Luigi XVI

Chi fu responsabile della rivoluzione francese? Poni questa domanda a qualcuno con una comprensione rudimentale della storia e delle probabilità che si chiamino re Luigi XVI (1754-1793). 

luigi xvi
Luigi XVI, l'ultimo re di Francia prima della rivoluzione

Come molti altri monarchi alla vigilia della rivoluzione, Louis e sua moglie Marie Antoinette hanno assunto gran parte della colpa per la sofferenza e i disordini nel loro paese. Il re francese è stato variamente descritto come debole e vacillante, disonesto e disinteressato, politicamente apatico, indifferente ai bisogni del popolo francese, sotto l'incantesimo di ministri corrotti e sotto il pollice della moglie prepotente.

Mentre non c'è dubbio che la leadership e il giudizio politico di Louis fossero carenti, è semplicistico e ingiusto attribuire la rivoluzione ai suoi soli errori. Il re non era un intellettuale o un visionario, ma non era nemmeno sconsiderato o stupido. In un'epoca più stabile, avrebbe potuto diventare un abile sovrano del vecchio regime. Con un giudizio migliore, avrebbe potuto supervisionare la transizione della Francia a una monarchia costituzionale. Invece, Louis si è trovato in una situazione fuori dal suo controllo e forse oltre la sua comprensione.

vita in anticipo

Il futuro Luigi XVI nacque a Versailles nell'agosto 1754. Era il secondo figlio di Louis, Delfino di Francia, e della moglie tedesca Maria Josepha.

Al momento della sua nascita, Louis era il terzo in linea di successione al trono, dietro suo padre e suo fratello maggiore. Per questo motivo, il giovane principe fu messo da parte e non addestrato per i doveri reali. Louis era comunque uno studente forte, eccellendo in storia e lingue. Avido cacciatore come suo nonno Luigi XV, il principe ha studiato anche fabbro come hobby utile.

La vita di Luigi cambiò nel 1760, quando la tubercolosi reclamò il fratello maggiore (1761) e suo padre (1765), lasciando il principe di 10 anni come erede al trono borbonico.

Matrimonio con Maria Antonietta

Cinque anni dopo, Louis stipulò un matrimonio combinato con Maria Antonietta, una principessa austriaca di 14 anni. L'unione è stata orchestrata da suo nonno, Luigi XV, e dalla potente madre della sposa, Maria Teresa, per garantire un'alleanza duratura tra Francia e Austria.

I primi maldestri tentativi di fare l'amore di Louis e Antonietta furono disastrosi, a causa del giovane principe che soffriva di un prepuzio allungato che rendeva le erezioni dolorose e il rapporto sessuale quasi impossibile. Louis subì un intervento chirurgico per correggere questo problema, ma Antonietta non concepì un figlio fino a otto anni dopo il loro matrimonio.

luigi xvi
Il ritratto dell'incoronazione di Luigi XVI in 1774

Nel maggio 1774, Luigi XV morì e suo nipote salì al trono, all'età di 19.

Il giovane Luigi XVI era moderatamente intelligente, consapevole delle sue responsabilità reali e attento alla necessità di una forte leadership, ma si dimostrò un re mediocre, facendo eccessivo affidamento sui suoi consiglieri e mostrando un interesse insufficiente per gli affari di stato. 

Louis preferiva le sue regolari attività per il tempo libero alla lettura di dispacci, alla consulenza di ministri o alla riflessione sulla politica. Era anche un uomo fortemente religioso che adorava quotidianamente e cercava il consiglio del clero superiore, sia per gli affari personali che per le questioni di governo.

Poco dopo essere salito al trono, Luigi seguì i consigli ministeriali e aristocratici e ripristinò il potere del parlements, le alte corti il ​​cui potere fu abolito da Luigi XV dopo aver bloccato le sue riforme legislative. Questo confronto si sarebbe ripetuto durante il regno di suo nipote.

La crisi finanziaria

re louis xvi
Una moneta francese di 1789, con la somiglianza di Luigi XVI

La rivoluzione francese è stata precipitata da una crisi finanziaria. Luigi XVI governava uno degli imperi più potenti del mondo, ma governava anche una nazione soffocata dal debito, dalla cattiva gestione fiscale e da un sistema di tassazione corrotto e iniquo. 

Ministri competenti hanno dato al re buoni consigli su come correggere i problemi finanziari della Francia. Ha saggiamente accettato gran parte di questo consiglio, tuttavia, i tentativi di riforma sono stati bloccati da nobili ostinati nel parlements della scuola e il Assemblea dei notabili. In 1788, la crisi finanziaria divenne una crisi politica quando il re fu costretto a convocare un Stati Generali, L'equivalente più vicino alla Francia di un parlamento nazionale.

Né Louis né i suoi ministri prevedevano le sfide politiche che si prospettavano. Il re ha avviato gli Stati Generali nel maggio 1789, sperando di far passare alcune riforme fiscali, ma i delegati che rappresentano il Terza proprietà aveva altri piani, invocando uno scontro su diritti di voto, rappresentanza e potere nazionale.

A un mese di distanza dalle tenute generali, il re perse il figlio maggiore a causa della tubercolosi. Entro un altro mese, aveva ceduto il suo assolutismo alla nuova Assemblea Nazionale.

Prigioniero della rivoluzione

Da questo punto, il destino di Luigi XVI è stato legato agli eventi della rivoluzione. Il re avrebbe potuto conservare sia il suo trono che la sua vita se avesse compreso la rivoluzione, accettato la sua inevitabilità e mostrato un giudizio appropriato. Invece, si è aggrappato alla speranza sbagliata che i cambiamenti operati dalla rivoluzione potessero essere ridotti al minimo o addirittura invertiti.

Con il progredire della rivoluzione, Louis passò dal leader politico al prigioniero politico. Ad ottobre 1789, una folla violenta assalì la famiglia reale a Versailles e costrinse il re a trasferirsi a Parigi. Ha promesso lealtà al nuovo stato e alla sua costituzione, tuttavia, gli attacchi del governo rivoluzionario alla chiesa e emigrato i nobili alienarono il re, che credeva che le cose fossero andate troppo oltre. 

Nel giugno 1791, Louis e la sua famiglia hanno quasi abbandonato il nuovo regime tentando di fuggire da Parigi. Arrivarono fino a Varennes, dove furono arrestati e tornarono sotto scorta nella capitale. I politici moderati cercarono di recuperare la posizione del re, ma il suo tradimento aveva portato la gente comune di Parigi in una frenesia repubblicana.

luigi xvi
Rappresentazione artistica della famiglia reale agli arresti a Varennes, giugno 1791

L'ultimo atto del regno di Luigi iniziò nell'agosto 1792, quando una folla di Parigi sciamò nel suo palazzo alle Tuileries, massacrando soldati e costringendo il re a rifugiarsi nel Assemblea legislativa.

Ultimi giorni da monarca

Sotto l'assedio del popolo, l'Assemblea non ebbe altra alternativa che sospendere il re e dissolversi. Il governo è passato a Convenzione nazionale, che abbandonò la costituzione 1791, abolì la monarchia e iniziò una repubblica francese.

Quanto all'ex re, trascorse le sue ultime settimane nel Tempio, una fortezza nella periferia nord di Parigi, mentre i deputati della Convenzione discutevano del suo destino. Alla fine del 1792 avevano deciso di mettere il re sotto processo, non davanti a un tribunale indipendente ma davanti alla Convenzione stessa. È stata una mossa straordinaria di dubbia legalità, ma non c'era modo di esaminarla o contestarla.

Il processo di Louis è iniziato a dicembre ed è durato cinque settimane. L'ex re ed i suoi avvocati hanno difeso fermamente le accuse mosse dalla Convenzione, ma il verdetto di colpevolezza era probabilmente una conclusione scontata.

Louis Capet, come era conosciuto allora, fu dichiarato colpevole il 17 gennaio 1793 e giustiziato quattro giorni dopo. Rapporti contemporanei suggeriscono che sia andato alla morte con coraggio, ma il coraggio, a differenza del buon senso, non è mai stata una qualità che a Louis mancava nella vita.

Il punto di vista di uno storico:
“È facile vedere come gli storici siano riusciti a trasformare quest'uomo davvero molto mediocre in un eroe, un incompetente, un martire o un colpevole: questo re onorevole, con la sua natura semplice, mal adattato al ruolo che doveva assumere e la storia che lo attendeva ... Per quanto riguarda le qualità personali, Luigi XVI non era il monarca ideale per personificare il crepuscolo della regalità nella storia di Francia: era troppo serio, troppo fedele ai suoi doveri, troppo parsimonioso, troppo casto e, in la sua ultima ora, troppo coraggiosa. "
François Furet

rivoluzione francese louis

1. Luigi XVI fu re di Francia da maggio 1774 fino alla sua esecuzione a gennaio 1793. La rivoluzione francese si dispiegò sotto il suo dominio e alla fine lo fece cadere dal potere.

2. Alla nascita, Louis era terzo in linea con il trono francese. È diventato erede dopo la morte di suo padre e suo fratello maggiore. In 1770 ha sposato la principessa austriaca Marie Antoinette, un matrimonio combinato per scopi politici.

3. Il Delfino divenne re Luigi XVI in 1774, invecchiato 19. Sebbene intelligente e pronto ad accettare i consigli, si dimostrò un re piuttosto mediocre, mostrando scarso interesse per la politica, i dettagli o la statualità.

4. L'incapacità di Louis e dei suoi ministri di portare avanti le riforme fiscali in 1788 portò il re ad accettare di convocare gli Stati Generali, che a loro volta scatenarono una sfida al suo assoluto potere politico.

5. Dal 1789 il destino del re fu determinato dagli eventi della rivoluzione. Finì virtualmente prigioniero a Parigi, e il suo tentativo nel giugno 1791 di fuggire dalla città segnò la fine della monarchia costituzionale. Il re fu rimosso dal potere nell'agosto 1792, mandato in giudizio a dicembre e giustiziato nel gennaio 1793.

Rivoluzione francese fonti club

Lo storico Hilaire Belloc sul carattere e la personalità di Luigi XVI (1911)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Luigi XVI"
Autori: John Rae, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/louis-xvi/
Data di pubblicazione: 5 Maggio 2017
Data di accesso: 17 settembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.