La corsa allo spazio

Space Race
Un fumetto americano che satira sulla `` corsa allo spazio ''

La rivalità della Guerra Fredda si estendeva oltre la politica e le armi e in altri campi di competizione. Tra la metà degli anni '1950 e il 1975, gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica si sforzarono di superarsi a vicenda nella tecnologia missilistica e nell'esplorazione spaziale. Questa continua rivalità divenne nota come "Corsa allo spazio". Nessuna delle due superpotenze è stata chiara vincitrice della corsa allo spazio, ma molte delle scoperte e degli sviluppi tecnologici hanno avvantaggiato l'umanità nel suo insieme.

Un fenomeno pubblico

L'obiettivo principale della Space Race era raggiungere la superiorità tecnologica. Entrambe le superpotenze hanno speso milioni per sviluppare razzi spaziali, mettere in orbita satelliti artificiali, progettare e costruire navi orbitanti, addestrare astronauti, lanciare missioni spaziali con equipaggio e, infine, tentare di far atterrare uomini sulla Luna e portarli a casa sani e salvi.

A differenza di altri aspetti della Guerra Fredda, la corsa allo spazio è stato un fenomeno molto pubblico. Ogni invenzione, test, lancio o pietra miliare rivoluzionaria è stata pubblicizzata e festeggiata con un'ampia copertura mediatica, alcuni dei quali rasentavano la propaganda.

Sia gli Stati Uniti che l'Unione Sovietica hanno ripetutamente affermato di essere davanti agli altri nell'esplorazione spaziale. In realtà, le loro vittorie furono divise abbastanza equamente per tutta la durata della Corsa allo Spazio.

Origini naziste

Space Race
Wernher von Bruan, l'ex nazista diventato pioniere dello spazio negli Stati Uniti

La prima fase della Space Race si è concentrata sullo sviluppo di sistemi missilistici. Ironia della sorte, i primi pionieri della scienza missilistica erano tedeschi piuttosto che americani o russi. Probabilmente il principale scienziato missilistico della prima guerra fredda era Wernher von Braun, un ex membro del Partito nazista e maggiore nell'odiato Schutzstaffel o SS.

Nel 1942, Braun ha supervisionato un lancio di un razzo che ha raggiunto il volo spaziale suborbitale, il primo oggetto artificiale a farlo. Un impressionato Adolf Hitler ordinò la fabbricazione di migliaia di razzi a punta esplosiva basati sui progetti di von Braun.

Alla fine del 1944, più di 1,400 di questi razzi - ormai soprannominati V-2 - furono lanciati su obiettivi civili in Inghilterra. Viaggiando alla velocità del suono, i V-2 colpiscono i loro bersagli solo tre minuti dopo il lancio; la loro velocità li rendeva impossibili da intercettare con aerei o fuoco antiaereo. I V-2 di Von Braun hanno causato circa 2,750 morti tra i civili. Un singolo razzo V-2 che è atterrato su un negozio di Woolworth ha ucciso 160 londinesi.

Sebbene le innovazioni di von Braun abbiano causato migliaia di morti civili, i sovietici e gli americani bramavano la sua esperienza. Furono gli americani a catturare von Braun negli ultimi giorni della seconda guerra mondiale. Nel luglio 1945, von Braun e dozzine del suo staff venivano spediti negli Stati Uniti con l'operazione Paperclip. Questi scienziati tedeschi hanno svolto un ruolo fondamentale nella progettazione, sviluppo e test di razzi e missili americani per tutta la durata della Guerra Fredda.

Progressi sovietici

Sputnik Space Race
Un tecnico sovietico lavora su Sputnik prima del suo lancio in 1957

Nonostante l'acquisizione americana di scienziati missilistici tedeschi, i sovietici fecero comunque rapidi progressi in questo campo.

L'esperienza sovietica fu messa in mostra nell'ottobre 1957, quando l'URSS divenne il primo paese a lanciare in orbita un satellite artificiale. Sputnik I (Russo per "viaggiatore" o "vagabondo") era minuscolo rispetto ai satelliti moderni, pesava solo 90 chilogrammi. Girava intorno alla Terra a una velocità di 28,000 chilometri all'ora, orbitando una volta ogni 90 minuti.

Sputnik ha creato scalpore, suggerendo il New York Times che sarebbe "passato alla storia ... come una delle più grandi conquiste dell'uomo". Ma Sputnik scioccò anche Washington, infrangendo le supposizioni che i sovietici fossero in ritardo rispetto all'America nella tecnologia spaziale e missilistica.

Sputnik il programma conteneva anche minacce implicite alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, poiché i razzi che mettevano in orbita i satelliti potevano essere utilizzati anche per applicazioni militari. Curtis Lemay, il capo dell'Aeronautica degli Stati Uniti, ha immediatamente dato la priorità alla ricerca sulla nuova tecnologia missilistica.

La NASA si è formata

La corsa allo spazio ha acquisito velocità durante gli anni '1950 e all'inizio degli anni '1960. Nel novembre 1957 furono lanciati i sovietici Sputnik II, il loro secondo satellite orbitante e il primo a contenere una creatura vivente, un cane di nome Laika. Due mesi dopo, l'esercito e l'aviazione degli Stati Uniti hanno lanciato il primo satellite artificiale della loro nazione, Explorer I.

Nel luglio 1958 il presidente Dwight Eisenhower ordinato il formazione di un'agenzia spaziale dedicata, la National Aeronautics and Space Administration (NASA). Entro sei mesi la NASA aveva lanciato il primo satellite per le comunicazioni, SCORE, che trasmetteva un messaggio da Eisenhower.

Il mese successivo (gennaio 1959) i sovietici si lanciarono di nuovo in avanti con il lancio di Luna I, il primo satellite artificiale a lasciare la Terra e prendere l'orbita attorno al Sole. Nel settembre 1959, i sovietici sbarcarono anche una sonda, Luna II, sulla superficie della Luna.

Uomini nello spazio

Un cosmonauta sovietico di nome Yuri Gagarin divenne il primo uomo nello spazio quando la sua nave, Vostok I, completò un'orbita terrestre nell'aprile 1961. John Glenn, volando in Friendship VII, divenne il primo americano nello spazio nel febbraio 1962. La prima donna nello spazio era la cosmonauta sovietica Valentina Tereshkova, nel giugno 1963. Un altro cosmonauta sovietico, Alexey Leonov, completò la prima passeggiata spaziale nel marzo 1965.

Questi progressi sono stati abbastanza notevoli. L'obiettivo più fantastico degli esploratori spaziali, tuttavia, era viaggiare oltre la Terra: sulla Luna o su altri pianeti.

Il neoeletto presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy non cercò guadagni incrementali nella corsa allo spazio, ma un balzo in avanti rispetto ai sovietici, e ordinò una significativa escalation nel programma spaziale americano.

"Scegliamo di andare sulla Luna"

Space Race
Una copertina della rivista TIME raffigurante la "corsa verso la luna" USA-Unione Sovietica

Kennedy ha identificato il viaggio da e verso la Luna come un obiettivo a lungo termine, suggerendo che ciò potrebbe essere realizzato prima della fine degli anni '1960. In un discorso del settembre 1962 in Texas, Kennedy espresse il suo sostegno allo sbarco di uomini sulla Luna:

“Ma perché, dicono alcuni, la luna? Perché scegliere questo come nostro obiettivo? E potrebbero chiedersi perché scalare la montagna più alta? Perché 35 anni fa volava sull'Atlantico? Scegliamo di andare sulla luna. Scegliamo di andare sulla luna in questo decennio e fare le altre cose, non perché sono facili, ma perché sono difficili. Perché quell'obiettivo servirà per organizzare e misurare il meglio delle nostre energie e capacità. Perché quella sfida è una che siamo disposti ad accettare, una che non siamo disposti a rimandare e una che intendiamo vincere ".

L'anno seguente, Kennedy ha lanciato la possibilità di una missione congiunta Luna USA-Sovietica, un'idea accettata provvisoriamente dal leader sovietico Nikita Krusciov. Sfortunatamente, Kennedy fu assassinato settimane dopo, quindi Washington e Mosca continuarono con i loro programmi separati.

La luna e oltre

Negli anni '1960, entrambi i paesi hanno studiato e preparato per i voli lunari con equipaggio. I sovietici hanno anche lavorato a progetti ancora più audaci, come la costruzione di una stazione spaziale orbitante (un'impresa che hanno compiuto nel 1971) e la ricerca della possibilità di voli con equipaggio su Marte e Venere. Nel marzo 1966, il programma spaziale sovietico fece atterrare una sonda sulla superficie di Venere, il primo oggetto artificiale a raggiungere un altro pianeta.

Il programma Luna sovietico fu tuttavia afflitto da problemi e battute d'arresto e rimase indietro rispetto al programma Apollo della NASA. Nel dicembre 1968, tre astronauti statunitensi a bordo dell'Apollo VIII divennero i primi uomini a orbitare attorno alla Luna, girandola dieci volte prima di tornare sani e salvi sulla Terra.

Poi, nel luglio dell'anno successivo, due astronauti dell'Apollo XI, Neil Armstrong e Edwin "Buzz" Aldrin, sono atterrati sani e salvi sulla superficie della Luna. La NASA ha effettuato altre cinque missioni con equipaggio sulla Luna, l'ultima nel 1972.

La corsa allo spazio rallenta

La distensione e il rallentamento economico dei primi anni '1970 hanno influenzato il programma spaziale in entrambe le nazioni. La corsa allo spazio alla fine si concluse nel 1975 con il lancio del progetto Apollo-Soyuz, la prima missione spaziale congiunta USA-Unione Sovietica. Da allora le due nazioni hanno collaborato all'esplorazione spaziale.

Sebbene abbia spesso alimentato la rivalità e la paranoia della Guerra Fredda, la Corsa allo Spazio ha anche prodotto notevoli vantaggi per la società umana. L'esplorazione dello spazio ha richiesto e prodotto rapidi miglioramenti e avanzamenti in molti campi, comprese le telecomunicazioni, la microtecnologia, l'informatica e l'energia solare.

Queste innovazioni sono state utilizzate in una serie di altre applicazioni, inclusi i beni di consumo. Oggi, centinaia di satelliti artificiali orbitano intorno alla Terra e ci forniscono sistemi di comunicazione internazionale, televisione, sistemi di posizionamento globale (GPS) e dati meteorologici. La ricerca spaziale ha anche notevolmente migliorato la nostra comprensione teorica e pratica dell'astronomia, della meteorologia, della fisica e delle varie scienze della terra.

Il punto di vista di uno storico:
“Tre sviluppi interni hanno reso lo Sputnik il simbolo duraturo di una crisi nella fiducia americana: la risposta sensazionalistica della stampa, l'indagine politicamente motivata sul 'disordine spaziale e missilistico' del senatore Lyndon Johnson, ei tentativi confusi e contraddittori dell'amministrazione di minimizzare Sputnik. "Non avevo idea", ha detto il presidente Eisenhower, "che il popolo americano fosse così psicologicamente vulnerabile".
Walter McDougall, storico

corsa allo spazio della guerra fredda

1. La Space Race fu un periodo di rivalità tecnica tra Stati Uniti e Unione Sovietica, che durò più di 25 anni. Durante questo periodo entrambi i superpoteri hanno gareggiato per raggiungere nuovi traguardi nell'esplorazione dello spazio.

2. Gli Stati Uniti hanno ottenuto un vantaggio nella corsa allo spazio reclutando esperti europei nella tecnologia missilistica. Alcuni, come Wernher von Braun, erano ex nazisti.

3. Ad ottobre 1957 l'Unione Sovietica ha lanciato Sputnik, il primo satellite creato dall'uomo. Questo sviluppo ha suscitato preoccupazione negli Stati Uniti, aumentando il proprio programma spaziale.

4. La Space Race ha raggiunto il picco nei primi 1960. Durante questo periodo i sovietici misero una sonda sulla Luna, un satellite in orbita attorno al Sole e il primo uomo nello spazio.

5. Il grande premio della Space Race, tuttavia, fu un atterraggio con successo sulla Luna. Questo è stato completato per la prima volta dagli astronauti statunitensi nel luglio 1969. Sei anni dopo, gli Stati Uniti e l'URSS lanciarono la loro prima missione spaziale congiunta, Apollo-Sojuz, che concluse effettivamente la corsa allo spazio.

fonti della guerra fredda

John Foster Dulles sul lancio di Sputnik (1957)
Un comitato presidenziale americano formula raccomandazioni per un programma spaziale (1958)
The National Aeronautics and Space Act (1958)
Un rapporto dell'intelligence statunitense su come i programmi spaziali sono stati percepiti in tutto il mondo (1959)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "The Space Race"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/space-race/
Data di pubblicazione: 21 settembre 2020
Data di accesso: 10 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.