Storico: Jonathan Spence

Jonathan Spence

Storico: Jonathan Spence

Vissuto: 1936-

Nazionalità: Americano di origine britannica

Libri: La morte della donna Wang (1978) Per cambiare la Cina: consulenti occidentali in Cina 1620 – 1960 (1969) Mao Zedong (1990) La porta della pace celeste: i cinesi e la loro rivoluzione 1895 – 1980 (1982) Il secolo cinese con Chin Annping (1996) Mao (1999) La ricerca della Cina moderna (2012).

Professione: Storico, accademico, autore, revisore

Prospettiva: Poco chiaro

Jonathan Spence è nato nel Surrey e ha studiato alla prestigiosa Winchester School, dove ha vinto il premio di storia. Dopo l'immatricolazione Spence ha studiato a Cambridge e Yale, conseguendo il dottorato in quest'ultima. Da allora ha studiato e tenuto conferenze a Hong Kong, Cina e Australia.

Oggi, Spence è un acclamato studioso di storia cinese, descritto dal Leigh Bureau come "la principale autorità del mondo sulla civiltà cinese e sul ruolo della storia nel plasmare la Cina moderna". Ha tenuto cattedre a Yale e cattedre in visita a Pechino e Nanchino. Il suo corso di storia cinese è uno dei corsi universitari più popolari alla Yale University. 

Spence è stato anche decorato dalla regina per i suoi servizi alla storia e al mondo accademico. Spence ha pubblicato molto sulla Cina medievale e moderna. La sua produzione è stata elogiata sia dagli accademici che dai lettori generali.

Come molti storici acclamati, Spence è diligente nel trovare fonti rare, estrarre i dettagli e sintetizzare questi dettagli con le conoscenze esistenti. Il suo libro 1978 La morte della donna Wang è stato rivoluzionario: una storia "dal basso" delle prime donne Qing, utilizzando l'omicidio di un'umile donna come punto di partenza.

Lo studio di Spence del 1982 sulla rivoluzione, Le porte della pace celeste, incentrato sugli scrittori e gli intellettuali cinesi e sul loro destino sotto i comunisti. Il suo libro del 2012 La ricerca della Cina moderna (2012) è un lungo ma ineguagliabile esame della Cina dell'20 secolo. 

In termini storiografici, Spence è difficile da definire, assumendo una visione abbastanza equilibrata e riconoscendo l '"unicità" politica, sociale e culturale della Cina. Riguardo a Mao Zedong, Spence esprime l'opinione che Mao fosse un "Signore del malgoverno", un uomo contraddittorio che ha avuto successo nonostante i suoi fallimenti. "Gli inizi di Mao erano all'ordine del giorno, la sua educazione episodica, i suoi talenti non eccezionali", ha scritto Spence, "eppure possedeva un'energia implacabile e una spietata fiducia in se stesso che lo hanno portato a diventare uno dei governanti più potenti del mondo".

Citazioni

"L'opposizione al Qing aveva trovato un nuovo punto focale nelle assemblee elette dei notabili locali che erano state fondate in ogni provincia su ordine del tribunale ... gli uomini dell'assemblea presero presto nuove prerogative per se stessi ... e iniziarono a spingere per la convocazione di un parlamento nazionale e il diritto di esercitare il pieno potere legislativo ".

"I seguaci di Sun si erano infiltrati negli eserciti Qing ... il maldestro tentativo del governo Qing di risolvere [il problema ferroviario] nazionalizzando le ferrovie divenne un ulteriore punto focale per la rabbia provinciale".

"[Lo stupro di Nanchino] da parte dei giapponesi il 7 dicembre 1937 pose fine letteralmente e simbolicamente a tutti i miti del potere di Guomindang nella loro capitale."

"Mao non è stato coinvolto nella pianificazione [della Lunga Marcia] ... è stato un incubo di morte e dolore."

["[La Conferenza Zunyi] ha dato un forte impulso al prestigio di Mao ed è a questo punto che si può datare il suo passaggio a una posizione di comando all'interno della leadership del partito."

"Mao a Yan'an poteva salutare la guerra con 'entusiasmo', in parte perché la sua area di base era ben isolata dalle zone di combattimento più disperate".

"Il completamento della Lunga Marcia da parte di Mao e le battaglie tra fazioni che aveva combattuto lì, gli avevano portato una posizione di leadership nel Partito, ma non era assolutamente indiscusso ... Se Mao doveva diventare il leader accettato del suo partito, non solo doveva vincere sul campo di battaglia e avere politiche di successo per la rivoluzione rurale e urbana, doveva anche essere in grado di tenere il suo posto come teorico ".

"Mentre Chen Boda stava aiutando Mao a costruire un edificio di dominio ideologico, Mao stava anche lottando con il compito di mantenere Yanan una base economica e politica vitale".

“Coloro che si sono tirati indietro sono stati puniti. La violenza casuale divenne comune e le "lotte" divennero mortali per molti in quella che era eufemisticamente nota come la "campagna di salvataggio", supervisionata dalle crescenti squadre di personale di sicurezza di Mao ".

“Totalmente nuovo in tutti i suoi sensi e nel suo linguaggio, [la Costituzione del Partito Comunista] affermava con assoluta franchezza: 'Il Partito Comunista Cinese prende il pensiero di Mao Zedong - il pensiero che unisce la teoria marxista-leninista e la pratica della rivoluzione cinese - come guida per tutto il suo lavoro e si oppone a tutte le deviazioni dogmatiche o empiriche. ' Il marxismo era ora significato: il leader era il saggio ".

"Sotto questo sistema [di unità di lavoro] molti contadini laboriosi sono diventati indubitabili più ricchi, mentre altri sono stati spinti ai margini della sussistenza".

"Questa dura controffensiva [le campagne anti-destra] ha distrutto centinaia di migliaia di vite".

"Sia il movimento dei Cento Fiori che il lancio del Grande Balzo mostrano Mao sempre più separato da ogni vero controllo della realtà ... e lui stesso sembrava preoccuparsi sempre meno delle conseguenze che potrebbero derivare dalle sue stesse espressioni irregolari."

“Nel 1960 la carestia iniziò a colpire vaste aree del paese. Peng Dehuai fu tenuto nascosto, le sue critiche ignorate ... La visione maoista era finalmente precipitata in un incubo ".

"Mao non ha orchestrato con precisione l'avvento della Rivoluzione Culturale, ma ha creato un ambiente che lo ha reso possibile e ha contribuito a mettere in atto molte delle persone e dei problemi".

“Il numero delle vittime della violenza scoordinata della Rivoluzione Culturale è incalcolabile, ma erano molti milioni. Alcuni di questi sono stati uccisi, altri si sono suicidati. Alcuni sono rimasti paralizzati o segnati emotivamente per tutta la vita. "

“[L'incontro di Mao con Richard Nixon nel 1972 fu] uno straordinario cambiamento nella politica di Mao… ed è la prova dello straordinario potere che Mao sapeva di avere sul suo popolo. Ma è una delle ultime volte in cui possiamo vedere che il potere viene utilizzato al massimo. "

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Jonathan Spence"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/historian-jonathan-spence/
Data di pubblicazione: Febbraio 20, 2016
Data di accesso: Dicembre 03, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.