Armi nucleari

armi nucleari
Gran parte della Guerra Fredda è stata plasmata dalla paranoia riguardo a devastanti attacchi nucleari

Le tensioni della guerra fredda erano sostenute dalla paura della guerra nucleare. Le armi nucleari traggono la loro energia da reazioni nucleari chiamate fissione o fusione. Sono capaci di un enorme potere distruttivo, migliaia di volte maggiore degli esplosivi convenzionali. La detonazione di alcune armi nucleari è in grado di distruggere un'intera città. Diverse nazioni hanno sviluppato armi nucleari durante la Guerra Fredda e la minaccia di una guerra nucleare era sempre presente.

sfondo

Gli Stati Uniti furono la prima nazione a costruire e testare armi nucleari. Dopo il bombardamento delle città giapponesi Hiroshima e Nagasaki nell'agosto 1945, gli Stati Uniti rimangono l'unica nazione ad averli usati in guerra.

Il programma americano di armi nucleari, il Progetto Manhattan, iniziò nel 1942 sotto la guida del dottor Robert Oppenheimer. Il primo ordigno nucleare americano, il "Gadget", fu lanciato a metà luglio 1945. Queste armi generarono calore, energia e potenza distruttiva senza precedenti nella storia umana. Anche una piccola arma nucleare, come i dispositivi da 18-21 kiloton esplosi sul Giappone, aveva la capacità di distruggere una grande città.

Gli effetti di queste terrificanti armi includevano la cecità, le devastanti ondate di scoppio e le temperature fino a 10,000 gradi Celsius. Chiunque sia sopravvissuto all'esplosione iniziale di un'arma nucleare ha anche affrontato il rischio di ricadute (particelle radioattive disperse dal tempo), malattie da radiazioni e, a lungo termine, tumori e altre malattie.

Programma nucleare sovietico

I sovietici iniziarono il loro programma nucleare quasi tre anni prima del bombardamento di Hiroshima. Gli agenti sovietici in America hanno appreso del Progetto Manhattan già da 1941. Questa informazione è stata trasmessa a Mosca, che ha ordinato la ricerca sulle armi nucleari l'anno successivo.

Nel 1945, le spie sovietiche ottennero informazioni di immensa importanza: piani diagnostici americani e progetti per un'arma nucleare. L'accesso a questi piani significava che la progettazione e lo sviluppo della tecnologia nucleare sovietica potevano essere accelerati.

Nell'agosto 1949 i russi fecero esplodere il loro primo prototipo di arma nucleare. Nome in codice "First Lightning" dai russi e "Joe 1" dagli americani, era simile per design, aspetto e resa alla bomba "Fat Man" che aveva decimato Hiroshima.

armi nucleari
L'esplosione di "Joe-1", il primo test di armi nucleari sovietiche, sparò in Kazakistan nel 1949

Nel giro di sei anni i fisici nucleari sovietici avevano testato diverse armi nucleari, ognuna più elaborata e potente dei loro predecessori. In 1955 lanciarono una bomba all'idrogeno con una resa di megatoni 1.6, in grado di distruggere completamente una città di un milione di persone.

Missili nucleari a lungo raggio

Sia gli Stati Uniti che l'URSS avevano anche notevoli programmi missilistici, che utilizzavano la tecnologia parallela nelle loro ricerche esplorazione dello spazio. Alla fine degli 1950, entrambi i paesi avevano sviluppato missili balistici intercontinentali (ICBM), una nuova spaventosa tecnologia che consentiva la consegna a lungo raggio e la detonazione di testate nucleari.

I missili balistici intercontinentali erano più economici degli aerei e, a differenza dei bombardieri, erano quasi impossibili da intercettare. Erano anche notevolmente più veloci: un missile balistico intercontinentale poteva essere lanciato in volo suborbitale da un silo missilistico e colpire obiettivi a metà strada intorno al globo in meno di 45 minuti.

Furono sviluppati missili a corto raggio che potevano essere lanciati da corazzate e sottomarini. Ciò significava che potevano essere sparati da molto più vicino, riducendo ulteriormente i tempi di risposta.

armi nucleari
Una tabella che mostra gli arsenali nucleari comparati degli Stati Uniti e dell'URSS

La corsa agli armamenti nucleari

I test atomici sovietici dei primi 1950 annunciarono l'inizio di una corsa agli armamenti nucleari. Questo divenne l'aspetto più spaventoso della guerra fredda.

Gli Stati Uniti e l'URSS hanno investito pesantemente nei loro programmi di armi nucleari, in parte perché nessuna delle due superpotenze aveva un'idea precisa dell'arsenale nucleare dell'altra. I responsabili politici americani hanno suggerito che c'erano delle carenze tra il proprio arsenale e quello dei sovietici. Questo cosiddetto "gap bombardiere" e "gap missilistico" ha portato allo stoccaggio di grandi quantità di ordigni nucleari.

Nel 1962, l'America aveva quasi 7,000 testate nucleari, rispetto alle 500 testate della Russia sovietica. La produzione di armi nucleari americane è diminuita durante la metà degli anni '1960, mentre le armi più vecchie sono state disattivate. Nel 1970, gli Stati Uniti avevano poco meno di 4,000 testate nucleari, quasi la metà rispetto a un decennio prima. Invece di aumentare le loro scorte di armi nucleari, i pianificatori militari statunitensi si sono concentrati su modi nuovi e più efficienti per consegnarli.

Dimensione sovietica sulla quantità

I sovietici, al contrario, aumentarono la produzione di armi nucleari attraverso gli ultimi 1960 e 1970. Mosca optò per le dimensioni piuttosto che per la quantità, ordinando un numero maggiore di armi strategiche (testate nucleari ad alto rendimento da usare contro città o installazioni nemiche) rispetto a dispositivi tattici (piccole armi a punta nucleare per uso sul campo di battaglia).

Nel 1962, i russi testarono lo zar Bomba ("re delle bombe"), il più grande ordigno nucleare mai fatto esplodere. Una bomba all'idrogeno di otto metri di lunghezza e 27 tonnellate di peso, lo zar Bomba fu fatto esplodere su un'isola nella remota Siberia settentrionale. Aveva una resa esplosiva di 50 megatoni: 1,400 volte più potente del dispositivo "Fat Man" che ha devastato Hiroshima e dieci volte la forza di tutti gli esplosivi sparati da tutti i paesi durante la seconda guerra mondiale.

A metà degli 1970, il megatonnellaggio totale delle armi nucleari sovietiche superava quello degli Stati Uniti, tuttavia, gli americani avevano il doppio del numero di singoli dispositivi nucleari.

Altri stati dotati di nucleare

Gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica non furono gli unici paesi a sviluppare e fabbricare armi nucleari. Altri partecipanti al "club nucleare" durante la Guerra Fredda includevano Gran Bretagna (1952) Francia (1960) Cina (1964) India (1974) Israele (fine anni '1970) e Sud Africa (primi anni '1980).

La diffusione di queste armi ad altri stati-nazione, soprannominata proliferazione nucleare, è stata una grande preoccupazione durante la Guerra Fredda. Inoltre, diversi stati membri della NATO - tra cui Germania occidentale, Canada, Belgio, Grecia e Italia - avevano accesso alle armi di fabbricazione americana in base all'accordo di "condivisione nucleare" della NATO.

Alcuni paesi, come l'Australia e il Giappone, hanno intrapreso ricerche sulle armi nucleari e hanno posseduto la tecnologia e le risorse per costruirle, ma hanno scelto di non farlo.

Politica nucleare

inverno nucleare
L'impressione di un artista dell'inverno nucleare, uno stato di oscurità permanente causato dalla guerra nucleare

L'acquisizione di armi nucleari da entrambe le superpotenze ha portato a una dottrina strategica chiamata "distruzione reciprocamente assicurata". MAD, come era giustamente noto, era basato sull'idea di reciprocità. Era risaputo che la potenza di fuoco nucleare americana e sovietica era in grado di distruggere completamente l'altra - e se uno lanciava un attacco nucleare, l'altro lo avrebbe rilevato e avrebbe risposto con un attacco nucleare di forza simile.

I sostenitori del MAD hanno sostenuto che lanciare un attacco nucleare era simile alla firma della condanna a morte del proprio paese, quindi questo è servito come deterrente per l'aggressione nucleare. Non c'è mai stato uno scambio nucleare tra gli Stati Uniti e l'URSS, quindi la MAD sembra essere stata efficace, ma era una politica rischiosa. Era particolarmente fragile durante i momenti di tensione e potenziale confronto, come il 1962 crisi dei missili cubani.

Dopo la guerra fredda, fu rivelato che i comandanti militari americani e britannici erano autorizzati a usare armi nucleari tattiche, in caso di scoppio della guerra con l'Unione Sovietica. Dall'altro lato, gli ordini sovietici stabilirono che qualsiasi attacco nucleare alle sue forze avrebbe legittimato una risposta nucleare su vasta scala.

Paranoia nucleare

bambini sotto i banchi
Ai bambini americani venivano insegnate le risposte agli attacchi nucleari, come saltare sotto una scrivania

La minaccia di una guerra nucleare tra l'America e l'Unione Sovietica è stata una fonte costante di paura e paranoia durante la Guerra Fredda. Ha colorato la retorica politica (nel 1956 il leader sovietico Nikita Khrushchev ha detto agli ambasciatori europei che "Vi seppelliremo!") E Propaganda della guerra fredda.

La paranoia nucleare ha anche modellato le politiche interne, ha influenzato la vita dei civili e ha permeato la cultura popolare. I governi locali di entrambi i paesi hanno sviluppato e pubblicizzato precauzioni e risposte per un attacco nucleare, come sirene antiaeree, rifugi pubblici e procedure di emergenza. Ai civili americani e agli scolari è stato insegnato a "nascondersi e coprirsi" in caso di un lampo nucleare. Alcuni cittadini hanno installato rifugi antiaerei sotterranei nelle loro case, completi di scorte di cibo e attrezzature per "restare fuori" per lunghi periodi se la caduta radioattiva ha reso il terreno inabitabile.

La probabilità di una guerra nucleare ha anche generato movimenti di protesta e "culti apocalittici". I timori di una guerra nucleare furono espressi in arte, poesia e canto, dal 1965 di Barry McGuire vigilia della distruzione al 1985 di Sting Russi.

Una visione contemporanea:
“Ma per quanto riguarda i russi? Ogni volta che il Pentagono ha bisogno di più soldi, lo spettro russo viene richiamato. La realtà è che se entrambe le superpotenze, insieme alle potenze minori, continuano in questa folle corsa agli armamenti a spirale, costruendo sempre più armi atomiche, prima o poi verranno utilizzate. Non possiamo fidarci della sanità mentale e della stabilità dei leader mondiali. Qualcuno deve fare il primo passo dalla morte e verso la vita ... Credo che il popolo russo sia così spaventato dalla guerra nucleare che tirerebbe un sospiro di sollievo epocale e vorrebbe che i propri leader seguissero l'iniziativa morale dell'America verso il disarmo ".
Helen Caldicott, attivista anti-nucleare

armi nucleari della guerra fredda

1. Le armi nucleari sono dispositivi esplosivi di enorme capacità distruttiva. Attingono questo potere dalle reazioni nucleari. Le prime armi nucleari sono state sviluppate, testate e utilizzate dagli Stati Uniti in 1945.

2. Gli Stati Uniti hanno fatto esplodere due armi nucleari sul Giappone nell'agosto 1945. Nel frattempo, le spie sovietiche si erano infiltrate nel programma nucleare americano. Ciò ha permesso all'URSS di testare la sua prima arma nucleare in 1949.

3. Durante gli 1950, la minaccia delle armi nucleari è stata potenziata da nuovi sistemi di consegna. I missili balistici intercontinentali, ad esempio, potrebbero lanciare armi nucleari a migliaia di miglia.

4. La prima metà della guerra fredda fu segnata da una corsa agli armamenti nucleari tra i superpoteri. Anche la proliferazione nucleare era una preoccupazione, con diverse altre nazioni che sviluppavano armi nucleari.

5. La paranoia sulle armi nucleari e la minaccia della guerra nucleare era una caratteristica distintiva della società della guerra fredda. In Occidente, i programmi di difesa civile hanno preparato i civili per un potenziale attacco nucleare, mentre le armi nucleari hanno permeato la cultura popolare.

fonti della guerra fredda

"Survival under Atomic Attack" (opuscolo della protezione civile statunitense, 1950)
Movie: In spiaggia (1959)
Song: Rifugio antiatomico (Scott Peters, 1961)
Movie: Dottor Stranamore, o come ho imparato a smettere di preoccuparmi e ad amare la bomba (1962)
Movie: Fail Safe (1964)
Movie: The Day After (1983)
Movie: Discussioni (1984)
Helen Caldicott spiega gli effetti di un attacco nucleare (1986)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Armi nucleari"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/nuclear-weapons/
Data di pubblicazione: 18 settembre 2018
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.