Cassanyes descrive l'esecuzione di Robespierre (1794)

Jacques-Joseph Cassanyes (1758-1843) era un politico francese e, successivamente, un cronista della Rivoluzione francese. Nato a Roussillon, vicino al confine con la Spagna, Cassanyes entrò in un seminario per addestrarsi al sacerdozio, ma in seguito abbandonò il suo a favore della medicina. In 1790 divenne sindaco di Canet e due anni dopo fu eletto alla Convenzione nazionale. Repubblicano per natura, Cassanyes ha votato per l'abolizione della monarchia e l'esecuzione di Luigi XVI e prestò servizio nell'esercito nel suo sud nativo. Cassanyes era contraria Maximilien Robespierre e partecipato a il suo rovesciamento nel luglio 1794. Questo resoconto della macabra esecuzione di Robespierre proviene dalle memorie di Cassanyes:

“Il 10 Termidoro, alle quattro del pomeriggio, la sinistra processione si è mossa fuori dal cortile del Palazzo di Giustizia. Nessuna folla di tali dimensioni era mai stata vista a Parigi. Le strade erano intasate di gente. Spettatori, uomini e donne di tutte le età, riempivano ogni finestra e gli uomini erano saliti sui tetti. C'era un tripudio universale unito alla furia popolare. L'odio a lungo soppresso contro questi criminali ora esplose con una forza raddoppiata. Tutti applaudirono selvaggiamente e sembravano dispiaciuti di non poter fare di più.

La maggior parte degli osservatori fissava lo sguardo sul carro su cui stavano cavalcando Robespierre, suo fratello, Attenzione e Henriot. Queste misere creature erano tutte mutilate e coperte di sangue. Sembravano una banda di briganti che i gendarmi avevano sorpreso nella foresta e non erano in grado di arrestare senza infliggere loro gravi ferite.

Sarebbe difficile descrivere l'aspetto di Robespierre. Il suo viso era avvolto in una benda di lino sporco e macchiato di sangue; i suoi lineamenti erano orribilmente sfigurati. Un pallore pallido lo rendeva ancora più ripugnante. Teneva gli occhi rivolti verso il basso e quasi chiusi; se ciò fosse dovuto al dolore delle sue ferite o alla consapevolezza delle sue malefatte, non si può dire.

Poco prima di arrivare sul luogo dell'esecuzione, Robespierre è stato scosso dal suo letargo da una donna che si è fatta strada tra la folla e si è precipitata al carro che trasportava questo cannibale. Ha afferrato il binario del carrello con una mano e con l'altra ha minacciato Robespierre, dicendo “Mostro vomitato dall'inferno. Il pensiero della tua punizione mi inebria di gioia ”. Robespierre aprì gli occhi e la guardò tristemente mentre diceva: "Va ', malfattore, scendi nella tua tomba portando le maledizioni delle mogli e delle madri di Francia!"

Quando il carro ebbe raggiunto il piede dell'impalcatura, i carnefici portarono giù il tiranno e lo distesero incline fino al suo turno di esecuzione. Mentre i suoi complici venivano decapitati, Robespierre sembrava non notarlo; tenne gli occhi chiusi e non li aprì finché non fu portato sul ponteggio. Alcuni dissero che quando vide lo strumento della morte, emise un sospiro di dolore, ma prima di morire dovette sopportare un'amara sofferenza. Dopo aver buttato giù il cappotto, il boia strappò all'incirca la benda e la stecca che il chirurgo gli aveva fatto ferire. Questo scioglieva la mascella inferiore dalla mascella superiore e faceva scorrere il sangue nei torrenti.

La testa del disgraziato non era più che un oggetto di orrore e repulsione. Quando alla fine fu staccato dal suo corpo e il carnefice lo tenne per i capelli per mostrarlo al popolo, presentò uno spettacolo indescrivibilmente orribile. Così morì la più feroce delle bestie selvagge, il criminale più mostruoso che la natura abbia mai concepito. Nei due giorni seguenti, altri 83 ribelli furono messi a morte, principalmente membri del Comune o loro complici fuorilegge ".

responsabile dell'esecuzione
Una rappresentazione visiva dell'esecuzione di Robespierre, pubblicata in Gran Bretagna su 1799