Il movimento autorinforzante

autorinforzante
I lavoratori cinesi costruiscono pezzi di artiglieria durante il periodo di auto-rafforzamento

Il movimento di auto-rafforzamento è stato una spinta per modernizzare la Cina, in particolare nei settori dell'industria e della difesa, nella seconda metà del 19 ° secolo. Ha apportato alcuni miglioramenti significativi, ma la maggior parte degli storici sostiene che i suoi guadagni sono stati compensati dai suoi fallimenti e dalle opportunità perse.

sfondo

L'imperialismo straniero in Cina, la sua sconfitta nella seconda guerra dell'oppio (1860), l'umiliante Trattato di Tientsin e la ribellione dei Taiping (1850-1864) rivelarono l'arretratezza militare e tecnologica della dinastia Qing, in particolare rispetto alle nazioni europee. Questi disastri hanno innescato l'ascesa del movimento di auto-rafforzamento.

I sostenitori dell'auto-rafforzamento non erano rivoluzionari repubblicani o riformatori sociali radicali. Speravano di rafforzare la nazione preservando il dominio Qing e mantenendo i tradizionali valori confuciani mentre abbracciavano le pratiche militari e industriali occidentali.

Come ha spiegato uno scrittore, era necessario "imparare i metodi barbari [occidentali] per combattere le minacce barbare". Per acquisire questa conoscenza la Cina ha dovuto impegnarsi attivamente con le nazioni occidentali, esaminarne il commercio e la tecnologia, incoraggiare lo studio delle lingue occidentali e sviluppare un servizio diplomatico per connettersi con i governi stranieri.

Sostenitori del rafforzamento personale

I sostenitori dell'Auto-Rafforzamento tendevano ad essere i leader provinciali che hanno avviato progetti e riforme a beneficio della loro regione. Due esempi sono stati Zeng Guofan e Zuo Zongtang, capi militari Qing che hanno supervisionato gli sviluppi nella costruzione navale e nella produzione di armamenti rispettivamente a Shanghai e Fuzhou.

Il promotore più importante e di successo dell'Auto-Rafforzamento, tuttavia, è stato Li Hongzhang. Un generale Qing che era più interessato all'Occidente della maggior parte dei suoi colleghi, Li organizzò la formazione e lo sviluppo di accademie militari in stile occidentale, la costruzione di fortificazioni intorno ai porti cinesi e la revisione della flotta settentrionale della Cina.

In seguito Li ha supervisionato lo sviluppo delle imprese capitaliste, finanziate da interessi economici privati ​​ma con un certo coinvolgimento o supervisione del governo. Alcuni di questi progetti includevano ferrovie, infrastrutture marittime, miniere di carbone, fabbriche di tessuti e l'installazione di linee e stazioni telegrafiche.

Dal 1880, Li è stato anche determinante nello sviluppo di una politica estera cinese e nel forgiare un rapporto stabile e produttivo con le nazioni occidentali.

Opposizione al rafforzamento di sé

Nonostante i loro sforzi, il movimento di auto-rafforzamento trentennale è stato accolto con notevole opposizione. Figure significative nel governo Qing erano scettiche riguardo al movimento e gli hanno prestato attenzione o risorse inadeguate. Gli xenofobi nella burocrazia non volevano avere niente a che fare con i metodi occidentali e alcuni hanno scatenato l'opposizione all'auto-rafforzamento.

Un altro fattore significativo nel fallimento dell'auto-rafforzamento è stato il governo decentralizzato della Cina e la debole autorità dei Qing in alcune regioni. La maggior parte dei progetti di auto-rafforzamento riusciti sono stati gestiti e finanziati da governi provinciali o interessi di imprese private.

Una conseguenza di ciò era che i nuovi sviluppi militari (eserciti riformati, installazioni militari, impianti di munizioni, navi militari e così via) erano spesso fedeli, se non controllati, da interessi provinciali. Questo provincialismo ha fornito poco o nessun beneficio al regime Qing o all'interesse nazionale. Ha anche contribuito alla disunione e al signore della guerra dopo il 1916, poiché i signori della guerra locali hanno preso il controllo di queste risorse militari.

Ancora più importante, il movimento di auto-rafforzamento operava sulla premessa imperfetta che la modernizzazione economica e militare potesse essere raggiunta senza alcuna riforma politica o sociale significativa.

L'esempio giapponese

movimento autorinforzante
Il giovane imperatore giapponese Meiji, che ha supervisionato la riforma lì negli anni '1870 dell'Ottocento

La Cina ha subito due sconfitte più costose alla fine del XIX secolo (alla Francia nel 19-1884 e al Giappone nel 85-1894). Queste sconfitte erano una chiara prova che il movimento di auto-rafforzamento aveva fallito. La sconfitta per mano del Giappone, una nazione asiatica più piccola, è stata particolarmente umiliante e ha ulteriormente intensificato le richieste di cambiamento.

Molti sostenitori del rafforzamento di sé volevano imparare dai giapponesi vittoriosi. Solo 40 anni prima, il Giappone era stato una nazione insulare di daimyo, samurai e contadini, una società feudale con un'economia di sussistenza medievale.

Eppure, solo due generazioni dopo aver aperto le sue porte all'Occidente, il Giappone era stato radicalmente trasformato. Nel 1890 i giapponesi avevano una monarchia costituzionale con un'economia industriale e le forze armate più forti in Asia.

Percorsi di modernizzazione

Pochi leader cinesi potrebbero negare i notevoli progressi in Giappone o la necessità di riforme e modernizzazione nel proprio paese. Vi è stato, tuttavia, un notevole disaccordo su come gestire questa riforma, chi dovrebbe dirigerla e fino a che punto dovrebbe arrivare.

Sono stati formati diversi club politici cinesi per discutere modelli e approcci alla riforma. Scrittori e studiosi hanno valutato se la Cina debba imitare le riforme Meiji in Giappone o trovare la propria strada verso la modernizzazione. Anche l'imperatrice vedova Cixi non era contraria alla riforma economica, sebbene fosse certamente cauta sulle sue conseguenze.

Il punto di vista di uno storico:
“La fazione riformista istruita si è unita al Movimento di auto-rafforzamento con il motto 'Etica confuciana, scienza occidentale'. La Cina, dicevano questi riformatori, potrebbe acquisire la tecnologia moderna e la conoscenza scientifica alla base di essa, senza sacrificare la superiorità etica della sua tradizione confuciana. Come ha affermato uno dei loro leader: "Quello che dobbiamo imparare dai barbari è solo una cosa: navi solide e cannoni efficaci". "
Valerie Hansen

rivoluzione cinese

1. Il movimento di auto-rafforzamento è stata una campagna per la riforma economica e militare in Cina, ispirata dalla debolezza militare della nazione a metà del XIX secolo.

2. Il movimento di auto-rafforzamento iniziò negli anni 1860 e cercò di acquisire e utilizzare metodi occidentali. "Impara metodi barbari per combattere le minacce barbare" era uno dei suoi motti.

3. Il movimento ha prodotto alcune riforme capitaliste e militari di successo, sebbene la maggior parte di queste fossero basate su base provinciale piuttosto che nazionale. Non è riuscito a rafforzare il governo Qing o il potere militare, come suggerito dalle successive sconfitte in due guerre.

4. L'auto-rafforzamento è fallito a causa della mancanza di supporto Qing, della natura decentralizzata del governo e del suo obiettivo ristretto. I leader Qing volevano la modernizzazione militare ed economica ma senza accompagnare riforme sociali o politiche.

5. Al contrario, profonde riforme sotto l'imperatore Meiji avevano trasformato il Giappone - un tempo arretrato come la Cina - in un moderno stato militare-industriale, il più avanzato dell'Asia.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il movimento di auto-rafforzamento"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/self-strengthening-movement/
Data di pubblicazione: 27 Agosto 2019
Data di accesso: 08 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.