Citazioni: Repubblica popolare 1949-65

Questa pagina contiene una raccolta di citazioni della Rivoluzione cinese sulla Repubblica popolare tra il 1949 e il 1965, realizzate da importanti leader, personaggi, osservatori e storici. Queste citazioni sono state selezionate e compilate dagli autori di Alpha History. Se desideri suggerire un preventivo per queste pagine, per favore contatta Alpha History.

“Un dramma inizia con un prologo, ma il prologo non è il culmine. La rivoluzione cinese è fantastica, ma la strada dopo la rivoluzione sarà più lunga, il lavoro più grande e più arduo ".
Mao Zedong, 1949

“A volte Stalin non vedeva [Mao Zedong] per giorni alla volta. Nessuno osava andare a trovarlo. Cominciarono a circolare voci che Mao non fosse affatto felice, che fosse sotto chiave e che fosse ignorato ".
Nikita Khrushchev, scrivendo sulla visita di Mao Zedong a Mosca nel 1949

“[Alcuni dicono] 'Sei dittatoriale'. Miei cari signori, avete ragione, questo è proprio quello che siamo. L'esperienza del popolo cinese accumulata in diversi decenni ci insegna a far rispettare la dittatura democratica del popolo. Dobbiamo privare i reazionari del diritto di parola e lasciare che solo le persone abbiano quel diritto ".
Mao Zedong, 1950

"" Non vuoi abolire il potere statale? " Sì, lo vogliamo, ma non al momento. Non possiamo permetterci di abolire il potere statale in questo momento. Perchè no? Perché l'imperialismo esiste ancora, perché esistono ancora i reazionari e perché esistono ancora le classi ".
Mao Zedong, 1950

“Non dovremmo aver paura dei missili atomici. Non importa che tipo di guerra scoppi, convenzionale o nucleare, vinceremo ... Se gli imperialisti scatenano la guerra contro di noi, potremmo perdere più di 300 milioni di persone. E allora? La guerra è guerra. Gli anni passeranno e ci metteremo al lavoro per fare più bambini che mai. "
Mao Zedong a Nikita Khrushchev, 1957

“Il pensiero di Mao Zedong è l'unico pensiero corretto. È l'incarnazione del marxismo-leninismo in Cina, è il simbolo della verità. Pertanto, se una persona in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo qualunque, riguardo a qualsiasi domanda qualunque, manifesta vacillazione nel suo atteggiamento nei confronti del pensiero di Mao Zedong ... significa in realtà che il vacillante si allontana dalla verità marxista-leninista e perderà l'orientamento e si impegnerà errori politici. Quindi dobbiamo seguire il presidente Mao con fermezza ed eternità! Avanti, seguendo al 100 per cento e senza la minima riserva, la via di Mao Zedong! "
Liu Tzu-chiu, quadri del PCC, 1959

“Ho solo un desiderio nel mio cuore. Voglio dedicarmi con tutto il cuore al Partito, al socialismo e al comunismo ".
Attribuito a Lei Feng, soldato e diarista cinese, 1962

“Sento che un vero rivoluzionario non è mai egoista. Qualunque cosa faccia è sempre a beneficio delle persone ... È mio desiderio dedicare la mia vita alla causa infinita del servizio delle persone. Un membro del Partito Comunista è un servitore del popolo. Dovrebbe considerare la felicità degli altri come sua. "
Lei Feng, 1962

“Lei Feng ... ha visto il Vecchio Wang seduto da solo senza pranzo ... Offrendo il proprio pranzo ha detto 'Dai, prendi questo'. Il vecchio Wang guardò il cestino del pranzo, poi Lei Feng, scosse la testa e si rifiutò di accettarlo. "Prendilo", disse Lei Feng ... "Se lo prendo, cosa farai?" disse il vecchio Wang, restituendoglielo. "Il mio stomaco è un po 'turbato e non ho voglia di mangiare", ha risposto Lei Feng. "
Aneddoto cinese su Lei Feng, circa 1962

“Nessuno va più lì [nella città natale di Lei Feng]. Perché vuoi farlo? Lei Feng è uno scherzo. Lo pensiamo tutti. Era una vite nella macchina di Mao, non una persona. "
Xiao Wang, operaio cinese, 1989

“Siamo scesi alla stazione ferroviaria per cercare di aiutare le vecchie signore con i bagagli, come aveva fatto Lei Feng. A volte dovevamo afferrare i loro fagotti con la forza perché [alcuni] pensavano che fossimo ladri ".
Jung Chang sull'emulazione di Lei Feng negli 1960

“Donne sui manifesti, immensi manifesti di donne in abiti da fabbrica, in abiti da contadina. "Anche noi possiamo produrre per il paese!" Donne che chiamano donne: vieni fuori e lavora! Costruisci il nostro paese! Donne e uomini con quel sorriso in primo piano, guardando il cielo con gli occhi stellati. Donne, di corporatura robusta, muscolose… e alla radio in camera mia, la voce di una donna: “È meglio che una donna abbia mani e piedi grandi. I piedi grandi sono belli, le mani grandi sono mani capaci ".
Han Suyin sul ruolo mutevole delle donne

“Le donne ormai non lavorano più solo in casa, lavorano anche nei campi e si guadagnano i propri soldi. Ma gli uomini della vecchia generazione dicono ancora: 'Cosa sa una donna? Le donne non sanno niente! Quanto vale una donna? Le donne non valgono niente! In tali famiglie gli uomini decidono tutto. "
Una donna del villaggio di Liu Ling, 1962

“I leader sovietici sostengono che la Cina non dovrebbe e non deve fabbricare armi nucleari. I leader sovietici dicono 'come possono i cinesi essere qualificati per fabbricare armi nucleari quando mangiano zuppa acquosa da una comune ciotola e non hanno nemmeno i pantaloni da indossare? ... Non ci avvicineremo al testimone dei leader sovietici né ci inginoccheremo davanti al ricatto nucleare dell'imperialismo statunitense ".
The Quotidiano del Popolo, Settembre 1963