Lloyd George sugli obiettivi di guerra britannici (1918)

Parlando nel gennaio 1918, il primo ministro David Lloyd George ha riassunto gli obiettivi della guerra britannica e le condizioni richieste prima che Londra accettasse la pace:

Potremmo iniziare eliminando alcuni fraintendimenti e affermando ciò per cui non stiamo combattendo. Non stiamo combattendo una guerra di aggressione contro il popolo tedesco. I loro leader li hanno convinti che stanno combattendo una guerra di autodifesa contro una lega di nazioni rivali intenzionate alla distruzione della Germania. Non è così. La distruzione o l'interruzione della Germania o del popolo tedesco non è mai stata un obiettivo di guerra con noi, dal primo giorno di questa guerra ai giorni nostri.

Più riluttanti, e in effetti piuttosto impreparati per la terribile prova, siamo stati costretti a unirci a questa guerra per autodifesa. In difesa della violazione del diritto pubblico europeo e in difesa dell'obbligo del trattato più solenne su cui poggiava il sistema pubblico europeo e su cui la Germania aveva calpestato spietatamente nella sua invasione del Belgio, abbiamo dovuto unirci alla lotta o alla posizione a parte e vedere l'Europa andare sotto controllo e la forza bruta trionfa sul diritto pubblico e sulla giustizia internazionale. Fu solo la realizzazione di quella terribile alternativa che costrinse il popolo britannico alla guerra.

E da quell'atteggiamento originale, non hanno mai deviato. Non hanno mai mirato alla disgregazione dei popoli tedeschi o alla disintegrazione del loro stato o paese. La Germania ha occupato una grande posizione nel mondo. Non è nostro desiderio o intenzione mettere in discussione o distruggere quella posizione per il futuro, ma piuttosto allontanarla da speranze e schemi di dominio militare, e vederla dedicare tutta la sua forza ai grandi compiti benefici del mondo. Né stiamo combattendo per distruggere l'Austria-Ungheria o per privare la Turchia della sua capitale, o delle terre ricche e rinomate dell'Asia Minore e della Tracia, che sono prevalentemente turche in gara.

Né siamo entrati in questa guerra semplicemente per alterare o distruggere la costituzione imperiale della Germania, così come consideriamo quella costituzione militare e autocratica un pericoloso anacronismo nel ventesimo secolo. Il nostro punto di vista è che l'adozione di una costituzione veramente democratica da parte della Germania sarebbe la prova più convincente che in lei il vecchio spirito di dominio militare era effettivamente morto in questa guerra, e ci renderebbe molto più facile concludere un ampio dibattito democratico. pace con lei. Ma, dopotutto, questa è una domanda che spetta al popolo tedesco decidere ...

Il primo requisito [per la pace] avanzato dal governo britannico e dai loro alleati è stato il completo ripristino, politico, territoriale ed economico, dell'indipendenza del Belgio e la riparazione che può essere fatta per la devastazione delle sue città e province. Questa non è una richiesta di indennità di guerra, come quella imposta alla Francia dalla Germania in 1871. Non è un tentativo di spostare il costo di operazioni bellicose da un belligerante all'altro, che possono o meno essere difendibili. Non è altro che un'insistenza che, prima che ci possa essere qualche speranza per una pace stabile, questa grande violazione del diritto pubblico europeo deve essere ripudiata e, per quanto possibile, riparata. Riparazione significa riconoscimento. A meno che il diritto internazionale non venga riconosciuto dall'insistenza sul pagamento di un infortunio fatto in violazione dei suoi canoni, non può mai essere una realtà.

Segue il restauro di Serbia, Montenegro e delle parti occupate di Francia, Italia e Romania. Il completo ritiro degli eserciti alieni e la riparazione per l'ingiustizia fatta è una condizione fondamentale della pace permanente.

Intendiamo sostenere la democrazia francese fino alla morte nella richiesta che fanno per un riesame del grande torto del 1871, quando, senza alcun riguardo per i desideri della popolazione, due province francesi furono strappate dal lato della Francia e incorporate nell'impero tedesco. Questa piaga ha avvelenato la pace dell'Europa per mezzo secolo e, finché non sarà guarita, le condizioni di salute non saranno ripristinate. Non può esserci migliore illustrazione della follia e della malvagità dell'usare un successo militare transitorio per violare il diritto nazionale ...

La democrazia di questo paese significa resistere fino all'ultimo alle democrazie di Francia e Italia e tutti gli altri nostri alleati. Saremo orgogliosi di lottare fino alla fine fianco a fianco con la nuova democrazia della Russia, così come l'America e così anche la Francia e l'Italia. Ma se gli attuali governanti della Russia agiscono in modo indipendente dai loro alleati, non abbiamo alcun mezzo per intervenire per arrestare la catastrofe che sta sicuramente accadendo al loro paese. La Russia può essere salvata solo dal suo stesso popolo.

Riteniamo, tuttavia, che una Polonia indipendente comprendente tutti quegli elementi autenticamente polacchi che desiderano farne parte, è una necessità urgente per la stabilità dell'Europa occidentale.

Allo stesso modo, sebbene siamo d'accordo con il presidente Wilson sul fatto che la disgregazione dell'Austria-Ungheria non fa parte dei nostri obiettivi di guerra, riteniamo che a meno che non venga concesso un autentico autogoverno su veri principi democratici a quelle nazionalità austro-ungariche che lo desiderano da tempo , è impossibile sperare nella rimozione di quelle cause di disordini in quella parte d'Europa che hanno così a lungo minacciato la sua pace generale ...

Infine, ci deve essere riparazione per le lesioni commesse in violazione del diritto internazionale. La Conferenza di Pace non deve dimenticare i nostri marinai, i servizi a cui hanno prestato e gli oltraggi che hanno subito per la causa comune della libertà… A queste condizioni l'Impero britannico sarebbe favorevole alla pace; per garantire queste condizioni i suoi popoli sono pronti a fare sacrifici ancora più grandi di quelli che hanno subito.