The Quartering Act

atto di quartering
Il frontespizio del Mutiny Act, più noto come Quartering Act

Il Quartering Act fu approvato dal Parlamento britannico nel 1765 come emendamento alla legislazione esistente, il Mutiny Act. Richiedeva alle colonie americane di contribuire all'alloggio e al rifornimento dei soldati britannici in America. Ciò causò una certa indignazione nelle colonie, dove molti lo interpretarono sia come una misura per stabilire un esercito permanente in America sia come un’altra forma di tassazione sugli americani.

Dove alloggiare i soldati?

In un’epoca in cui non esistevano grandi basi e campi militari e il trasporto dei mezzi per costruirli, presidiare e ospitare soldati in luoghi lontani come le colonie americane era problematico. I governi, in generale, hanno dovuto fare affidamento sugli edifici e sulle infrastrutture esistenti.

Questo però non si estendeva alle abitazioni private. In Inghilterra era da tempo illegale ospitare i soldati in case private senza il consenso del proprietario della casa. La Carta dei diritti del paese del 1698 lo vietava espressamente, dichiarando che i cittadini “non sarebbero gravati dal soggiorno di soldati contro la loro volontà”.

La legge sull'ammutinamento

Uno degli strumenti utilizzati dal Parlamento britannico per mantenere l'ordine e le condizioni effettive nell'esercito era il Mutiny Act. Anch'esso approvato nel 1689, il Mutiny Act fu inizialmente una risposta alle rivolte tra i ranghi militari, da cui il nome. Successivamente la legge venne rinnovata e aggiornata ogni anno. Conteneva norme sul mantenimento e l'applicazione della disciplina.

Inoltre, il Mutiny Act conteneva anche istruzioni e regolamenti per l'alloggio e il vettovagliamento dei soldati. Ciò includeva una clausola che consentiva ai soldati, se necessario, di essere acquartierati in fienili, edifici o case sfitte private. Ciò era consentito solo laddove non fossero disponibili caserme o alloggi idonei in albergo.

Fino al 1765, i termini del Mutiny Act si applicavano solo in Gran Bretagna e non nelle colonie americane. Questa anomalia creò alcune situazioni difficili per i comandanti britannici in Nord America durante la guerra Guerra francese e indiana.

Lord Loudoun

Uno di questi era John Campbell, conte di Loudoun, un realista nato in Scozia che arrivò in America nel 1756. Loudoun prestò servizio brevemente come comandante in capo durante i primi anni della guerra franco-indiana. Era un leader militare inetto e impopolare tra i coloniali americani, dei quali aveva una visione negativa.

All'arrivo in America, Loudoun ignorò qualsiasi limitazione del Mutiny Act e iniziò a ospitare i suoi soldati e ufficiali dove e come riteneva opportuno. Ha ottenuto questo risultato attraverso il bullismo e l'intimidazione dei politici coloniali e dei funzionari civili, a volte minacciando l'uso della forza militare se non si fossero conformati. In guerra e non disposti a rischiare uno scontro locale, la maggior parte ha obbedito.

Prendendo il comando, Loudoun stabilì il suo contingente ad Albany, New York. Divenne una città di guarnigione e Loudoun ordinò alle autorità civili di trovare un alloggio per le migliaia di truppe che entravano ad Albany. Laddove non era possibile costruire baracche o localizzare locande, fienili o annessi, i soldati furono alloggiati con la forza in abitazioni private, provocando notevole indignazione tra i residenti.

Il comando di Loudoun si rivelò disastroso e fu richiamato in Gran Bretagna nel 1758. Il suo uso dell'intimidazione e della forza per ospitare i soldati britannici in case private fu l'unico esempio ben documentato di ciò durante il periodo rivoluzionario.

La necessità di truppe

La fine della guerra porta solitamente alla smobilitazione e alla diminuzione del numero dei soldati di guarnigione in un determinato luogo. Questo non era il caso delle colonie americane alla conclusione della guerra franco-indiana, dove il numero di regolari britannici (truppe in uniforme) rimase eccessivamente alto per tutti gli anni Sessanta del Settecento.

Il mantenimento delle truppe in Nord America fu una decisione consapevole del governo britannico. Westminster rimase preoccupato per la possibilità di sfide territoriali da parte di francesi o spagnoli. C'era anche la possibilità di un conflitto tra i nativi americani e i coloni delle colonie, con molti di questi ultimi che si spostavano verso ovest per rivendicare terre precedentemente sotto il controllo francese.

A metà del 1763, queste paure furono realizzate quando Pontiac, una figura di spicco degli Ottawa, lanciò una serie di attacchi contro i forti britannici a nord-est delle 13 colonie. La ribellione di Pontiac o la cospirazione di Pontiac, come divenne nota, coinvolse numerose tribù tra cui Ottawa, Huron, Ojibwas, Miami, Kickapoo, Delaware e Shawnee.

Una continua presenza di truppe in America era ritenuta necessaria sia come deterrente contro queste rivolte indigene sia per organizzare una risposta ad esse. Potrebbe anche limitare il movimento dei coloni verso ovest che potrebbe scatenare un simile conflitto.

The Quartering Act

I termini del Mutiny Act furono considerati inappropriati per le colonie americane, quindi il Parlamento, agì in gran parte su richiesta delle colonie Generale Thomas Gage, ha introdotto un disegno di legge modificativo intitolato Quartering Act. Ciò rese le assemblee coloniali in America finanziariamente responsabili dell'alloggio, del rifornimento e dell'alimentazione dei soldati britannici.

Ai membri del parlamento britannico questo sembrava un accordo giusto. Le colonie contribuirebbero al costo della guarnigione delle truppe in America, apparentemente per la propria protezione dalle aggressioni straniere o dalle rivolte dei nativi americani.

I colonialisti e i loro leader politici, tuttavia, la vedevano in modo molto diverso. Non avevano chiesto lo schieramento permanente di soldati britannici in America, né erano stati consultati in merito. Poiché la guerra franco-indiana era passata da quasi due anni, non vedevano la necessità di migliaia di fanti nelle colonie che non erano in guerra.

Paura di eserciti permanenti

Le obiezioni coloniali alla presenza di soldati britannici derivavano anche dalla paura prevalente all'epoca di avere eserciti permanenti.

Nel corso del XVIII secolo, gli eserciti venivano generalmente costituiti solo in tempi di guerra o di crisi. Poche nazioni mantenevano eserciti di truppe regolari in tempo di pace. In effetti, la Carta dei diritti inglese del 18 proibiva espressamente di mantenere un esercito permanente in tempo di pace senza il consenso del Parlamento.

Avere migliaia di soldati britannici permanentemente di stanza nelle colonie americane era visto non solo come inutile e offensivo ma anche potenzialmente pericoloso. Ha sollevato lo spettro di una Gran Bretagna che abusa della propria potenza militare per imporre arbitrariamente la propria autorità, dichiarando potenzialmente la legge marziale se necessario.

C'erano anche preoccupazioni riguardo al fatto di dover ospitare le stesse truppe britanniche. Sebbene esistesse una notevole diversità nei ranghi dell'esercito britannico, i ranghi inferiori tendevano ad essere uomini single provenienti da ambienti rudi e appartenenti alla classe operaia, inclini alla grossolanità, all'ubriachezza e alla violenza. Un governatore coloniale li descrisse nel 1761 come “la feccia di ogni contea, i rifiuti dell’umanità… carichi di vizi, malvagità e catene”.

Le risposte coloniali al Quartering Act furono contrastanti. Benjamin Franklin, allora di stanza a Londra, ritenne la misura ragionevole e necessaria. Anche i membri del Parlamento britannico che hanno sostenuto i coloni nell'opposizione allo Stamp Act hanno accolto con favore la legislazione.

La risposta nelle colonie variava dal sospetto all'indignazione. Alcuni lo vedevano come un altro tentativo di imporre una tassazione arbitraria alle colonie. Altri lo interpretarono come un tentativo di alloggiare con la forza turbolenti soldati britannici nelle case private degli americani, nonostante la legge stabilisse chiaramente il contrario.

Per il primo anno circa, il Quartering Act incontrò una notevole opposizione non solo nelle 13 colonie ma anche in Canada e Florida. Di conseguenza, è stato implementato raramente. A New York, l’assemblea coloniale ignorò il Quartering Act e si rifiutò di raccogliere fondi per onorarne i termini. Questa inosservanza portò il governatore reale a sciogliere l'assemblea nel 1767.

Dopo un anno di opposizione e inadempienza, alcune colonie cedettero e raccolsero fondi per acquartierare e rifornire le truppe britanniche. La Pennsylvania raccolse 4,000 sterline nell'estate del 1766, mentre anche il New Jersey provvide a provvedere al reggimento britannico. A Boston, governatore del Massachusetts Francis Bernard quasi scatenò una rivolta nell'ottobre 1768 quando ordinò che le truppe britanniche fossero ospitate nella Manufactory House della città. Una folla chiassosa si riunì e le truppe furono rapidamente ritirate.

Echi della paranoia americana sui Quartering Acts si possono trovare negli Stati Uniti Bill of Rights, in particolare, il terzo emendamento alla Costituzione, che più tardi dichiarò che “nessun soldato potrà, in tempo di pace o di guerra, essere acquartierato in alcuna casa senza il consenso del proprietario, né in tempo di guerra”.

“Questa sezione della legge rendeva abbondantemente chiaro che non ci sarebbe stato alcuno acquartieramento delle truppe in case private abitate. Ciò che causò problemi, e ciò che determinò la definitiva sconfitta della legge, fu la sezione relativa ai rifornimenti dei soldati. La maggior parte delle legislature coloniali si rifiutò di pagare e nel giro di cinque anni la legge era lettera morta. Il Quartering Act incontrò una significativa opposizione e fu modificato, poiché le proposte originali andavano contro una sfiducia inglese profondamente radicata nei confronti dei militari, una sfiducia condivisa dallo stesso George Grenville.
Merrill Jensen, storico

atto di quartering

1. Il Quartering Act era un articolo della legislazione britannica approvato nel 1765 come emendamento a una legge esistente, il Mutiny Act, che regolava la disciplina militare.

2. Questo atto richiedeva ai governi coloniali di assistere le truppe britanniche di stanza nel Nord America, fornendo loro alloggi e rifornimenti adeguati.

3. Lo scopo dell'atto era quello di coprire i costi del mantenimento di una presenza militare significativa in America in caso di rinnovato conflitto con i francesi o i nativi americani.

4. Le risposte coloniali al Quartering Act andavano dal sospetto all’indignazione. Alcuni lo vedevano come un altro tentativo di tassare le colonie mentre altri erano preoccupati per il potenziale uso improprio delle truppe.

5. Alla fine, solo poche colonie acconsentirono mentre la maggior parte si rifiutò di conformarsi, rendendo il Quartering Act praticamente inapplicabile.

Informazioni sulla citazione
Titolo: “La legge sul quartering”
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/quartering-act
Data di pubblicazione: Luglio 15, 2019
Data di aggiornamento: 21 Novembre 2023
Data di accesso: 25 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.