Il cessate il fuoco 1994

1994 cessate il fuoco
I nazionalisti di Belfast celebrano la notizia del cessate il fuoco di 1994

Nel mese di agosto 31st 1994, il Esercito repubblicano irlandese provvisorio ha sbalordito il mondo annunciando un cessate il fuoco condizionale. Questo cessate il fuoco non è durato indefinitamente: è stato infranto nel 1996 da devastanti bombardamenti a Londra e Manchester. Tuttavia, l'IRA provvisoria, una volta impegnata per la vittoria assoluta, ora sembrava disposta a considerare una pace negoziata.

sommario

Dopo una campagna di violenza e terrore di 25, i leader provvisori dell'IRA hanno promesso di abbassare le braccia e cercare la pace attraverso negoziati politici. In un comunicato di cinque paragrafi, il gruppo repubblicano ha annunciato una "completa cessazione delle operazioni militari" al fine di "migliorare il processo democratico".

La notizia del cessate il fuoco ha innescato celebrazioni nelle aree cattoliche dell'Irlanda del Nord, anche se i lealisti sono rimasti scettici. "La lotta non è finita", leader dello Sinn Fein Gerry Adams ha detto ai media, "la lotta è entrata in una nuova fase".

Sei settimane dopo, i gruppi paramilitari lealisti hanno seguito l'esempio e ha annunciato il proprio cessate il fuoco.

"Armalite e urne elettorali"

Il percorso verso un cessate il fuoco dell'IRA è stato instabile. Il movimento per una pace negoziata era cresciuto costantemente attraverso gli 1980 e i primi 1990. Molti nell'Irlanda del Nord si erano stancati della violenza, delle perturbazioni e della paura vissute da civili e bambini su base quasi quotidiana.

I cambiamenti erano in corso anche all'interno dell'IRA provvisoria. I "Provos" si sono evoluti durante gli anni '1980, optando per la strategia politica oltre che per l'azione paramilitare. Scioperante della fame Bobby SandsL'elezione alla Camera dei Comuni britannica nell'aprile 1981 fu una vittoria propagandistica per l'IRA provvisoria.

Nei mesi successivi, i suoi leader hanno abbracciato una strategia combinata politico-paramilitare, soprannominata "l'Armalite e le urne". È stato un percorso difficile perché il Partito Socialdemocratico e Laburista non violento (SDLP) aveva riempito il vuoto politico.

Nel mese di novembre 1983, Gerry Adams è stato eletto presidente dello Sinn Fein. Nel 1986, la conferenza del partito dello Sinn Fein ha votato per porre fine all'astensionismo totale prendendo posto nel Oireachtas (Parlamento irlandese). Questa decisione ha innescato uno sciopero e la formazione di un partito scheggiato chiamato repubblicano Sinn Fein.

Influenze internazionali

1994 ha reinserito i principali reincendi
Il primo ministro britannico John Major (a sinistra) e irlandese Taoiseach Albert Reynolds

Alcuni volti nuovi sulla scena internazionale hanno avuto un ruolo significativo. A novembre 1990, Margaret Thatcher rassegnato le dimissioni da primo ministro britannico, espulso dai membri del suo stesso partito; Thatcher è stato sostituito dal più moderato John Major. Nella Repubblica d'Irlanda, controverso Taoiseach Charles Haughey è stato sostituito da Albert Reynolds nel mese di febbraio 1992. E a novembre di quell'anno, Bill Clinton fu eletto presidente degli Stati Uniti.

Major e Reynolds conoscevano già i loro precedenti portafogli finanziari e il loro lavoro nell'Unione europea. Come leader nazionali, hanno discusso su come gettare le basi per un accordo di pace riuscito per porre fine ai problemi.

Un'altra figura significativa è stata il leader di SDLP John Hume. In 1988 Hume ha tenuto incontri segreti con Gerry Adams, sottolineando ad Adams la necessità di negoziati pacifici e un certo grado di compromesso.

L'accordo di Downing Street

Nella primavera di 1993, Hume e Adams hanno rinnovato i loro colloqui, questa volta agli occhi del pubblico. In aprile hanno pubblicato un dichiarazione congiunta affermando il loro desiderio di un "accordo pacifico e democratico per tutti su quest'isola". Anche Major e Reynolds ripresero le loro discussioni. Questi colloqui sono culminati con l'inaugurazione del Accordo di Downing Street, poco prima di Natale 1993.

L'accordo di Downing Street affermava diversi principi importanti. Ha convenuto che la pace nell'Irlanda del Nord era sotto la responsabilità di Belfast, Londra e Dublino (associazione); ha insistito sul fatto che il futuro status dell'Irlanda del Nord potrebbe essere modificato solo dalla maggioranza della sua popolazione (autodeterminazione); richiedeva inoltre che i partecipanti ai colloqui di pace respingessero la violenza e posassero le armi (cessate il fuoco):

“I governi britannico e irlandese ribadiscono che il raggiungimento della pace deve comportare la fine permanente dell'uso o del sostegno alla violenza paramilitare. Confermano che, in queste circostanze, i partiti democraticamente incaricati che stabiliscono un impegno per metodi esclusivamente pacifici e che hanno dimostrato di rispettare il processo democratico sono liberi di partecipare pienamente alla politica democratica e di unirsi al dialogo a tempo debito tra governi e partiti politici in cammino ".

L'accordo di Downing Street ha sfidato il potere dei gruppi paramilitari dell'Irlanda del Nord. Mantenere la loro campagna armata escluderebbe gruppi come l'IRA dal processo di pace e li considererebbe guerrafondai.

Risposte contrastanti

Le risposte all'accordo di Downing Street sono state contrastanti. Un sondaggio del quotidiano Guardian alla fine di 1993 ha suggerito che 56 per cento delle persone nell'Irlanda del Nord, principalmente cattolici e nazionalisti, ha appoggiato l'accordo.

I protestanti e gli unionisti erano più divisi. Il moderato Ulster Unionist Party (UUP) ha criticato alcuni elementi dell'accordo, ma ha comunque accettato le sue disposizioni. Al contrario, il partito democratico sindacalista (DUP) ha respinto del tutto l'accordo.

Il prestanome del DUP Ian Paisley ha definito l'accordo di Downing Street un '"ora oscura di tradimento" e ha detto al maggiore che aveva "venduto l'Ulster per comprare la diabolica feccia repubblicana". Il governo di Major ha cercato di alleviare le preoccupazioni unioniste, assicurando loro che l'IRA non avrebbe partecipato fino a quando non avesse disattivato le sue armi. Queste assicurazioni sono cadute per lo più nel vuoto.

La violenza continua nel 1994

1994 cessate il fuoco
L'IRA e il mortaio improvvisato attaccavano l'aeroporto di Heathrow

L'IRA provvisoria aveva anche dei dubbi sull'accordo di Downing Street, che non soddisfaceva alcuna richiesta repubblicana. I provvisori si rifiutarono di disarmare e continuarono la loro campagna militare, sebbene con cautela e selettività.

Nel marzo 1994, i volontari dell'IRA provvisorio hanno attaccato le piste dell'aeroporto di Heathrow, lanciando una dozzina di mortai improvvisati, che non sono riusciti a esplodere. A giugno, il Esercito di liberazione nazionale irlandese (INLA) ha ucciso tre membri dell'Ulster Volunteer Force (UVF) a Belfast.

L'UVF lealista si è vendicato uccidendo un tassista cattolico, poi sparando a sei persone che guardavano una partita della Coppa del Mondo in un pub del Loughinisland. Questi omicidi tit-for-tat sono continuati fino a luglio.

Redazione di un cessate il fuoco

Nonostante questi incidenti, molti repubblicani credevano di poter ottenere di più al tavolo dei negoziati che con sporadici atti di violenza.

Ad agosto 31st 1994, mentre i leader provvisori dell'IRA stavano redigendo il documento dichiarazione di cessate il fuoco, Membri dell'UVF hanno ucciso a colpi di arma da fuoco Sean McDermott, un civile cattolico di 37 anni di Antrim. Anche questo non ha fermato il cessate il fuoco, che è stato annunciato poche ore dopo l'omicidio di McDermott ed è entrato in vigore a mezzanotte quella notte.

I leader politici hanno accolto con favore la volontà dell'IRA di dare la priorità al negoziato rispetto all'uccisione, sebbene fossero guardinghi nel loro ottimismo. "Siamo oltre l'inizio", ha detto John Major, "ma non siamo ancora in vista della fine".

Il tipico bellicoso Paisley ha definito il cessate il fuoco dell'IRA "un insulto alle persone che hanno massacrato perché non c'era espressione di rimpianto". I politici hanno invitato i gruppi paramilitari lealisti a seguire l'esempio e ad annunciare il proprio cessate il fuoco. Lo hanno fatto in modo promettente ottimista dichiarazione fatta sei settimane dopo.

1994 cessate il fuoco Paisley
Ian Paisley si rivolge ai lealisti durante il cessate il fuoco dell'IRA

Un periodo di calma

Il cessate il fuoco 1994 si è tenuto per quasi 18 mesi. Ci sono state solo nove vittime di omicidi motivati ​​politicamente durante questo periodo, la maggior parte dei quali cattolici uccisi per spaccio di droga o in faida interna.

Nel marzo 1995, la situazione nell'Irlanda del Nord si era abbastanza allentata per una visita della regina Elisabetta II. A maggio, a Gerry Adams è stato concesso un visto per viaggiare negli Stati Uniti, a riprova del fatto che ora è stato preso sul serio come politico.

Le tensioni settarie sono emerse di nuovo durante la stagione delle marce del 1995, alimentate dalla marcia dell'Ordine degli Orange attraverso Portadown fino a Drumcree. Il percorso tradizionale portava i manifestanti lungo Garvaghy Road, un'area prevalentemente cattolica. Il disordine e le rivolte sono scoppiate quando la polizia, cercando di prevenire uno scontro, ha impedito all'Ordine di Orange di prendere questa strada. È stato raggiunto un compromesso e ai manifestanti è stato permesso di procedere, anche se senza musica o rumore. La situazione si è ripetuta nel 1996 con ancora più violenza e l'omicidio di un tassista cattolico.

Il cessate il fuoco crolla

L'IRA provvisorio ha rotto il suo cessate il fuoco a febbraio 1996. Questa fu una risposta al crescente settarismo e al fatto che Sinn Fein fu escluso dai negoziati di pace fino a quando l'IRA non si disarmò.

Il 9th di febbraio, i provvisori hanno fatto esplodere un'enorme bomba di camion nei Docklands di Londra. Un avvertimento era stato telefonato in 90 pochi minuti prima, ma due persone ancora indugiate nell'area erano state uccise. Il danno a edifici e infrastrutture è stato enorme, stimato in oltre £ 140 milioni.

Il 15th di giugno, una bomba di camion ancora più grande è stata fatta esplodere in Corporation Street, nel centro di Manchester. Il danno derivante da questa esplosione è stato stimato fino a £ 700 milioni.

I provvisori tornarono anche ad attaccare soldati britannici e ufficiali del Royal Ulster Constabulary (RUC) nell'Irlanda del Nord. I paramilitari lealisti hanno risposto in natura. Un totale di persone 36 sono state uccise in violenze legate ai problemi tra febbraio 1996 e luglio 19th 1997, quando l'IRA provvisoria ha dichiarato il suo secondo cessate il fuoco.

ira cessate il fuoco punti chiave 1994

1. L'IRA provvisoria ha subito una trasformazione negli anni '1980, adottando la strategia "Armalite e le urne" che combinava l'azione paramilitare con la partecipazione politica.

2. Le basi per il cessate il fuoco dell'IRA nel 1994 furono gettate da una serie di colloqui tra Gerry Adams, John Hume, il nuovo primo ministro britannico John Major e il leader irlandese Albert Reynolds.

3. A dicembre 1993 Major e Reynolds hanno svelato l'accordo di Downing Street, delineando una serie di principi tra cui partenariato, autodeterminazione e un cessate il fuoco paramilitare.

4. Con Sinn Fein ora disposto a negoziare, l'IRA provvisoria ha annunciato un cessate il fuoco condizionato in agosto 1994. I gruppi paramilitari lealisti seguirono l'esempio sei settimane dopo.

5. I provvisori hanno ritirato il cessate il fuoco all'inizio del 1996 dopo l'esclusione dello Sinn Fein dai colloqui. Hanno lanciato una serie di attacchi mortali con bombe prima di ripristinare il cessate il fuoco nel luglio 1997.

fonti di cessate il fuoco dell'ira

Memo TUAS dell'IRA sulla strategia nazionalista durante il processo di pace (1994)
L'IRA provvisoria dichiara un cessate il fuoco indefinito (agosto 1994)
I gruppi paramilitari lealisti dichiarano un cessate il fuoco (ottobre 1994)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il cessate il fuoco del 1994"
Autori: Rebekah Poole, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/northernireland/1994-ceasefire/
Data di pubblicazione: 16 settembre 2020
Data di accesso: 06 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.