Il blocco di Berlino

blocco di Berlino
Una famosa immagine dell'Armata Rossa che alza la bandiera sovietica su Berlino in 1945

Il blocco di Berlino fu un tentativo da parte dei leader sovietici e della Germania orientale di affamare il personale alleato fuori da Berlino Ovest nel 1948-49. Lo fecero chiudendo i confini sia con Berlino Est che con la Germania Est, tagliando così le rotte di rifornimento alleate. Gli alleati hanno risposto lanciando il più grande ponte aereo della storia fino a quel momento, effettuando più di XNUMX voli per rifornire Berlino Ovest con milioni di tonnellate di merci.

Perché Berlino?

Quando il regime nazista iniziò a capitolare nel 1945, le truppe americane, britanniche e sovietiche entrarono in Germania e occuparono il territorio conquistato. Insieme alla Francia, formarono il Consiglio di controllo alleato per sostituire il governo nazista e amministrare la Germania del dopoguerra. L'occupazione alleata doveva essere coordinata da un luogo, Berlino, con la città stessa segmentata in zone occupate.

L'Armata Rossa sovietica è stata la prima ad arrivare a Berlino nell'aprile 1945, sollecitando Adolf HitlerIl suicidio e la resa dell'alto comando tedesco. Per due mesi, i generali russi hanno rifiutato di consentire alle truppe alleate di entrare nella capitale. Nel frattempo, l'occupazione sovietica costretta a compiere un'orgia di omicidi, saccheggi e violenze sessuali (ben 400,000 ragazze e donne berlinesi furono violentate dai soldati dell'Armata Rossa).

Il personale militare americano e britannico è entrato nella capitale tedesca a luglio. Secondo i termini di un precedente accordo, il Protocollo di Londra, hanno iniziato a creare zone di occupazione discrete nella città occidentale (Gran Bretagna) e sud-ovest (America). Settimane dopo furono raggiunti dai francesi, che occupavano un piccolo settore nel nord-ovest. I sovietici controllavano quasi tutta la metà orientale di Berlino.

La città devastata

Le forze di occupazione alleate furono scioccate dalla devastazione di Berlino. Dopo più di cinque anni di guerra, carenze, bombardamenti alleati e poi bombardamenti sovietici, l'ex capitale tedesca non aveva quasi mezzi per sostenersi.

La Grande Berlino produceva solo il 87% del suo fabbisogno alimentare; il resto doveva essere spedito dalle zone rurali. Le scorte di cibo erano esaurite e migliaia di berlinesi stavano morendo di fame. Mesi di pesanti bombardamenti avevano distrutto edifici, fabbriche, case e infrastrutture critiche. Tutte le XNUMX reti fognarie di Berlino erano state distrutte, rovinando le scorte di acqua potabile e diffondendo malattie come il tifo e la dissenteria. Ospedali, ferrovie e strade erano stati decimati dai bombardamenti aerei e dal fuoco dell'artiglieria.

Molti berlinesi erano fuggiti da tempo dalla città, temendo l'avanzata delle truppe sovietiche. Questo esodo ha visto la popolazione di Berlino scendere da 4.6 milioni nel 1944 a 2.8 milioni a metà del 1945.

L'enclave alleata

blocco di Berlino
Una mappa che mostra i settori occupati della Berlino del dopoguerra alla fine degli 1940

Le zone di occupazione degli Alleati a Berlino erano enclave nel cuore della Germania orientale occupata dai sovietici. Gli americani, gli inglesi o i francesi non potevano spostare uomini e rifornimenti dentro o fuori Berlino senza attraversare il territorio o lo spazio aereo di proprietà sovietica.

Questa non era una preoccupazione mentre c'era una considerevole buona volontà nelle relazioni sovietico-alleate. Nel 1945 il comandante dell'Armata Rossa, il maresciallo Zhukov, concesse agli alleati il ​​permesso di utilizzare una strada, una ferrovia e una rotta aerea attraverso la zona sovietica. Nei negoziati successivi, agli alleati furono concessi tre corridoi di venti miglia per Berlino, ma questi accordi erano destinati a essere temporanei.

Con il deteriorarsi delle relazioni, tuttavia, la presenza alleata a Berlino divenne fastidiosa per il leader sovietico Joseph Stalin, che aveva erroneamente creduto che gli americani si sarebbero ritirati da Berlino dopo un anno o due.

I sovietici pianificano un'azione

In 1948, Stalin ha incontrato Wilhelm Pieck, suo scagnozzo tedesco nella zona sovietica e futuro presidente della Germania dell'Est. Pieck si è lamentato del fatto che la presenza di americani, inglesi e francesi a Berlino minacciasse di interrompere le elezioni previste per il 1949. "Facciamo uno sforzo comune, allora", gli disse Stalin, "e forse possiamo cacciarli".

Su ordine di Stalin, il regime sovietico in Germania ha lanciato una campagna per frustrare gli alleati fuori Berlino. Le truppe sovietiche iniziarono a fermare i treni alleati per controllare passeggeri e merci, mentre gli aerei russi iniziarono ad entrare nello spazio aereo alleato su Berlino per minacciare gli aerei che volavano dentro o fuori la città.

Le relazioni peggiorarono in modo significativo nell'aprile del 1948, dopo che un caccia sovietico "ronzò" un aereo passeggeri commerciale britannico e lo fece schiantare, uccidendo tutte le 14 persone a bordo. Il 20 giugno, gli alleati hanno emesso una nuova valuta chiamata marco; i sovietici ordinarono che questa nuova valuta non fosse accettata nella sua zona.

Il blocco ha inizio

Quattro giorni dopo, il 24 giugno, le forze sovietiche implementarono un blocco su vasta scala delle zone alleate a Berlino Ovest. I russi chiusero i corridoi terrestri, interrompendo le spedizioni stradali e ferroviarie degli Alleati e rimandandoli ai loro punti di origine. Hanno chiuso strade e servizi a Berlino Ovest, strade chiuse, interrotto linee telefoniche e rifornimenti d'acqua bloccati. Anche le linee elettriche in Berlino Ovest dalle stazioni elettriche nella zona sovietica sono state scollegate.

Alla fine di giugno, i settori alleati di Berlino erano quasi completamente chiusi. Rimasero aperte solo le rotte aeree. Il blocco di Berlino era ora pienamente attuato.

Molti americani ora credevano che rimanere a Berlino fosse insostenibile. Non c'erano opzioni militari disponibili: gli Stati Uniti avevano solo truppe 9,000 di stanza a Berlino e un'altra 110,000 a Bizonia, rispetto a più di un milione di russi nella zona sovietica.

blocco di Berlino
Gli aerei alleati fanno la fila per il carico e il decollo durante il ponte aereo di Berlino

Il ponte aereo alleato

Alla fine di giugno, le zone alleate di Berlino avevano solo cinque settimane di scorte di cibo e sei settimane di carbone rimanenti. I sovietici avevano appena firmato un accordo che garantisce tre rotte di volo in Berlino da Bizonia, quindi un trasporto aereo di cibo, carbone, benzina e macchinari apparve l'unico mezzo di rifornimento.

Un ponte aereo per mantenere Berlino Ovest alimentata e rifornita, tuttavia, sarebbe un compito monumentale. Gli aerei avrebbero dovuto spostare 5,000 tonnellate di rifornimenti al giorno e il più grande aereo cargo americano ne trasportava appena quattro tonnellate. Un ponte aereo richiederebbe migliaia di voli ogni settimana, un'avventura che costa milioni di dollari. C'era anche la possibilità che i sovietici potessero violare il loro accordo del 1945 e attaccare aerei cargo.

Nonostante queste difficoltà, il ponte aereo di Berlino è stato autorizzato…. ed è iniziato nell'ultima settimana di giugno. Alcuni fatti significativi sul ponte aereo includono:

Alcuni fatti significativi sul ponte aereo:

  • Il ponte aereo di Berlino era chiamato in codice Operation Vittles ed era supervisionato dal Generale dell'Aeronautica Militare degli Stati Uniti Curtis LeMay. L'operazione avrebbe utilizzato quasi gli aerei 700 e il personale 12,000 di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Sudafrica.
  • Uno studio condotto dagli alleati ha stabilito che, sulla base di razioni minime, i due milioni di persone di Berlino Ovest hanno richiesto 646 tonnellate di farina e grano, 125 tonnellate di cereali, 64 tonnellate di grasso, 109 tonnellate di carne e pesce, 180 tonnellate di patate, 180 tonnellate. tonnellate di zucchero, 11 tonnellate di caffè, 19 tonnellate di latte in polvere, cinque tonnellate di vero latte per bambini, 144 tonnellate di verdure, 38 tonnellate di sale e 10 tonnellate di formaggio - per un totale di circa 1,540 tonnellate al giorno.
  • Oltre al cibo, il ponte aereo ha spostato più di 1.5 milioni di tonnellate di carbone e quattro milioni di litri di benzina. Tra gli oggetti più insoliti trasportati nel ponte aereo c'erano giganteschi rotoli di carta da giornale per i giornali di Berlino Ovest e due milioni di piantine per sostituire gli alberi distrutti durante la guerra.
  • Il ponte aereo ha coinvolto più di 277,000 voli separati, il primo di questi il ​​26 giugno. In totale, gli aerei alleati hanno volato per più di 92 milioni di miglia, la distanza di oltre 190 viaggi di andata e ritorno sulla Luna. I comandanti alleati hanno regolarmente abbreviato i tempi di varo, le procedure di sicurezza e di ispezione al fine di pilotare più voli di carico. Un generale mirava a raggiungere 1,440 atterraggi a Berlino al giorno - uno per ogni minuto della giornata - un obiettivo finalmente raggiunto nell'agosto 1948.
  • Il ponte aereo era una sfida sia per i piloti che per l'equipaggio. Non solo gli equipaggi erano tenuti a combattere la fatica effettuando diverse sortite ogni giorno, le condizioni erano spesso estremamente difficili. Gli aeroporti di Berlino erano soggetti a nebbia e nuvole basse, mentre l'avvicinamento all'aeroporto di Tempelhof nella zona degli Stati Uniti richiedeva ai piloti di volare tra i grattacieli. Gli aerei venivano spesso caricati fino o appena oltre il limite di carico; questo li rendeva difficili da decollare e manovrare. Venticinque aerei alleati si sono schiantati durante il ponte aereo, uccidendo 70 piloti e l'equipaggio.
  • Il ponte aereo è iniziato lentamente, con una media di appena 90 tonnellate di rifornimenti al giorno nella sua prima settimana. Dopo l'arrivo di nuovi aerei, queste cifre sono salite a 1000 tonnellate al giorno nella seconda settimana. Il tonnellaggio record di un giorno è stato fissato in un periodo di 24 nell'ora di Pasqua 1949 quando gli aerei alleati trasportavano poco meno di 13,000 tonnellate di rifornimenti.
  • I berlinesi occidentali si offrirono di aiutare con lo scarico di aerei atterrati, in cambio di razioni di cibo extra. Man mano che il ponte aereo avanzava, questi equipaggi di volontari divennero molto veloci (a un certo punto, dodici uomini scaricarono un carico di carbone di dieci tonnellate in meno di sei minuti). Ciò consentì rapidi inversioni: alcuni aerei alleati trascorsero a malapena 15 minuti sull'asfalto di Berlino prima di tornare a Bizonia per un'altra corsa merci.
blocco di Berlino
Un fumetto che mette in ridicolo la frustrazione di Stalin al ponte aereo

Risposte pubbliche

La stampa filo-sovietica a Berlino Est ha deriso il ponte aereo alleato come un esercizio inutile, sostenendo che sarebbe fallito entro pochi giorni o settimane.

Invece, il ponte aereo di Berlino, come il Piano Marshall, divenne un'importante vittoria propagandistica per gli Stati Uniti e i suoi alleati. Un poster, prodotto da una compagnia aerea partecipante, salutava il latte come la "nuova arma della democrazia", ​​dichiarando che 2.5 milioni di tedeschi stavano godendo di una vita migliore grazie al trasporto aereo.

Il successo del ponte aereo si è rivelato imbarazzante per l'Unione Sovietica. Nell'aprile 1949, Mosca ha proposto negoziati per porre fine al blocco di Berlino. I sovietici accettarono di riaprire l'accesso alla terra alla città e, a 12.01am il maggio 13th, il primo treno alleato per 11 mesi arrivò nella Germania orientale occupata dai sovietici, raggiungendo Berlino poco prima dell'alba. Gli ascensori continuarono per altre nove settimane, al fine di accumulare un surplus di scorte, prima che alla fine di luglio cessassero definitivamente.

Il punto di vista di uno storico:
“Il contro-blocco occidentale della Germania orientale ... ha danneggiato la zona di occupazione orientale e la posizione sovietica in Germania più di quanto il blocco sovietico abbia danneggiato le zone occidentali. Nella Germania orientale mancavano quantità sufficienti di materiale industriale essenziale come carbone e acciaio, e non esisteva un equivalente del ponte aereo che potesse fornire queste merci necessarie. Francois Seydoux de Clausonne, un consigliere del governo francese sulla Germania, ha ipotizzato che il blocco di Berlino fosse peggio di un fallimento: era un imbarazzo politico per l'Unione Sovietica ".
Roger R. Miller

Berlino della guerra fredda

1. Dopo 1945, la capitale tedesca Berlino fu divisa in zone, occupate da Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e URSS.

2. In 1948, Stalin e il governo della Germania Est decisero di costringere gli Alleati a lasciare Berlino negando l'accesso.

3. Mentre Stalin cercava di farli morire di fame da Berlino, l'Occidente rimase fermo e decise di rifornire i suoi settori per via aerea.

4. Il ponte aereo di Berlino è stata la più grande campagna di approvvigionamento aereo mai tentata, con più di 550,000 voli diversi.

5. Il ponte aereo si è rivelato imbarazzante per l'URSS, che in aprile 1949 ha concordato i negoziati per la riapertura di Berlino. L'accesso alla ferrovia fu infine concesso a 1949 a maggio e i voli di rifornimento continuarono fino a fine luglio 1949.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il blocco di Berlino"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/berlin-blockade/
Data di pubblicazione: 9 settembre 2020
Data di accesso: Luglio 01, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.