Il trattato di Brest-Litovsk

Brest-Litovsk
La firma del trattato di Brest-Litovsk, marzo 1918

Il Trattato di Brest-Litovsk era un accordo di pace che pose formalmente fine al coinvolgimento della Russia prima guerra mondiale. Fu firmato nella città polacca con lo stesso nome il 3 marzo 1918. Il trattato fu controverso a causa dei suoi termini costosi, che videro la Russia cedere grandi quantità di territorio e persone alla Germania e ai suoi alleati. Questi termini hanno causato dibattiti e notevoli divisioni all'interno del Festa bolscevica.

sfondo

Il percorso verso il Trattato di Brest-Litovsk è stato accidentato, pieno di richieste, ritardi e opinioni divise. Il bolscevichi, un partito che aveva ottenuto un notevole sostegno pubblico dalle sue costanti richieste di pace, si trovò sotto pressione per produrre un rapido accordo di pace.

Il trattato di Brest-Litovsk fu firmato cinque mesi dopo il decreto sovietico sulla pace e quasi un anno dopo le tesi di aprile di Lenin. Anche allora, questa pace è arrivata a caro prezzo per la Russia, che è stata costretta a cedere vaste aree di terra, comprese importanti aree di coltivazione alimentare.

Il trattato di Brest-Litovsk creò anche alcune importanti divisioni politiche, sia tra i bolscevichi che tra loro SR a sinistra alleati e all'interno dello stesso partito bolscevico. Così, mentre Brest-Litovsk mantenne la promessa di Lenin del 1917 e consegnò la pace al popolo russo stanco della guerra, i suoi altri risultati furono dannosi per il nuovo regime.

Decreto di Lenin sulla pace

La strada per Brest-Litovsk iniziò con il famoso di Lenin Decreto sulla pace, presentato al Congresso dei Soviet il giorno dopo il Rivoluzione d'ottobre in 1917.

Questo decreto ordinava al nuovo governo di "avviare negoziati immediati per la pace" - sebbene insistesse anche per una "pace giusta e democratica ... senza annessioni e senza indennità". In altre parole, qualsiasi accordo di pace con la Germania non deve sostenere costi eccessivi o concessioni per la Russia.

Questa condizione era problematica perché all'epoca la Germania era militarmente in una posizione molto più forte. Le forze tedesche occuparono tutta la Polonia e la Lituania. Alcune forze tedesche si erano spinte nella punta meridionale dell'Ucraina, mentre altre erano disposte a spostarsi in profondità negli Stati baltici. Perfino San Pietroburgo stesso si trovava a una distanza impressionante da un progresso tedesco.

Era chiaro che qualsiasi delegazione di pace tedesca avrebbe richiesto la resa di grandi quantità di territorio russo - ei bolscevichi non erano nella posizione di avanzare richieste o minacciare la ripresa delle ostilità.

I negoziati iniziano

trattato di Brest-Litovsk
Delegati russi e tedeschi a Brest-Litovsk all'inizio di 1918

A metà dicembre 1917, delegati tedeschi e russi si sono incontrati nella città polacca di Brest-Litovsk e hanno concordato un cessate il fuoco indefinito. Cinque giorni dopo sono iniziati i colloqui formali sulla pace.

In privato, i membri della delegazione tedesca a Brest-Litovsk detestavano i bolscevichi che erano stati mandati a negoziare la pace. Tra i loro membri, ha osservato un delegato tedesco, c'erano ebrei, criminali condannati e persino una donna.

Riconoscendo l'inesperienza della delegazione russa, tuttavia, i tedeschi hanno nascosto il loro disprezzo. Invece, hanno coltivato un'atmosfera di informalità, cordialità e candore. I delegati tedeschi cenarono e socializzarono con il gruppo bolscevico, brindando alla loro rivoluzione e lodandoli per aver scacciato i corrotti Governo provvisorio e assicurare la pace per il popolo russo.

Man mano che i russi diventavano più rilassati e sicuri (e in alcune occasioni, più ubriachi) facevano trapelare informazioni sullo stato del loro governo, i loro militari e la loro nazione. Il leader ad interim della delegazione russa, Adolf Joffe, è stato uno dei peggiori trasgressori. Ciò ha fornito alla delegazione tedesca alcune informazioni utili sulla debolezza della posizione bolscevica, sia a livello nazionale che militare.

L'arrivo di Trotsky

Questa fraternizzazione terminò una settimana dopo con l'arrivo di Leon Trotsky, il commissario sovietico per gli affari esteri. Trotsky ordinò la fine della socializzazione e dei pasti misti e chiese che tutti i negoziati si svolgessero sul tavolo.

Mentre Joffe era stato calmo e conciliante, Trotsky era indignato, provocatorio e fiducioso fino al punto di superbia. Come più tardi osservato da Paul von Hindenburg, si è comportato "più come un vincitore che come un vinto". 

Più volte Trotsky ha tenuto una conferenza alla delegazione tedesca sull'imminente rivoluzione socialista nel proprio paese. In un'occasione ha anche prodotto propaganda socialista, stampato in tedesco e distribuito ai soldati tedeschi.

Trotsky, che era convinto che una rivoluzione socialista sarebbe scoppiata in Germania, probabilmente a 1918, si impegnò anche a bloccare le tattiche per prolungare i negoziati di pace. Chiedeva la pace senza concessioni, sapendo che i tedeschi non avrebbero mai accettato. Ha richiesto diversi rinvii e rinvii per poter tornare in Russia per un consiglio.

I tedeschi perdono la pazienza

Brest-Litovsk
'Delivering the Goods', un fumetto britannico del 1918 che ritrae i bolscevichi come agenti tedeschi.

Tutto ciò fece infuriare i tedeschi, che erano impazienti di porre fine alla guerra sul fronte orientale in modo da poter ridistribuire le loro forze a ovest. Le richieste della Germania erano inizialmente piuttosto modeste, cercando solo l'indipendenza di Polonia e Lituania - ma nel gennaio 1918, la delegazione di Berlino presentò a Trotsky una nuova e più ampia serie di richieste. 

Trotsky ha risposto chiedendo la pace senza concessioni. Iniziò di proposito a bloccare le discussioni, discutendo all'infinito su punti minori, minacciando di chiudere i negoziati e chiedendo continuamente recessi.

I tedeschi non potevano credere al suo tono, un generale commentando che Trotsky "negoziava" come se i russi stessero vincendo la guerra piuttosto che perderla. Quando i tedeschi hanno presentato un altro elenco di richieste a gennaio, Trotsky ha rifiutato di firmare ed è tornato in Russia.

Divisione nella festa

Nel frattempo, il partito bolscevico era diviso sui termini di qualsiasi trattato con la Germania. Il desiderio di Lenin era che la proposta tedesca venisse firmata immediatamente. Ritardare questo significava rischiare un'offensiva tedesca che avrebbe potuto invadere San Pietroburgo e schiacciare il governo sovietico.

Un'altra fazione, guidata da Nikolai Bukharin, respinse qualsiasi suggerimento di un trattato di pace tra i sovietici e un paese capitalista. La guerra deve essere continuata, sosteneva Bucharin, per ispirare i lavoratori tedeschi a prendere le armi contro il proprio governo.

La posizione di Trotsky era da qualche parte nel mezzo. Sosteneva che gli ultimatum del trattato tedesco dovevano essere rifiutati, ma non credeva che l'esercito russo o le guardie rosse fossero in grado di resistere a una ripresa dell'offensiva tedesca. 

Queste divisioni interne rimbombarono fino a metà febbraio 1918 quando l'alto comando tedesco, frustrato per la mancanza di progressi, sospese l'armistizio. Le forze tedesche iniziarono il bombardamento di posizioni russe e invasero gli Stati baltici, l'Ucraina e la Bielorussia. Le truppe tedesche avanzarono nel suolo russo, ad un certo punto arrivarono alla periferia di Pietrogrado. Ciò costrinse i bolscevichi a trasferire la capitale a Mosca.

I negoziati riprendono

trattato di Brest-Litovsk
Una mappa che mostra il territorio perduto della Russia secondo i termini di Brest-Litovsk

L'offensiva tedesca ha costretto i bolscevichi a tornare al tavolo a fine febbraio. Questa volta, i delegati tedeschi hanno rilasciato ai russi un ultimatum, dando loro cinque giorni per negoziare e firmare il trattato.

Secondo i termini dell'accordo che hanno concluso, la Polonia, la Finlandia, gli Stati baltici e la maggior parte dell'Ucraina sono state consegnate alla Germania. La Russia ha perso 1.3 milioni di miglia quadrate di territorio importante, comprese importanti regioni di coltivazione del grano in Ucraina. Ha ceduto circa 62 milioni di persone al dominio tedesco, circa un terzo della sua popolazione totale. Ha anche perso il 28% delle sue industrie pesanti e tre quarti delle sue riserve di ferro e carbone.

In ogni caso, questo accordo di Brest-Litovsk offriva termini umilianti. Trattò la Russia sovietica come una nazione sconfitta e la Germania come un potere conquistatore avente diritto al bottino di guerra.

Firmato Brest-Litovsk

Con il regime sovietico a rischio di capitolazione, i negoziatori bolscevichi firmarono il Trattato di Brest-Litovsk il 3 marzo 1918. Lenin ottenne la sua strada sostenendo che qualsiasi perdita - una nazione alle "porte della rivoluzione socialista" - sarebbe stata resa temporanea da l'avvento del socialismo in Germania. Lenin ha anche accennato che si sarebbe dimesso da leader del partito se il trattato non fosse stato accettato.

Il Trattato di Brest-Litovsk è stato firmato il 3 marzo e ratificato al Quarto Congresso dei Soviet il 15 marzo. Il voto finale per questa ratifica è stato di 453 contro 38.

Secondo la risoluzione di ratifica, i termini del trattato "furono imposti [al governo sovietico] sotto forma di un ovvio ultimatum e con una forza palese" ma "la rivoluzione operaia internazionale non è lontana e la piena vittoria del socialista il proletariato è assicurato ”.

Nonostante ciò, Brest-Litovsk aveva aperto divisioni e tensioni all'interno del partito. Trotsky fu licenziato come commissario degli affari esteri e si rifiutò di partecipare alla firma finale del trattato. Al settimo congresso del partito il 7 marzo, Bukharin ha condannato il trattato e ha invitato il partito a respingerlo e a ricominciare la guerra con la Germania.

Nel frattempo, i duri termini territoriali ed economici del trattato sarebbero presto stati avvertiti dal governo bolscevico quando entrò in una lotta triennale per la sopravvivenza.

Il punto di vista di uno storico:
“Era un espediente, ammisero i bolscevichi, per scambiare lo spazio con il tempo, il tempo di cui avevano bisogno per consolidare il loro governo rivoluzionario nel territorio che detenevano e per sconfiggere le forze anti-bolsceviche ... Eppure lo spazio che avevano ceduto era enorme. Il Trattato diede ai tedeschi e agli austriaci il dominio sulle vaste aree di produzione alimentare, nonché sulle ricche regioni minerarie e sulle zone industriali nel sud-ovest dell'Ucraina, ora tecnicamente indipendente ".
Richard J Crampton

Brest-Litovsk

1. Il Trattato di Brest-Litovsk era un accordo tra Russia e Germania che pose fine al coinvolgimento della Russia nella prima guerra mondiale. I negoziati per questo trattato iniziarono nella città polacca di Brest-Litovsk nel dicembre 1917.

2. I negoziatori tedeschi, avendo stabilito la debolezza politica e militare del governo bolscevico, avanzarono una serie di ampie richieste di territorio e risorse.

3. I rappresentanti russi, sperando che una rivoluzione socialista sarebbe scoppiata in Germania, hanno tentato di bloccare i negoziati. I tedeschi hanno minacciato di porre fine al cessate il fuoco dopo che i negoziati con Trotsky si erano interrotti.

4. Una volta finalizzato, il trattato doveva essere ratificato dal governo sovietico. Lenin ha spinto per la sua ratifica immediata, tuttavia, il partito era diviso sull'opportunità di accettare i suoi termini aspri.

5. A febbraio 1918 i tedeschi, frustrati per i ritardi nella messa a punto del trattato, rilanciarono un'offensiva e lanciarono un ultimatum. Il governo bolscevico ha ratificato il trattato nel marzo 1918. Ha imposto termini severi alla Russia, cedendo al controllo tedesco grandi quantità di terra, persone e industria pesante.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il Trattato di Brest-Litovsk"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/treaty-of-brest-litovsk/
Data di pubblicazione: 11 Agosto 2019
Data di accesso: Giugno 28, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.