Ieng Sary

ieng sary

Ieng Sary (1925-2013) era un membro fondatore del Khmer rosso e il vice primo ministro e ministro degli esteri di Cambogia tra il 1975 e il 1979. La designazione di Sary nel partito era "Fratello numero tre" dopo Saloth Sar (Pol Pot) e Nuon Chea, sebbene diventasse il suo leader più pubblicamente visibile.

Ieng Sary è nato Kim Trang nel sud del Vietnam, figlio di un padre khmer e madre cinese. All'età di 15, Trang fu adottato da suo zio e trasferito a Phnom Penh. Eccelleva come studente e divenne politicamente attivo, formando un gruppo contrario al colonialismo francese in Cambogia.

Nel 1949 Trang vinse una borsa di studio per studiare a Parigi. Mentre era lì si unì al Partito Comunista Francese, adottò il nome Ieng Sary e iniziò la sua lunga associazione con Saloth Sar. Ha anche sposato Ieng Thirith, una sorella della fidanzata di Saloth Sar e lei stessa una comunista impegnata.

In 1957, Ieng Sary è tornato in Cambogia, ora indipendente dalla Francia e governato da Norodom Sihanouk. Condivideva una casa a Phnom Penh con Saloth Sar e, come Sar, lavorava come insegnante di storia e educazione civica. Sono diventati figure importanti nel partito comunista locale, che si è riformato come il Partito dei Lavoratori della Kampuchea nel 1960 e il movimento rivoluzionario dei Khmer Rossi nel 1968.

Sary ei suoi compagni comunisti fuggirono in basi segrete vicino al confine vietnamita a metà degli anni '1960. Successivamente è tornato a Phnom Penh e ha rappresentato i Khmer rossi nei rapporti con il governo di Sihanouk.

Dopo la vittoria dei Khmer rossi nel 1975, Sary divenne il vice primo ministro e ministro degli esteri della Kampuchea democratica. Era anche il leader e il portavoce più visibile dei Khmer Rossi, a differenza dei più solitari Pol Pot e Nuon Chea. Ieng Sary e la sua famiglia erano famosi per godersi un ambiente confortevole borghese stile di vita a Phnom Penh, nonostante il rifiuto ideologico di queste cose da parte dei Khmer Rossi.

Ieng Sary è fuggito dalla Cambogia dopo l'invasione vietnamita in 1979. Ha vissuto in esilio in Tailandia e ha tentato di far rivivere il Khmer rosso, prima nella sua forma rivoluzionaria e poi come partito parlamentare negli 1990.

In 1996, ha disertato e si è allineato con il primo ministro cambogiano Hun Sen. Sary e sua moglie sono stati arrestati dalle autorità cambogiane in 2007 e accusati di crimini contro l'umanità.

Sary è morto sotto custodia nel marzo 2013 in attesa del processo. Sua moglie Ieng Thirith fu in seguito trovata inadatta al processo a causa della demenza e morì in 2015.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Ieng Sary"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/ieng-sary/
Data di pubblicazione: 5 aprile 2018
Data di accesso: Giugno 26, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.