Il militarismo come causa della prima guerra mondiale

militarismo
Un poster britannico raffigurante il "pazzo bruto" del militarismo tedesco

Il militarismo è una filosofia o un sistema che attribuisce un’importanza eccessiva al potere militare. Alfred Vagts, uno storico tedesco che prestò servizio nella prima guerra mondiale, definì il militarismo come “il dominio del militare sul civile, un’indebita preponderanza delle richieste militari, un’enfasi su considerazioni militari”. Le grandi potenze europee furono, a vari livelli, colpite dal militarismo nei decenni precedenti al 1914. Questo fu un fattore che contribuì allo scoppio della prima guerra mondiale.

Contributo alla guerra

Il militarismo fu una forza significativa in Europa nel 1800 e all’inizio del 1900. Molti governi europei sono stati fortemente influenzati, se non dominati, dai leader, dagli interessi e dalle priorità militari. Generali e ammiragli a volte agivano come de facto ministri del governo, consigliando i leader politici, influenzando la politica interna e chiedendo aumenti nella difesa e nella spesa per gli armamenti.

Questo crescente militarismo ha generato un figlio pericoloso, una corsa agli armamenti, che ha dato origine a nuove tecnologie militari e ad un aumento della spesa per la difesa. Il militarismo non ha influenzato solo la politica: ha anche plasmato la cultura, i media e l’opinione pubblica. La stampa considerava i leader militari eroi, dipingeva le nazioni rivali come aggressive e regolarmente impegnate in "discorsi di guerra".

Il militarismo da solo non diede inizio alla Prima Guerra Mondiale – che all’inizio richiese un punto critico e una crisi politica – ma creò un ambiente in cui la guerra, piuttosto che la negoziazione o la diplomazia, era considerata il modo migliore per affrontare i rivali stranieri e risolvere le controversie internazionali.

Collegamenti con il nazionalismo e l'imperialismo

Militarismo, nazionalismo e imperialismo erano tutti intrinsecamente connessi. Nel XIX e all'inizio del XX secolo, il potere militare era considerato una misura della forza nazionale e imperiale. Uno stato potente aveva bisogno di un esercito potente per proteggere i propri interessi e sostenere le proprie politiche. Erano necessari eserciti e flotte forti per difendere la patria, proteggere gli interessi imperiali e commerciali all’estero e scoraggiare minacce e rivali.

La guerra veniva evitata ove possibile, ma poteva anche essere utilizzata per promuovere gli interessi politici o economici di una nazione. Come scrisse nel 1832 il famoso teorico prussiano Carl von Clausewitz, la guerra era “una continuazione della politica con altri mezzi”.

Nella mentalità europea del XIX secolo, la politica e il potere militare divennero inseparabili, più o meno allo stesso modo in cui la politica e la gestione economica sono diventate inseparabili nel mondo moderno. I governi e i leader che non riuscirono a mantenere eserciti e flotte capaci di far rispettare la volontà nazionale furono considerati deboli o incompetenti.

"La fede nella guerra come prova del potere nazionale e come prova della superiorità nazionale ha aggiunto una base scientifica al culto del patriottismo ... In Gran Bretagna, è stato fatto un vero sforzo per insegnare ai ragazzi che il successo in guerra dipendeva dal patriottismo e dallo spirito militare di la nazione, e quella preparazione alla guerra rafforzerebbe la "virtù virile" e l '"ardore patriottico". "
Zara Steiner, storica

Militarismo prussiano

Il Regno di Prussia, nel nord della Germania, è considerato la fonte del militarismo europeo. Il governo e le forze armate tedesche erano entrambi basati sul modello prussiano e molti politici e generali tedeschi lo erano Junkers (nobili prussiani proprietari di terre).

Prima dell'unificazione della Germania nel 1871, la Prussia era il più potente degli stati tedeschi. L'esercito prussiano fu riformato e modernizzato nel 1850 dal feldmaresciallo von Moltke il Vecchio. Sotto la guida di von Moltke l'esercito prussiano implementò nuove strategie, migliorò l'addestramento dei suoi ufficiali, introdusse armi avanzate e adottò mezzi di comando e comunicazione più efficienti.

La schiacciante sconfitta militare della Francia da parte della Prussia nel 1871 rivelò che il suo esercito era la forza militare più pericolosa ed efficace d'Europa. Questa vittoria assicurò anche l'unificazione tedesca, consentendo al militarismo prussiano e al nazionalismo tedesco di intrecciarsi strettamente. I comandanti, il personale e la metodologia prussiani divennero il nucleo del nuovo esercito imperiale tedesco. Il Kaiser tedesco ne era il comandante supremo ma faceva affidamento su un consiglio militare e capo di stato maggiore, composto da Junker aristocratici e ufficiali di carriera. Quando si trattava di questioni militari, il Reichstag (Il parlamento civile eletto in Germania) non aveva altro che un ruolo consultivo.

Cambiare atteggiamento in Gran Bretagna

militarismo
Socialisti come il tedesco Karl Liebknecht si opposero al militarismo in quanto idea regressiva

Altrove in Europa il militarismo fu meno evidente e intenso, ma rimase un’importante forza politica e culturale. Il militarismo britannico, sebbene più moderato rispetto a quello tedesco, era considerato essenziale per il mantenimento degli interessi imperiali e commerciali della nazione. La Royal Navy, di gran lunga la più grande forza navale del mondo, proteggeva la navigazione marittima, le rotte commerciali e i porti coloniali. Le forze di terra britanniche mantenevano l’ordine e imponevano politiche imperiali in India, Africa, Asia e nel Pacifico.

L'atteggiamento britannico nei confronti dell'esercito subì una netta trasformazione nel corso del 19° secolo. Nel secolo precedente, i britannici consideravano gli eserciti e le flotte un male necessario. I loro ranghi erano pieni della feccia delle classi inferiori, mentre la maggior parte dei loro ufficiali erano aristocratici falliti e fannulloni. Nel corso del 19° secolo, le rappresentazioni del servizio militare iniziarono a cambiare.

Il servizio militare veniva sempre più descritto come una nobile vocazione, un atto altruistico di servizio al proprio paese. Come in Germania, i soldati britannici furono glorificati e romanticizzati, sia nella stampa che nella cultura popolare. Sia che prestassero servizio in Crimea o nelle lontane colonie, gli ufficiali britannici erano acclamati come gentiluomini e ottimi leader, mentre gli uomini di leva erano ben addestrati, risoluti e pronti a compiere il sacrificio estremo "per il re e la patria".

Il concetto di soldati come eroi fu sintetizzato dalla poesia di Tennyson del 1854 La carica della brigata leggera e si riflette in romanzi scadenti e audaci sulle guerre, sia reali che immaginarie.

Evoluzione della corsa agli armamenti

Le vittorie militari, sia nelle guerre coloniali che nei grandi conflitti come la guerra di Crimea (1853-56) o la guerra franco-prussiana (1870-71), non fecero altro che aumentare il prestigio dei militari e intensificare il nazionalismo. Al contrario, una sconfitta militare (come quella della Russia contro il Giappone nel 1905) o anche una vittoria costosa (come la Gran Bretagna nella guerra boera, 1899-1902) potrebbero mettere in luce problemi e aumentare le richieste di riforme militari o di aumento della spesa.

Praticamente tutte le principali nazioni europee si impegnarono in qualche forma di rinnovamento militare tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900. In Germania, l'espansione e la modernizzazione militare furono appoggiate calorosamente dal neo incoronato Kaiser Guglielmo II, che voleva mantenere il “posto al sole” del suo paese.

In Gran Bretagna la corsa agli armamenti non fu guidata dalla monarchia ma dall’interesse pubblico e dalla stampa. Nel 1884 l'eminente giornalista WT Stead pubblicò una serie di articoli in cui suggeriva che la Gran Bretagna era impreparata alla guerra, in particolare per quanto riguarda le sue difese navali. Gruppi di pressione come la British Navy League (fondata nel 1894) si agitarono per ottenere più navi e personale. All'inizio del 1900, la Lega della Marina e la stampa chiedevano al governo di commissionare più Dreadnought (corazzate). Uno slogan popolare dell'epoca specificava addirittura un numero: "Ne vogliamo otto e non aspetteremo!"

Boom delle spese militari

Di conseguenza, la spesa militare europea tra il 1900 e il 1914 salì alle stelle. Nel 1870, la spesa militare complessiva delle sei grandi potenze (Gran Bretagna, Francia, Germania, Austria-Ungheria, Russia e Italia) ammontava a 94 milioni di sterline. Nel 1914 era quadruplicato arrivando a 398 milioni di sterline. La spesa per la difesa tedesca durante questo periodo aumentò di un massiccio 73%, facendo impallidire gli aumenti in Francia (10%) e Gran Bretagna (13%).

Anche la spesa per la difesa russa durante questo periodo è cresciuta di oltre un terzo. L'imbarazzante sconfitta della Russia da parte dei giapponesi nel 1905 spinse lo zar a ordinare un massiccio programma di riarmo. Negli anni ’1910, circa il 45% della spesa pubblica russa era destinata alle forze armate, rispetto ad appena il XNUMX% destinato all’istruzione.

Tutte le principali potenze europee, esclusa la Gran Bretagna, introdussero o aumentarono la coscrizione per espandere i propri eserciti. La Germania aggiunse 170,000 soldati a tempo pieno al suo esercito nel 1913-14, aumentando significativamente anche le dimensioni della sua marina. Nel 1898 il governo tedesco ordinò la costruzione di 17 nuove navi. Berlino fu anche pioniere nella costruzione di sottomarini militari e nel 1914 la marina tedesca aveva 29 sottomarini operativi.

Questa rapida crescita della potenza navale tedesca scatenò una frenesia nella stampa e un certo allarme in Gran Bretagna. Londra rispose all'espansione navale tedesca commissionando 29 nuove navi per la Royal Navy.

La tabella seguente elenca le spese di difesa e militari stimate in sette grandi nazioni tra 1908 e 1913 (cifre mostrate in dollari statunitensi):

Nazione 1908 1909 1910 1911 1912 1913
e in Gran Bretagna $ 286.7m $ 306.2m $ 330.4m $ 345.1m $ 349.9m $ 374.2m
Germania $ 286.7m $ 306.8m $ 301.5m $ 303.9m $ 331.5m $ 463.6m
Francia $ 216m $ 236.4m $ 248m $ 277.9m $ 307.8m $ 363.8m
Russia $ 291.6m $ 315.5m $ 324m $ 334.5m $ 387m $ 435m
Italia $ 87.5m $ 115.8m $ 124.9m $ 133.7m $ 158.4m $ 142.2m
Stati Uniti $ 189.5m $ 199m $ 197m $ 197m $ 227m $ 244.6m
Giappone $ 93.7m $ 95.7m $ 100.2m $ 110.7m $ 107.7m $ 104.6m
Fonte: Jacobson's World Armament Expenditure, 1935

Progressi tecnologici

Questo periodo vide cambiamenti significativi nella qualità delle armi e delle attrezzature militari, nonché nella loro quantità. Dopo aver studiato le lezioni della guerra di Crimea e di altri conflitti del XIX secolo, ingegneri, industriali e inventori svilupparono centinaia di miglioramenti alle armi militari e le brevettarono in fretta.

Forse i miglioramenti più significativi furono apportati al calibro, alla portata, alla precisione e alla trasportabilità dell’artiglieria pesante. Durante la guerra civile americana (1861-65) l'artiglieria pesante poteva sparare al massimo fino a 2,500 metri. All’inizio del 1900, questa gamma era quasi triplicata. Anche lo sviluppo dei proiettili esplosivi fu significativo, conferendo a un singolo proiettile di artiglieria un potere letale maggiore ovunque atterrasse. Questi progressi hanno permesso ai bombardamenti e ai bombardamenti di artiglieria di diventare la forma di arma più mortale utilizzata nella prima guerra mondiale.

Sviluppate per la prima volta nel 1881, le mitragliatrici divennero anche più piccole, leggere, più precise, più affidabili e molto più veloci, alcune in grado di sparare fino a 600 colpi al minuto. Anche le armi leggere sono migliorate in modo significativo. La portata effettiva di un fucile nel 1860 era di circa 400 metri. Al contrario, il modello britannico Lee-Enfield .303 poteva colpire un bersaglio a più di 2,000 metri di distanza. Il filo spinato, un'invenzione del 1860, fu adottato anche dagli strateghi militari come dispositivo antiuomo.

Sebbene gli storici siano giunti a conclusioni diverse sulle cause della corsa agli armamenti, non c’è dubbio che lo sviluppo di nuovi armamenti abbia cambiato il volto della guerra moderna. Sir Edward Grey, riflettendo sul suo servizio come ministro degli esteri britannico nel luglio 1914, lo disse così:

“Una grande guerra europea in condizioni moderne sarebbe una catastrofe per la quale le guerre precedenti non hanno dato precedenti. Ai vecchi tempi, le nazioni potevano raccogliere solo una parte dei loro uomini e delle loro risorse alla volta e disperderle gradualmente. Nelle condizioni moderne, intere nazioni potrebbero essere mobilitate in una sola volta e tutta la loro linfa vitale e le loro risorse potrebbero essere riversate a fiumi. Invece di poche centinaia di migliaia di uomini che si incontrano in guerra, ora si incontrerebbero milioni – e le armi moderne moltiplicherebbero il potere di distruzione. La tensione finanziaria e il dispendio di ricchezza sarebbero incredibili”.

militarismo

1. Il militarismo è l’incorporazione di personale e idee militari nel governo civile – e la convinzione che il potere militare sia essenziale per la forza nazionale.

2. Il militarismo era più forte in Germania, dove il Kaiser faceva molto affidamento sui suoi comandanti militari e sul parlamento civile (Reichstag) esercitava poco o nessun controllo sui militari.

3. I militaristi furono anche guidati da esperienze e fallimenti nelle guerre precedenti, come la guerra di Crimea, la guerra boera e la guerra russo-giapponese.

4. Il militarismo, combinato con nuove armi, tecnologie emergenti e sviluppi nella produzione industriale, ha alimentato una corsa agli armamenti europea alla fine degli 1800 e dei primi 1900.

5. Influenzati dal nazionalismo e dai consigli dei comandanti militari, i governi europei hanno aumentato le spese militari, acquistando nuove armi e aumentando le dimensioni degli eserciti e delle marine.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il militarismo come causa della prima guerra mondiale"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson ed Jim Southey
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/worldwar1/militarism/
Data di pubblicazione: 14 settembre 2018
Data di aggiornamento: 15 Novembre 2023
Data di accesso: 28 Febbraio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.