Il fronte occidentale

fronte occidentale
Alcuni dei milioni di soldati di trincea che hanno combattuto sul fronte occidentale

Il fronte occidentale era una linea del fronte serpeggiante di 700 chilometri, che andava dalla costa del Mare del Nord al confine svizzero e attraversava (in tempi diversi) il Belgio, la Francia nord-orientale e la Germania meridionale. Fu il teatro principale dei combattimenti nella prima guerra mondiale e fu teatro di numerose battaglie importanti, tra cui la Somme, Verdun e Passchendaele.

Sebbene il bilancio delle vittime delle battaglie sul fronte occidentale non sarà mai conosciuto con precisione, almeno quattro milioni di uomini sono stati uccisi lì. Nonostante i frequenti e intensi tentativi di rompere la linea o respingere il nemico, il fronte occidentale rimase relativamente statico fino al 1918.

Il frontale prende forma

Il fronte occidentale iniziò a prendere forma nell'autunno del 1914 dopo che l'avanzata tedesca nel nord della Francia fu interrotta nella battaglia della Marna. I tedeschi si ritirarono quindi sul fiume Aisne, dove scavarono una rete di trincee per consolidare e mantenere la loro posizione.

Credendo che i tedeschi stessero aspettando rinforzi e preparando un ulteriore assalto in territorio francese, gli Alleati ricambiarono iniziando la costruzione del proprio sistema di trincee.

Nelle prossime settimane, entrambe le parti estesero i loro sistemi di trincee più a nord. Hanno tentato di aggirarsi l'un l'altro raggiungendo prima la costa del Mare del Nord. Il loro obiettivo era impedire un'avanzata nemica, mettere in sicurezza le linee di rifornimento e prendere il controllo dei porti chiave e delle aree industriali francesi.

Ypres

fronte occidentale
Una mappa del fronte occidentale, che mostra la posizione di alcune battaglie significative

Se la battaglia della Marna diede origine al fronte occidentale, la prima battaglia di Ypres (novembre 1914) fu la prima vera prova del fronte e della sua stabilità difensiva.

Per ordine personale del Kaiser, i generali tedeschi lanciarono un massiccio assalto alla linea alleata, usando le divisioni della loro fanteria e cavalleria più esperte. L'attacco è stato respinto al costo di oltre 40,000 uomini.

Alla fine del 1914, la linea di trincea del fronte occidentale era cresciuta fino a più di due terzi della sua lunghezza finale.

La linea impermeabile

Dopo Ypres, divenne chiaro che il fronte occidentale non sarebbe stato violato o respinto senza uno sforzo considerevole. I comandanti di entrambe le parti iniziarono a sviluppare grandi piani per rompere la linea o per superare la manovra e aggirare il nemico.

Con il passare delle settimane e l'inizio del 1915, l'afflusso di arruolamenti in patria ha permesso a centinaia di migliaia di rinforzi di essere pompati nell'area. All'inizio del 1915, molte parti del fronte occidentale erano piene di soldati su entrambi i lati della "terra di nessuno". Questo peso di numeri ha contribuito all'impenetrabilità del fronte e allo stallo che si è sviluppato fino al 1915.

Strategia tedesca

Anche le prime sconfitte della Germania nel nord della Francia hanno modellato il suo approccio tattico. Determinati a mantenere la loro posizione nel nord della Francia, gli strateghi militari tedeschi abbracciarono posizioni difensive. La vittoria, credevano, sarebbe stata guadagnata dalla parte che avrebbe potuto resistere meglio agli assalti e perdere meno uomini.

Di conseguenza, i pianificatori militari tedeschi abbandonarono il Piano Schlieffen e adottarono una strategia di attrito, con l'obiettivo di infliggere morte e ferite al maggior numero possibile di uomini alleati. (Il capo di stato maggiore tedesco, Erich von Falkenhayn, dichiarò notoriamente che il suo obiettivo era quello di "sanguinare la Francia bianca").

La conseguenza di ciò fu che la Germania lanciò un minor numero di assalti importanti nel 1915. Si affidarono invece ad armi come artiglieria e gas velenosi per indebolire e debilitare il personale alleato.

Strategia alleata

I generali alleati, al contrario, volevano espellere i soldati tedeschi dal nord della Francia e dal Belgio. Per questo motivo, sono più impegnati nelle offensive sul campo di battaglia e nei tentativi di penetrare il fronte.

Le truppe alleate cercarono di penetrare la linea tedesca a Champagne e Loos durante l'autunno del 1915. Contro le posizioni fortificate con artiglieria e mitragliatrici, ciò si rivelò quasi impossibile.

Verdun

Falkenhayn cambiò tattica all'inizio del 1916, sperando di attirare l'esercito francese in una gigantesca battaglia dalla quale non poteva ritirarsi o ritirarsi. Il suo obiettivo era quello di infliggere il massimo delle vittime ai francesi e di indebolire questo morale.

Per questa resa dei conti, il comandante tedesco ha scelto Verdun, una piccola città vicino a una sezione fortemente fortificata del confine franco-tedesco. La battaglia di Verdun, iniziata nel febbraio 1916, è stata la più lunga e la seconda battaglia più mortale della prima guerra mondiale, causando tra 750,000 e 1,000,000 di vite. Si è conclusa senza vincitori decisivi o risultati strategici.

La Somme

Ancora più mortale fu la battaglia della Somme (da luglio a novembre 1916). Con molti comandanti francesi occupati a Verdun, l'assalto della Somme fu pianificato e guidato dagli inglesi, in particolare dal generale Sir Douglas Haigh.

Questa campagna doveva essere parte di una simultanea offensiva a tre vie, con i russi che attaccavano dal fronte orientale e gli italiani da sud. Ma la scelta del luogo, il fiume Somme, è stata problematica. I tedeschi erano protetti da un sistema completo di trincee e bunker, insieme a difese in posizione elevata.

L'assalto della Somme è iniziato con uno sbarramento di artiglieria che è durato sette giorni e ha utilizzato più di un milione di proiettili. Questo assalto non spazzò via né respinse i tedeschi, che si misero a sedere in profondi bunker. Inoltre, non è riuscito a distruggere le masse di filo spinato sparse davanti alle trincee tedesche.

Alle 7.30 del mattino del 1 ° luglio, più di 120,000 soldati britannici balzarono dalle loro trincee e avanzarono sulla linea tedesca. Si aspettavano di trovare trincee obliterate e tedeschi morti, ma furono invece accolti da mitragliatrici, proiettili di artiglieria, mortai e granate.

Nel prossimo massacro, più di 50,000 soldati furono uccisi in un solo periodo di 24 ore. È stato il singolo giorno più mortale nella storia militare britannica.

Il punto di vista di uno storico:
“Alla fine del 1914, i combattimenti sul fronte occidentale erano costati alla Germania 667,000 vittime, ai francesi 995,000, agli inglesi 96,000 e ai belgi 50,000. Il vecchio esercito britannico professionale aveva praticamente cessato di esistere ... Gli alleati, che ora stavano organizzando la maggior parte degli attacchi, adottarono una strategia di attrito, ciò che il generale Sir Douglas Haig chiamava "logorare" il nemico, e Joffre si riferiva a "rosicchiare" '. Questa strategia, perseguita da massicci assalti frontali, ha provocato centinaia di migliaia di vittime. Il fronte occidentale divenne un grande ossario ".
Priscilla M.Roberts

fronte occidentale

1. Il fronte occidentale era il teatro principale della prima guerra mondiale, una linea di 700-chilometro dalla Svizzera al Mare del Nord.

2. Prese forma alla fine di 1914, quando i combattimenti nel nord della Francia si fermarono e entrambe le parti tentarono di sorpassare l'altra.

3. Col tempo, il fronte occidentale divenne una lunga fila di trincee, fortificazioni e difese che attraversavano l'Europa occidentale.

4. La maggior parte delle principali battaglie della guerra - e quindi la maggior parte delle sue vittime - furono combattute lungo il fronte occidentale.

5. Attraversare il fronte occidentale era un obiettivo critico dei pianificatori militari di entrambe le parti. Queste offensive erano spesso eccessivamente ambiziose, mal progettate e sprecate di uomini e risorse.

Titolo: "Il fronte occidentale"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/worldwar1/western-front/
Data di pubblicazione: 25 Agosto 2017
Data di accesso: 30 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.