Riforma agraria

riforma agraria
Un'immagine di propaganda che mostra ai contadini i titoli della loro terra

Subito dopo aver preso il potere in Cina, Mao Zedong e Partito comunista cinese (PCC) intraprendendo un ampio programma di riforma agraria. Queste politiche non solo hanno ridistribuito la terra, ma hanno avuto un profondo impatto sulle strutture sociali e di classe nelle comunità rurali.

sfondo

Per migliaia di anni, il popolo cinese è sopravvissuto coltivando la terra. Nel 1949, praticamente tutta la terra arabile era coltivata ei contadini costituivano l'85% della popolazione cinese.

Mao Zedong era convinto che i contadini cinesi dovessero guidare la rivoluzione comunista e la transizione al socialismo. Sotto la direzione di Mao, il PCC ha sviluppato un programma di riforme agrarie.

Queste riforme, sebbene rivoluzionarie e spesso progressiste, furono attuate e applicate con mezzi coercitivi e violenti.

Legge sulle riforme agrarie

Legge sulle riforme agrarie, una delle prime grandi politiche della repubblica comunista, fu approvata nel giugno 1950. Prometteva di impossessarsi della terra dai proprietari terrieri benestanti e di ridistribuirla ai contadini senza terra. Il suo primo articolo prometteva che:

"Il sistema di proprietà fondiaria dello sfruttamento feudale da parte della classe dei proprietari terrieri sarà abolito e sarà introdotto il sistema della proprietà terriera contadina al fine di liberare le forze produttive rurali, sviluppare la produzione agricola e aprire così la strada alla nuova industrializzazione della Cina".

Dopo che il disegno di legge è stato emanato, Mao si è congratulato con i contadini, affermando che è stato "con il loro aiuto che è stata ottenuta la vittoria nella rivoluzione, ed è ancora il loro aiuto che renderà possibile l'industrializzazione del paese".

Fanshen

Il programma di riforma agraria del PCC ha comportato un ribaltamento del sistema sociale tradizionale cinese e della proprietà terriera. La parola cinese per descrivere questa trasformazione era Fanshen, che significa liberarsi o "voltare il corpo".

La società rurale è stata divisa in nuove categorie:

  • Proprietari che possedeva grandi proprietà e non svolgeva alcun lavoro manuale.
  • Contadini ricchi che possedevano la terra ma la lavoravano da soli assumendo altri lavoratori o affittando la terra ad altri.
  • Contadini medi che possedevano la terra e la lavoravano da soli senza sfruttare gli altri.
  • Poveri contadini che aveva pochissima terra o attrezzatura e doveva affittare terra da altri.
  • Lavoratori che non occupavano terre e dovevano vivere con magri salari o prestiti.
  • In alcuni villaggi, le persone dovevano indossare una striscia di stoffa che identificava il loro background di classe. Alcuni dei colori usati erano il bianco per i proprietari terrieri, il giallo per i contadini medi e il rosso per i contadini poveri.

    Lo stato ha anche sequestrato ampi tratti di terra di proprietà di ricchi industriali. Questa terra acquisì ma anche capitalisti benestanti emarginati e privi di potere, che tendevano ad essere sostenitori del Guomindang e del vecchio regime.

    La vendetta dei contadini

    parla amarezza
    Un ex proprietario affronta la giustizia durante la campagna Speak Bitterness

    Il processo di riforma agraria divenne rapidamente un'opportunità di punizione, poiché i proprietari terrieri furono violentemente denunciati dai contadini. Secondo lo storico britannico Jonathan Fenby, “In questo riordino del mondo rurale, i contadini le cui famiglie avevano vissuto per generazioni al margine o al di sotto di essa si vendicarono di coloro che li avevano oppressi”.

    Il PCC ha legittimato e sfruttato queste lamentele attraverso la propaganda del governo e la campagna "Speak Bitterness" approvata dallo stato.

    Durante la campagna "Speak Bitterness", gli ex proprietari terrieri sono stati costretti a partecipare a udienze pubbliche, dove sono stati sottoposti a interrogatori, accuse e arringhe da parte di coloro che avevano precedentemente sfruttato o maltrattato. Queste sessioni spesso si concludevano con atti di violenza che potevano variare da schiaffi e pugni alla tortura e all'esecuzione. Diffusi anche l'esilio, la reclusione e il suicidio forzato e volontario.

    Una guerra di classe

    Il processo del "parlare di amarezza" è stato ideato e incoraggiato da Mao Zedong. È stato promosso come mezzo per guarire le ferite del passato e purificare l'anima, ma il suo vero scopo era quello di agitare la coscienza di classe, potenziare i contadini e incoraggiare il pensiero rivoluzionario.

    Nel giugno 1950, Mao ha descritto il processo di riforma agraria così:

    “La riforma agraria in una popolazione di oltre 300 milioni di persone è una guerra feroce. È più arduo, più complesso, più problematico che attraversare lo Yangzi perché le nostre truppe sono 260 milioni di contadini. Questa è una guerra per la riforma agraria, questa è la più orribile guerra di classe tra contadini e proprietari terrieri. È una battaglia all'ultimo sangue. "

    riforma agraria
    La propaganda dei primi 1950 raffigurante vite contadine dopo la riforma agraria

    Problemi e difficoltà

    Secondo alcuni storici, il processo di "Parlare amarezza" e Fanshen non si è verificato uniformemente in tutta la Cina. Frank Dikötter suggerisce che gli attivisti del PCC a volte hanno trovato difficile penetrare negli atteggiamenti confuciani prevalenti e cambiare vecchie strutture e modelli sociali.

    In alcuni villaggi, i proprietari terrieri e i contadini ricchi erano in grado di mantenere almeno un certo status o influenza. In alcuni casi erano stati formati come quadri (leader comunisti locali) mentre in altre aree le distinzioni di classe erano appena esistite, il che significava che c'era poco di cui "parlare amarezza".

    "La sfida era che nessuna di queste distinzioni artificiali di classe corrispondeva effettivamente al paesaggio sociale del villaggio", scrive Dikötter, "dove la maggior parte dei contadini viveva più o meno nelle stesse condizioni". Sostiene anche che il PCC ha incontrato resistenza perché "la gente comune aveva scrupoli a perseguitare e rubare ai loro vicini di un tempo", indipendentemente da ciò che avevano fatto prima.

    Di conseguenza, le sessioni "Speak Bitterness" in alcune zone sono diventate una farsa. Gli abitanti del villaggio hanno rispettato i desideri del partito, ma hanno imparato a "esibirsi come un modo per sopravvivere". Se i quadri del PCC scoprissero indifferenza Fanshen, è stato interpretato come resistenza alle riforme e affrontato mediante indottrinamento, intimidazione e violenza.

    Risultati

    Nel 1951, più di 10 milioni di proprietari terrieri erano stati identificati e trattati e il 40% della terra era detenuto dal 60% della popolazione. All'inizio del 1953, il PCC dichiarò che la rivoluzione agraria cinese era stata completata, sebbene in realtà i cambiamenti più significativi dovevano ancora venire.

    Le statistiche sulla violenza contro i proprietari variano in modo significativo. È stato stimato che durante le campagne del 1947 e del 1952 morirono tra uno e due milioni di ex proprietari terrieri.

    Mentre la riforma agraria e la ridistribuzione della terra hanno aiutato il PCC a ottenere il sostegno dei contadini, come nuovi proprietari terrieri i contadini hanno affrontato maggiori difficoltà e problemi.

    Molti contadini non avevano le conoscenze, le attrezzature e le risorse per coltivare la terra in modo produttivo. Con la terra che produceva meno di prima, ci furono interruzioni nelle forniture alimentari e nei mercati che portarono a carenze e aumenti dei prezzi.

    Ci furono anche interruzioni delle pratiche agricole, inclusa la perdita di antiche cerimonie, sostituite da riunioni di partito e spettacoli di propaganda. Furono distrutti anche manufatti culturali come manoscritti rari, monete di bronzo, mobili in legno, dipinti a inchiostro e ceramiche, spingendo il Ministero della Cultura a ordinare la confisca di tutti i libri rari e oggetti d'antiquariato come misura protettiva (giugno 1951).

    I cambiamenti dei primi anni Cinquanta sarebbero stati soppiantati da riforme sociali ed economiche ancora più radicali nel decennio a venire, compresa la realizzazione di squadre di mutuo soccorso, la collettivizzazione, i Comuni del popolo e il disastro del Grande balzo in avanti.

    Il punto di vista di uno storico:
    “Gli obiettivi della riforma agraria erano di migliorare la sorte dei poveri e far loro sentire di avere un interesse nel paese e una lealtà al nuovo governo ... Ma gli obiettivi della riforma agraria includevano anche informazione e controllo. Il PCC, tramite i quadri, ha ottenuto una visione delle condizioni in ogni parte della Cina - e utili elenchi di nemici del popolo. Coinvolgendo la popolazione locale nel processo "giudiziario" e nelle uccisioni, il controllo attraverso la paura è stato rapidamente stabilito ".
    William S. Morton

    rivoluzione cinese

    1. La legge sulla riforma agraria (1950 di giugno) era una politica comunista che mirava a confiscare la terra dai proprietari e ridistribuirla ai contadini senza terra.

    2. La riforma agraria mirava anche a distruggere le strutture e le disuguaglianze del vecchio ordine sociale, in cui le persone erano classificate come padroni di casa, contadini ricchi, contadini medi, contadini poveri o operai.

    3. Nell'attuare la riforma agraria, Mao e il PCC hanno incoraggiato i contadini a cercare vendetta contro i ricchi proprietari terrieri. Ciò ha portato a denunce, incarcerazioni, violenze ed esecuzioni, con ben due milioni di persone uccise tra il 1947 e il 1952.

    4. La rivoluzione agraria portò il 40% della terra a passare al 60% della popolazione. Ciò ha avuto alcuni effetti negativi sulla produzione agricola, poiché i contadini hanno fatto i conti con la loro mutata situazione.

    5. La nuova società ha anche sperimentato significativi cambiamenti e sconvolgimenti culturali, poiché le antiche feste agricole sono state sostituite da riunioni di partito e propaganda, mentre una grande quantità di materiale culturale come libri rari e oggetti d'antiquariato sono stati persi o distrutti.

    Informazioni sulla citazione
    Titolo: "Riforma agraria"
    Autori: Rebecca Cairns, Jennifer Llewellyn
    Editore: Alpha History
    URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/agrarian-reform/
    Data di pubblicazione: 21 settembre 2019
    Data di accesso: Luglio 02, 2022
    Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.