Un'introduzione alla Russia

introduzione alla russia
Giovani ragazze contadine della città di Kirillov, fotografate in 1909

All'inizio del XX secolo, la Russia era un impero di notevoli dimensioni, ricchezza e potere. L'enorme territorio della Russia significava che conteneva una notevole diversità di terreno, clima, risorse e popolazione. Le sue enormi dimensioni hanno reso la Russia difficile da capire e ancora più difficile da governare, riformare o modernizzare.

Dimensioni e diversità

Nel 1900, l'impero russo ammontava a circa 123 chilometri quadrati o un sesto della massa continentale del mondo. Il territorio della Russia si estendeva dalle rive del Mar Baltico a ovest fino all'Oceano Pacifico, dal Circolo Polare Artico a nord ai Balcani, al Caucaso e all'Asia centrale a sud.

All'interno di questo vasto spazio, la Russia vantava più di 125 milioni di persone e 100 etnie. C'erano enormi differenze sociali, culturali e religiose in tutto l'impero. Non era necessario viaggiare troppo in Russia per notare cambiamenti evidenti nella lingua e nella cultura.

La sua vastità era tale che per molte persone il concetto di Russia era quasi incomprensibile. Nel 1897, il governo russo ha contribuito a colmare le lacune conducendo il suo primo censimento in assoluto. È stata un'impresa vasta che ha richiesto diversi mesi per raccogliere informazioni da ogni angolo dell'impero. I risultati del censimento si riassumono così:

L'impero russo: censimento del 1897
Taglia: 8.6 milioni di miglia quadrate (22.4 milioni di chilometri quadrati)
Popolazione: 125.6 milioni di persone (86.5% rurali, 13.5% urbane).
Gruppi etnici: Circa 110, inclusi russi (44%), ucraini (17%), polacchi (6%), bielorussi (5%) ed ebrei (4%).
Le lingue: Circa 120 lingue tra cui russo (55.7 milioni di parlanti), ucraino (22.4 milioni), turco-tartaro (13.4 milioni) e polacco (7.9 milioni).
Religioni: Almeno 25, tra cui ortodossi russi (87.1 milioni), islamici (13.9 milioni), cattolici (11.5 milioni), ebraismo (5.2 milioni) e luteranesimo (3.6 milioni).
Alfabetizzazione: Maschi 29.5 per cento, femmine 13.2 per cento.
Principali città: San Pietroburgo (1.27 milioni di persone), Mosca (1.05 milioni), Varsavia (625,000), Odessa (404,000), Lodz (314,000), Riga (285,000), Kiev (250,000).
governo nazionale: Autocrazia zarista
Regioni politiche: 117 gubernija (governa), ciascuno diviso in numerosi oblast (province) e circondari (quartieri).

 

Percezioni occidentali

Per gli occidentali, la Russia era un luogo di cultura esotica, persone misteriose e tradizioni antiquate, al confine con l'arretratezza e la barbarie.

I britannici, cresciuti con una dieta basata sul nazionalismo e sulla "russofobia" del XIX secolo, nutrivano stereotipi negativi della Russia e del suo popolo. Lo zar russo era un feroce tiranno; i suoi nobili erano una tribù potente ma incivile; il popolo russo era un'orda di contadini brutalizzata e sofferente.

La società, la cultura e la religione russe erano viste come non riformate e ancora nell'essenza medievale. I cartoni satirici inglesi del 1800 ritraevano la nazione russa come un enorme orso, goffo ma pericoloso.

Forza dalle dimensioni

Russia
Un fumetto britannico contenente una tipica interpretazione della Russia come un orso goffo, 1911

Le sue dimensioni da sole hanno reso la Russia una superpotenza continentale. Il suo territorio era enorme, un'area che oggi abbraccia 11 fusi orari diversi. La Russia imperiale condivideva i confini con altre 28 nazioni, stati o principati. Le sue marine difendevano una costa di oltre 40,000 chilometri.

All'interno di questo vasto regno c'era una grande diversità di terreno e geografia. La maggior parte della Russia era composta da vaste pianure, sia di terreni coltivabili, steppe (praterie piatte) o tundra ghiacciate. Le catene montuose russe includevano il Caucaso a est e gli Urali, la linea di demarcazione non ufficiale tra la Russia europea e quella asiatica.

L'impero russo era punteggiato e attraversato da centinaia di corsi d'acqua. Confinava con diverse importanti coste tra cui il Mar Baltico, il Mar Bianco, il Mar Nero e l'Oceano Pacifico, così come i mari interni come il Caspio e il Lago Baikal. I principali fiumi includevano il Don, a sud di Mosca, il Dvina nel nord della Russia, il Dnepr in Bielorussia e Ucraina e il Volga, il fiume più lungo d'Europa.

Diversità etnica

Contadini nella Russia rurale, circa 1900

Il popolo russo era tanto vario e diffuso quanto il suo territorio. I russi discendevano da innumerevoli tribù e razze che avevano combattuto per la terra e il controllo nei secoli precedenti: slavi, tartari, mongoli, kazaki, polacchi, baschiri e altri.

Di queste etnie, i russi di origine slava costituivano il 45% della popolazione. Alcuni gruppi etnici erano molto più piccoli e contenevano solo poche migliaia di individui.

Con questa diversità sono arrivate differenze linguistiche significative e un miscuglio di idee religiose e culturali. Il russo parlato e la sua forma scritta, il cirillico, erano le lingue ufficiali di stato e le più comuni nella Russia europea. Nell'impero erano usate anche dozzine di altre lingue e dialetti: dal polacco nell'ovest europeo all'Aleut, parlato dagli eschimesi nell'estremo nord-est.

La Chiesa ortodossa russa, una versione non riformata del cattolicesimo, era la religione di stato dell'Impero, ma milioni di russi seguirono altre derivazioni del cristianesimo, oltre a giudaismo, islam e buddismo.

L'impero arretrato

Nonostante le sue dimensioni, lo sviluppo politico, sociale ed economico della Russia è rimasto indietro rispetto alle altre "grandi potenze" europee. Per la maggior parte, i governanti russi del 19 ° secolo non hanno abbracciato cambiamenti significativi. Erano desiderosi di modernizzazione economica ma riluttanti ad alterare il governo o le strutture sociali della Russia.

Di conseguenza, molti aspetti della vita russa riflettevano valori medievali piuttosto che moderni. Fino al 1861, la maggior parte degli agricoltori russi erano servi servi, il che significa che potevano essere acquistati e venduti con la terra.

Ci è voluta una sconfitta militare per istigare le riforme tanto attese. La sconfitta della Russia nella guerra di Crimea ha messo in luce le sue carenze tecniche e industriali, rivelando una nazione priva di forza industriale e infrastrutture. Queste carenze hanno messo a rischio la Russia in caso di un'altra guerra con i suoi vicini continentali più avanzati.

Riforme della metà del 1800

Sulla scia del disastro della Crimea, lo "zar riformatore" russo, Alessandro II, ha avviato un programma di cambiamento. Queste riforme non sono state sempre ben gestite e non hanno sempre prodotto i risultati desiderati, ma hanno preannunciato l'inizio della trasformazione della Russia da un'economia agraria semifeudale a una moderna parzialmente industrializzata.  

Questi cambiamenti hanno anche scatenato una spinta per la liberalizzazione politica e sociale, poiché molti russi hanno chiesto a gran voce migliori diritti e partecipazione politica. Nel 1881, Alessandro II fu ripagato per le sue riforme facendo saltare in aria la bomba di un assassino. Da questo momento, la Russia è entrata in quattro decenni di reazione, repressione, disordini, guerra e rivoluzione.

Una visione contemporanea:
“L'intero errore della nostra politica decennale è che ancora non ci siamo resi conto che dai tempi di Pietro il Grande e Caterina la Grande, non esisteva una cosa come la 'Russia'. Quello che abbiamo è l'Impero russo. Poiché il 35 per cento della popolazione è composta da alieni, ei russi sono divisi in Grandi Russi, Piccoli Russi e Russi Bianchi, non possiamo ... condurre una politica che ignori le peculiarità delle altre nazionalità appartenenti all'Impero. La parola d'ordine di un simile impero non può essere "Trasformiamo tutti in veri russi". "
Sergei Witte, ministro zarista

1. All'inizio del secolo, la Russia era un vasto impero, esteso su un sesto del globo e abitato da oltre 125 milioni di persone.

2. Era anche una terra di terreni diversi, da ricchi terreni agricoli a steppe erbose e tundra ghiacciate, oltre a notevoli risorse naturali.

3. La popolazione russa comprendeva persone di oltre 100 etnie e 120 gruppi linguistici. Circa il 45% proveniva da origini slave.

4. Fino alla metà del 1800, la struttura sociale della Russia era semi-feudale. La stragrande maggioranza dei russi viveva nelle zone rurali come servi legati.

4. La sconfitta nella guerra di Crimea ha messo in luce la necessità di una riforma sociale ed economica, un processo avviato dallo zar Alessandro II. Queste riforme innescerebbero cambiamenti significativi, disordini sociali e sentimenti rivoluzionari in Russia.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Un'introduzione alla Russia"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/introduction-to-russia/
Data di pubblicazione: 9 Maggio 2019
Data di accesso: Gennaio 20, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.