Storiografia della rivoluzione russa

storiografia della rivoluzione russa
La rivoluzione russa è spesso descritta come una rivoluzione del popolo, ma fino a che punto era vero?

La rivoluzione russa è un evento fondamentale nella storia moderna. Insieme con il Rivoluzione Francese in 1789, la rivoluzione russa è diventata una delle rivoluzioni più studiate, analizzate e interpretate. I suoi eventi hanno modellato non solo la Russia ma il futuro dell'Europa e del mondo. Per questo motivo, la storiografia della Rivoluzione russa è un campo ampio con punti di vista diversi e spesso contraddittori.

Domande chiave

La storiografia della rivoluzione russa è dominata da diverse questioni o domande. La rivoluzione era inevitabile, come alcuni hanno affermato, o era una risposta alle condizioni in Russia? In che misura le rivoluzioni del 1905 e del 1917 ebbero il sostegno popolare? Nel caso di Rivoluzione d'ottobre, è stata una rivoluzione popolare o semplicemente un colpo di stato opportunistico? Quanto successo ebbe la nuova società creata da Vladimir Lenin e bolscevichi? Hanno soddisfatto i loro problemi e risolto i problemi e le disuguaglianze della Russia e, in caso contrario, cosa li ha fermati?

Una buona parte del dibattito storiografico sulla rivoluzione russa dipende dalla legittimità della rivoluzione di ottobre. Lenin e i bolscevichi avevano il diritto di prendere il potere dal Governo provvisorio ad ottobre 1917?

Il governo provvisorio era esso stesso non eletto ma aveva compiuto alcuni passi verso la formazione e l'attuazione di un governo democratico. Lenin, riferendosi a marxista teoria e citando il sostegno al Soviet di Pietrogrado, i bolscevichi agivano per conto delle classi lavoratrici.

Gli storici hanno formulato opinioni diverse sulla presa del potere bolscevica. La maggior parte delle prospettive conservatrici o liberali lo condannano come a colpo di stato, una presa di potere illegale effettuata da un piccolo gruppo di radicali senza alcuna autorità legittima o sostegno popolare. 

Richard Pipes, ad esempio, attribuisce la Rivoluzione d'Ottobre alle azioni e alle manipolazioni di Lenin. Secondo Pipes, Lenin era la fonte più significativa di disordini ed era un avventuriero che sfruttò il disordine del 1917 per dirottare il potere.

Le storie ufficiali sovietiche e molti storici di sinistra, al contrario, indicano i fallimenti del governo provvisorio. Sostengono che la Russia era pronta per una seconda rivoluzione in 1917 e che Lenin era giustificato nel prendere il potere per conto dei sovietici.

La rivoluzione ha fallito perché il socialismo è un'ideologia imperfetta?

storiografia della rivoluzione russa
Un grafico che mostra quattro importanti storici della rivoluzione russa

La storiografia liberale-conservatrice afferma che la rivoluzione russa fallì perché la sua ideologia era profondamente imperfetta. A storici come Pipes, Robert Service e Martin Malia sostengono che il socialismo è un sistema innaturale e insostenibile destinato a fallire.

I problemi della nuova società in Russia sono stati causati non solo da errori o eccessi umani, ma da un'irregolabile ideologia bolscevica. Il socialismo marxista-leninista ebbe un trascurabile sostegno da parte del popolo russo, quindi la sua attuazione richiedeva ai bolscevichi di usare il terrore e la coercizione.

Un numero considerevole di russi, come ad esempio kulaki ei commercianti del mercato nero, si aggrappavano ad aspetti del capitalismo - denaro, profitto, proprietà e mercato - anche quando il nuovo regime aveva messo fuori legge queste cose.

L'ordine economico del socialismo russo non incentivava né i contadini né i lavoratori, mentre i valori sociali promossi dal socialismo bolscevico erano estranei alla maggior parte dei russi. Il governo sovietico ebbe scarso sostegno e nessuna base morale, quindi arrivò a fare affidamento su coercizione e violenza per mantenere il potere e far passare i cambiamenti politici.

I contadini sostennero o si opposero alla rivoluzione?

Secondo lo storico americano di origine russa Vladimir Brovkin, la rivoluzione di ottobre fu essenzialmente una rivoluzione nelle città. I bolscevichi furono in grado di impadronirsi e mantenere il potere perché i contadini offrivano pochissima resistenza.

I contadini russi erano, per la maggior parte, apatici per questioni di governo e politica. Molti contadini hanno sostenuto le politiche di riforma agraria del Socialist-Revolutionaries (SRs) e ha votato di conseguenza alle elezioni per la Duma e il Assemblea costituente. Eppure i contadini non avevano una vera lealtà nei confronti degli SR o di qualsiasi altra parte, dimostrata dalla loro mancanza di risposta quando i bolscevichi chiusero l'Assemblea costituente.

La maggior parte dei contadini russi erano insulari e resistenti a tutto ciò che disturbava le loro comunità. Non piacevano al governo nazionale e ai suoi burocrati; erano resistenti agli estranei e alle nuove idee.

Durante i primi mesi del governo bolscevico, ci furono pochi problemi tra il nuovo regime ei contadini. La situazione cambiò quando i bolscevichi introdussero il comunismo di guerra nel 1918. Requisizione del grano, guerra di Lenin contro l'accaparramento kulaki che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Joseph StalinLe politiche di collettivizzazione agricola degli anni '1930 portarono il regime sovietico in conflitto con i contadini.

La Russia ha modernizzato e industrializzato troppo rapidamente per il suo bene?

Il diplomatico e storico americano George Kennan credeva che la rivoluzione russa fosse stata provocata dalla modernizzazione. Secondo Kennan, decenni di crescita economica in Russia non sono stati accompagnati da riforme sociali o modernizzazioni politiche, che hanno portato a squilibri, disordini e rivoluzioni.

Le politiche di Sergei Witte durante gli 1890 è iniziato Industrializzazione russa e alimentò la rapida espansione di due classi: la classe lavoratrice industriale e la classe media professionale. Entrambe queste classi avevano un notevole potenziale rivoluzionario: i lavoratori cercavano condizioni migliori mentre la classe media richiedeva una maggiore rappresentanza politica.

L'autocrazia zarista non era abbastanza intelligente da prevedere questi cambiamenti, né era abbastanza competente o flessibile da gestirli. Di conseguenza, si è rotto sotto le tensioni della prima guerra mondiale. 

Lo storico tedesco-americano Theodore von Laue ha ampliato la teoria di Kennan, sottolineando che l'industrializzazione degli anni 1890 non era un processo naturale o organico innescato da una società che cambia e modernizza. Invece, doveva essere avviato da Witte e finanziato da prestiti e investimenti esteri.

La rivoluzione è stata davvero una rivolta popolare?

La visione sovietica della rivoluzione era articolata in storie di stato "ufficiali", pubblicato dal Partito Comunista dell'Unione Sovietica (PCUS) alla fine degli 1930. Rispecchiano i valori bolscevichi e sono quasi del tutto solidali con la festa.

Secondo la storiografia sovietica, la rivoluzione russa fu orchestrata e guidata da Lenin e dai bolscevichi per conto delle masse lavoratrici. Lenin e il partito hanno agito come "avanguardia del proletariato", dopo aver infuso la "coscienza di classe" agli operai, ai soldati e ai contadini russi.

La Rivoluzione d'Ottobre era sia necessaria che inevitabile. Ha seguito i principi sposati nella teoria della storia di Karl Marx, interpretata e adattata dal leader bolscevico Lenin. I bolscevichi hanno rovesciato un corrotto borghese governo mentre altri gruppi, come il menscevichi e socialisti-rivoluzionari, si sono rivelati "traditori di classe".

Opinioni contrastanti sono state offerte dagli storici libertari e revisionisti. A differenza delle storie conservatrici e sovietiche occidentali, gli storici libertari sostengono che le rivoluzioni della Russia sono state guidate e plasmate dalla gente comune tanto quanto dai singoli leader.

Le rivoluzioni di 1905, 1917 di febbraio e 1917 di ottobre, suggerisce la storiografia libertaria, erano tutti movimenti di massa legittimi. Le persone che hanno partecipato lo hanno fatto pensando ai propri interessi e alle proprie motivazioni. Queste persone non erano semplicemente seguaci schiavi di Lenin o di altri leader. Gli storici revisionisti hanno raggiunto conclusioni simili studiando gli scritti e le storie dei comuni russi.

La rivoluzione è fallita perché era "incompiuta"?

storiografia della rivoluzione russa
Una visualizzazione di quattro diverse prospettive della rivoluzione, creata da Richard Malone e Trevor Sowdon

Al centro delle storie libertarie c'è il suggerimento che la rivoluzione russa sia stata in qualche modo "incompiuta", tradita o deviata dal suo corso originale.

La teoria della "rivoluzione incompiuta" suggerisce che la presa del potere da parte dei bolscevichi nell'ottobre 1917 fu una vera rivoluzione, richiesta e sostenuta dal proletariato. La Rivoluzione d'Ottobre fu successivamente deviata e tradita, in particolare dopo il 1923, quando la salute cagionevole di Lenin lo costrinse a ritirarsi dalla guida attiva del partito.

L'idea che Stalin abbia "tradito" la rivoluzione di Lenin viene in gran parte da Leon Trotsky e i saggi e i racconti storici che ha pubblicato dopo essere stato esiliato dalla Russia.

Nel suo libro 1936 La rivoluzione tradita, Trotsky attribuisce gran parte della colpa per i fallimenti della nuova società ai piedi di Stalin. Sotto Stalin, scrisse Trotsky, il partito è stato epurato dal suo talento, iniziativa e spirito libero. Nelle parole di Trotsky, "il vecchio partito bolscevico è morto".

Trotsky critica l'uso della violenza e della repressione da parte di Stalin, nonché l'emergere di un'enorme burocrazia statale. Storici liberali-conservatori come Pipes hanno risposto sostenendo che queste pratiche e istituzioni in realtà sono iniziate sotto Lenin.

Per ulteriori informazioni sulla storiografia della Rivoluzione russa e storici specifici, visitare la nostra pagina Storici della rivoluzione russa.

Il punto di vista di uno storico:
“In Occidente, la storia sovietica divenne una questione di forte interesse solo dopo la seconda guerra mondiale, principalmente in un contesto di guerra fredda in cui si conosceva il nemico. I due libri che davano il tono erano finzione: Nineteen-Eighty-Four di George Orwell e Darkness at Noon di Arthur Koestler. Ma nel regno accademico, è stata la scienza politica americana a dominare. Il modello totalitario, basato su una fusione un po 'demonizzata della Germania nazista e della Russia di Stalin, era il quadro interpretativo più popolare ... La maggior parte degli studiosi occidentali concordava sul fatto che la rivoluzione bolscevica fosse un colpo di stato di un partito di minoranza, privo di qualsiasi tipo di sostegno o legittimità popolare. La rivoluzione è stata studiata principalmente per chiarire le origini del totalitarismo sovietico ".
Sheila Fitzpatrick

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storiografia della rivoluzione russa"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/russian-revolution-historiography/
Data di pubblicazione: 3 Maggio 2016
Data di accesso: Dicembre 31, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.