Le rivolte del Réveillon

rivolte reveillon
Una rappresentazione delle rivolte di Reveillon di aprile 1789

Le rivolte del Réveillon si riferiscono a violenti disordini scoppiati nel quartiere orientale di Parigi nell'aprile 1789. Dopo un inverno gelido e nel mezzo di una terribile crisi alimentare, la classe operaia parigina era alla ricerca di un capro espiatorio. Ne trovarono uno nella persona di Jean-Baptiste Réveillon, un uomo d’affari locale le cui critiche indirette al costo della vita furono erroneamente interpretate come un appello a tagli salariali. La violenza di massa che seguì vide decine di persone uccise.

sfondo

Nell'aprile 1789, due settimane prima dell'apertura del Proprietà generali, un produttore di carta da parati parigino di nome Jean-Baptiste Réveillon ha fatto alcuni commenti sulle terribili condizioni economiche della città e sui costi per fare affari. Le osservazioni di Réveillon furono interpretate male dai lavoratori della città, che credevano che avesse chiesto tagli salariali.

A partire dal 26 aprile, piccole folle di parigini si sono radunate in diversi punti della città per marciare e protestare, in particolare contro i commenti di Réveillon e contro gli alti prezzi dei prodotti alimentari in generale. Spinte dalla fame, dalle voci e da una teoria del complotto secondo cui i salari venivano intenzionalmente soppressi, queste manifestazioni divennero vere e proprie rivolte.

Alla fine la folla decise di marciare sulla casa di Réveillon, poi sulla sua fabbrica. Una volta lì, hanno tentato di distruggerli. Le rivolte del Réveillon, come divennero note, causarono la morte di circa 25 persone e ingenti danni materiali. Molti storici considerano queste rivolte il primo esempio di violenza di massa nella Rivoluzione francese.

Chi era Réveillon?

rivolte reveillon
Carta da parati prodotta dalla fabbrica del Réveillon poco prima di 1789

Jean-Baptise Réveillon era proprietario di una fabbrica parigina che produceva e vendeva costose carte da parati per nobili ricchi borghesia e reali minori. La fabbrica di Réveillon si trovava a Saint-Antoine nel quartiere orientale della città, non lontano dalla Bastiglia, e impiegava circa 300 operai.

Il 23 aprile 1789, Réveillon si rivolge al comitato elettorale locale e lamenta l'aumento dei costi di produzione, in particolare l'aumento dei salari. Ha ricordato i tempi in cui i suoi dipendenti potevano vivere bene anche a 15 anni sous un giorno. Nello stesso incontro, i sentimenti di Réveillon furono ripresi da Dominique Henriot, un produttore locale di salnitro.

Le osservazioni di Réveillon erano un commento sull'aumento dei prezzi alimentari piuttosto che sui livelli salariali – ma prese fuori dal loro contesto, suonavano come il lamento auto-intitolato di un capitalista che desiderava abbassare i salari. Réveillon era, in effetti, un datore di lavoro più premuroso di molti altri. Pagava bene i suoi lavoratori e non li licenziava quando gli affari diminuivano in inverno. Rapporti successivi suggerirono che gli stessi lavoratori di Réveillon non avessero partecipato alle rivolte contro la sua fabbrica.

Il potere dei pettegolezzi e delle voci

In una rivoluzione, tuttavia, le voci vanno oltre la realtà, soprattutto in tempi di sofferenza economica e fermento politico. Fondamentalmente, l'inverno del 1789 era stato infelice per le classi lavoratrici di Parigi.

Il raccolti scarsi del 1788 aveva spinto il prezzo del pane a nuovi massimi. Nelle settimane precedenti l'incidente di Réveillon, le autorità cittadine fissarono il prezzo di una pagnotta a 14.5 soldi, quasi la paga di un giorno intero per un operaio non qualificato. Elezioni per gli Stati Generali e redazione del cahiers aveva sconvolto anche le classi lavoratrici.

Alla fine di aprile, i lavoratori di Parigi erano estremamente sensibili ai salari e ai prezzi e cercavano un capro espiatorio per le loro sofferenze. L'hanno trovato in Réveillon e nelle voci maliziose su di lui che chiedeva una riduzione dei salari dei lavoratori.

La proprietà di Réveillon è stata attaccata

Il 27 aprile, un gruppo di lavoratori scontenti si è riunito vicino alla Bastiglia, dove hanno appeso le effigi di paglia di Réveillon e Henriot. Poi hanno rivolto la loro attenzione alla villa di Réveillon in Rue de Montreuil, ora protetta da un piccolo contingente di polizia.

Temendo per la propria vita, Réveillon e la sua famiglia si ritirarono oltre il muro del giardino e si rifugiarono in una casa vicina. Davanti, la folla ha colpito la polizia con pietre, tegole e altri proiettili. Alcuni rivoltosi sono riusciti ad accedere alla casa e avevano intenzione di distruggerla, anche se la loro attenzione è stata distratta dalla cantina di 2000 bottiglie di Réveillon.

La situazione si aggrava con l'arrivo di una compagnia della Guardia francese, presidio militare della città. Dopo essere stata colpita da proiettili, la guardia francese ha risposto con raffiche di armi da fuoco e ha sparato a dozzine di rivoltosi. I rapporti ufficiali suggerivano che 25 persone furono uccise, anche se la cifra reale probabilmente superava le 100.

Il governo risponde

La risposta dello stato è stata rapida e senza compromessi. I tentativi di riaccendere le rivolte furono rapidamente schiacciati dalla Guardia francese rinforzata. Entrambi i re Luigi XVI e il governo municipale ha rilasciato dichiarazioni che condannano la violenza e mettono in guardia contro future rivolte. Due capocannoni catturati dalla Guardia francese furono trainati prima di Parigi parlamento e rapidamente condannato a morte.

In un altro momento della storia di Parigi, questo sarebbe bastato a scoraggiare ulteriori rivolte. Invece, la risposta del governo ha irritato ulteriormente la gente e il giorno successivo una folla ancora più numerosa si è radunata davanti alla casa di Réveillon.

Questa volta, secondo alcuni rapporti, la folla ha colpito le guardie con mattoni, tegole e altri proiettili, uccidendo e ferendo diversi soldati. Ancora una volta sono riusciti ad accedere alla casa di Réveillon e l'hanno saccheggiata, prima di passare alla sua fabbrica. Lì distrussero gran parte delle scorte e dei macchinari di Réveillon, spazzando via di fatto la sua attività.

"Le cosiddette rivolte di Réveillon sono spesso presentate come un alza il sipario sulla Rivoluzione francese e un primo esempio di conflitto di classe tra le classi lavoratrici e i ricchi produttori ... La folla stava tentando, come nella classica rivolta del pane, di reimporre i valori della comunità punire due persone che li avevano violati. In questo caso, era il principio di un salario equo Réveillon e Henriot avrebbe attaccato ... Piuttosto che un conflitto di classi, sono state due culture che si sono scontrate qui. "
David Garrioch, storico

Significato

Gli storici sono giunti a conclusioni diverse sul significato delle rivolte del Réveillon. Alcuni lo considerano un incidente minore, scatenato solo da voci e incomprensioni. Altri l'hanno dichiarata una prova generale più ampia e significativa Insurrezione di Parigi di luglio 1789.

La violenza di Réveillon non è stata solo una rivolta alimentare, ma un atto di sfida volontaria contro lo stato. Olivier Bernier, ad esempio, sottolinea quanto velocemente i rivoltosi dell'aprile 1789 "siano passati dal saccheggio di una casa all'omicidio". I resoconti contemporanei, in particolare quelli delle classi superiori, hanno espresso grande preoccupazione per la natura rivoluzionaria delle rivolte.

Secondo un testimone oculare, il marchese de Ferrieres, le rivolte riguardavano i prezzi dei prodotti alimentari e i salari, ma Ferrieres ritiene che altri fattori potrebbero essere stati in gioco:

“Il pretesto è il prezzo alto del pane, ma questo è meno caro a Parigi che in provincia. Gli Stati Generali saranno tempestosi. C'è una grande sensazione di malessere tra gli ordini. Molte persone sono state arrestate. Ieri il re ha emesso un editto che riconduce i colpevoli alla giurisdizione dei tribunali di polizia. Il parlamentare si è comportato come fa sempre: in modo lento. Alcuni sfortunati rivoltosi sono stati trovati morti nelle cantine di Reveillon ... avevano bevuto vernice e alcol grezzo, pensando che fosse brandy. "

Rivolte francesi di ribellioni reveillon

1. I disordini del Réveillon furono un'ondata di manifestazioni pubbliche, danni alla proprietà e violenza scoppiata nella zona est di Parigi alla fine di aprile 1789.

2. Jean-Baptiste Réveillon era un produttore di carta da parati che impiegava circa 300 persone. Secondo le voci raccolte dalla folla, Réveillon si era lamentato dei costi di produzione e aveva chiesto tagli ai salari.

3. Sebbene questa interpretazione delle osservazioni di Réveillon fosse probabilmente sbagliata, ha scatenato una risposta rabbiosa da parte della classe operaia parigina, che si è riunita e ha marciato sulla casa di Réveillon.

4. La folla ha saccheggiato la sua casa e la sua fabbrica. Di fronte ai soldati armati hanno risposto con aria di sfida, colpendo i soldati con mattoni e piastrelle. I soldati hanno risposto con gli spari e dozzine sono state uccise.

5. Alcuni storici considerano le rivolte del Réveillon abbastanza insignificanti, mentre altri le considerano la prima rivolta popolare della Rivoluzione francese.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Le rivolte di Reveillon"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/reveillon-riots/
Data di pubblicazione: Ottobre 19, 2019
Data di aggiornamento: 9 Novembre 2023
Data di accesso: 19 Maggio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.