George Bush

George Bush (1924-2018) era un diplomatico americano, direttore dell'intelligence e politico. È ricordato come vice presidente di Ronald Reagan e, in seguito, il presidente 41st degli Stati Uniti.

George Bush

George Herbert Walker Bush è nato in un ricco sobborgo di Boston. Suo padre Prescott Bush era un banchiere milionario che in seguito prestò servizio al Senato degli Stati Uniti. Bush è stato educato in prestigiose scuole private, dove eccelleva nei suoi studi e nelle attività co-curriculari. In 1942 si unì alla Marina degli Stati Uniti e all'età di 18 divenne il suo pilota più giovane. Bush prestò servizio con distinzione nel teatro del Pacifico durante la seconda guerra mondiale, facendo decine di missioni di combattimento contro i giapponesi.

Dopo la guerra, Bush si iscrisse a Yale, laureandosi in economia in 1948. Bush ha trascorso i prossimi anni 15 lavorando nel settore petrolifero, fondando una compagnia petrolifera e diventando autonomamente ricco. Bush è entrato in politica in 1964, presentandosi come candidato repubblicano e conquistando un posto alla Camera dei rappresentanti. In 1970 ha rinunciato al seggio alla Camera per candidarsi al Senato, sebbene ciò non abbia avuto successo.

Bush era stato un sostenitore di Richard Nixon, che lo ha nominato ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite in 1971. Bush in seguito è stato inviato diplomatico in Cina e direttore della Central Intelligence Agency (CIA).

In 1980, Bush ha fatto una corsa per la presidenza. Fu sconfitto nelle primarie repubblicane da Ronald Reagan, tuttavia, in seguito Reagan scelse Bush come suo compagno di corsa. Come vicepresidente, all'inizio Bush ha mantenuto un profilo basso. Successivamente è diventato un portavoce di Le politiche della guerra fredda di Reagan, in particolare in America Latina, negoziando aiuti americani ai leader di El Salvador e Nicaragua. Sebbene non sia mai stato così popolare tra il pubblico americano come Reagan, Bush ha guadagnato abbastanza rispetto per vincere la presidenza a novembre 1988.

George Bush
George Bush e Boris Eltsin durante un vertice sulle armi in 1993

La Guerra Fredda stava cominciando a finire quando Bush entrò alla Casa Bianca nel gennaio 1989. Bush continuò i buoni rapporti di Reagan e i vertici regolari con il leader sovietico Mikhail Gorbachev, pur mantenendo il sostegno ai movimenti anticomunisti all'estero. Ha evitato interventi o commenti significativi sul crollo dei governi socialisti in Europa, preferendo non aggravare Mosca. A luglio 1991, Bush e Gorbachev hanno firmato il Trattato di riduzione delle armi strategiche, o START I, uno dei trattati sulle armi più significativi della guerra fredda.

Dopo lo scioglimento dell'Unione Sovietica, Bush ha sviluppato un rapporto di lavoro con il presidente russo Boris Yeltsin. I due uomini si incontrarono a febbraio 1992 e in seguito dichiararono che la guerra fredda era finita. Durante la sua presidenza Bush ha dispiegato anche forze statunitensi in Kuwait, per respingere un'invasione irachena ordinata da Saddam Hussein.

Nonostante i suoi successi in politica estera, l'amministrazione Bush non è stata in grado di affrontare i problemi economici interni. Di conseguenza, ha perso le elezioni presidenziali del 1992 contro il candidato democratico Bill Clinton. Il suo figlio maggiore, George W. Bush, in seguito è stato governatore del Texas (1995-2000) e due mandati come presidente degli Stati Uniti (2001-2009).

Bush è morto a dicembre 2018, all'età di 94.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "George Bush"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/george-bush/
Data di pubblicazione: October 8, 2018
Data di accesso: 17 Maggio 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.