Il terrore rosso

terrore rosso
Un poster tedesco del 1919 raffigurante il terrore rosso bolscevico in Russia

Il terrore rosso era un bolscevico-regolata campagna di intimidazioni, arresti, violenze ed esecuzioni. È iniziato a metà del 1918 in seguito a un attentato a Vladimir Lenin ed è stato effettuato principalmente dal Cheka, la polizia segreta bolscevica. Il Terrore Rosso è stata una campagna determinata che ha cercato di eliminare l'opposizione, il dissenso politico e le minacce al potere bolscevico.

Dzerzhinsky e la Cheka

Al timone di questa ondata di violenza politica approvata dallo stato c'erano la Cheka e il suo leader fanatico, Félix Dzerzinskij. Gli agenti della Cheka hanno preso di mira qualsiasi individuo o gruppo considerato una minaccia per il governo o le politiche bolsceviche. Tra le vittime del Terrore Rosso c'erano zaristi, liberali, socialisti non bolscevichi, membri del clero, kulaki (contadini benestanti), stranieri e dissidenti politici di ogni genere. 

Sotto gli auspici del Terrore Rosso, le dimensioni del Cheka e l'estensione delle loro attività aumentarono in modo esponenziale. 

Il vero impatto del Terrore Rosso è difficile da quantificare. Secondo i dati ufficiali bolscevichi, il Cheka ha eseguito quasi 8,500 esecuzioni sommarie nel primo anno del terrore e dieci volte quel numero è stato arrestato, interrogato, detenuto, processato o inviato in carceri e campi di lavoro. Il numero reale di omicidi extra-legali era senza dubbio molto più elevato, forse avvicinandosi a sei cifre.

Le origini del terrore

Gli storici hanno a lungo speculato sulle origini e in effetti sul punto di partenza del terrore rosso bolscevico. La maggior parte crede che sia iniziata nell'estate del 1918, un periodo in cui l'opposizione al regime di Lenin era aumentata fino al punto di un'imminente controrivoluzione.

Questo crescente sentimento anti-bolscevico aveva molti genitori. Come in ottobre 1917, il sostegno ai bolscevichi era concentrato nelle aree industriali delle principali città e guarnigioni militari. Oltre quei luoghi, il supporto bolscevico era limitato.

La chiusura degli eletti democraticamente Assemblea costituente (Gennaio 1918), la soppressione di altri partiti politici nelle settimane successive, la resa di enormi quantità di cittadini e territori russi a Brest-Litovsk (Marzo 1918), la rivolta della Legione Ceca (maggio 1918) e l'introduzione di comunismo di guerra (June 1918) hanno alimentato l'opposizione al nuovo regime.

Questa opposizione raggiunse l'apice nel luglio 1918 quando i bolscevichi repressero un spontaneo SR a sinistra rivolta a Mosca e in altre città, prova per molti che i bolscevichi non sono riusciti a trovare un compromesso nemmeno con i loro più stretti alleati politici. Una settimana dopo, agenti Cheka a Ekaterinburg assassinarono l'ex zar, Nicola IIe la sua famiglia, una mossa che ha scioccato molti.

L'``ordine impiccato '' di Lenin

terrore rosso
Fanya Kaplan, la SR che ha attentato alla vita di Lenin nell'agosto 1918

Agosto 1918 è stato un mese critico nella formalizzazione e nell'espansione del Terrore. Infuriato dalla formazione di Brigate bianche e la resistenza e le rivolte fiorenti tra i contadini, Lenin invocò uno "spietato terrore di massa" e uno "spietato abbattimento" dell'attività controrivoluzionaria.

Il 9 agosto, il leader bolscevico ha emesso il suo famoso 'ordine sospeso', incaricando i comunisti di Penza di giustiziare 100 contadini dissidenti come deterrente pubblico. 

Il 17 agosto, il leader della Cheka di Pietrogrado, Moisei Uritsky, fu assassinato da un giovane ufficiale cadetto chiamato Kanegeiser. L'omicidio di Uritsky fu una rappresaglia per l'esecuzione da parte della Cheka di uno degli amici di Kanegeiser.

Tentativo sulla vita di Lenin

Due settimane dopo, mentre Lenin visitava una fabbrica a Mosca, una giovane donna di nome Fanya Kaplan si fece avanti dalla folla e sparò al capo bolscevico sul petto e sulla spalla. Lenin ricevette cure mediche immediate e sopravvisse a questo tentativo di omicidio, sebbene la sua vita rimase in bilico per un po '.

Kaplan è stato arrestato, interrogato e torturato dalla Cheka prima di essere colpito. Le sue motivazioni sono state rivelate in una lettera scritta dopo l'evento: “Non credo di essere riuscita ad ucciderlo. Se mi pento di qualcosa, è solo quello. È un traditore della Rivoluzione. Metto ai suoi piedi la responsabilità della pace insidiosa con la Germania e dello scioglimento dell'Assemblea costituente ".

Sebbene sia diventato chiaro che Kaplan aveva agito da solo, le sue azioni hanno innescato una risposta immediata contro gli SR di sinistra e altri gruppi e individui sospettati di violenza o attività anti-bolscevica.

Il terrore è aumentato

terrore rosso
Questa fotografia di 1918 o 1919 mostra le vittime del terrore rosso in attesa di sepoltura

Nei primi giorni di settembre, diversi leader bolscevichi e comandanti di Cheka hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche sulla minaccia della controrivoluzione e sulla necessità di usare il terrore come tattica necessaria.

Il 5 settembre, il Comitato centrale ha emesso un decreto che invitava la Ceka "a proteggere la Repubblica Sovietica dai nemici di classe isolandoli nei campi di concentramento". Ha anche ordinato che i sospetti controrivoluzionari "devono essere giustiziati sparando [e] che i nomi dei giustiziati e le ragioni dell'esecuzione devono essere resi pubblici". 

Il commissario sovietico Grigori Petrovski richiesto un'espansione del Terrore e una “fine immediata di scioltezza e tenerezza”. Nell'ottobre 1918, il comandante CHEKA Martin Latsis paragonò il Terrore Rosso a una guerra di classe, spiegando che "stiamo distruggendo il borghesia come una classe ”. "Per il sangue di Lenin e Uritsky", ha detto un giornale filo-bolscevico, "ci sia un diluvio di borghese sangue, per quanto possibile ”.

Compagni socialisti presi di mira

terrore rosso
Agenti CHEKA con il corpo di una vittima di tortura, 1920

Le prime vittime del Terrore Rosso furono le Socialisti-rivoluzionari, di cui era stata associata la stessa Kaplan. Nei mesi successivi, più di 800 SR membri furono giustiziati, mentre altre migliaia furono portate in esilio o detenute nei campi di lavoro.

Il Terrore fu presto ampliato per includere chiunque potesse rappresentare una minaccia per il partito bolscevico o le sue politiche: ex zaristi, liberali, menscevichi, membri della chiesa ortodossa russa, stranieri, chiunque avesse osato vendere cibo o beni a scopo di lucro.

I contadini che si rifiutarono di soddisfare gli ordini di requisizione statali furono condannati kulak - Avidi speculatori parassiti che accumulavano grano e cibo a scopo di lucro, mentre altri russi morivano di fame - e furono soggetti ad arresto, detenzione ed esecuzione. In seguito furono presi di mira anche i lavoratori dell'industria che non riuscirono a rispettare le quote di produzione o osarono scioperare.

La Cheka cresce

Mentre i bolscevichi ampliavano la loro definizione di chi fosse nemico della rivoluzione, espansero anche il Cheka. Una piccola forza di poche centinaia di uomini agli inizi di 1918, nel giro di due anni la Cheka era una delle più grandi agenzie sovietiche, impiegando circa 200,000.

La violenza sfrenata del terrore superò presto i peggiori eccessi dello zarista Okhrana, le Nardonaya Volya e il terrorismo di SR radicali in 1905. Come suggerisce il nome, il terrore rosso è stato condotto per intimidire e costringere i russi comuni all'obbedienza, tanto quanto eliminare gli avversari.

La funzione e la metodologia del terrore furono lasciate alla Cheka: chiunque poteva essere individuato per persecuzione, arresto o peggio. Spesso erano individui che avevano associazioni lontane con il vecchio regime o quelli che osavano parlare pubblicamente contro Lenin, i bolscevichi o le loro politiche. Anche borghese abiti, battute intemperanti o gesti sprezzanti potrebbero attirare l'attenzione di CHEKA.

Prigione e campi di lavoro

Per contenere sospetti controrivoluzionari e dissidenti, i bolscevichi rianimarono il katorgas - prigioni remote e campi di lavoro gestiti dalle agenzie di sicurezza del governo zarista - e spediti lì a migliaia.

Col tempo, questa rete di campi di lavoro sarebbe diventata nota gulag ampiamente utilizzato da Stalin negli 1930.

Sebbene le cifre ufficiali fossero molto più basse, la maggior parte degli storici crede che più di 100,000 siano state giustiziate durante il Terrore Rosso, una cifra che non include le perdite causate dalla Guerra Civile.

Storici sul terrore rosso

Gli storici hanno anche discusso sia della natura che dell'inevitabilità del terrore rosso. I revisionisti e gli storici libertari la vedono come una creatura del suo tempo, una risposta frenetica e in preda al panico per il terrorismo e l'opposizione anti-bolscevichi scoppiati in Russia nei primi mesi di 1918.

Molti storici liberali e conservatori occidentali, al contrario, affermano che la violenza e il terrore erano inerenti all'ideologia e alla metodologia bolsceviche. Il movimento bolscevico, a sua volta forgiato nel calore della rivoluzione, poteva mantenere il potere solo attraverso la violenza e l'intimidazione; il regime bolscevico non poteva che imporre politiche o riforme attraverso la coercizione e la guerra di classe.

Gli storici di questa visione credono che i semi del terrore rosso siano stati seminati settimane prima della violenza anti-bolscevica di metà 1918. Quando Lenin fu fucilato nell'agosto 1918, ciò portò solo alla formalizzazione, all'espansione e all'intensificazione dei metodi che i bolscevichi avevano già usato.

Il punto di vista di uno storico:
"Il terrore bolscevico si è insinuato dalla Russia europea come una pestilenza biblica, mesi prima che Dzerzinskij dichiarasse pubblicamente" Noi siamo per il terrore organizzato "e una campagna ufficiale di terrore del governo è stata formalizzata dall'ordine" Sul terrore rosso "nel settembre 1918. Arresti arbitrari, sparatorie di massa , la tortura e la prigionia erano parte integrante della politica bolscevica molto prima che si riunissero gli eserciti anti-bolscevichi ".
Jamie Bisher

terrore rosso russia

1. Il Red Terror è stato un periodo di due anni di coercizione, violenza e uccisioni extra-legali da parte del regime bolscevico. È stato sviluppato e implementato durante la metà di 1918.

2. Ci furono molte cause per il Terrore Rosso, tra cui la crescente opposizione ai bolscevichi che portarono alla guerra civile e al tentativo di assassinio di 1918 di agosto su Lenin.

3. Gran parte del terrore rosso è stato realizzato dal famigerato Cheka sotto la guida di Feliz Dzerzhinsky. La Cheka è cresciuta esponenzialmente durante questo periodo.

4. Il terrore ha preso di mira una serie di gruppi tra cui sospetti controrivoluzionari, bianchi, zaristi, liberali, clero e contadini che hanno resistito alle politiche bolsceviche.

5. Gli storici discutono se il terrore fosse una risposta bolscevica alla crescente opposizione di metà 1918 o se fosse inevitabile, data la storia, l'ideologia e la metodologia del movimento bolscevico prima che prendesse il potere.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "The Red Terror"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/red-terror/
Data di pubblicazione: 11 Agosto 2019
Data di revisione: 5 Marzo 2022
Data di accesso: Gennaio 08, 2023
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.