I parlement

parlements
Una mappa che mostra le giurisdizioni dei 13 parlements della Francia nei primi 1700

Quando Luigi XVIi ministri hanno proposto fiscale e tassazione riforme nel 1780, furono contrastate da elementi del Antico Regime. Un'istituzione significativa per bloccare queste riforme è stata la parlements, le più alte corti francesi. Verso la fine degli anni ottanta del Settecento, questa resistenza era diventata una visibile lotta di potere tra il re e i suoi parlements.

Quali erano i parlements?

Il parlements erano i tribunali supremi della Francia prerivoluzionaria. Servivano come le più alte corti d'appello della nazione, in modo simile alla Corte Suprema degli Stati Uniti, alla Corte Suprema del Regno Unito e all'Alta Corte dell'Australia.

Il parlements erano antiche istituzioni che risalivano al 13 secolo. All'inizio del 18 secolo, la Francia aveva 13 diverso parlements, ciascuno con la propria giurisdizione o area operativa. Ogni parlamento era presidiato da almeno 12 magistrati, tutti nobiltà du robe e quindi membri del Seconda tenuta.

I 13 paesi parlements erano tutti uguali, almeno in teoria, ma i parlamento di Parigi - in virtù delle sue dimensioni, della sua vicinanza al re e della sua interazione con il governo reale - esercitava più potere e influenza rispetto agli altri.

Un controllo sul potere reale

parlements
A lit de Justice nel parlamento di Parigi

Storicamente parlements era spesso servito come controllo o limitazione del potere reale. Mentre il parlements non potevano emanare nuove leggi o modificare o abolire quelle esistenti, tuttavia hanno svolto un ruolo nel processo legislativo.

Secondo l'usanza, il parlamento di Parigi ha esaminato e registrato nuove leggi ed editti reali prima della loro adozione definitiva. Questo ha dato la Parigi parlamento la capacità di bloccare gli editti reali, sia come protesta contro politiche specifiche sia come mezzo per esercitare influenza sul monarca.

Se l' parlamento rifiutato di registrare una legge, pubblicherebbe un file rimostranza (una spiegazione scritta delle sue preoccupazioni e obiezioni alla legge). In tal caso, il re potrebbe convocare i giudici del parlamento ad un lit de Justice ("letto di giustizia", ​​in sostanza, una sessione reale del parlamento). A a lit de Justice, il re potrebbe formalmente scavalcare il rimostranza e ordinare la registrazione della legge. In alternativa, il re potrebbe usare lettres de cachet intimidire, esiliare o imprigionare i magistrati del parlamento al fine di forzare la loro conformità.

Luigi XV contro il parlements

parlements
René de Maupeou, che ha tentato di privare di potere gli organi

Il rapporto tra il re e il parlements era un aspetto importante del francese governo reale nei secoli XVII e XVIII. Il regno di Luigi XV (17-18) fu spesso interrotto da tensioni e conflitti con il regno parlements.

Ciò divenne particolarmente grave nell'ultimo quarto del regno di Luigi XV, quando l'opposizione del parlements reso quasi impossibile governare. Dal 1763, la Parigi parlamento bloccato una serie di riforme e politiche reali, tra cui una nuova puntata del vingtime imposta.

Nel 1766, Luigi XV apparve notoriamente ad una sessione del parlamento e nei termini più severi informò i suoi giudici che la sua sovranità reale era suprema. Cinque anni dopo, Louis e il suo cancelliere, Maupeou, decisero di abolire la legge parlements del tutto, sostituendoli con consigli presidiati da funzionari designati. Il parlements furono riportati al loro precedente status quando Luigi XVI salì al trono in 1774.

Bloccare le riforme fiscali

Durante il regno di Luigi XVI, la Parigi parlamento si oppose costantemente alle politiche fiscali del governo. Si è opposto alla concessione di nuovi prestiti, sostenendo che il deficit nazionale dovrebbe essere gestito riducendo la spesa. Anche le sontuose spese della corte reale – già sotto un certo controllo pubblico – furono criticate dal parlamento.

Nel frattempo, il controllore generale delle finanze del re, Charles Calonne, stava sviluppando una propria serie di riforme per affrontare la crisi fiscale della nazione. Sperava di aumentare le entrate pubbliche stimolando l'economia e rimuovendo le esenzioni personali dalla tassazione.

Le riforme proposte da Calonne, redatte nel 1786, includevano l'imposizione di una tassa fondiaria - senza alcuna esenzione per il Nome ed Second Estates. Calonne conosceva Parigi parlamento bloccherebbe le sue riforme, così ha invece cercato l'approvazione di un Assemblea dei notabili. I Notabili respinsero le proposte di Calonne e le sue riforme furono abbandonate.

Confronto aperto

Nell'aprile 1787, il re licenziò Calonne e lo sostituì Etienne Brienne, già presidente dell'Assemblea dei Notabili. Brienne sviluppò un proprio pacchetto di riforme abbastanza simili a quelle di Calonnes. Sperava di stimolare la produzione e il commercio della Francia riducendo la regolamentazione interna e abolendo quella corvée, introducendo un'imposta fondiaria e ponendo fine alle esenzioni dalla tassazione personale.

Nel giugno 1787, Brienne iniziò a passare queste riforme come editti. A suo merito, Brienne convinse la Parigi parlamento registrare la maggior parte delle sue riforme. Ma il parlamento rifiutato di approvare qualsiasi nuova tassa, né sosterrebbe cambiamenti radicali alle esenzioni fiscali. Tali modifiche, hanno sostenuto i magistrati, erano “contrarie ai diritti della nazione”. Cambiamenti di tale portata, il parlamento dichiarato, potrebbe essere affermato solo da un Proprietà generali.

Questa sfida ha portato il parlements in un confronto aperto con il re. Il 6 agosto 1787, Luigi XVI, su consiglio di Brienne, convocò a lit de Justice dove dissolse Parigi e Bordeaux parlements. Lettres de cachet furono emessi contro questi magistrati, mandandoli in esilio a Troyes, 110 miglia a est di Parigi.

Brienne credeva che se i magistrati fossero stati detenuti a Troyes, ben lontani dalle pressioni pubbliche di Parigi, alla fine avrebbero fatto marcia indietro. Invece i magistrati in esilio di Troyes scrissero all'altro francese parlements, esortandoli a rifiutare la registrazione a qualsiasi editto fiscale.

Atteggiamenti pubblici

L'attacco del re al parlements scatenò anche una reazione pubblica a Parigi, con assemblee e proteste tumultuose per tutto il resto di agosto. Alla fine, il parlements ha vinto la giornata. Il 24 settembre, il re permise ai magistrati di tornare a Parigi, e il loro arrivo all'inizio di ottobre fu accolto con clamore e festeggiamenti pubblici. Le riforme fiscali di Brienne, nel frattempo, non sono state registrate.

Per i successivi otto mesi, il re, i suoi ministri e il parlamento di Parigi impegnato in un tiro alla fune politico. Nel gennaio 1788, il parlamento spostato per dichiarare lettres de cachet illegale; il re ha risposto invocando a lit de Justice annullare la sua decisione. Ai primi di maggio, il parlamento ha emesso una "Dichiarazione delle leggi fondamentali della Francia", un tentativo di affermare la propria indipendenza giudiziaria; rispose il re lettres de cachet che ordinò l'arresto di due magistrati.

L'8 maggio, Luigi XVI seguì le orme di suo nonno, Luigi XV, e tentò di castrare il parlements del tutto. Tutti gli editti futuri, stabilì il re, sarebbero stati registrati da una "corte plenaria" nominata. Questo attacco reale al parlements scatenato un’altra ondata di violenza pubblica. A Parigi scoppiarono disordini e a Grenoble la gente del posto colpì di piastrelle i soldati governativi. Proteste contro il trattamento riservato dal re ai parlements dureranno settimane e verranno alleviate solo dalla convocazione degli Stati Generali (8 agosto 1788).

“Gli storici tendono a giudicare duramente i parlamentari, sostenendo in effetti che erano i principali responsabili del crollo dell'ancien regime. In una tenace difesa del privilegio - non ultimo il proprio - persero di vista la più ampia costellazione di problemi che la monarchia doveva affrontare. Eppure non era questo il modo in cui l'opinione pubblica vedeva la loro posizione. La resistenza dei parlamentari al reale godette di un enorme sostegno tra le classi colte e fu sostenuta quasi fino alla fine ... Il parlamento di Parigi ... riuscì a porsi con successo come il campione della legge in un momento in cui la monarchia assoluta appariva completamente spericolata ... "
Primo Ministro Jones, storico

parlamenti della rivoluzione francese

1. il parlements erano i più alti tribunali e tribunali d'appello in Francia. Il parlements erano anche responsabili della registrazione delle leggi e degli editti reali, quindi avevano un ruolo nel processo legislativo.

2. La Francia aveva 13 parlements, il più potente dei quali si trovava a Parigi. Si è spesso rifiutato di registrare le leggi, delineandone le ragioni rimostranze. Il re poteva solo forzare la registrazione a lit de Justice.

3. Parigi parlamento entrò in conflitto con la monarchia nel 1787-88, quando questa rifiutò di registrare gli editti di Brienne che istituivano una nuova tassa fondiaria.

4. Il re rispose inviando la Parigi parlamento in esilio a Troyes, sperando di forzare la loro obbedienza, tuttavia ciò scatenò notevoli disordini pubblici e alcune violenze.

5. Parigi parlamento fu infine restaurato, ma il conflitto con il re e i suoi ministri continuò nella prima metà del 1788, culminando con la convocazione degli Stati Generali.

rivoluzione francese fonti parlement

Arthur Young su opinioni pubbliche sul parlements (1792)

Informazioni sulla citazione
Titolo: 'Il parlements'
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/parlements/
Data di pubblicazione: Ottobre 9, 2019
Data di aggiornamento: 8 Novembre 2023
Data di accesso: 13 Giugno 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.