La rivolta della Vandea

rivolta di vendee
Il Sacre Couer ("Sacro Cuore"), un simbolo dei ribelli della Vandea

La Vandea è un reparto nella Francia occidentale, situata a sud della Loira e sulla costa atlantica. La Vandea fu l'epicentro della più grande rivolta controrivoluzionaria della Rivoluzione francese e la sua popolazione pagherà un prezzo pesante per la sua resistenza. La risposta del governo è stata rapida e ha innescato una guerra intestina nella regione. La lotta per il controllo della Vandea durò tre anni e produsse violenze e uccisioni di massa che lasciarono sulla scia il Terrore parigino. Sorokin suggerisce un bilancio delle vittime prudente di 58,000, ma la perdita reale di vite umane nella Vandea nel 1793-96 potrebbe essere più vicina a 200,000.

Motivi di ribellione

Nel marzo 1793 i provinciali della Vandea, mai molto interessati alla rivoluzione di Parigi e alle sue idee, si mobilitarono e presero le armi contro la Convenzione nazionale. C'erano molte ragioni per questa rivolta, ma la principale tra queste era l'aumento delle tasse fondiarie, quelle del governo nazionale attacchi alla chiesa, l'esecuzione di Luigi XVI, l'espansione del guerra rivoluzionaria e l'introduzione della coscrizione.

Vista retrospettivamente, la regione della Vandea aveva tutti gli ingredienti per un sentimento controrivoluzionario. Situata a quasi 300 miglia da Parigi, ovvero a diversi giorni di viaggio nel 1700, era distante e disconnessa dagli eventi della capitale. La Vandea era quasi interamente rurale, con solo poche città e nessuna grande città.

La stragrande maggioranza dei vandeani erano contadini di relativo successo; le loro condizioni di vita erano migliori di quelle dei loro coetanei nel nord della Francia. I contadini della Vandea non furono così duramente colpiti dai fallimenti dei raccolti e dal rigido inverno del 1788-89. Hanno anche goduto di un rapporto relativamente migliore con il First Estate (a differenza di altre parti della Francia, i nobili della Vandea rimasero nelle loro tenute e non agirono come proprietari assenti).

Anche i cittadini della Vandea erano devotamente religiosi e dipendevano dalla parrocchia e dal clero locale.

Indifferenza alla rivoluzione

Rivolta della Vendée
Un contadino ribelle della Vandea, in un dipinto di Julien Le Blant

L'atteggiamento dei vandeani nei confronti della Rivoluzione francese può essere visto nella loro partecipazione, o meglio nella loro mancanza, durante la Grande Paura. I contadini della Vandea espressero un tiepido sostegno alla riforma feudale nel cahiers ma non si mobilitò durante il panico del luglio-agosto 1789. Ci furono pochi rapporti di disordini in Vandea e nessun chateaux furono bruciati.

Gli eventi del 1790 allontanarono ulteriormente i Vandeani dalla rivoluzione. Le politiche alimentari decise a Parigi hanno avuto un impatto negativo sulle zone rurali, dove i prezzi di mercato sono crollati. Eppure le tasse non furono abbassate e in alcune zone rurali anzi aumentarono.

La questione più urgente in Vandea erano gli attacchi dell'Assemblea Nazionale Costituente alla chiesa. La Costituzione civile del clero trovò ampia resistenza nelle province occidentali, dove la maggior parte dei sacerdoti si rifiutava di prestare giuramento ed era appoggiata dai parrocchiani. L'arrivo di funzionari governativi e preti costituzionali in Vandea nel 1791 e 1792 incontrò spesso una resistenza violenta, anche se su piccola scala.

Scoppia la violenza

Vendée
Jacques Cathelineau, uno dei primi leader della rivolta nella Vandea

La rivolta della Vandea è iniziata con piccoli passi ma si è intensificata rapidamente. I punti trigger furono l'esecuzione di Luigi XVI (gennaio 1793), poi la Convenzione Nazionale dei mesi successivi Levee des 300,000 hommes, un ordine che richiede a 300,000 reclute militari supplementari dalle province.

Questa combinazione di regicidio e coscrizione forzata spinse i contadini della Vandea dalla resistenza localizzata alla controrivoluzione su vasta scala. Mentre le nevi invernali si scioglievano, piccoli gruppi di contadini parteciparono ad attacchi minori ma provocatori ai simboli del governo repubblicano. Reparto funzionari, sacerdoti giuranti e simpatizzanti repubblicani furono insultati, picchiati, scacciati dalla regione o assassinati.

A metà marzo, un venditore ambulante locale di nome Jacques Cathelineau ha organizzato un gruppo di contadini e ha sequestrato armi a Jallais. Gli uomini di Cathelineau hanno trascorso i tre mesi successivi a ripulire la regione dai soldati e dai funzionari repubblicani.

A Beaupréau, una milizia contadina locale elesse alla guida un ex ufficiale di cavalleria, Louis d'Elbée. Sotto il suo comando catturarono Chemillé in aprile. Dopo questa vittoria d'Elbée prevenne il massacro di diverse centinaia di prigionieri repubblicani recitando il Padre Nostro. Un altro leader importante fu Jean-Nicolas Stofflet, guardiacaccia ed ex soldato della guardia svizzera, che divenne generale dell'esercito vandeano.

“Da marzo a giugno 1793 il movimento vinse tutto. All'inizio, i ribelli erano organizzati da villaggi con persone modeste alla testa. Stofflet, un ex soldato, era un guardiacaccia; Cathelineau era un carrettiere. Ma una volta che sono iniziati i combattimenti, si è cercato di assumere la guida degli scudieri della regione. La velocità degli eventi ha sorpreso la Convenzione e le prime risposte sono state deboli ... All'improvviso la rivolta della Vandea è scoppiata nel suo isolato paesaggio di bocage ".
Annie Moulin, storica

Prime vittorie

Nell'aprile 1793, le forze controrivoluzionarie della Vandea si unirono per formare l'Esercito cattolico e reale. Al suo apice, questo esercito conterà 80,000 uomini. La maggior parte erano contadini e braccianti, alcuni erano ragazzi di appena 12 anni o donne travestite da uomini.

I controrivoluzionari adottarono Dieu et Roi ("Dio e Re") come motto. I loro ufficiali indossavano la coccarda bianca della monarchia borbonica mentre i soldati quella Sacro Cuore ('Cuore sacro'). Avevano poca o nessuna formazione ed erano scarsamente equipaggiati, molti armati di falci e picche invece che di moschetti.

Mentre i vandeani non avevano l'addestramento e la disciplina necessari per opporsi a un esercito professionale, gli eserciti repubblicani erano rimasti indeboliti e disorganizzati da quattro anni di disordini e diserzioni. Per tre mesi, i realisti della Vandea spazzarono via tutto davanti a loro, catturando città importanti tra cui Beaupréau, Vihiers, Saumur, Angers e Chemillé. Ottennero anche il controllo della città commerciale più importante della Vandea, Cholet, e dei suoi reparto capitale, Fontenay-le-Comte.

La Convenzione Nazionale aveva un piccolo numero di truppe di guarnigione in Vandea, quindi inizialmente poteva fare poco.

La marea cambia

La situazione cambiò alla fine di giugno del 1793, quando l'esercito cattolico e reale marciò verso nord e pose l'assedio a Nantes, una delle città più grandi della Francia. Il loro attacco è stato mal pianificato e coordinato ed è fallito dopo soli due giorni. Jacques Cathelineau, uno dei comandanti più competenti dei Vandeani, fu ucciso durante i combattimenti del giorno della Bastiglia, 1793.

In ottobre, una forza vandeana di 40,000 uomini marciò contro un esercito repubblicano più piccolo vicino a Cholet, ma fu sconfitta e sconfitta. Cambiando tattica, si imbarcarono in una "Virée de Galerne" ("baldoria del nord"), un tentativo di collegarsi con i controrivoluzionari in Bretagna e Normandia. A novembre, i Vandeani marciarono sulla città portuale di Granville, dove speravano di allinearsi con un reggimento di marines inglesi. Assediarono Granville ma non trovarono inglesi, solo repubblicani, quindi furono costretti a disperdersi.

Il loro numero ora scende a meno degli uomini 8,000, l'esercito cattolico e reale si ritirò a sud e conquistò la città di Savenay. Una forza repubblicana di 18,000 indurita dalla battaglia arrivò il giorno seguente e presto i Vendeani furono circondati e sconfitti.

Castigo

Ribellione della Vandea
Una rappresentazione di combattimenti nella Vandea a metà degli 1790

Ci vollero diversi mesi ma alla fine la Convenzione Nazionale mobilitò una forte risposta militare alla ribellione. Ciò che seguì in Vandea fu una campagna di recriminazioni che rasentava il genocidio.

Sotto la direzione di rappresentanti in missione da Parigi, le forze repubblicane iniziarono a massacrare i realisti vandeani, indipendentemente dalla loro età, sesso o attività. La Convenzione Nazionale, dopo aver già sancito il Regno del Terrore, autorizzò la formazione di 12 divisioni dell'esercito denominate Colonnes Infernales ("Colonne Infernali").

Sotto il comando del generale Louis Marie Turreau, queste colonne attraversarono la Vandea nella prima metà del 1794. Attraversarono la provincia, abbattendo edifici, bruciando raccolti e lasciando dietro di sé morte e distruzione.

Gli strumenti del Terrore si concentrarono allora sulla Vandea, dove furono giustiziate più di 6,000 persone, tra cui 400 bambini. Alcuni sono stati ghigliottinati, ma la maggior parte è stata colpita da colpi di arma da fuoco, pugnalata, colpita con la baionetta o annegata con la forza. Fattorie, raccolti e foreste furono bruciati in tutta la Vandea, colpendo sia gli innocenti che i ribelli. L'azione contro la Vandea potenzialmente ribelle continuò fino al 1796.

Rivoluzione francese, rivolta della Vandea

1. La Vandea era una provincia rurale nel sud-ovest della Francia. Durante la primavera di 1793, divenne la sede della più grande rivolta controrivoluzionaria della Rivoluzione francese.

2. I contadini della Vandea godevano di migliori condizioni di vita, migliori relazioni con i loro nobili e erano meno turbati dai fallimenti del raccolto. Erano anche fedeli cattolici.

3. Già tiepido nei confronti della rivoluzione, i Vendeani hanno risposto con rabbia alla Costituzione civile del clero e ad altri percepiti attacchi alla chiesa, resistendo ai funzionari del governo.

4. L'esecuzione di Luigi XVI e l'introduzione della coscrizione portarono la Vandea alla controrivoluzione. Nell'aprile 1793 i vandeani avevano formato un "esercito cattolico e reale" di 80,000 uomini e ragazzi.

5. I repubblicani impiegarono diversi mesi per mobilitarsi, ma alla fine del 1793 i Vendeani furono sconfitti. A ciò seguì un lungo periodo di brutalità, terrore e recriminazioni contro la Vandea che durarono diversi anni.

Le fonti della rivoluzione francese sono la Vandea

Le Levee des 300,000 hommes (1793)
Rapporti sui ribelli che combattono nella rivolta della Vandea (1793)
Benaben descrive le recriminazioni contro i ribelli della Vandea (1793)
La tattica del generale Turreau in Vandea (1794)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La rivolta della Vandea"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/vendee-uprising/
Data di pubblicazione: 20 settembre 2019
Data di aggiornamento: 6 Novembre 2023
Data di accesso: 21 Febbraio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.