Propaganda della guerra fredda

propaganda della guerra fredda
Un fumetto che descrive l'invasione sovietica dell'America

La propaganda della Guerra Fredda cercava di promuovere le virtù e i vantaggi di un sistema politico criticando o demonizzando l’altro. La propaganda politica fu prevalente durante tutta la Guerra Fredda, ma raggiunse il suo apice negli anni Cinquanta e Sessanta. Durante questo periodo i valori filoamericani furono promossi nel cinema, nella televisione, nella musica, nella letteratura e nell'arte. Ciò veniva solitamente fatto apertamente e con poca sottigliezza, in particolare nel materiale prodotto dai governi. Il film d'animazione del 1950 Crea la mia libertà ha esaltato i vantaggi e le libertà a disposizione di coloro che vivono in una società capitalista. Pubblicato l'anno successivo, Incontra il re Joe disse ai lavoratori americani di accontentarsi della loro sorte, dal momento che la avevano meglio dei lavoratori di qualsiasi altra parte del mondo. Col passare del tempo, i temi e i metodi della propaganda filo-occidentale sono diventati più sottili. I governi stessi ne hanno prodotto meno, affidandosi invece agli studi cinematografici e televisivi per incorporare idee e valori accettabili nei loro prodotti. Molte delle serie radiofoniche, dei drammi e delle sit-com realizzate in America negli anni ’1950 celebravano i distinti vantaggi di vivere in una prospera nazione capitalista. I benefici di cose come il nucleo familiare, la scuola, la comunità, l’obbedienza ai genitori e la lealtà alla nazione furono apertamente promossi.

Al contrario, il comunismo fu condannato sia come ideologia politica che come sistema sociale ed economico. Ogni mezzo, dai film ai fumetti per bambini, veniva utilizzato per ritrarre un'America sotto il tallone di una dittatura comunista. Un classico esempio è stato il film del 1962 Red Nightmare, inizialmente realizzato come dispositivo didattico per le forze armate, ma successivamente rilasciato in televisione. Red Nightmare fa la stravagante affermazione che intere città americane siano state ricostruite in territorio sovietico, al fine di addestrare spie e infiltrati comunisti sui metodi per abbattere il governo e la società americana. Nel fumetto Questo comunismo senza Dio, una famiglia americana scopre che gli Stati Uniti sono stati conquistati dai comunisti, praticamente da un giorno all'altro, e ribattezzati “Stati Uniti Sovietici d'America”. Mentre cercano di trovare aiuto, scoprono che tutti i loro diritti e le loro libertà sono stati aboliti. Il padre viene trasferito in una lontana segheria, la madre in una fabbrica urbana e i figli in scuole e asili nido statali. Negli anni '1950 la CIA commissionò una versione cinematografica animata di George Orwell Fattoria di animali - un resoconto allegorico della rivoluzione russa e del governo sovietico - per servire come propaganda.

Alcuni altri esempi di propaganda della Guerra Fredda includono:

propaganda della guerra fredda
Una scena del primo film di propaganda degli 1950 Red Nightmare

Film. Il cinema ha portato sul grande schermo la battaglia tra democrazia e comunismo. Molti di questi film sono stati realizzati sulla scia delle liste nere ispirate all’HUAC, poiché gli studi cinematografici e i produttori si sforzavano di apparire patriottici e leali. In Big Jim McLainJohn Wayne interpreta un investigatore del Comitato per le attività antiamericane della Camera (HUAC) che si reca alle Hawaii per reprimere l'attività comunista lì. Lo spionaggio sovietico e occidentale era un tema comune, rappresentato in film come Il terzo uomo. L'isteria della Guerra Fredda è penetrata nel genere fantascientifico, in film come Red Planet Mars, L'invasione degli ultracorpi e Il Blob. Tutti contenevano alieni che assumevano la forma di forze oscure determinate a prendere il controllo del mondo di nascosto, un'ovvia metafora dell'infiltrazione comunista. I temi della Guerra Fredda furono ripresi anche in film degli anni '1980 come Red Dawn (dove gli Stati Uniti sono soggetti a un'invasione congiunta sovietico-cubana) e Rocky IV (dove un pugile americano combatte con un combattente robot sovietico).

propaganda della guerra fredda
L'invasione degli ultracorpi raccontava di un'invasione segreta da parte di una forza aliena

Televisione. Negli anni Cinquanta la televisione era ancora agli albori. La maggior parte dei programmi televisivi contenevano musica, intrattenimento leggero e commedie, quindi i temi anticomunisti erano rappresentati con più sottigliezza. La televisione americana negli anni '1950 promuoveva i valori familiari conservatori e le virtù della società americana, in particolare nelle sue commedie di situazione. Commedie di situazioni come Lascia fare a Beaver e Le avventure di Ozzie e Harriet ha sottolineato l'importanza dell'istruzione, del lavoro, dell'obbedienza, del rispetto per i tuoi genitori e della stabilità e prosperità di cui godono le famiglie americane. Spionaggio della guerra fredda è stato esplorato in James Bond film e serie drammatiche come Io spio e L'uomo di UNCLE; è stato anche parodiato nella serie creata da Mel Brooks Get Smart. Anche ai cattivi dei cartoni animati per bambini piace Rocky e Bullwinkle (Boris e Natasha) e Roger Ramjet (Noodles Romanoff) non erano altro che stereotipati agenti comunisti europei. I giornalisti televisivi occasionalmente influenzavano l'atteggiamento del pubblico, come la critica di Edward R. Murrow del 1954 a Joseph McCarthy, o l'editoriale di Walter Cronkite del 1968 che suggerisce che gli Stati Uniti dovrebbero cercare di ritirarsi dal Vietnam.

“Gli Stati Uniti ei loro alleati hanno cercato di convincere i loro cittadini che vivevano nella migliore società possibile. Potrebbe non essere stato così libero, democratico o egualitario come affermava la propaganda, ma vantava mercati liberi, governo limitato, stato di diritto, individualismo e diritti umani. Un sistema per vendere queste convinzioni a livello nazionale era in atto con successo, nonostante gli sforzi di smascheramento dei suoi nemici in patria e all'estero. Secondo Frederick C. Barghoorn, l'Unione Sovietica ha tentato di "indebolire la fede degli americani nei loro leader e nelle loro istituzioni", ma ha fallito ".
Daniel Leab, storico

Letteratura. 1984 di George Orwell approfondisce la Guerra Fredda immaginando un mondo diviso e obbediente con il timore di una “guerra perpetua”. Il genere del "romanzo di spionaggio" era di gran lunga il più diffuso nella letteratura della Guerra Fredda. I romanzi di Ian Fleming su una spia britannica, James Bond, furono scritti negli anni '1950 e furono motivati ​​dalle tensioni con il blocco sovietico. In La spia che mi amava, Bond combatte con SMERSH, un'agenzia sovietica di controspionaggio. John le Carre (un pseudonimo di David Cornwell, un ex dipendente dell'agenzia di spionaggio britannica MI5) ha scritto una serie di romanzi come La spia che arrivò dal freddo, ambientato nella Germania dell'Est. Gli anni Cinquanta e Sessanta videro anche la produzione di centinaia di romanzi pulp-fiction a buon mercato, spesso con temi osceni o violenza eccessiva. Purgatorio del Conquistato mostrò un'America presa in consegna dalle forze comuniste; Stupro rosso raccontò di un'operazione a gestione sovietica per catturare donne occidentali a fini di schiavitù sessuale.

Il maldestro ma efficace agente segreto Maxwell Smart, di Get Smart
La maldestra ma efficace spia televisiva Maxwell Smart

le arti. Le tensioni della Guerra Fredda alimentarono la competizione e modellarono il contenuto di forme d’arte diverse come la musica e il balletto. Compagnie di danza americane e sovietiche si esibivano regolarmente in tutto il mondo, tentando di dimostrare la superiorità culturale. Questa competizione portò ad un drammatico aumento dei finanziamenti del governo statunitense per le arti. Un momento critico arrivò nel 1961 quando la ballerina sovietica Rudolf Nureyev disertò in Occidente per esibirsi con il Royal Ballet britannico; Leader russo Nikita Krusciov in seguito firmò una condanna a morte per Nureyev, se mai fosse tornato in Russia. Gli Stati Uniti fornirono fondi per consentire a diverse orchestre, gruppi jazz e musicisti solisti di fare tournée nell’URSS, nel tentativo di dimostrare i vantaggi artistici del capitalismo. Le superpotenze si impegnarono anche in gare di scacchi per dimostrare quali strategie fossero più efficaci.

propaganda della guerra fredda
Nureyev poco dopo aver disertato in Occidente

Gli Sport . La rivalità della Guerra Fredda si è estesa anche agli eventi sportivi (vedi Lo sport nella guerra fredda). I Giochi Olimpici del 1956 a Melbourne si tennero pochi giorni dopo che le forze sovietiche avevano schiacciato un rivolta democratica in Ungheria, provocando il ritiro di Olanda, Spagna e Svizzera dai giochi. Queste tensioni si riversarono in una partita di pallanuoto tra Ungheria e Unione Sovietica, dove i giocatori si scambiarono pugni e uno lasciò la piscina sanguinante. La partita è stata interrotta dopo che il pubblico filo-ungherese ha minacciato una rivolta. Anche la partita di basket per la medaglia d'oro olimpica del 1972 tra Stati Uniti e Unione Sovietica si concluse con polemiche, con gli americani sconfitti che rifiutarono di accettare la medaglia d'argento. Le Olimpiadi del 1980 si tennero a Mosca e furono boicottate da Stati Uniti, Germania Ovest, Giappone e molte altre nazioni. I sovietici ricambiarono rifiutandosi di partecipare alle Olimpiadi di Los Angeles del 1984.

Un giocatore di pallanuoto ungherese insanguinato viene scortato fuori dalla piscina di Melbourne, 1956
Un giocatore di pallanuoto ungherese insanguinato viene scortato fuori dalla piscina di Melbourne, 1956

Istruzione. In entrambi gli emisferi, l’istruzione è stata sfruttata per gli scopi della Guerra Fredda, per instillare nei bambini i valori politici di ciascun sistema. I sistemi educativi sia negli Stati Uniti che nell’URSS hanno ricevuto notevoli incrementi nei finanziamenti, in particolare nel campo della matematica e delle scienze. Materie umanistiche come la storia e l'inglese divennero intrise di patriottismo e valori politici. Nel 1952 l’American Pledge of Allegiance, ampiamente cantato dagli scolari, fu modificato per includere le parole “sotto Dio”. Molti studenti americani venivano anche sottoposti a film sull'"igiene sociale" o sulla "salute mentale" al liceo. Questi film da 10-20 minuti a bobina singola si concentravano su quello che oggi potremmo chiamare "sviluppo personale": igiene, buone maniere, rispetto per gli altri, comportamento appropriato e condotta sessuale. Molti esempi contenevano un messaggio o un sottotesto politico evidente, come quello intitolato Come individuare un comunista. C'erano anche le onnipresenti istruzioni e le esercitazioni "abbassati e copriti" per mostrare cosa fare in caso di attacco nucleare.

propaganda della guerra fredda

1. La propaganda della guerra fredda ha promosso le virtù e i vantaggi di un sistema, criticando o demonizzando l'altro. Questa propaganda è stata particolarmente intensa durante gli 1950 e gli 1960.

2. Prime forme di propaganda, come animazioni simili Crea la mia libertà e cortometraggi come Red Nightmare, conteneva messaggi e avvertimenti politici espliciti.

3. Col tempo, questi messaggi di propaganda divennero più sottili e furono integrati nella cultura popolare. I programmi televisivi americani, ad esempio, promuovevano valori familiari, patriottismo e obbedienza.

4. La cultura della Guerra Fredda si concentrò anche sulle continue attività di spie e agenti segreti come James Bond, che erano ben rappresentati nel cinema, nella televisione e nella letteratura.

5. La propaganda della guerra fredda ha preso di mira anche i bambini delle scuole. Sono stati mostrati mentre tenevano conferenze sui film di "igiene sociale" e sottoposti a esercitazioni di protezione civile anatra e coperta, aggiungendo paranoia nucleare.


Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2018. Questo contenuto non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, Jim Southey e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “Cold War propaganda”, Alpha History, consultato [data odierna], https://alphahistory.com/coldwar/cold-war-propaganda/.