La rivoluzione americana

rivoluzione americana
Lafayette era un collegamento tra la rivoluzione americana e quella francese

Le idee rivoluzionarie francesi furono influenzate dai sistemi politici e dalle esperienze di altre nazioni. La più significativa di queste influenze fu la Rivoluzione americana. Finendo proprio mentre le tensioni rivoluzionarie in Francia stavano crescendo, la Rivoluzione americana fornì ai francesi sia una preziosa fonte di idee rivoluzionarie sia un esempio pratico di come avrebbe potuto svolgersi una rivoluzione moderata e di successo.

Gli americani si ribellano

Nel 1775, dopo un decennio di tensioni e controversie sulla tassazione e sulla rappresentanza politica, le 13 colonie britanniche nell'America settentrionale orientale si ribellarono e dichiararono la propria indipendenza dalla madrepatria. Dopo otto anni di guerra, le colonie americane emersero vittoriose. Formarono una repubblica indipendente chiamata Stati Uniti d'America. Questa nuova nazione è stata fondata su tre documenti: una dichiarazione di indipendenza, una costituzione e una carta dei diritti.

La rivoluzione americana divenne un esempio per coloro che cercavano il cambiamento in Francia. Fornì ai riformatori un esempio pratico di rivoluzione riuscita che portò alla creazione di un nuovo stato fondato sui valori dell’Illuminismo. Ha anche facilitato la diffusione delle idee rivoluzionarie in Francia.

Ironia della sorte, il re di Francia Luigi XVI e il suo governo aveva sostenuto attivamente la rivoluzione americana, fornendo ai ribelli americani aiuti finanziari e sostegno militare. I contributi della Francia alla guerra rivoluzionaria americana esercitarono una pressione ancora maggiore sul tesoro nazionale e contribuirono a facilitare la crisi fiscale degli anni ottanta del Settecento.

I francesi nel Nord America

La Francia aveva i propri interessi nel Nord America, che risalgono al 1500, quando i colonizzatori francesi tentarono una serie di insediamenti falliti lungo la costa orientale. I francesi alla fine presero piede nel nord (l'odierna Terranova) e nel sud (Louisiana, dal nome del re Luigi XIV).

I coloni francesi nel Nord America prosperarono e verso la metà del 1700 occuparono vaste aree del continente, compresa la costa meridionale, le valli dei fiumi Mississippi e Ohio, i Grandi Laghi e la metà orientale dell’odierno Canada. Collettivamente, questi possedimenti erano conosciuti come Nuova Francia. Gli inglesi, al contrario, possedevano una porzione di territorio molto più piccola, una serie di 13 piccole colonie raggruppate lungo la costa orientale.

Con i coloni britannici e francesi che vivevano nelle immediate vicinanze, le tensioni in America erano spesso elevate. Ogni volta che la Gran Bretagna e la Francia entravano in guerra in Europa, come fecero diverse volte nel XVII e XVIII secolo, i loro coloni in America seguirono l’esempio.

rivoluzione americana
Una mappa che mostra i possedimenti coloniali francesi in Nord America, 1750 ca.

Cambiamenti a metà del 1700

L'equilibrio di potere nel Nord America cambiò radicalmente dopo la sconfitta della Francia nella Guerra dei Sette Anni (1756-1763, conosciuta in America come Guerra franco-indiana). Come conseguenza di questa sconfitta e dei negoziati sul trattato che seguirono, la Francia cedette la maggior parte del suo territorio nordamericano alla Gran Bretagna. Il governo francese trascorse i successivi 15 anni desiderando vendetta e il recupero delle sue ex colonie.

Gli inglesi non erano esenti da problemi. I costi sostenuti per condurre la Guerra dei Sette Anni spinsero il governo britannico a indebitarsi considerevolmente. L'acquisizione da parte della Gran Bretagna di nuovi e vasti territori nel Nord America portò con sé nuovi costi e obblighi per la gestione degli insediamenti, dell'amministrazione e della difesa.

A Londra, i ministri britannici hanno deciso di compensare queste nuove spese restringendo il commercio estero e la riscossione di dazi su importazioni ed esportazioni. Impongono inoltre una nuova tassa, l’imposta di bollo, sulle colonie britanniche nel Nord America. Sebbene all’epoca fossero considerate minori, si trattava di politiche di cui il governo britannico avrebbe vissuto fino a pentirsi.

Dalle proteste alla guerra

rivoluzione americana
Il Boston Tea Party (1773) è stato un evento cruciale nella rivoluzione americana

I coloni americani, avendo vissuto un secolo in relativo isolamento dalla Gran Bretagna, risentirono dell’imposizione di tasse e restrizioni commerciali britanniche. Per giustificare la loro opposizione alla politica britannica, gli americani si rivolsero alla teoria politica e alle idee illuministiche.

La tassazione senza rappresentanza politica era illegale, sostenevano. Poiché nessun americano sedeva nel parlamento britannico, il parlamento non aveva il diritto di tassare gli americani. Anche tassare i cittadini senza rappresentanza e violare il loro diritto al libero scambio era in conflitto con la dottrina dei diritti naturali di John Locke.

L'opposizione alla politica britannica iniziò con dibattiti e critiche accese, ma presto si trasformò in inadempienza, sfida, confronto e atti di violenza. Nel dicembre del 1773, i ribelli di Boston, nel Massachusetts, assaltarono le navi britanniche e gettarono in mare una fortuna di tè di proprietà privata. Londra rispose a questo vandalismo intenzionale con misure punitive, tra cui la chiusura del porto di Boston e l’imposizione di un governo militare nel Massachusetts.

Gli americani indignati iniziarono a mobilitarsi per difendersi dall’aggressione britannica e nel giro di 18 mesi la Gran Bretagna e le sue ex colonie erano in guerra. Il 4 luglio 1776, i rivoluzionari americani, attraverso la penna di Thomas Jefferson, dichiararono la loro indipendenza con una commovente sintesi di idee e valori illuministi:

“Quando nel corso degli eventi umani, diventa necessario che un popolo dissolva le fasce politiche che li hanno collegati con un altro… dovrebbero dichiarare le cause che li spingono alla separazione. Riteniamo che queste verità siano evidenti: che tutti gli uomini sono creati uguali, che sono dotati dal loro Creatore di certi diritti inalienabili, che tra questi [diritti] ci sono la Vita, la Libertà e la ricerca della Felicità. Che per garantire questi diritti, i governi vengono istituiti tra gli uomini, che derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati. [E] ogni volta che una qualsiasi forma di governo diventa distruttiva di questi fini, è diritto del popolo modificarla o abolirla. "

La rivoluzione affascina la Francia

Gli eventi in America affascinarono la Francia. Quelli con una mentalità politica Saloni ei club brulicavano di notizie di eventi attraverso l'Atlantico. Rivoluzionari americani come Benjamin Franklin (già idolatrato in Francia per le sue scoperte scientifiche), Thomas Jefferson e George Washington divennero nomi familiari. Tratti rivoluzionari americani Filosofi come Jefferson e Thomas Paine sono stati cercati e studiati con entusiasmo.

Anche il governo francese si è rallegrato degli eventi avvenuti in America, anche se per ragioni politiche piuttosto che ideologiche. Luigi XVI e i suoi ministri si rallegrarono delle difficoltà incontrate dai loro rivali britannici. Se l’autorità britannica nel Nord America crollasse, alla Francia potrebbe essere offerta l’opportunità di riconquistare le sue ex colonie.

A corto di soldi, munizioni e potere navale, i rivoluzionari americani fecero pressioni su Versailles per un'alleanza militare. Il re ei suoi ministri inizialmente resistettero a queste chiamate. Invece, hanno fornito silenziosamente ai rivoluzionari americani aiuti finanziari e supporto logistico.

coinvolgimento francese

rivoluzione americana
Lafayette (a destra) e George Washington a Valley Forge

Nei primi tre anni della guerra rivoluzionaria americana, dozzine di ufficiali militari e nobili francesi viaggiarono all'estero per prestare servizio come volontari con gli americani. Le loro motivazioni per farlo erano diverse. Alcuni si ispirarono alle idee della Rivoluzione Americana; alcuni erano giovani ufficiali desiderosi di un assaggio di battaglia; altri erano soldati più esperti desiderosi di vendetta contro gli inglesi.

Il più famoso di questi volontari era Gilbert du Motier, il Marchese de Lafayette. Figlio di un colonnello ucciso in battaglia, Lafayette seguì il suo defunto padre nell'esercito e divenne ufficiale di cavalleria.

Nel 1777, Lafayette ignorò gli ordini dei suoi superiori e salpò per l'America, dove gli era stato promesso un grado di generale, nonostante fosse ancora adolescente. Nel settembre 1777, il giovane francese lavorava come aiutante di George Washington, il comandante in capo dell'esercito continentale americano.

Lafayette si comportò bene in battaglia e gli fu assegnato il comando della divisione. Divenne amico intimo di Washington, che secondo alcuni storici arrivò a considerare Lafayette come un figlio adottivo.

“Mentre [Lafayette] si proponeva di conquistare la gloria sul campo di battaglia, lo 'spirito americano' si è impresso nella sua mente e lo ha reso un campione della causa, trasformando questo giovane e prestigioso rampollo della nobiltà francese in una figura centrale di pensiero liberale e riformista prima della rivoluzione. Già dalla sua prima visita in America, è diventato un entusiasta sostenitore della parità di diritti e un paladino dello spirito civico dimostrato dai cittadini americani ".
François Furet, storico

Alleanza militare

Tra il 1776 e il 1777, Versailles resistette alle richieste di allearsi con gli americani e dichiarare guerra alla Gran Bretagna. L'esitazione del governo era comprensibile: gran parte della marina francese era in fase di ristrutturazione, il tesoro era a corto di fondi e le prospettive di una vittoria americana non erano chiare.

Un trionfo americano nella battaglia di Saratoga (ottobre 1777) fu tuttavia un punto di svolta nella guerra e convinse il re francese a impegnarsi ulteriormente. La Francia firmò un'alleanza militare con gli stati americani nel febbraio 1778 e dichiarò guerra alla Gran Bretagna il mese successivo.

Nei primi due anni dell'alleanza, il contributo militare della Francia si limitò al supporto navale. Ciò si è rivelato cruciale, tuttavia, perché ha negato il dominio della Gran Bretagna sui mari. Un gran numero di truppe francesi sbarcarono infine in America nel 1780. Le truppe francesi sotto il conte Rochambeau giocarono un ruolo importante nell'assedio di Yorktown (ottobre 1781), l'ultima grande battaglia della guerra rivoluzionaria americana.

Il trattato per porre fine alla guerra rivoluzionaria fu firmato a Parigi nel settembre 1783.

Impatto sulla Francia

Politicamente, la Francia ha guadagnato poco dal suo coinvolgimento nella rivoluzione americana. Il re e i suoi ministri speravano di riconquistare almeno parte del loro territorio coloniale in America, ma i loro interessi furono minati dagli americani, che avviarono trattative segrete con gli inglesi prima dell’inizio dei negoziati del trattato. Per questo motivo, gli unici guadagni della Francia in America furono l'isola caraibica di Tobago e il Senegal nell'Africa occidentale.

Dal punto di vista finanziario, lo sforzo bellico francese fu finanziato con prestiti nuovi o rifinanziati piuttosto che con nuove tasse. Il costo di questo coinvolgimento ha superato il miliardo libero e lasciò al tesoro francese un onere di interessi ancora maggiore.

Ideologicamente, le élite francesi salutarono la Rivoluzione americana come una vittoria degli ideali illuministi sul dispotismo del vecchio mondo. Lo "spirito dell'America" ​​riempiva i club e Saloni. Uomini come Lafayette, Washington e Jefferson furono celebrati come campioni di un ordine moderno emergente.

Gli Stati Uniti appena formati divennero un modello per i riformatori francesi. Le idee politiche del Illuminismo – I diritti naturali di Locke, la sovranità popolare di Rousseau, la separazione dei poteri di Montesquieu – un tempo erano state astrazioni politiche, poco più che idee contenute nei libri. La nascita degli Stati Uniti ha dimostrato che queste idee potrebbero effettivamente funzionare nella pratica e servire da modello per il governo moderno.

rivoluzione francese rivoluzione americana

1. La rivoluzione americana (1775-1783) fu iniziata dai coloni britannici nell'America settentrionale orientale, che cercavano la libertà e l'indipendenza dal controllo imperiale britannico.

2. È iniziata come una disputa politica sul diritto della Gran Bretagna di imporre tasse ai suoi coloni in America. I coloni si opposero, citando le idee illuministiche e il diritto alla rappresentanza politica.

3. Molti nobili ed élite francesi rimasero affascinati da questi eventi. Sebbene le loro motivazioni non fossero sempre ideologiche, molti ufficiali militari francesi si offrirono volontari per arruolarsi e combattere con gli americani.

4. La Francia fornì sostegno finanziario agli americani e, nel 1778, dichiarò guerra anche alla Gran Bretagna. Il coinvolgimento della Francia nella guerra d'indipendenza americana costerebbe più di un miliardo libero.

5. Il successo della rivoluzione americana ha fornito ispirazione ai riformisti francesi. Ha dimostrato che la rivoluzione potrebbe avere successo e che le idee ei valori dell'Illuminismo potrebbero essere usati come base di un nuovo sistema politico.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La rivoluzione americana"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/american-revolution/
Data di pubblicazione: 27 settembre 2019
Data di aggiornamento: 7 Novembre 2023
Data di accesso: 24 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.