Storico: Sun Shuyun

Sun ShuyunStorico: Sun Shuyun

Vissuto: 1963-

Nazionalità: Cinese

Libri: La lunga marcia: la vera storia del mito fondante della Cina comunista (2007)

Professione: Storico, scrittore, regista

Prospettiva: Revisionista post-mao

Sun Shuyun was born and raised in a small village in central China. Her father was a loyal communist and a soldier who saw action during the Korean War.

Sun’s childhood coincided with the Cultural Revolution. Like her father, she remained loyal to the party, though she was also influenced by her grandmother’s Buddhist beliefs.

Sun ha studiato letteratura inglese all'università di Pechino, vincendo in seguito una borsa di studio a Oxford. Continua a dividere il suo tempo tra Londra e Pechino mentre lavora a progetti di scrittura e cinematografia. Tra i suoi lavori pubblicati vi sono studi sul monaco buddista Xuanzang del X secolo Xuanzang e sul Tibet moderno.

In 2007, Sun ha pubblicato probabilmente il suo lavoro più significativo: un'indagine sulla Marcia lunga e una decostruzione del mito comunista che lo circonda.

Rientrato in Cina in 2004, 70 anniversario della lunga marcia, Sun ha trascorso mesi a ripercorrere i passi dei manifestanti. Ha parlato con le persone 40 che ne hanno assistito, sia i veterani dell'Armata Rossa che i civili che li hanno incontrati. La loro testimonianza è spesso in contrasto con le storie comuniste ufficiali.

Mentre la propaganda del partito ha descritto l'Armata Rossa di Mao come disciplinata e rispettosa dei contadini, i resoconti dei testimoni oculari raccolti da Sun raccontano una storia diversa. L'Armata Rossa, affermano, era spesso disposta a saccheggiare il cibo, arruolare giovani uomini e ragazzi e minacciare o infliggere violenza ai civili.

Sun also exposes other holes in the Long March myth. The Red Army’s heavy losses at the Battle of Xiang River were largely because of desertions – and the Red Army encountered hardly any opposition or serious fighting at the fabled Luding Bridge crossing.

Citazioni

“Ogni nazione ha il suo mito fondante. Per la Cina comunista, è la lunga marcia, per noi una storia alla pari con Mosè che guida l'esodo fuori dall'Egitto. Qualsiasi cinese può dirlo. "

“Il mito è nato e rimane l'emblema duraturo della Cina oggi. Difficilmente possiamo sfuggirgli ... [i propagandisti] hanno preso l'idealismo, l'ottimismo e l'eroismo dei Lunghi Marciatori e li hanno impressi nelle nostre menti ... Con l'imprimatur del Partito Comunista Cinese, hanno reso il mito quasi inespugnabile ".

“Pochi hanno sfidato o addirittura messo in dubbio modestamente il mito. È solo una parte di ciò che siamo. Ma le domande rimangono ... I libri sulla marcia riempiono iarde di scaffali, ma raramente fanno tutte queste domande o forniscono risposte ".

“Registro qui le voci di questi uomini e donne. Questa è la Lunga Marcia con il ricamo dell'adulazione e in tutta la sua umanità. Non è la mia storia. È loro. "


Le informazioni e le risorse in questa pagina sono © Alpha History 2018.
Il contenuto di questa pagina non può essere copiato, ripubblicato o ridistribuito senza l'espressa autorizzazione di Alpha History. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questo sito Web utilizza pinyin romanizzazioni di parole e nomi cinesi. Per favore riferisci a questa pagina per maggiori informazioni.