Lyndon Johnson

Lyndon Johnson
Lyndon Johnson con i suoi generali, sui quali faceva molto affidamento.

Lyndon Johnson (1908-73) fu presidente degli Stati Uniti dal novembre 1963 al suo ritiro nel gennaio 1969. Il coinvolgimento degli Stati Uniti in Vietnam aumentò notevolmente durante la presidenza di Johnson, che fu segnata dai fallimenti americani e dalle vittime del conflitto in Vietnam.

Prima di Johnson

Sotto il predecessore di Johnson, John F. Kennedy, gli Stati Uniti avevano gradualmente aumentato il loro coinvolgimento in Vietnam, sebbene non fosse il punto di un'azione militare diretta. Come Truman ed Eisenhower prima di lui, l'obiettivo di Kennedy era stato quello di fermare la marcia verso sud del comunismo in Asia.

Al suo discorso di inaugurazione nel gennaio 1961, Kennedy promise al mondo che l'America avrebbe "pagato qualsiasi prezzo, avrebbe sopportato qualsiasi fardello, affrontato qualsiasi difficoltà, sostenuto qualsiasi amico ... per assicurare la sopravvivenza e il successo della libertà".

Tuttavia l'approccio di Kennedy in Indocina è stato misurato. Durante i mille giorni della sua presidenza, Kennedy aumentò i finanziamenti a Saigon, volendo far crescere e rafforzare l'esercito sud vietnamita. Ha anche aumentato il numero di consiglieri e addestratori militari americani da poche centinaia a circa 12,000 nel 1963, anche se Kennedy ha resistito alle richieste di coinvolgimento militare diretto degli Stati Uniti in Indocina.

La tragica ascensione di Johnson

La presidenza di Kennedy è forse ricordata meglio per la sua tragica fine. Nel novembre 1963, il presidente fece una visita ufficiale in Texas. Ad accompagnarlo c'erano la moglie di Kennedy Jacqueline e il vicepresidente Lyndon Johnson. La visita è stata un dolcificante politico, destinato ad aumentare la popolarità di Kennedy in Texas.

Il 22 novembre, Kennedy sbarcò a Dallas e si rivolse a un ricevimento civico, prima di salire a bordo di un corteo. Mentre la limousine scoperta di Kennedy attraversava le strade di Dallas, furono sparati dei colpi nella sua direzione. Kennedy è stato colpito alla parte alta della schiena, poi alla testa. La seconda ferita gli ha frantumato il cranio e lo ha ucciso quasi immediatamente. Anche il governatore del Texas John Connally, che guidava davanti all'auto di Kennedy, fu ferito al petto, al polso e alla gamba.

Lyndon Johnson, allora vicepresidente di Kennedy, stava guidando in un'altra macchina e non è stato colpito né ferito. Alla morte di Kennedy, Johnson divenne il 36 ° presidente degli Stati Uniti. Ha prestato giuramento in carica due ore dopo l'omicidio di Kennedy, durante un volo di ritorno a Washington.

Nei primi anni

johnson
Un volantino della campagna durante la corsa di Johnson al Congresso negli anni '1930

Lyndon Johnson - o LBJ, come era ampiamente conosciuto - nacque in una piccola fattoria in Texas nel 1908. Si diplomò al liceo e andò al college degli insegnanti, dove fu attivo nel dibattito, nel parlare in pubblico e nella politica studentesca.

A 1927, il giovane 19 Johnson ha trovato lavoro in una scuola di una stanza nel sud del Texas, insegnando principalmente a studenti di lingua spagnola provenienti da contesti poveri. È in questo contesto che Johnson ha sviluppato un'acuta coscienza sociale e il desiderio di migliorare le opportunità per le minoranze e i poveri.

Come suo padre prima di lui, Johnson divenne presto coinvolto in politica. In 1937 è stato eletto alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. Ha servito lì fino a 1949 quando si è trasferito al Senato.

Le riforme della "Great Society"

johnson
Una vignetta del 1964 che descrive le priorità politiche di Johnson

Johnson aveva la reputazione di politico onesto, senza fronzoli, che esprimeva la sua opinione ed era ansioso di fare le cose.

Nonostante provenga da uno stato conservatore del sud, la sua vera passione erano le riforme interne. Johnson sognava di creare quella che chiamava la "Great Society", utilizzando la ricchezza americana per combattere la povertà, le carenze di alloggi pubblici, le lacune nell'istruzione pubblica e la carenza di posti di lavoro. Johnson era appassionato di porre fine alla discriminazione razziale, in particolare nel suo sud natale. Come Kennedy prima di lui, anche Johnson era un anticomunista e un sostenitore della "teoria del domino".

Giorni dopo l'insediamento, Johnson ha riaffermato l'impegno del suo paese nei confronti del governo e del popolo del Vietnam del Sud. Per sua stessa ammissione, il nuovo presidente era meno informato e probabilmente meno interessato alla politica estera che alle questioni interne. Ma era ben viaggiato, profondamente consapevole della storia e abbastanza astuto da capire che la situazione in Vietnam era critica.

Lo ha spiegato nel suo libro di memorie, scritto in 1971:

“Sapevo fin dall'inizio che sarei stato destinato a essere crocifisso in qualunque modo mi fossi mosso. Se avessi lasciato la donna che amavo davvero, la Great Society, per essere coinvolto in quella stronza di guerra dall'altra parte del mondo, avrei perso tutto a casa. Tutti i miei programmi. Tutte le mie speranze di nutrire gli affamati e dare rifugio ai senzatetto. Tutti i miei sogni per fornire istruzione e assistenza medica ai bruni e ai neri, agli zoppi e ai poveri. Ma se lasciassi quella guerra e lasciassi che i comunisti prendessero il controllo del Vietnam del Sud, allora sarei visto come un codardo e la mia nazione sarebbe vista come un appeaser, ed entrambi troveremmo impossibile realizzare qualcosa per chiunque in qualsiasi parte del globo. . "

Affidarsi ai "falchi"

Il processo decisionale di Johnson riguardo al Vietnam è stato fortemente influenzato dai consigli di esperti di politica estera e capi militari. All'inizio del 1964, questi consiglieri avevano raggiunto un consenso: i comunisti in Indocina avrebbero potuto essere sconfitti a breve e medio termine se gli Stati Uniti fossero stati coinvolti più direttamente.

Secondo questi "falchi" militari, una combinazione di intervento militare americano, continui bombardamenti aerei e ripetute offerte di pace costringerebbe i vietcong ad arrendersi e ritirarsi nel Vietnam del Nord. Con i comunisti contenuti, fu detto a Johnson, il Vietnam si sarebbe evoluto come due stati politicamente distinti, proprio come la Corea aveva fatto dopo l'armistizio del 1953.

Questa strategia è stata articolata dal segretario alla Difesa Robert McNamara e approvato dallo stato maggiore militare, altri nella cerchia ristretta di Johnson e molti al Congresso.

C'erano anche voci di dissenso e disaccordo. Uno dei più rumorosi è stato il sottosegretario di Stato George Ball, un critico di lunga data dell'azione militare in Vietnam. Dall'elezione di Kennedy nel 1960, Ball sconsigliava vivamente il coinvolgimento diretto degli Stati Uniti, preferendo una politica di "libera concorrenza". Nel 1961 ebbe una conversazione con McNamara e altri funzionari:

“Non dobbiamo impegnare le forze nel Vietnam del Sud o ci troveremmo in un conflitto prolungato, molto più grave della Corea. Il Viet Cong erano cattivi e duri, come i francesi avevano imparato con loro dispiacere, e c'era sempre il pericolo di provocare l'intervento cinese come avevamo fatto in Corea. Il problema del Vietnam non era quello di respingere l'invasione palese, ma di mescolarsi in una situazione rivoluzionaria con forti sfumature anticolonialiste ... Entro cinque anni avremo trecentomila uomini nelle risaie e nelle giungle, e non li ritroveremo mai più, lui ha avvertito il presidente. Ball ha anche sottolineato il precedente della sconfitta francese in Vietnam. Kennedy non sembrava impressionato dagli argomenti di Ball: 'George, sei solo più pazzo dell'inferno. Non succederà '. "

Le opinioni di Johnson

Le opinioni del presidente sul Vietnam erano contrastanti. Johnson ha accettato il Teoria del domino e, come altri che avevano vissuto negli anni '1930, era diffidente dei pericoli dell'appeasement. Per la maggior parte, ha accettato il consiglio dei suoi generali. All'inizio del 1964, il presidente disse a un pubblico che "se lasciamo il Vietnam domani combatteremo alle Hawaii e la prossima settimana dovremo combattere a San Francisco".

Johnson era anche preoccupato per le elezioni presidenziali previste per novembre 1964. Sapeva benissimo che impegnare le truppe americane in un'altra guerra straniera in un anno elettorale sarebbe stato un suicidio politico e che perdere le elezioni avrebbe segnato la fine delle sue riforme della Great Society.

Durante il Natale del 1963, Johnson avrebbe detto ai comandanti militari e ai falchi della sua amministrazione "fammi eleggere e poi puoi avere la tua guerra".

Sebbene appoggiasse i suoi consiglieri, Johnson ammise di avere dubbi assillanti sulle prospettive militari americane in Vietnam. Ha ripetutamente cercato consigli e rassicurazioni sul fatto che il Vietnam del Nord non fosse in grado di eguagliare l'escalation americana. Anche nel settembre 1964, poche settimane dopo il Incidente nel Golfo del Tonchino, Johnson ha chiesto ai suoi consiglieri se "il Vietnam valeva tutto questo sforzo".

Il punto di vista di uno storico:
“Il rapporto di McNamara ha confermato tutto ciò che LBJ aveva sentito sul sud-est asiatico. Il Laos potrebbe cadere in mano ai comunisti da un giorno all'altro e il governo del Vietnam del Sud potrebbe crollare dall'oggi al domani. Chiaramente, la politica americana lì cadde dal caos verso una catastrofe. Johnson sapeva che prima o poi avrebbe dovuto decidere se gli Stati Uniti sarebbero entrati o usciti. Per Johnson alla fine del 1963, qualsiasi decisione poteva influenzare le elezioni del 1964. Voleva candidarsi e voleva vincere. Ma la domanda era: la guerra in quel "dannato piccolo paese pisciatoio" sarebbe esplosa in un disastro elettorale e avrebbe distrutto la sua intera campagna? "
Frank E. Vandiver

1. Lyndon Baines Johnson era un insegnante diventato politico del Texas. È diventato vicepresidente sotto John F. Kennedy e presidente dopo l'assassinio di Kennedy nel novembre 1963.

2. L'agenda principale di Johnson era la riforma sociale. Sperava di costruire quella che chiamava la Grande Società intraprendendo riforme radicali per sradicare la discriminazione e la povertà.

3. Come altri della sua epoca, anche Johnson era un anticomunista. Era un sostenitore della dottrina Truman, della teoria del domino e della necessità di contenere il comunismo asiatico.

4. Johnson era meno informato sulla politica estera rispetto alle questioni interne. Faceva ampio affidamento su consiglieri militari, che gli assicurarono che una campagna contro il Vietnam del Nord avrebbe avuto successo.

5. Johnson alla fine accettò di intensificare il coinvolgimento militare degli Stati Uniti in Vietnam, anche se non prima delle elezioni presidenziali di novembre 1964.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Lyndon Johnson"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/lyndon-johnson/
Data di pubblicazione: Giugno 20, 2019
Data di accesso: Dicembre 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.