Divisioni postbelliche

divisioni postbelliche
Joseph Stalin e Franklin Roosevelt, raffigurati durante la conferenza di Yalta di 1945

Le origini della Guerra Fredda possono essere trovate all'indomani della Seconda Guerra Mondiale. È iniziato con le divisioni del dopoguerra tra l'Unione Sovietica, gli Stati Uniti ei rispettivi alleati. Alle conferenze in tempo di guerra a Yalta e Potsdam, i leader di queste nazioni hanno tentato di costruire un mondo pacifico del dopoguerra, ma questo è stato ostacolato da interessi contrastanti, sfiducia e promesse non mantenute.

Dittatori gemelli

Durante gli 1930, la maggior parte dei politici in Occidente ha visto Germania nazista e la Russia sovietica in termini simili. Mentre il nazismo e il comunismo occupavano le estremità opposte dello spettro politico, entrambe le ideologie erano considerate pericolose e minacciose. Adolf Hitler e Joseph Stalin possono essersi odiati l'un l'altro, ma per l'Occidente erano dittatori speculari, entrambi colpevoli di oppressione politica, brutalità e disprezzo per l'umanità.

Nell'agosto 1939, Hitler e Stalin firmarono un trattato di non aggressione, promettendo di non dichiararsi guerra l'un l'altro per un decennio. Quando le forze di Hitler invasero la Polonia occidentale a settembre, innescando la seconda guerra mondiale, l'Armata Rossa di Stalin stava invadendo e occupando la Polonia da est.

Questo sviluppo terrorizzò gli osservatori occidentali, che temevano che i due dittatori avessero raggiunto un accordo per dividere e conquistare l'Europa. In realtà, il trattato di non aggressione nazista-sovietico era semplicemente una tattica di stallo. Hitler intendeva sempre infrangere il trattato e invadere la Russia e Stalin era consapevole delle sue intenzioni.

L'alleanza imbarazzante

Contro il parere dei suoi generali, il leader nazista ordinò un attacco all'URSS nel giugno 1941. L'invasione nazista spinse Stalin e il suo paese in un'alleanza militare imbarazzante ma strategicamente importante con gli alleati. Entro ottobre 1941, gli Stati Uniti fornivano ai sovietici aiuti militari ai sensi delle disposizioni relative al prestito.

Durante la seconda guerra mondiale, Stalin ha partecipato a diverse conferenze di alto livello con leader americani e britannici. Il primo di questi vertici si è tenuto a Teheran, in Iran, nel novembre-dicembre 1943 e un secondo a Yalta nel febbraio 1945. Ad entrambi i vertici, Stalin condivise il tavolo della conferenza con due uomini che una volta lo avevano insultato come tiranno: Franklin Roosevelt e Winston Churchill.

I loro incontri iniziali furono tesi ma dalla conferenza di Yalta, la comunicazione e la cooperazione tra i cosiddetti "Tre Grandi" avevano raggiunto il suo livello più forte. L'invasione nazista dell'Unione Sovietica si era fermata e poi era fallita e gli sbarchi del D-Day avevano avuto successo. All'inizio del 1945, le forze di Hitler erano a poche settimane dalla sconfitta quando le forze sovietiche e alleate si trasferirono in Germania rispettivamente da est e ovest. A Yalta, i tre leader hanno rivolto la loro attenzione all'organizzazione del mondo del dopoguerra e alla ricostruzione dell'Europa devastata dalla guerra.

Relazioni personali

divisioni postbelliche
I "Tre Grandi": Churchill, Roosevelt e Stalin

Le relazioni personali tra Stalin, Churchill e Roosevelt erano miste. Roosevelt intrattenne relazioni amichevoli con Stalin, almeno superficialmente, ed era ottimista sulla sua capacità di gestire il leader sovietico come alleato.

Consapevole che Roosevelt era in cattive condizioni di salute, Stalin gli diede un caloroso benvenuto a Yalta ed espresse la speranza che un'alleanza USA-Unione Sovietica potesse continuare in tempo di pace: “Voglio bere alla nostra alleanza, che non perda il suo carattere. Propongo un brindisi alla nostra alleanza, che sia forte e stabile ".

Roosevelt ha anche mostrato empatia per le perdite significative subite dall'Unione Sovietica. Più di 20 milioni di russi sono stati uccisi, un altro 25 milioni è stato reso senza tetto, 7 milioni di cavalli uccisi e 65,000 chilometri di linea ferroviaria distrutti. Stalin ha suggerito una cifra di risarcimento di $ 10 miliardi e Roosevelt ha sostenuto la sua richiesta.

Cauto Winston

Non tutti condividevano l'atteggiamento fiducioso di Roosevelt nei confronti di Stalin. Winston Churchill mostrò un certo rispetto e ammirazione per Stalin (una volta osservò in privato che "mi piace quest'uomo") ma le sue opinioni sul comunismo sovietico e sulla praticabilità di un'alleanza postbellica erano costantemente pessimistiche.

Churchill comunicava con Stalin molto meno frequentemente di quanto non fosse Roosevelt. Il primo ministro britannico era cauto nel rivelare troppo alla sua controparte sovietica e i due si scambiavano occasionalmente sarcasmo o jibes. Questa distanza è accennata in fotografie di teleconferenza delle conferenze in guerra, in cui Stalin e Churchill erano di solito separati da Roosevelt.

Per Churchill, allearsi con Stalin per sconfiggere Hitler non era altro che scegliere tra il minore di due mali.

Il futuro della Polonia

divisioni postbelliche
Un cartone animato raffigurante il destino della Polonia

La questione principale sul tavolo a Yalta era il futuro della Polonia. Sia Roosevelt che Churchill erano perfettamente consapevoli che Stalin aveva già attraversato due volte l'Occidente sulla Polonia. Il patto di Stalin con Hitler del 1939 includeva una clausola segreta per dividere il territorio polacco tra la Germania e l'URSS.

A Yalta, Stalin fu piuttosto franco nelle sue discussioni sulla Polonia. Ha ammesso la responsabilità per aver stipulato un patto con Hitler, ma l'ha giustificato spiegando che la Polonia era stata spesso utilizzata come corridoio per gli attacchi alla Russia. Era quindi importante che la Russia avesse una partecipazione nel territorio polacco, disse Stalin, per alleviare i timori di un'invasione da ovest.

Roosevelt e Churchill accettarono questo e accettarono di lasciare che l'Unione Sovietica conservasse la metà orientale della Polonia. In cambio, Stalin ha promesso di consentire elezioni libere in Polonia.

Questo accordo attirò aspre critiche in Gran Bretagna, dove Churchill fu accusato in parlamento di "svendere" i polacchi. La violazione della sovranità polacca aveva innescato la dichiarazione di guerra della Gran Bretagna alla Germania - e ora Churchill l'aveva "contrattata" a Yalta.

Promesse non mantenute

Stalin non aveva intenzione di onorare le sue promesse sulla Polonia. Invece, le forze di occupazione sovietiche in Polonia hanno ritardato le elezioni lì mentre annullavano l'opposizione. Nel marzo 1945, arrestarono 16 leader politici polacchi, condussero un processo farsa a Mosca e li trattennero in un campo di lavoro. Le elezioni polacche non si tennero fino al gennaio 1947, momento in cui gli agenti sovietici avevano progettato una vittoria per i comunisti locali.

Roosevelt si rese presto conto di aver sbagliato a fidarsi del leader russo. Ad aprile 1st 1945, il presidente degli Stati Uniti ha scritto a Stalin una ferma lettera di protesta per la mancanza di sviluppi democratici in Polonia.

"Non posso nasconderti la preoccupazione con cui vedo lo sviluppo degli eventi ... dal nostro fruttuoso incontro a Yalta", ha detto Roosevelt. Ha sottolineato la "scoraggiante mancanza di progresso" nell'attuazione di un governo democratico polacco, e ha detto che "una continuazione sottilmente camuffata dell'attuale regime di Varsavia sarebbe inaccettabile e indurrebbe il popolo degli Stati Uniti a considerare l'accordo di Yalta come avendo fallito ”.

Due settimane dopo Roosevelt era morto, a seguito di un grave ictus provocato da malattie a lungo termine e dall'immenso carico di lavoro di oltre una dozzina di anni alla presidenza.

Conferenza di Potsdam

divisioni postbelliche
Un fumetto che raffigura il compito che devono affrontare i leader europei

I leader alleati si incontrarono di nuovo a Potsdam, in Germania, nel luglio 1945. A questo punto, la situazione era cambiata in modo significativo. La guerra in Europa era finita e la guerra contro il Giappone era nelle sue ultime settimane. Le forze sovietiche occuparono gran parte dell'Europa orientale compresi gli stati baltici, la Polonia, l'Ungheria, la Cecoslovacchia e la Romania. Non c'erano state elezioni libere o programmate in Polonia, che era ancora occupata dalle forze sovietiche.

Anche la leadership delle maggiori potenze alleate era cambiata. Roosevelt era stato sostituito dal suo vicepresidente, Harry Truman, un veterano della prima guerra mondiale senza senso, diventato un negoziante più interessato a contenere il comunismo che un rapporto produttivo con Stalin. Lo stesso Churchill è stato sostituito da Clemente Atlee a metà della conferenza di Potsdam dopo aver perso le elezioni politiche in Gran Bretagna.

Ormai i leader occidentali non avevano illusioni su Stalin, quindi i negoziati a Potsdam erano molto più cauti e moderati.

Tra i termini concordati a Potsdam:
  • La Germania sarebbe occupata dagli Alleati (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Unione Sovietica) in quattro zone distinte, per un periodo di tempo indeterminato. I comandanti militari alleati avrebbero agito come governo nelle rispettive zone.
  • La Germania sarebbe "de-nazificata", smilitarizzata e democratizzata. I membri del partito nazista sarebbero stati rimossi dal governo e dagli uffici pubblici. La Germania alla fine avrebbe riguadagnato la sua sovranità e sarebbe rimasta come un'unica nazione.
  • Le forze armate tedesche sarebbero ridotte, mentre le fabbriche e gli impianti in grado di produrre armamenti sarebbero decostruiti o convertiti in modo permanente ad altri usi. L'economia tedesca sarebbe convertita all'agricoltura e all'industria leggera, con la produzione e le esportazioni strettamente controllate dagli Alleati. Il ripristino delle istituzioni democratiche in Germania è stato identificato come un obiettivo a lungo termine.
  • I confini della Germania verrebbero ridisegnati, lasciando il suo 25 per cento più piccolo rispetto a 1937. Le nazioni europee precedentemente annesse dalla Germania, come Austria e Cecoslovacchia, sarebbero state restituite ai loro popoli originari e i cittadini tedeschi che vivevano in quelle aree sarebbero stati trasferiti in Germania.
  • Anche i confini della Polonia verrebbero ridisegnati. I sovietici manterrebbero il controllo del territorio polacco conquistato in 1939, mentre porzioni considerevoli della Germania orientale furono date alla Polonia. L'intera nazione polacca, in effetti, fu spostata a ovest. Gli alleati hanno riconosciuto una coalizione di partiti a Varsavia come governo ufficiale della Polonia.
  • Con la Russia nel disperato bisogno di risorse, Stalin ha richiesto enormi riparazioni di guerra dalla Germania. La conferenza di Potsdam ha convenuto che gli Alleati dovrebbero ricevere riparazioni di guerra per un totale di $ 20 miliardi. Queste riparazioni verrebbero prese dalle rispettive zone di occupazione, sotto forma di beni e macchinari.

sommario

Le conferenze di Yalta e Potsdam hanno messo in luce le divisioni fondamentali del dopoguerra che hanno contribuito allo sviluppo della Guerra Fredda.

Stalin voleva una sfera di influenza sovietica nell'Europa orientale, apparentemente per proteggere la Russia da un attacco occidentale. Il leader sovietico voleva dividere e paralizzare la Germania in modo che non potesse mai più minacciare il suo paese; voleva anche enormi riparazioni dalla Germania per aiutare a ricostruire l'URSS devastata dalla guerra.

Gli americani e gli inglesi erano incerti su cosa fare con la Germania del dopoguerra, ma volevano che le nazioni europee avessero sistemi politici e governi basati sull'autodeterminazione e sui principi democratici.

Stalin era un abile negoziatore e non poteva essere preso in parola. Aveva una fondamentale sfiducia nei confronti dei leader occidentali ed era paranoico riguardo alle loro intenzioni nei confronti della Russia. Stalin fece promesse che non aveva intenzione di mantenere, principalmente per guadagnare tempo per stabilire regimi controllati dai sovietici e stati satelliti nell'Europa orientale.

Questa invasione sovietica costituì il primo campo di battaglia per la guerra fredda: l'Europa divisa per Cortina di ferro.

Il punto di vista di uno storico:
“Alla fine, [Churchill] sapeva bene che quando aveva a che fare con il tiranno sovietico aveva a che fare con il" diavolo "e che il sistema sovietico era vile. Qui sta la differenza cruciale tra Churchill e Franklin Roosevelt. Churchill si dimostrò disponibile durante la guerra a negoziare accordi geopolitici con i sovietici, ma Roosevelt rifiutò questo approccio e ambiziosamente mirò più in alto. Sperava di addomesticare e civilizzare il "diavolo" sovietico per adottare il modo americano. “Churchill”, come sosteneva in modo persuasivo Patrick Glynn, “... comprendeva la natura essenziale del regime sovietico e di Stalin. Roosevelt, qualunque siano le sue altre virtù e capacità, non l'ha mai fatto "."

Wilson Miscamble

guerra fredda postbellica

1. Prima della seconda guerra mondiale, i leader alleati vedevano Joseph Stalin come un dittatore malevolo, in una vena simile a quella di Adolf Hitler. Il patto di non aggressione nazista-sovietico (1939) ha solo confermato queste paure.

2. In 1941 gli Alleati stipularono un'improbabile alleanza con Stalin. I leader alleati si occuparono di lui durante le conferenze a Teheran (1943 di dicembre), Yalta (1945 di febbraio) e Potsdam (1945 di luglio).

3. L'organizzazione dell'Europa del dopoguerra è stata discussa in queste conferenze. A Yalta, Stalin promise di consentire elezioni libere in Polonia, a condizione che l'URSS conservasse vaste aree della Polonia orientale.

4. Stalin rinnegò questa promessa. Con la morte di Roosevelt, ciò portò a maggiori sospetti sui motivi sovietici. Di conseguenza, la conferenza di Potsdam si è svolta con un tono meno conciliante.

5. La conferenza di Potsdam ha portato a termine l'occupazione e la divisione postbellica della Germania, così come il futuro della Polonia, ma le tensioni, l'animosità e la sfiducia emerse durante questi negoziati in tempo di guerra hanno contribuito allo sviluppo della Guerra Fredda.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Divisioni del dopoguerra"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/post-war-divisions/
Data di pubblicazione: 5 settembre 2020
Data di accesso: 29 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.