Il sequestro della libertà

sequestro di libertà
John Hancock, il ricco commerciante di Boston che possedeva il Libertà

Nel giugno 1768, le autorità britanniche requisirono e presero la proprietà del Libertà, una nave di proprietà di un ricco commerciante di Boston John Hancock. Questa azione fece seguito alle accuse secondo cui la nave di Hancock veniva utilizzata per contrabbandare vino. Notizia del sequestro di Libertà ha scatenato rivolte da parte di una folla locale e alcune violenze e intimidazioni nei confronti dei funzionari doganali e dei lealisti locali. L'incidente non solo infiammò le tensioni a Boston ma portò allo spiegamento di truppe britanniche nella città, decisione che contribuì alla Massacro di Boston.

John Hancock

La figura al centro dell'incidente era John Hancock. Nato a Braintree, nel Massachusetts, Hancock era stato cresciuto da suo zio Thomas, un importatore di successo di merci britanniche. Dopo aver conseguito una laurea ad Harvard nel 1754, John tornò all'azienda di famiglia, la House of Hancock, completando un periodo di lavoro di due anni a Londra. Ereditò l'attività dopo la morte dello zio nel 1764.

Verso la metà degli anni Sessanta del Settecento, John Hancock era un membro dell'élite di Boston e uno degli uomini più ricchi del Nord America britannico. Comprendendo l'importanza dei legami politici in un'attività di successo, Hancock si impegnò in attività pubbliche e nel 1760 era un selezionatore del governo municipale di Boston. Hancock era noto anche per la sua leziosità e stravaganza, costruendo una delle case più grandiose di Boston e indossando i migliori abiti importati.

Hancock non aveva scrupoli morali riguardo al contrabbando: vedeva i dazi doganali britannici semplicemente come un ostacolo da evitare. Era un'idea che aveva ereditato da suo zio, la cui azienda aveva guadagnato somme considerevoli schivando il Molasses Act del 1733 e vendendo melassa di contrabbando a buon mercato ai distillatori di rum locali. John Hancock ha continuato la tradizione e non si è lasciato scoraggiare da nessuno dei due Sugar Act oppure Leggi di Townshend.

Lo storico Stephan Thernstrom dice di Hancock:

“A causa della leggerezza del suo carattere, dell’eccessiva vanità e del suo amore per la popolarità, non zavorrati né dalla profondità morale né dall’abilità intellettuale, i motivi per cui Hancock si unì al partito patriota sono difficili da valutare correttamente o forse anche in modo equo. Ma non c’era alcuna questione di patriottismo in gran parte del suo contrabbando. Era a scopo di lucro."

Un giro di vite sul contrabbando

Hancock non era certamente l'unico commerciante impegnato nel contrabbando. La pratica era diffusa in tutti i porti coloniali e continuò fino ai primi colpi di rivoluzione. È stato stimato che prima del 1767, gli inglesi raccoglievano circa £ 2,000 in dazi ogni anno, ma i costi di riscossione erano tre o quattro volte quella cifra.

La pratica abituale degli esattori doganali era quella di chiedere al capitano della nave quanto carico soggetto a dazio stava trasportando. Molti capitani ne dichiaravano una piccola porzione e scaricavano il resto esenti da ogni dovere. Si trattava di un accordo cieco che andava bene a tutti: l’importatore del carico evitava la maggior parte dei dazi mentre i funzionari doganali evitavano difficoltà e conflitti. Alcuni riceverebbero una tangente in contanti o beni che compenserebbero la loro magra retribuzione.

Prima del 1767, questi esattori erano stati supervisionati da commissari doganali, solitamente agenti locali mal pagati e suscettibili di intimidazione o corruzione. Dopo l'approvazione degli atti di Townshend, a Boston fu istituito un nuovo organismo chiamato Board of Customs Commissioners, dotato invece di cinque burocrati di carriera.

Nei primi mesi del 1768 la natura delle riscossioni doganali cambiò notevolmente. Il nuovo consiglio dei commissari consentirebbe che alcune delle vecchie pratiche continuassero e poi, senza preavviso, imporrebbe una rigorosa repressione. Senza preavviso, le navi furono fermate, ispezionate e perquisite. Le navi e i carichi trovati in violazione della legge possono essere sequestrati e venduti. Questo approccio "tutto o niente" si è rivelato molto più redditizio della normale ricerca di compiti.

I Libertà affare

I Libertà era uno sloop, o una piccola nave da carico. Era stato acquisito di recente dall’azienda di Hancock, che lo utilizzava per spedire vino e piccoli beni dall’Europa a Boston per la rivendita.

Il 9 maggio 1768, il Libertà attraccato nel porto di Boston carico di più di 100 botti di vino Madeira. Subito dopo venne visitato da un funzionario della dogana, che insistette per ispezionare la nave. Infuriato, il capitano della nave afferrò l'uomo e lo rinchiuse nella cella finché la maggior parte del carico non fu scaricato e spostato.

La mattina seguente, l’ispettore fu rilasciato mentre il capitano della nave registrava una piccola quantità di vino alla dogana. L'incidente sembrava essere terminato ma nel giro di un mese il Consiglio dei Commissari ne venne a conoscenza Libertà, le azioni del suo equipaggio e il suo carico non dichiarato.

Il 10 giugno, i marines dell'HMS Romney, una nave da guerra britannica da 50 cannoni incaricata di vigilare sulle leggi sulla navigazione nel porto di Boston, fu inviata per prendere possesso della Libertà. Remarono verso la nave di Hancock, espulsero l'equipaggio e la contrassegnarono come proprietà del re. Hanno quindi iniziato a legarlo al Romney per impedirne il recupero.

La mafia di Boston risponde

Le tensioni a Boston erano già alte a causa della condotta zelante dei commissari dei clienti, del loro sequestro di altre navi e carichi e dell'imposizione di uomini locali al servizio navale sulla nave. Romney. Parola del sequestro di Libertà presto si diffuse e si rivelò un punto di svolta.

Una folla infuriata di diverse centinaia di uomini apparve presto sul molo. Lì, due doganieri sono stati picchiati fino a perdere i sensi e la loro barca è stata rubata e bruciata.

La folla si è poi spostata verso le case di altri funzionari, a cui erano state rotte le finestre e le proprietà distrutte. Nei due giorni successivi più di 60 funzionari doganali e lealisti, temendo per la propria vita, si rifugiarono a Castle William, il forte locale, o su navi governative ormeggiate nel porto.

A questo punto i commissari hanno cercato di calmare la situazione negoziando un compromesso. Hancock si offrì di pagare una cauzione adeguata e di sottoporsi a un'indagine, a condizione che Libertà è stato restituito. I radicali di Boston, in particolare Samuel Adams, ha convinto Hancock a rinunciare a questo accordo, preferendo sostenere l'indignazione locale per l'incidente.

Gli inglesi mantennero la nave di Hancock, ribattezzandola HMS Libertà e lo incaricò di localizzare i contrabbandieri nei porti del New England.

Conseguenze

Dopo l' Libertà incidente, una riunione dei locali Sons of Liberty ha deciso di fare pressione sul governatore del Massachusetts, Francis Bernard, per richiedere il ritiro dell'HMS Romney e la fine dell'impressione britannica nella città. Bernardo promise di fare quello che poteva, anche se ormai la situazione era fuori dal suo controllo.

John Hancock in seguito ricevette numerose richieste di risarcimento di costi e dazi non pagati derivanti dall' Libertà affare. Fu difeso al processo da John Adams, che è riuscito a far archiviare le accuse. Hancock era stato in precedenza un critico delle politiche fiscali britanniche, ma il Libertà L'incidente rafforzò la sua posizione anti-britannica. Ha anche rafforzato il suo profilo tra i Sons of Liberty di Boston.

Più significativamente, il Libertà La vicenda e la violenza della folla che ne seguì suggerirono ai parlamentari britannici che Boston fosse un luogo indisciplinato, persino senza legge, disperatamente bisognoso di una presenza militare più forte. Ciò portò ad un aumento delle truppe britanniche nella città che fece precipitare il massacro di Boston due anni dopo.

presa della Libertà

1. il Libertà La vicenda fu un incidente avvenuto a Boston nel maggio e giugno del 1768. Coinvolse una nave appartenente al ricco mercante John Hancock che era stata coinvolta nel contrabbando.

2. L'approvazione delle leggi di Townshend ha portato a una polizia più rigorosa e a una repressione del contrabbando, con navi mercantili regolarmente abbordate, perquisite e occasionalmente sequestrate.

3. Quando Hancock Libertà era sospettato di contrabbando di grandi quantità di vino, a una nave della marina britannica fu ordinato di sequestrarlo e requisirlo.

4. Ciò ha provocato una risposta rabbiosa da parte di una folla locale, che ha attaccato e minacciato funzionari e lealisti. Gli inglesi ne mantennero la proprietà Libertà dopo che Hancock ha rifiutato un accordo di compromesso.

5. L’incidente aumentò le tensioni a Boston, aumentò il profilo di John Hancock tra i rivoluzionari e portò il Parlamento ad aumentare il numero delle truppe britanniche nella città.

Informazioni sulla citazione
Titolo: «Il sequestro di Libertà'
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/seizure-of-liberty
Data di pubblicazione: Luglio 16, 2019
Data di aggiornamento: 22 Novembre 2023
Data di accesso: 24 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.