi, ma uno, Princip, è inciampato nell'auto del duca.

5. Sia Ferdinando che sua moglie furono fucilati nella loro macchina a tetto aperto e morirono nel giro di un'ora, mentre Princip e i suoi collaboratori furono presto arrestati. L'omicidio ha causato indignazione in tutto il mondo.

Titolo: "Assassinio a Sarajevo"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/worldwar1/assassination-in-sarajevo/
Data di pubblicazione: 20 Agosto 2017
Data di accesso: October 07, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.