Imperatore Puyi

imperatore puyi

Puyi (1906-1967, Wade-Giles: Pu-i) fu l'ultimo imperatore della dinastia Qing (1908-12) e successivamente sovrano fantoccio sotto gli imperialisti giapponesi.

Puyi era un pronipote dell'imperatore Daoguang e nipote dell'imperatore Guangxu senza figli. Aveva solo due anni quando l'imperatrice cieca morente Cixi lo unse come futuro imperatore di Qing.

Inutile dire che il giovane Puyi ha avuto un'infanzia insolita, separato dai suoi genitori, rinchiuso dietro le mura della Città Proibita e cresciuto da eunuchi e infermiere. Puyi era troppo giovane per svolgere qualsiasi compito ufficiale, quindi suo padre, il principe Chun e l'imperatrice vedova Longyu, agirono come reggenti. Fu Longyu ad approvare l'abdicazione di Puyi nel febbraio 1912, cinque giorni dopo il sesto compleanno dell'imperatore.

Puyi rimase nella Città Proibita per diversi anni, supportato dal governo repubblicano e successivamente dai signori della guerra manipolatori. In 1925 fu costretto a fuggire da Pechino in Giappone.

Nel 1932, Puyi accettò un'offerta per governare come imperatore del Manchukuo, lo stato cliente giapponese stabilito in Manciuria. Rimase lì fino alla sconfitta giapponese nell'agosto 1945. Puyi fu successivamente catturato dall'Armata Rossa sovietica. Trascorse quasi 15 anni come prigioniero dell'Unione Sovietica e della Repubblica popolare cinese, prima di essere rilasciato nel 1959. Entrò nella vita civile, si sposò e lavorò brevemente come giornalista.

Gli ultimi anni di Puyi, l'ultimo degli imperatori Qing, furono trascorsi come umile giardiniere a prendersi cura dei giardini botanici di Pechino.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Imperatore Puyi"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/puyi/
Data di pubblicazione: Gennaio 5, 2016
Data di accesso: 27 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.