The Warlord Era

era del signore della guerra
Una mappa che mostra le fazioni dei signori della guerra e le alleanze provinciali cinesi nell'anno 1925

L'era Warlord (1916-27) fu un periodo in cui l'autorità nazionale cinese si disintegrò e il paese si spezzò in un puzzle di regioni, ognuna controllata da potenti leader locali.

Frammentazione nazionale

Il signore della guerra fu, in una certa misura, il culmine delle divisioni interne emerse alla fine della Cina Qing. Quando l'autorità dei Qing diminuì, i leader locali si mossero per aumentare il proprio potere.

Questa frammentazione del potere è continuata durante Yuan Shikaila presidenza. Quando Shikai tentò di far rivivere la monarchia Qing e di riposizionarsi come imperatore, i leader provinciali persero quella poca fiducia che avevano nel governo nazionale repubblicano.

Quando Shikai morì senza un ovvio successore in 1916, la Cina crollò in diviso signoria della guerra. Rimase così fino a 1927, quando gran parte del paese fu riunificato da Jiang Jieshi e il suo esercito nazionale rivoluzionario. L'era di Warlord fu un periodo di incertezza, disordine e conflitto che produsse pochissimi benefici per i normali cinesi.

Cause del signore della guerra

Il crollo nel signore della guerra non è stato sorprendente, data la storia della Cina. Le grandi dimensioni, la popolazione, le variazioni geografiche e la diversità del paese hanno reso il governo nazionale centralizzato una prospettiva difficile. Questo era vero anche per le dinastie forti e alla fine del 1800 i Qing erano tutt'altro che forti.

Gli ultimi anni 20 del dominio Qing hanno prodotto un costante declino verso il decentramento e il provincialismo. Leader e gruppi locali, spesso incoraggiati e sostenuti da imperialisti stranieri, hanno esercitato influenza e controllo nelle loro regioni.

L'autorità e la cultura Qing rimasero forti intorno a Pechino e nel nord-est della Cina, ma nel Guangdong influenzato dagli inglesi, nelle regioni montuose della Cina centrale o sull'altopiano tibetano, i leader locali divennero di pari o maggiore importanza rispetto al governo nazionale.

Le ultime riforme Qing (1901-1910) tentarono di fermare questo provincialismo creando un quadro costituzionale per rafforzare il governo nazionale, tuttavia, queste riforme fallirono.

Shikai, il 'primo signore della guerra'

yuan shikai
Yuan Shikai, a volte indicato come il "primo signore della guerra" cinese

La disintegrazione politica della Cina fu accelerata dal crollo della dinastia Qing e dal fallito governo repubblicano del 1912-16.

Xinhai o 1911 Revolution minacciò il Qing e istigò l'ascesa di due governi in competizione.

Nel nord, il comandante dell'esercito di Beiyang, Yuan Shikai, è emerso come l'uomo forte della rivoluzione cinese, l'unico leader con sufficiente influenza militare per espellere il Qing. Nel sud, i nazionalisti guidati da Sun Yixian formò un governo provvisorio con una certa legittimità ma senza mezzi per applicarlo.

Il controllo dell'esercito di Shikai gli diede un percorso verso la presidenza nazionale. Rappresentava più del vecchio regime che del nuovo, ma il suo comando sulle forze armate teneva unita la Cina e consentiva la continuazione di un governo nazionale. Mentre Shikai sedeva sulla sedia del presidente, i signori della guerra provinciali fecero poco per sfidare il suo governo, temendo ritorsioni militari.

Il fatto che il potere di Shikai derivasse dalla forza militare ha portato alcuni a definirlo il "padre dei signori della guerra" o il "primo signore della guerra".

Vuoto di potenza

Quando Yuan Shikai morì nel giugno 1916 creò un vuoto di potere nazionale che fu rapidamente riempito dai signori della guerra. Ora senza leader, lo stesso esercito nazionale si disgregò, i suoi reggimenti o divisioni caddero sotto il controllo di potenti leader provinciali, che li rivendicarono come eserciti privati.

In nessun luogo questo processo era più visibile che nel nord della Cina. L'esercito Beiyang di Yuan Shikai si disintegrò rapidamente e il suo personale fu inghiottito da tre fazioni di signori della guerra in competizione: la cricca Zhili (guidata da Feng Guozhang), la cricca Anhui (Duan Qirui) e la cricca fengtiana (Zhang Zuolin).

I signori della guerra cercarono di aumentare il loro potere aumentando le dimensioni dei loro eserciti. Ciò veniva fatto occasionalmente per coscrizione o coercizione, ma di solito per allettamento. Molti signori della guerra pagavano bene i loro soldati o permettevano loro di trattenere una parte di tutto ciò che saccheggiavano o estorsero dai normali cinesi.

Nelle zone rurali devastate dalla povertà, "mettersi al passo con i banditi" divenne un'opzione di carriera attraente, in particolare per i giovani uomini single. Secondo lo storico Hsi-Sheng Chi questa disperazione economica ha alimentato una rapida crescita delle dimensioni degli eserciti dei signori della guerra: da circa 500,000 alla fine del 1916 a più di un milione nel 1918 e due milioni nel 1928.

Valutare i signori della guerra

signori della guerra della Cina
Cao Kun, il signore della guerra Zhili che era il presidente nominale della Cina nel 1923-24

È difficile trarre conclusioni generali sui signori della guerra cinesi. Erano un gruppo eterogeneo con qualità, metodi, atteggiamenti e obiettivi diversi.

Diversi signori della guerra erano ex ufficiali dell'esercito di Qing; altri erano provincialisti o outsider che non avevano mai fatto parte dell'establishment Qing. Alcuni erano tradizionalisti che si aggrappavano agli ideali dinastici e confuciani; altri erano progressisti che riconoscevano i cambiamenti fondamentali in atto in Cina.

Alcuni dei signori della guerra più forti si immaginavano come potenziali "unificatori", sperando di conquistare un territorio sufficiente per ripristinare un governo nazionale - con se stessi come imperatore o presidente, ovviamente.

La ricerca del profitto

A parte il loro uso della forza militare, l'obiettivo più comune condiviso dai signori della guerra era diventare ricchi. Lo sfruttamento, la corruzione e il brigantaggio fioriti sotto il dominio della guerra avevano effetti disastrosi sulla gente comune.

I signori della guerra hanno stampato quantità eccessive di carta moneta per finanziare i loro eserciti, portando a un'inflazione elevata. Hanno preso il controllo delle infrastrutture governative e delle imprese di proprietà privata. Imponevano nuove tasse e aumentavano quelle esistenti (in una provincia di guerra il tribunale aumentava di cinque volte).

Consapevoli della sua redditività, molti signori della guerra hanno anche rilanciato il commercio di oppio, costringendo gli agricoltori a coltivarlo e incoraggiandone la vendita aperta. Gli eserciti privati ​​dei signori della guerra erano spesso una legge a sé stante, comportandosi in modo sconsiderato, molestando e aggredendo i locali e rubando o distruggendo le loro proprietà.

Sovrani benevoli

era del signore della guerra
Yan Xishan, il sovrano della provincia di Shaanxi durante l'era del signore della guerra

Non tutti i signori della guerra erano guidati interamente dall'avidità. Una manciata si comportò come dittatori benevoli, la loro leadership basata sul pragmatismo politico e una certa preoccupazione per le persone che governavano. Uno di questi era Yan Xishan (Wade-Giles: Yen Hsi-Shan) che governava nella provincia dello Shanxi.

Yan era ben istruito, un soldato in carriera nell'esercito Qing ed un ex sostenitore dell'auto-rafforzamento. A differenza di altri signori della guerra, si è concentrato sul miglioramento e sulla modernizzazione dello Shanxi, piuttosto che sull'espansione del territorio o sull'accumulo di una fortuna personale. Yan ha stretto alleanze per mantenere lo Shanxi fuori dal conflitto con altri signori della guerra mentre introduceva riforme sociali, come l'abolizione della legatura dei piedi e il miglioramento dell'istruzione delle ragazze.

Feng Yuxian, un signore della guerra del nord che in seguito ha catturato Pechino e si è allineato con il Guomindang, ha bandito la legatura dei piedi, la prostituzione e il traffico di oppio nelle aree sotto il suo comando. Incoraggiò anche i suoi soldati a convertirsi al cristianesimo, a volte 'battezzando' intere compagnie di uomini con una manichetta antincendio.

Governo di Beiyang

Durante l'era Warlord, un governo nazionale continuò a Pechino, anche se non era rappresentativo e non esercitava alcun controllo nazionale. Il governo Beiyang, come era noto, si presentò come un governo parlamentare civile. In realtà, era un fronte per il signore della guerra dominante o la fazione del signore della guerra a Pechino.

Il controllo della capitale fu una manna finanziaria per i signori della guerra. Il governo di Beiyang, nonostante la sua illegittimità, era ancora riconosciuto da potenze straniere. I commercianti stranieri continuarono a effettuare ingenti pagamenti per dazi e tasse all'importazione, denaro raccolto dai signori della guerra locali ma non utilizzato a beneficio della nazione.

Questo reddito fece di Pechino e dei suoi dintorni un ricco premio per le fazioni di signori della guerra in competizione, che guerreggiavano costantemente sulla capitale. In 1920, le cricche di Zhili e Anhui hanno combattuto una breve ma sanguinosa guerra contro Pechino, i signori della guerra Zhili stanno emergendo vittoriosi. A metà 1922 la fazione Zhili difese Pechino da un tentativo di acquisizione da parte della cricca del Fengtian settentrionale. I signori della guerra Fengtian, guidati da Zhang Zuolin, si riunirono e tornarono a settembre 1924, espellendo lo Zhili e prendendo il controllo del governo Beiyang.

Queste continue lotte hanno reso il governo di Beiyang mutevole e instabile. Aveva sette diversi capi di stato e più di due dozzine di ministeri diversi tra 1916 e 1928.

Esiti dell'era Warlord

condottiero
Una moneta recante il profilo di Tang Jiyao, il signore della guerra al potere nella provincia dello Yunnan

Il periodo dei signori della guerra era caratterizzato da divisione politica, instabilità, corruzione e interesse personale, stagnazione economica e repressione sociale. Mentre alcuni signori della guerra stringevano legami con ricche élite economiche, l'incertezza e l'instabilità del periodo non favorivano il progresso economico o lo sviluppo di nuove industrie.

Una manciata di signori della guerra ha tentato la riforma sociale, ma nessuno ha comportato investimenti significativi o innovazione. Vi furono pochi tentativi sinceri e significativi per migliorare la vita della gente comune.

La maggior parte dei cinesi, in particolare i contadini rurali, ha sofferto più sotto i signori della guerra di quanto non abbia avuto sotto i Qing. Un gran numero di contadini fu cacciato dalla loro terra, che fu spesso parcellizzata da soldati privati. Secondo 1925, il numero di disoccupati in Cina è stato stimato in oltre 168 milioni, più della metà dei quali contadini e braccianti agricoli.

A questo punto, i nazionalisti di Sun Yixian ei loro nuovi alleati, il Comintern di Mosca e il Partito Comunista Cinese (PCC), stavano pianificando la fine del signore della guerra. Dalla loro roccaforte nella provincia meridionale del Guangdong, il Guomindang e il suo braccio militare, l'Esercito Rivoluzionario Nazionale, si stavano preparando a muovere contro i signori della guerra e riunire la Cina con la forza.

Il punto di vista di uno storico:
“Il disordine diffuso e la violenza del periodo dei signori della guerra hanno interrotto il commercio estero e messo in pericolo gli stranieri. Allo stesso tempo, l'impotenza del governo centrale durante gli anni dei signori della guerra è stata un invito aperto agli stranieri a pescare nelle acque agitate della Cina. L'influenza straniera si è verificata in diversi modi ea diversi livelli, ma i due più importanti hanno comportato un ulteriore controllo sulle risorse economiche della Cina e la fornitura di aiuti a signori della guerra selezionati. Il Giappone è stato di gran lunga il peggior colpevole nell'usare la disunità dei signori della guerra per forzare nuove concessioni dalla Cina. Le altre potenze erano soddisfatte di trarre il massimo profitto dai privilegi già consentiti dai trattati dell'era Qing ".
James E. Sheridan

rivoluzione cinese

1. L'era dei signori della guerra fu un periodo di frammentazione politica e militarismo regionale in Cina, che iniziò con la morte di Yuan Shikai nel 1916 e terminò nel 1927.

2. Il signore della guerra è stato causato in parte dal crescente potere provinciale nell'ultimo mezzo secolo del dominio Qing, dall'emergere di potenti leader locali e dal fallimento del governo repubblicano sotto Shikai.

3. I signori della guerra e le fazioni dei signori della guerra usarono eserciti privati ​​o provinciali per esercitare ed espandere il loro controllo. La maggior parte dei signori della guerra e dei soldati dei signori della guerra erano motivati ​​dall'avidità economica.

4. Alcuni signori della guerra avevano una mentalità progressista e tentarono riforme sociali. In termini generali, tuttavia, la vita dei contadini cinesi era notevolmente peggiore sotto il dominio della guerra di quanto non fosse stata sotto i Qing.

5. Un governo nazionale operò a Pechino durante l'era del Signore della Guerra e trasse profitto dal commercio estero, dai dazi e dalle tasse. Questo governo era controllato dai signori della guerra e non era né veramente rappresentativo né legittimo.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "The Warlord Era"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/warlord-era/
Data di pubblicazione: 6 settembre 2019
Data di accesso: Luglio 02, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.