Gli eserciti bianchi

eserciti bianchi
Soldati dell'esercito bianco dell'ammiraglio Kolchak in Siberia, 1919

Gli eserciti bianchi (noti anche come 'Guardie Bianche' o 'Bianchi') erano gruppi controrivoluzionari che hanno partecipato al Guerra civile russa. Questi eserciti bianchi hanno combattuto contro il bolscevico Red Army per il controllo della Russia. La loro efficacia politica e militare è stata ostacolata da una leadership divisa, motivi disparati e incapacità di offrire speranza per il futuro.

Un gruppo eterogeneo

A differenza dei bolscevichi, gli eserciti bianchi non condividevano una singola ideologia, metodologia o obiettivo politico. Erano guidati da generali conservatori o moderati e leader politici che avevano programmi diversi e usavano metodi diversi.

Per la maggior parte, questi eserciti bianchi operavano indipendentemente l'uno dall'altro con poca coordinazione o coesione. Anche la composizione e la struttura di comando degli eserciti bianchi variavano. Alcuni erano pieni di veterani incalliti della prima guerra mondiale, altri di volontari più recenti.

Queste differenze e divisioni, unite alla loro incapacità di ottenere il sostegno popolare, hanno impedito agli eserciti bianchi di vincere la guerra civile.

formazione

Milizie anti-bolsceviche e unità militari furono formate in modo frammentario a metà del 1918, spinte dalla rivolta della Legione ceca. Ciò è avvenuto a casaccio senza pianificazione o coordinamento. Le unità sono state spesso formate spontaneamente in risposta a condizioni locali, eventi o azioni bolsceviche. Divennero noti come i bianchi, un termine generico che descriveva qualsiasi gruppo o milizia contraria a Lenin e al suo governo.

Il colore bianco era tradizionalmente associato alla monarchia Romanov, l'implicazione era che i bianchi fossero monarchici. Questo non era sempre vero. Un gran numero di repubblicani, liberali, democratici e socialisti non bolscevichi hanno combattuto con o al fianco delle forze controrivoluzionarie bianche.

Neanche i Bianchi erano sempre volontari. Come l'Armata Rossa, diversi eserciti bianchi riempirono i loro ranghi arruolando contadini nelle aree che controllavano.

Leadership

eserciti bianchi
Il generale Anton Denikin, leader dei bianchi nella Russia meridionale

La maggior parte delle forze bianche erano guidate da ex comandanti zaristi di varia abilità e competenza. Il famigerato generale Kornilov era al comando di una forza bianca nella Russia meridionale prima della sua morte prematura nell'aprile 1918. Il suo successore, il generale Anton Denikin, ha tentato un assalto a Mosca nel 1919, prima di essere respinto verso la Crimea.

Era anche a capo di un esercito bianco nel sud Pyotr Wrangel, un illustre veterano della prima guerra mondiale che aveva raggiunto il grado generale nel 1917.

Wrangel si è dimostrato un leader più paziente e perspicace di Denikin. Mentre Denikin voleva porre l'assedio a Mosca, Wrangel preferì aspettare fino a quando le sue forze non potessero collegarsi con l'Ammiraglio Alexander Kolchakl 'esercito a est. A differenza della maggior parte dei suoi colleghi generali bianchi, Wrangel era anche un amministratore capace, che riconosceva la necessità del sostegno pubblico.

Kolchak: dittatore siberiano

Kolchak era un ufficiale navale di carriera ed esploratore polare che divenne il leader dittatoriale della Siberia controllata dai bianchi. Le forze anti-bolsceviche istituirono un governo di coalizione in Siberia nel 1918, prima che Kolchak fosse insediato come leader a seguito di un colpo di stato britannico.

Kolchak assunse rapidamente i poteri dittatoriali e divenne la cosa più vicina che la Russia aveva a uno "zar bianco". Ha promesso di cacciare i bolscevichi dal potere, tuttavia, la sua campagna si è estesa anche ai socialisti non bolscevichi, migliaia dei quali sono stati assassinati durante il governo di Kolchak.

Nel marzo 1919, l'esercito di Kolchak iniziò una spinta verso ovest nel territorio controllato dai bolscevichi, avanzando fino a Kazan e Samara. Tuttavia, l'offensiva si esaurì e alla fine fu respinta.

Alla fine del 1919, Kolchak era estremamente impopolare, sia con i russi sotto il suo governo che con i governi stranieri che lo avevano sostenuto. Nel gennaio 1920, fu tradito e consegnato ai bolscevichi locali a Irkutsk. È stato interrogato e giustiziato dal plotone di esecuzione.

Bianchi nel nord della Russia

Il generale Nikolai Yudenich, il più anziano dei comandanti militari bianchi, controllava l'esercito bianco nella Russia nord-occidentale. Veterano dell'esercito da 40 anni, Yudenich stava conducendo operazioni contro l'Impero Ottomano nel Caucaso quando scoppiò la rivoluzione. È stato costretto al pensionamento da Alexander Kerensky e trascorse gran parte del 1918 nascondendosi dai bolscevichi.

Alla fine del 1918, Yudenich era ricomparso per assumere il controllo delle forze anti-bolsceviche lungo la costa baltica. Supportato e incoraggiato dagli inglesi, Yudenich lanciò un attacco a Pietrogrado nell'ottobre 1919.

Con gran parte dell'Armata Rossa occupata in Siberia e nella Russia meridionale, l'offensiva di Yudenich ebbe quasi successo, arrivando a poche miglia dalla capitale. Tuttavia, le sue forze non riuscirono a ottenere il controllo delle ferrovie, il che consentì ai bolscevichi di portare rapidamente rinforzi dal sud.

Yudenich e il suo esercito furono respinti negli Stati baltici. Lo stesso generale in seguito fuggì dalla regione, i suoi bagagli sarebbero stati riempiti con grandi quantità di denaro fornito da governi stranieri.

Bianchi in propaganda

eserciti bianchi
Un poster bianco che mostra la lotta contro il "mostro bolscevico"

Questi generali bianchi furono spesso derisi o derisi nella propaganda sovietica. L'accusa più comune era che fossero agenti anti-russi o che fossero stati corrotti dai governi capitalisti di Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti. Un fumetto di Viktor Deni, Cani di guerra, mostra Denikin, Kolchak e Yudenich controllati da un guinzaglio brandito da queste potenze straniere.

Gli stessi Bianchi erano accaniti creatori di propaganda politica, sebbene non fosse così prolifica o efficace come il materiale bolscevico.

La propaganda bianca si è basata pesantemente sugli orrori del Red Terror, le Cheka e comunismo di guerra. Descriveva il movimento bolscevico come sanguinario, antireligioso e distruttivo.

Parte della propaganda bianca attingeva anche agli odi e ai pregiudizi tradizionali, in particolare l'antisemitismo. Il commissario di guerra bolscevico Leon Trotsky era un obiettivo particolare di questo.

Perché i bianchi hanno fallito?

Nel 1921, la maggior parte degli eserciti bianchi si erano sciolti, sconfitti o dispersi nel caos. Il fallimento dei Bianchi e dei loro comandanti può essere riassunto in tre punti.

In primo luogo, per tutta la durata della guerra civile, le forze bianche furono divise, geograficamente separate e incapaci o riluttanti a coordinare i loro sforzi. A volte i generali bianchi lavoravano insieme, ma per la maggior parte operavano in modo autonomo e con i propri programmi. Questa disunione e mancanza di coordinamento si sono rivelate militarmente fatali.

In secondo luogo, i bianchi non sono riusciti a offrire ai russi una valida alternativa al regime bolscevico. Per tutta la guerra civile, non era chiaro quale tipo di governo avrebbe potuto avere la Russia se i bianchi fossero stati vittoriosi. Leader come Kolchak hanno promesso il ripristino del Assemblea costituente ma le loro stesse azioni erano tutt'altro che democratiche.

Mancanza di speranza e visione

Leader bianchi, sembrava non offrisse una visione chiara per il futuro. I bolscevichi sono stati in grado di sfruttare questo con buoni risultati. La propaganda bolscevica ha evidenziato le origini zariste di molti comandanti bianchi, suggerendo che un regime bianco avrebbe restituito la Russia allo zarismo o qualcosa di simile.

Terzo, gli eserciti bianchi spesso trattavano i russi ordinari in modo spaventoso. Molti comandanti bianchi facevano affidamento sulle stesse tattiche brutali - coscrizione, requisizione di grano, coercizione e terrore - delle loro controparti bolsceviche. Spesso c'era poco da distinguere tra il governo rosso e bianco, portando molti russi a non sostenere nessuno dei due.

Il punto di vista di uno storico:
“La natura della guerra civile significava che l'autorità bianca in quelle parti della Russia non controllate dai bolscevichi rimase tenue, per non dire effimera. La capacità dei generali di massimizzare il potenziale di risorse di regioni spesso vaste è rimasta pietosamente debole e dipendeva in gran parte dai partiti non bolscevichi e principalmente di sinistra per fornire i quadri necessari per l'amministrazione ".
Marco Levene

eserciti bianchi russia

1. Gli eserciti bianchi erano forze anti-bolsceviche che hanno partecipato alla guerra civile russa.

2. A parte la loro opposizione ai bolscevichi, gli eserciti bianchi avevano poco in comune e presentavano composizione, leadership e metodi diversi.

3. I comandanti dell'esercito bianco erano per lo più ex generali zaristi che assumevano il controllo delle forze anti-bolsceviche in particolari regioni.

4. Gli eserciti bianchi fallirono principalmente a causa della loro incapacità o riluttanza a comunicare e coordinare, il che significa che le loro forze erano divise.

5. Anche gli eserciti bianchi non sono riusciti a fornire un'alternativa politica ai bolscevichi, promettendo poco o niente altro che la loro rimozione. Anche molti comandanti e ufficiali bianchi hanno ripristinato gli stessi metodi e la coercizione usati dall'Armata Rossa e da CHEKA, il che li ha resi impopolari tra i locali.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Gli eserciti bianchi"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/white-armies/
Data di pubblicazione: 15 Agosto 2019
Data di accesso: 06 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.