Zhang Xueliang

Zhang Xueliang

Zhang Xueliang (1901-2001, Wade-Giles: Chang Hsu-Liang) era un capo militare e signore della guerra della Cina settentrionale, meglio conosciuto per il suo coinvolgimento nell'incidente di Xi'an del 1936.

Zhang è nato nella provincia di Fengtian. Suo padre era Zhang Zuolin, un bandito diventato signore della guerra che governò efficacemente la Manciuria durante gli ultimi 1910 e i primi 1920.

Il giovane Zhang ha ricevuto un'istruzione militare, sia in Cina che in Giappone, prima di diventare un comandante dell'esercito fengtiano di suo padre. Sebbene intelligente e ben addestrato, Zhang Xueliang era anche volubile, un forte bevitore e, per un certo periodo, un drogato di oppio.

In 1928, agenti giapponesi hanno assassinato suo padre, consegnando a Zhang Xueliang il controllo della Manciuria e dell'esercito Fengtian. Con sorpresa di alcuni, Zhang si schierò con Jiang Jieshi e il Guomindang, adottando una linea forte contro l'influenza giapponese e sovietica in Manciuria.

Zhang era politicamente contrario al PCC ma era disposto a tollerare un'alleanza per resistere all'aggressione giapponese. Nel dicembre 1936, Zhang istigò l'incidente di Xi'an, rapendo e detenendo Jiang Jieshi fino a quando non accettò un'alleanza anti-giapponese con il PCC.

Zhang è poi fuggito a Taiwan con Jiang Jieshi, prima di vivere i suoi ultimi anni alle Hawaii.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Zhang Xueliang"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/zhang-xueliang/
Data di pubblicazione: Gennaio 25, 2016
Data di accesso: 30 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.