Citazioni: dinastia Qing

Questa pagina contiene una raccolta di citazioni della Rivoluzione cinese sulla dinastia Qing, fatte da eminenti leader, figure, osservatori e storici. Queste citazioni sono state selezionate e compilate dagli autori di Alpha History. Se desideri suggerire un preventivo per queste pagine, per favore contatta Alpha History.

“Quando un paese è ben governato, la povertà e una condizione meschina sono cose di cui vergognarsi. Quando un paese è mal governato, la ricchezza e l'onore sono cose di cui vergognarsi ".
Confucio, Gli analisti

“Tutte le attuali sofferenze [in Cina] sono causate da impiegati [burocrati]. La loro arroganza è maggiore di quella di qualsiasi funzionario, mentre i nobili e gli studiosi acconsentono egualmente a ogni loro desiderio. Le persone comuni di cui si nutrono non hanno alcun risarcimento e non possono fare altro che morire in fossi solitari sul ciglio della strada ".
Huangchao jingshi wenbian, 1827

“Perché le nazioni occidentali sono piccole e tuttavia forti? Perché siamo grandi e tuttavia deboli? Dobbiamo cercare i mezzi per diventare loro pari, e questo dipende esclusivamente dallo sforzo umano ... Nell'accostare le parole ai fatti, siamo inferiori ai barbari. Il rimedio è cercare le cause in noi stessi. Questo può essere cambiato immediatamente se solo l'imperatore ci volesse indirizzare nella giusta direzione ".
Feng Guifen, 19 riformatore cinese del X secolo, 1861

"Abbiamo solo una cosa da imparare dai barbari, e queste sono navi forti e cannoni efficaci".
Feng Guifen, 1861

“Molti dei capi stranieri hanno imparato la nostra lingua scritta e parlata, i migliori possono persino leggere i nostri classici e le nostre storie. Sono in grado di parlare dei nostri regolamenti dinastici e dell'amministrazione governativa, della nostra geografia e dello stato della nostra gente. D'altra parte, i nostri ufficiali, dai nostri generali in giù, sono completamente disinformati riguardo ai paesi stranieri. Non dovremmo vergognarci? "
Feng Guifen, 1861

“Non c'è posto al mondo in cui siano stati compiuti progressi maggiori negli ultimi anni che nell'Impero cinese. Ha ampliato il suo commercio, ha riformato il suo sistema di entrate, sta cambiando il suo esercito ... ha costruito o stabilito una grande scuola, dove si insegnano la scienza moderna e le lingue straniere ... La Cina ora cerca l'Occidente ... è venuta avanti per incontrarti. "
Anson Burlingame, diplomatico americano, 1868

“Se si devono insegnare astronomia e matematica, una ricerca approfondita dovrebbe trovare qualcuno che le abbia padroneggiate. Perché è limitato ai barbari? Perché è necessario imparare dai barbari? I barbari sono i nostri nemici ... Non ci sono mai stati insulti del genere [come da potenze straniere] durante gli ultimi 200 anni della nostra dinastia ".
Wo Ren, consigliere di Cixi, c.1870

"Ho spesso pensato di essere la donna più intelligente che sia mai vissuta e gli altri non possono essere paragonati a me ... Anche se ho sentito molto parlare della regina Vittoria ... Non credo che la sua vita sia stata così interessante e ricca di eventi come la mia ... Ho 400 milioni di persone che dipendono dal mio giudizio. "
Imperatrice vedova Cixi, 1800 in ritardo

“I ricchi si uniscono acro dopo acro di terra, mentre i poveri non ne hanno affatto. Queste persone ricche si preoccupano solo delle loro stanze estive o degli archi di pietra ... Le famiglie potenti guardano ai parenti poveri o ai vicini come estranei per strada. Non presteranno loro né stoffa né grano. Trattano i loro inquilini e lavoratori salariati in modo particolarmente crudele, suscitando un odio così forte che [tende] a invitare il banditismo ... Non c'è altra fonte di cibo, solo raccolta di sterco ... Quando sentono parlare del divertimento di essere un bandito, chi non lo è tentato? "
Contadino anonimo, Caozhou, 1896

“Se lei [Cixi] rifiuta di delegarmi il potere, abbandonerò il mio trono. Non voglio essere l'imperatore di una nazione conquistata. "
Imperatore Guangxu, 1898

“Non vuole sedersi sul trono. Non volevo che si sedesse lì molto tempo fa. "
L'Imperatrice Vedova Cixi, dopo aver ascoltato le osservazioni dell'Imperatore Guangxu sopra, 1898

“La carne umana ha cominciato a essere venduta nei sobborghi di Xian. All'inizio il traffico si svolgeva clandestinamente, ma dopo un po 'un orribile tipo di polpetta, fatta con corpi di esseri umani morti di fame, divenne un alimento base, venduto per l'equivalente di quattro centesimi americani la libbra . "
Francis Nichols, viaggiatore degli Stati Uniti, sulla carestia 1900-01 a Xian

“Lei [l'imperatrice vedova Cixi] era luminosa e felice e il suo viso brillava di buona volontà. Non c'era traccia di crudeltà da vedere. Con espressioni semplici, ci ha accolto e le sue azioni sono state piene di libertà e calore. [Ci ha fatto un cenno] con grande entusiasmo: "Una famiglia, tutta una famiglia". "
Sarah Pike Conger, un visitatore americano a Pechino, 1902

“Se ci aggrappiamo ancora alle vecchie tradizioni, non prendiamo rapidamente provvedimenti per attuare le riforme e lasciare che le cose facciano il loro corso, il Paese andrà di male in peggio, la sovranità sarà indebolita e il territorio verrà eroso giorno dopo giorno. Alla fine, la situazione sarà peggiore di quella della Corea. Sono estremamente turbato ogni volta che penso a questo. "
Yuan Shikai, 1905

“Sono contaminati dall'indolenza e consumano pigramente i loro stipendi ufficiali. Il loro numero si moltiplica e cadono sempre più nella povertà ... ma non pensano mai a vivere da civili. Ora devono cercare modi per auto-sostentarsi e sopravvivere attraverso il proprio lavoro. "
Guangxu imperatore sul manchu bannerman, 1907

“La Cina è il teatro del più grande movimento che si sta svolgendo ora sulla faccia del globo… Promette niente meno che il completo rinnovamento del più antico, popoloso e conservatore degli imperi. C'è un popolo in uno dei due emisferi che può permettersi di guardare [alla rivoluzione cinese] con indifferenza? "
William Alexander Parsons Martin, educatore americano, 1907

“Oltre alla cacciata della dinastia barbara [straniera] e alla restaurazione della Cina, è necessario anche cambiare il sistema politico nazionale e il sostentamento del popolo. Sebbene ci siano una miriade di modi e mezzi per raggiungere questo obiettivo, lo spirito essenziale che li attraversa è la libertà, l'uguaglianza e la fraternità ".
Manifesto Tongmenghui, 1910

“Per 50 anni il suo [di Cixi] è stato il cervello, sua la mano forte, che ha tenuto a freno le crescenti forze di disintegrazione; e quando morì non furono necessari grandi doni di divinazione per predire l'avvicinarsi del destino dei Manciù. "
John Otway Percy Bland, scrittore britannico, 1910