Un diario della principessa del volo per Varennes (1791)

La principessa Marie-Thérèse (1778-1851) era la figlia maggiore di Luigi XVI e Marie Antoinette. Durante la Rivoluzione francese, Marie-Thérèse visse con la sua famiglia a Versailles e nelle Tuileries. Dopo il esecuzione di suo padre, la giovane principessa fu imprigionata con sua madre e le sorelle più giovani nel tempio. Rimase lì per quasi tre anni, ignara del destino della sua famiglia. Marie-Thérèse fu rilasciata nel dicembre 1795 e fuggì dalla Francia, vivendo in esilio in Austria e Russia. In seguito sposò suo cugino, il duca di Angoulême, che divenne lui stesso re di Francia, anche se solo per pochi minuti. Il seguente racconto della famiglia reale Volo 1791 di giugno da Parigi e arresto a Varennes proviene dal diario della principessa di 12 anni:

“Per tutto il 20 giugno 1791 mio padre e mia madre sembravano molto occupati e molto agitati, ma non ne conoscevo il motivo. Dopo cena, hanno mandato me e mio fratello in un'altra stanza e si sono chiusi da soli con mia zia. Da allora ho saputo che è stato allora che hanno comunicato a mia zia la loro intenzione di scappare.

Alle cinque mia madre portò me e mio fratello ... a Tivoli, la casa di monsieur Boutin in fondo al Chaussee d'anton. Mentre camminavo lì, mia madre mi prese da parte e mi disse di non allarmarmi, qualunque cosa potesse accadere, che non saremmo mai stati separati a lungo e che presto ci saremmo incontrati di nuovo. La mia mente era confusa e non capivo cosa intendesse ...

Alle sette siamo tornati a casa e io mi sono ritirato nel mio appartamento, molto malinconico ... Ero appena a letto quando è arrivata mia madre; aveva desiderato che mandassi via tutti con la scusa di essere indisposto e che tenessi con me una sola donna. Ha detto a me ea questa donna che dovevamo partire immediatamente e ci ha detto come procedere ...

Alle dieci e mezzo, quando fummo tutti pronti, mia madre stessa ci condusse alla carrozza in mezzo al cortile, che si stava esponendo a un grande rischio ... Per ingannare che qualcuno potesse seguirci, girammo per diverse strade [poi ] tornò al Little Carousel, che è vicino alle Tuileries. Mio fratello dormiva profondamente in fondo alla carrozza, sotto le sottovesti di Madame de Tourzel. Abbiamo visto passare Monsieur Lafayette, che era stato a casa di mio padre. Rimanemmo lì ad aspettare un'ora intera, ignari di quello che stava succedendo. Il tempo non è mai apparso così noioso ...

Poco dopo è arrivato mio padre e poi mia madre, con una delle guardie del corpo che doveva accompagnarci. Abbiamo quindi proceduto e raggiunto la barriera senza alcun evento. Là era stata preparata una carrozza da viaggio ... Continuammo tutti il ​​nostro viaggio, il giorno che cominciava a sorgere.

Durante la mattinata non è successo niente di particolare ... A Etoges pensavamo di essere conosciuti. Alle quattro siamo passati da Chalons-sur-Marne, una grande città; lì eravamo sicuramente conosciuti. Diverse persone hanno ringraziato Dio per il piacere di aver visto il Re ed hanno espresso la loro ansia per la sua fuga ... Alla fine della giornata, siamo passati per Clermont ... Un ufficiale ha riconosciuto mio padre e, avvicinandosi alla carrozza, gli ha sussurrato che è stato tradito ...

Abbiamo continuato il nostro viaggio ... Eravamo ora all'ingresso del villaggio di Varennes, che contiene appena un centinaio di case ... Quando siamo entrati nel villaggio, abbiamo sentito grida allarmanti di 'Stop! Fermare!'

I postiglioni [autisti di pullman] furono sequestrati e in un attimo la carrozza fu circondata da una grande folla, alcuni armati e altri luminosi. Ci hanno chiesto chi fossimo e abbiamo risposto alla signora de Korff e alla sua famiglia. Si affidano alle luci della carrozza, vicino al viso di mio padre, e hanno insistito perché scendessimo. Abbiamo risposto che non l'avremmo fatto, che eravamo viaggiatori comuni e avevamo il diritto di salire. Ripetevano l'ordine di scendere, pena la morte, e in quel momento tutti i loro fucili furono puntati sulla nostra carrozza.

Scendemmo quindi e mentre attraversavamo la strada, sei dragoni a cavallo ci superarono. Sfortunatamente, non avevano un ufficiale con loro; se ci fosse stato, sei uomini risoluti li avrebbero intimiditi tutti e avrebbero potuto salvare il re ".

varenne 1791
Una rappresentazione stilizzata della famiglia reale, vestita in incognito, riconosciuta e arrestata a Varennes, 1791