John F. Kennedy

John F. Kennedy
John F. Kennedy

John Fitzgerald Kennedy (1917-1963) è stato il 35° presidente degli Stati Uniti, in carica dal gennaio 1961 fino al suo assassinio nel novembre 1963. Sebbene la sua presidenza sia stata breve, ha abbracciato diversi eventi critici della Guerra Fredda. John F. Kennedy nacque nel 1917 da una numerosa famiglia irlandese-americana (alla fine avrebbe avuto otto fratelli, inclusi i colleghi politici Robert e Edward "Teddy" Kennedy). Kennedy aveva un pedigree ideale per le alte cariche. Ha studiato ad Harvard, laureandosi nel 1940 in studi internazionali. Nel 1939 viaggiò molto attraverso l'Europa, trascorrendo anche brevi periodi nella Germania nazista e nell'Unione Sovietica. Suo padre, Joseph Kennedy, prestò servizio come ambasciatore in Gran Bretagna alla fine degli anni '1930; il giovane Kennedy fu uno spettatore interessato alla Camera dei Comuni britannica subito dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale. Kennedy era anche un eroe militare. Si unì alla Marina degli Stati Uniti dopo il bombardamento di Pearl Harbor e prestò servizio come comandante di una motovedetta nel Pacifico. Quando la sua barca fu affondata da un cacciatorpediniere giapponese, Kennedy salvò da solo la vita di diversi uomini, un'impresa per la quale fu decorato.

Kennedy fu eletto alla Camera dei Rappresentanti nel 1946, seguito da una corsa di successo per un seggio al Senato sei anni dopo. Verso la metà degli anni Cinquanta Kennedy era un potenziale candidato alla vicepresidenza degli Stati Uniti, nonostante la sua giovinezza e il cattolicesimo romano della sua famiglia (molti americani nutrivano ancora qualche sentimento anticattolico). Nel luglio 1950 Kennedy ricevette la nomina del Partito Democratico a presidente per le elezioni di quell'anno. Kennedy si è dimostrato un energico attivista, capace di tenere discorsi articolati, spiritosi ma ottimisti. Ha risposto alle domande sulla sua giovinezza, inesperienza e sul cattolicesimo con argomentazioni chiare e convincenti. Su quest’ultima questione, ad esempio, Kennedy disse a un gruppo di ecclesiastici protestanti che “non era il candidato cattolico alla presidenza. Sono il candidato presidenziale del Partito Democratico e, guarda caso, sono anche cattolico. Io non parlo per la mia Chiesa nelle questioni pubbliche, e la Chiesa non parla per me”. La performance di Kennedy in una serie di dibattiti televisivi, dove ha prevalso sul candidato repubblicano Richard Nixon, è stato anche determinante nel suo successo.

John F. Kennedy
Kennedy, un carismatico oratore pubblico, durante la campagna elettorale nel 1960

Kennedy fu eletto alla presidenza degli Stati Uniti nel 1960, in uno dei risultati elettorali più ristretti della storia americana. È diventato il 35esimo presidente, l’uomo più giovane a ricoprire la carica e il primo – e finora unico – cattolico. La sua ascesa alla presidenza scatenò un'esagerata fascinazione per Kennedy e la sua famiglia, alimentata dai media e dal desiderio pubblico di più immagini, informazioni e pettegolezzi sulla "prima famiglia". La giovinezza, il bell'aspetto, l'accento strascicato del Massachusetts e lo spirito affascinante di Kennedy lo resero caro a molti americani. La moda della sua bellissima moglie Jacqueline attirò l'interesse delle donne americane. Durante i mille giorni di presidenza di Kennedy, la Casa Bianca divenne quella che un giornalista descrisse come "Camelot".

John F. Kennedy
Kennedy al lavoro nell'Oval Office mentre suo figlio, John Junior, gioca sotto la sua scrivania

Al di là del fascino pubblico e dell’idealismo giovanile della sua presidenza, Kennedy rimase un rigoroso anticomunista. Da giovane deputato Kennedy aveva criticato il Truman amministrazione per consentire entrambi Cina e Corea del nord cadere nelle mani dei comunisti. Come altri nella sua famiglia, Kennedy era amichevole e sostenitore del cacciatore di streghe comunista Joseph McCarthy (qualcosa che ha sia aiutato che ostacolato la sua immagine pubblica). Kennedy ha anche sostenuto l'intervento degli Stati Uniti in Corea, Berlino e altri teatri della Guerra Fredda. La sua campagna elettorale nel 1960 fu piena di promesse di essere "dura con il comunismo". Durante il suo discorso di inaugurazione, Kennedy ha ribadito il Truman Doctrine, promettendo al mondo che l'America aiuterebbe qualsiasi nazione minacciata dall'acquisizione comunista:

“Che ogni nazione sappia, se ci vuole bene o male, che dovremo pagare qualsiasi prezzo, portare qualsiasi fardello, affrontare qualsiasi difficoltà, sostenere qualsiasi amico, opporsi a qualsiasi nemico, al fine di assicurare la sopravvivenza e il successo della libertà. Questo è quanto ci impegniamo - e altro ancora. A quei vecchi alleati di cui condividiamo le origini culturali e spirituali, promettiamo la lealtà di amici fedeli ... A quei nuovi Stati che accogliamo nelle file dei liberi, promettiamo la nostra parola che una forma di controllo coloniale non sarà passata, semplicemente per essere sostituito da una tirannia molto più ferrea. Non sempre ci aspetteremo di trovarli a sostegno del nostro punto di vista. Ma speriamo sempre di trovarli che sostengono fortemente la loro libertà e di ricordare che in passato coloro che stupidamente cercavano il potere cavalcando la schiena della tigre, sono finiti dentro ".

Uomini catturati dalle forze di Castro durante la fallita operazione della Baia dei Porci nel 1961
Uomini catturati dalle forze di Castro durante la fallita operazione della Baia dei Porci nel 1961

Kennedy era determinato a sostenere queste promesse con i fatti. Nell'aprile 1961 autorizzò l'operazione Zapata, una missione clandestina per rovesciare il leader cubano Fidel Castro. Sebbene l'operazione fosse stata pianificata dalla CIA e dall'esercito americano durante la presidenza di Eisenhower, Kennedy diede l'approvazione definitiva per procedere. Zapata sarebbe condotto da circa 1,500 cubani espatriati, esuli dall'ascesa al potere di Castro. Furono reclutati e addestrati da agenti della CIA, equipaggiati con equipaggiamento americano e forniti del supporto aereo e navale statunitense. La loro invasione, iniziata il 17 aprile, fu un disastro fin dall’inizio. I fattori erano il maltempo e l'errore umano, così come Castro e le sue forze avevano una conoscenza anticipata dell'operazione. Kennedy si assunse la responsabilità finale di quello che divenne noto come il fiasco della Baia dei Porci, anche se in privato era furioso con la CIA e i suoi pasticci. Per il resto del suo mandato, il presidente rimase cauto e scettico riguardo ai consigli e alle raccomandazioni forniti sia dai militari che dalla CIA.

Sia l'elezione di Kennedy che la sbandata campagna della Baia dei Porci hanno deliziato Mosca. Nikita Krusciov e altri intermediari del potere sovietici percepivano il nuovo presidente come giovane e debole, incapace di resistere alle pressioni, sia dell'Unione Sovietica che dei "falchi" militari nell'amministrazione Kennedy. Quando i due leader si accordarono per un vertice a Vienna nel luglio 1961, Krusciov era determinato a prendere il sopravvento sull’inesperto Kennedy. Invece, il brizzolato leader sovietico trovò nel giovane presidente un negoziatore più duro e determinato di quanto si aspettasse. Kennedy fu particolarmente fermo nel suo sostegno a Berlino Ovest; Kruscev ripeté la minaccia di lasciare interamente a lui il destino di Berlino Germania Est, ma Kennedy ha scoperto il suo bluff. I due uomini lasciarono il vertice ancora in disaccordo sulle questioni della Guerra Fredda, ma con un nuovo rispetto personale reciproco.

“La crisi missilistica cubana è stata un evento globale, che si è svolto simultaneamente in 24 fusi orari diversi. La trama è abbastanza semplice: due uomini, uno a Washington, l'altro a Mosca, lottano con lo spettro della distruzione nucleare. Ma sono le sottotrame a dare alla storia la sua drammaticità. I personaggi minori a volte minacciano di prendere il sopravvento sulla narrazione, ma vale la pena ricordare che ognuna di queste sottotrame avrebbe potuto diventare la trama principale in qualsiasi momento. La questione non era se Kennedy e Kruscev volessero controllare gli eventi; era se potevano.
Michael Dobbs, storico

La leadership di Kennedy è stata ulteriormente testata dal crisi dei missili cubani nell'ottobre 1962. Affrontò la crisi con calma risolutezza, riunendo esperti e leader di governo in un "comitato esecutivo" per analizzare la situazione e trovare possibili soluzioni. Sapendo che l’aggressione statunitense avrebbe reso necessaria una risposta sovietica, che avrebbe potuto portare a un conflitto nucleare, Kennedy resistette alle richieste di attacchi aerei o di invasione militare di Cuba. La crisi cubana fu infine alleviata da un accordo segreto tra la Casa Bianca e il Cremlino. Nonostante la sua determinazione ad evitare la guerra con l'URSS, la retorica e le politiche anticomuniste di Kennedy resistettero. Agì per limitare la diffusione del comunismo nell'America meridionale e centrale, mentre il numero del personale americano in Vietnam aumentò di venti volte durante la sua presidenza. Kennedy fondò anche il Peace Corps, un'organizzazione per aiutare i giovani americani con istruzione universitaria a intraprendere attività di volontariato nelle nazioni povere o in via di sviluppo; questo programma continua oggi in più di 70 paesi.

John F. Kennedy
John F Kennedy Jnr saluta la bara di suo padre, 1963

Purtroppo, la presidenza di Kennedy è ricordata soprattutto per la sua fine orribile. Nel novembre 1963 Kennedy fece una visita ufficiale in Texas, accompagnato dalla moglie Jacqueline e dal vicepresidente Lyndon Johnson. Mentre il gruppo presidenziale percorreva le strade di Dallas in un corteo di automobili a tetto scoperto, Kennedy fu colpito alla parte inferiore del collo da un proiettile ad alta potenza. Mentre barcollava in avanti per il dolore, un altro proiettile gli colpì il cranio, uccidendolo quasi all'istante. Il presunto uomo armato, Lee Harvey Oswald, è stato arrestato e accusato nel giro di poche ore. Oswald non venne mai processato: fu ucciso lui stesso da un uomo d'affari locale pochi giorni dopo. L’assassinio pubblico di un leader giovane e carismatico ha scioccato il mondo e ha gettato gli Stati Uniti in settimane di dolore, lutto e introspezione. Gli autori e i motivi dell'assassinio di Kennedy non sono mai stati identificati in modo definitivo. L'omicidio di Kennedy è stato impantanato in prove contrastanti e teorie del complotto sul fatto che Oswald abbia agito da solo o che fosse un'esca o un "caprone" per un altro partito. Alcune delle persone e dei gruppi accusati dell'assassinio di Kennedy in vari momenti includono il leader cubano Fidel Castro, espatriati cubani, la CIA e l'FBI, il KGB, l'esercito americano, la mafia, interessi economici americani, estremisti politici solitari, il Ku Klux Klan. , anche vicepresidente Lyndon Johnson.

Kennedy della guerra fredda

1. John F. Kennedy era il rampollo di una potente famiglia cattolica del New England. Suo padre Joseph Kennedy era un uomo d'affari di successo ed ex ambasciatore in Inghilterra.

2. Kennedy entrò in politica dopo aver prestato servizio nella Marina degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale. Quattordici anni dopo si dichiarò candidato alla presidenza degli Stati Uniti.

3. Kennedy sconfisse per un pelo il vice presidente in carica Richard Nixon nelle elezioni del 1960. Articolata, carismatica e con una giovane famiglia, la presidenza di Kennedy ha suscitato molto interesse pubblico.

4. All'inizio 1961 Kennedy autorizzò un piano della CIA per rovesciare il regime di Castro a Cuba attraverso un'invasione attraverso la Baia dei Porci. Il fallimento di questa missione gli causò un notevole imbarazzo.

5. Kennedy era un fervente anticomunista che cercava di limitare la diffusione del comunismo sia in Europa che in Asia - un atteggiamento che lo portò in conflitto con il leader sovietico Nikita Khrushchev.


Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2018. Questo contenuto non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “John F. Kennedy”, Alpha History, consultato [data odierna], https://alphahistory.com/coldwar/john-f-kennedy/.