Storiografia della prima guerra mondiale

storiografia prima guerra mondiale
Come i soldati che studiano, gli storici tendono a combattere per le cause della prima guerra mondiale

Come ci si potrebbe aspettare da un grande evento storico, la prima guerra mondiale è uno dei periodi storici più studiati della storia umana. Di conseguenza, la storiografia della prima guerra mondiale è ampia, complessa e segnata da posizioni e prospettive diverse.

Una vasta storiografia

È ragionevole affermare che la prima guerra mondiale è uno degli eventi più studiati nella storia umana. Centinaia di autori hanno scritto migliaia di opere diverse sulla Grande Guerra. Questi lavori hanno attraversato storie sia accademiche che popolari, oltre a numerose specializzazioni.

Gli storici della politica hanno studiato e teorizzato le cause, gli effetti e la gestione della guerra. Gli storici militari hanno esaminato le strategie, le tattiche e le metodologie utilizzate sui molti fronti e campi di battaglia della guerra. Gli storici sociali hanno studiato il modo in cui la guerra ha colpito la gente comune e ha cambiato ruoli, valori e atteggiamenti sociali. Gli storici dell'economia hanno esplorato come la guerra abbia influenzato la politica del governo, le economie nazionali, la ricchezza personale, il commercio, il commercio e la finanza.

Le prime storie della prima guerra mondiale furono scritte quando la guerra stessa aveva solo poche settimane. Da allora, le ipotesi e le conclusioni sulla guerra sono cambiate da luogo a luogo e sono cambiate nel tempo. La storiografia della guerra continua ad evolversi, anche a più di un secolo dalla sua conclusione.

I primi intenzionalisti

Negli anni che seguirono l'armistizio del 1918, la maggior parte degli scritti storici sulla prima guerra mondiale cercò di stabilire le cause e attribuire le colpe per la guerra.

La maggior parte degli storici e dei commentatori nelle nazioni alleate erano intenzionalisti. Credevano che la guerra fosse stata iniziata da leader e governi specifici, che agivano con intenti deliberati e ostili. Alcune delle loro opinioni erano colorate dalle stesse tensioni paranoiche e nazionaliste che contribuirono allo scoppio della guerra.

Come i responsabili del trattato di Versailles, molti storici ritenevano i leader tedeschi principalmente o interamente responsabili dell'inizio della guerra. Il Kaiser Guglielmo II fu accusato di spingere il governo austro-ungarico ad attaccare la Serbia. Il militarismo tedesco fu condannato per aver alimentato la corsa agli armamenti prebellica. Il nazionalismo tedesco è stato accusato di avvelenare le relazioni estere e la diplomazia. 

Uno dei primi resoconti accademici ad affermare queste opinioni fu Origini immediate della guerra, pubblicato dallo storico francese Pierre Renouvin nel 1925.

Lo studio di Renouvin non fu affatto preso dal panico o isterico. Fu un esame ben studiato e sistematico del militarismo, del sistema di alleanze e del fallimento della diplomazia nel 1914. Tuttavia, riteneva la Germania quasi interamente responsabile dello scoppio della guerra.

Prospettive tedesche

Allo stesso tempo, gli storici tedeschi cercarono di contrastare l'argomento secondo cui il loro paese era totalmente o addirittura principalmente responsabile dello scoppio della guerra.

Nel 1919, il governo della Repubblica di Weimar istituì un ramo specializzato del ministero degli Esteri, la "Sezione per colpa di guerra" (Kriegsschuldreferat), per esaminare a fondo archivi e documenti diplomatici. Il Kriegsschuldreferat's missione era dimostrare che la guerra aveva cause al di fuori delle decisioni tedesche e al di fuori del controllo tedesco.  

Questo era, ovviamente, motivato politicamente. Berlino sperava di minare o invalidare l'articolo 231 del Trattato di Versailles (la cosiddetta "clausola di colpevolezza di guerra") al fine di forzare una rinegoziazione del debito riparatore della Germania.

I Kriegsschuldreferat certamente impegnato nella ricerca storica, sebbene i suoi motivi fossero guidati dalla propaganda. Kriegsschuldreferat gli agenti furono incaricati di sopprimere o escludere fonti che denunciavano la belligeranza tedesca e di evidenziare fonti che suggerivano cause di guerra non tedesche.

Harry Elmer Barnes

storiografia
Harry Elmer Barnes

Uno controverso Kriegsschuldreferat progetto è stato il finanziamento della ricerca di Harry Elmer Barnes. Uno storico americano, Barnes era inizialmente anti-tedesco, ma in seguito cambiò posizione per argomentare contro il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra.

Nel suo controverso libro del 1926, La genesi della guerra mondialeBarnes ha definito la Francia e la Russia le due nazioni più responsabili del cataclisma del 1914. Al contrario, ha minimizzato il coinvolgimento degli altri protagonisti. L'Austria-Ungheria, sosteneva Barnes, aveva agito solo per preservare il suo impero mentre la Germania aveva solo un ruolo di supporto. Se il Kaiser ei suoi generali volevano davvero una guerra, sosteneva Barnes, avevano numerose opportunità di iniziarne una prima della metà del 1914.

Il resoconto di Barnes sulla guerra provocò un putiferio. Fu ampiamente condannato come revisionista storico e propagandista tedesco. Un altro Kriegsschuldreferat-Lo storico sponsorizzato, Hermann Lutz, si è concentrato sulle azioni della Gran Bretagna. Il libro di Lutz del 1927, Lord Gray e la guerra mondiale, si è soffermato sul ministro degli esteri britannico Sir Edward Gray, suggerendo che le intriganti e le interferenze di Grey nel 1914 fossero una provocazione significativa per la guerra.

L'ascesa degli strutturalisti

Dalla fine degli anni '1920, quando la rabbia di guerra si raffreddò, gli storici iniziarono ad allontanarsi da posizioni estreme e puntare il dito. Gli storici intenzionalisti cominciarono a far posto agli storici strutturalisti. Questo gruppo ha sostenuto che la guerra non è stata iniziata da singoli leader o politici, ma da una complessa rete di militarismo, alleanze, nazionalismo e altri fattori. 

Nel 1928 lo storico americano Sidney Fay pubblicò Le origini della guerra mondiale dopo aver trascorso diversi anni a esaminare archivi e documenti del governo europeo.

Fay sosteneva che mentre le potenze centrali erano, a conti fatti, più responsabili della guerra, la Germania non doveva essere gravata da tutte le colpe. Il ruolo del Kaiser nella crisi di luglio era stato drasticamente sopravvalutato, sosteneva Fay. Sono stati i governi di Austria-Ungheria, Russia e Serbia i principali responsabili di compiere i passi finali verso la guerra.

La prospettiva più equilibrata di Fay ha deliziato il Kriegsschuldreferat, che ha pubblicato un'edizione in lingua tedesca. Ha anche distribuito copie gratuite delle ambasciate tedesche.

Resoconti biografici

Mentre gli storici nella Repubblica di Weimar hanno lavorato per cancellare il nome della Germania, altri hanno scelto la propria strada.

Una buona parte degli scritti sulla guerra negli anni '1920 era "autobiografia mascherata da storia". Winston Churchill's La crisi mondiale (pubblicato tra 1923 e 1931) divenne uno dei racconti più popolari della guerra, vendendo quasi copie di 100,000. La crisi mondiale era una narrativa ampia che si concentrava da vicino sugli sviluppi militari e navali e dava gran parte della colpa della guerra al militarismo tedesco.

Un altro conto personale degno di nota era quello di David Lloyd George Memorie di guerra (1933).

Come ci si potrebbe aspettare dalle figure politiche, gli scritti di Churchill e Lloyd George contenevano una forte misura di auto-giustificazione della propria leadership e delle proprie azioni. Churchill era particolarmente difensivo sulla fallita campagna dei Dardanelli del 1915, di cui era un architetto. Questa invasione fallì, secondo Churchill, a causa di cattive informazioni ed esecuzione piuttosto che di scarsa pianificazione strategica.

Il consenso tra le due guerre

Con il progredire del periodo tra le due guerre, la storiografia delle cause della guerra si stabilì in una sorta di consenso.

La maggior parte degli storici ha accettato che tutti i principali governi europei abbiano contribuito allo scoppio della guerra, direttamente o indirettamente. Hanno continuato a evidenziare gli impatti negativi del nazionalismo e del militarismo tedeschi, ma molti storici hanno rivolto la loro attenzione ad aree di studio più specializzate, come la strategia militare, l'impatto sociale della guerra o gli eventi nella propria nazione.

In Germania, l'ascesa di Adolf Hitler e dei nazionalsocialisti (nazisti) ha avuto scarso impatto sulla storiografia della guerra. I nazisti credevano che la Germania nel 1914 non avesse alcun desiderio di guerra, ma vi fu spinta dall'ostilità britannica, francese e russa. Né i nazisti né gli storici simpatizzanti nei loro confronti hanno mostrato alcun interesse a spiegare il passato, tuttavia, erano molto più interessati al futuro.

La tesi di Fischer

storiografia prima guerra mondiale
Fritz Fischer

Gli anni '1960 hanno prodotto una nuova tesi stimolante dello storico tedesco Fritz Fischer. Un ex nazista che rinunciò alla sua appartenenza al partito durante la seconda guerra mondiale, Fischer divenne un eminente accademico e storico. Trascorse diversi anni esaminando l'intero archivio del governo Wilhelmine, il primo storico a farlo.

Fischer ha attinto a questa ricerca per pubblicare due libri: Obiettivi della Germania nella prima guerra mondiale, (1961) e War of Illusions (1969). In entrambi i testi, ha dichiarato che la Germania era l'unica responsabile dello scoppio della prima guerra mondiale.

Le élite tedesche avevano a lungo assaporato una "presa del potere mondiale", sosteneva Fischer, e il loro espansionismo aggressivo poteva essere fatto risalire agli anni 1890. Desideravano ardentemente una guerra con la Russia in particolare, dove la vittoria avrebbe guadagnato loro grandi guadagni territoriali nell'est e il dominio tedesco sull'Europa continentale.

La tesi di Fischer, essenzialmente una rivendicazione storica della famigerata "clausola di colpevolezza di guerra", fu un'aggiunta controversa alla storiografia della prima guerra mondiale - ma fu studiatamente supportata da prove documentali. Una fonte significativa individuata da Fischer era un insieme di verbali, redatti in una riunione nel dicembre 1912. In questa riunione, i generali tedeschi sollecitarono una dichiarazione di guerra prima dell'autunno del 1914, per non perdere il loro vantaggio strategico sulle altre grandi potenze.

Prospettive marxiste

Lo storico britannico di sinistra Eric Hobsbawm

Anche popolari negli anni '1960 erano i resoconti marxisti delle cause della guerra. Come ci si potrebbe aspettare, i marxisti attribuirono la guerra non a individui, governi o nazioni, ma alle classi possidenti e ai loro interessi di classe. 

Queste interpretazioni risalgono alla guerra stessa. Il rivoluzionario russo Vladimir Lenin ha scritto in modo prolifico sulla guerra, suggerendo che era sia inevitabile che prevedibile.

Dal punto di vista di Lenin, la crescita industriale e la rivalità imperiale avevano spinto le grandi potenze europee in competizione per territori e risorse limitati. Ha affermato che gli alleati bramavano la guerra con la Germania per "rovinare una nazione in competizione che ha mostrato un tasso di sviluppo economico più rapido".

Nel mezzo di questa rivalità economica c'erano le classi lavoratrici europee. Lenin li ha invitati a "trasformare la guerra imperialista in una guerra civile"; per smetterla di combattersi e puntare le armi contro reali, generali, aristocratici e capitalisti.

Successivamente storici marxisti, come Eric Hobsbawm, elaborarono le cause economiche della guerra. Secondo Hobsbawm, la rapida industrializzazione della fine del 1800 ha aumentato i consumi e gli standard di vita, ma ha anche aumentato la domanda, la concorrenza e l'insicurezza.

Il punto di vista di uno storico:
“Rilevare la storiografia della prima guerra mondiale non è un compito facile. Raramente è stato scritto così tanto su qualsiasi argomento storico. Raramente gli atteggiamenti e le convinzioni riguardo alla causa di un evento sono cambiati così rapidamente o continuamente come con quella guerra. Non è passato quasi un decennio che non abbia assistito a un cambiamento significativo nell'interpretazione dominante. C'erano molti motivi di disaccordo sin dall'inizio, naturalmente ... In un senso molto reale, tutte le interpretazioni che gli storici hanno offerto dopo la guerra furono prefigurate dalle spiegazioni sviluppate dai partecipanti in quel momento. "
Spencer C. Olin, storico

Titolo: "La storiografia della prima guerra mondiale"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/worldwar1/world-war-i-historiography/
Data di pubblicazione: 28 settembre 2017
Data di accesso: 17 settembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.