'Rossi sotto il letto'

rossi sotto il letto
La simulazione dell'invasione Mosinee nel maggio 1950

Il Red Scare (1947-57) fu un periodo di paranoia riguardo all'infiltrazione o all'invasione comunista negli Stati Uniti. Durante questo periodo, gli americani comuni erano paralizzati dalla paura dei “rossi sotto il letto”. La prova di questa paranoia potrebbe essere trovata nella piccola città di Mosinee nel Wisconsin. Il 1° maggio 1950, Mosinee fu invasa da "sovietici" che indossavano trench (gli invasori erano in realtà membri della Legione Americana, un gruppo di militari rientrati). I finti invasori hanno annunciato il loro arrivo arrestando il sindaco e il capo della polizia di Mosinee. Questi funzionari locali sono stati condotti fino all'incrocio principale della città, ribattezzato "Piazza Rossa", e sottoposti a un finto processo. Anche i preti locali sono stati arrestati e detenuti dietro il filo spinato. I "comunisti" presero il controllo della biblioteca cittadina, confiscando la maggior parte dei suoi libri. Hanno costretto il cinema locale a proiettare film di propaganda russa. Ai ristoranti locali è stato ordinato di eliminare hamburger e bistecche dal menu e di sostituirli con pane nero grossolano e zuppa di patate. L'"invasione" di Mosinee fu osservata da dozzine di giornalisti americani e internazionali, persino da un giornalista della TASS, l'agenzia di stampa ufficiale sovietica. Hanno assistito a una dimostrazione diretta di ciò che potrebbe accadere se i comunisti prendessero piede negli Stati Uniti. Alla fine Mosinee fu "liberato" e tornò al governo locale, anche se il sindaco della città fu colpito da un ictus fatale durante questa cerimonia.

Questa non è stata la prima danza degli Stati Uniti con l'isteria anticomunista. Il paese si preoccupò dell’infiltrazione comunista nel 1918-21 in seguito alla Acquisizione bolscevica della Russia in 1917. Durante questo primo “paura rossa”, una commissione del Senato composta da cinque uomini, incaricata di studiare l’infiltrazione straniera, riferì che i comunisti russi erano già attivi all’interno dei confini americani. I gruppi socialisti, i politici di sinistra e i sindacati militanti furono sospettati. I politici americani, incoraggiati dal mondo degli affari e dalla stampa, affermarono che alcuni sindacati erano controllati da infiltrati bolscevichi. Dopo la prima guerra mondiale molti settori dell’economia americana furono colpiti da scioperi. Nel 1919 i lavoratori dei cantieri navali di Seattle, quelli delle acciaierie della costa orientale, i minatori di carbone e i poliziotti di Boston scioperarono tutti, causando notevoli disagi. Questi scioperi furono dipinti come azioni rivoluzionarie piuttosto che come legittime espressioni di rimostranze dei lavoratori. Il governo degli Stati Uniti ha autorizzato i raid per arrestare i radicali politici. Nel 1920, cinque politici socialisti dell’assemblea dello stato di New York furono espulsi, nonostante fossero stati eletti dal popolo di New York. Nel 1921, 249 cittadini non statunitensi con affiliazioni di sinistra furono deportati in Europa sulla nave Buford, soprannominata dalla stampa l '"arca sovietica". Il primo Red Scare in America durò circa quattro anni e si estinse nel 1921.

“Secondo un sondaggio Gallup condotto nell’agosto del 1950, il 57% [degli americani] riteneva che la Terza Guerra Mondiale fosse in corso. In un precedente sondaggio Gallup condotto nel gennaio 1950, il 70% credeva che l’Unione Sovietica fosse “decisa a conquistare il mondo”. Nel novembre del 1950 – cinque mesi dopo l’inizio della guerra di Corea – l’81% degli intervistati pensava che i sovietici stessero cercando il dominio del mondo”.
Sondaggi Gallup, 1972

Sviluppatosi alla fine degli anni Quaranta, il secondo Terrore Rosso si rivelò molto più intenso e pervasivo. Tutto fu innescato dalla scoperta che una rete di spie sovietiche operava negli Stati Uniti, anche prima dello scoppio della seconda guerra mondiale. Nel 1940 una spia sovietica nata in America, Elizabeth Bentley, fece i nomi di quasi 1948 agenti che operavano in America per conto del governo sovietico. Altre sospette spie identificate, arrestate o processate durante la fine degli anni Quaranta o l'inizio degli anni Cinquanta includevano Whittaker Chambers, Alger Hiss e Giulio ed Ethel Rosenberg, una coppia sposata giustiziata per aver passato segreti nucleari a Mosca. Questi incidenti sconvolsero la nazione e portarono all’epurazione dei socialisti e dei simpatizzanti di sinistra dagli uffici pubblici, dai posti di lavoro governativi, dalla stampa e dalle società di intrattenimento. Il Partito Comunista degli Stati Uniti d’America (CPUSA) si trovò costantemente sotto attacco. Nel 1954 Washington legiferò per mettere al bando il CPUSA, rendendo l’adesione al partito un atto criminale punibile con la reclusione. Nel 1955 il CPUSA contava solo 5,000 membri, un terzo dei quali erano spie e informatori che lavoravano per il governo degli Stati Uniti. Il Federal Bureau of Investigation (FBI) è stato ampliato e gli sono stati conferiti ampi poteri per monitorare e indagare sui sospetti comunisti. Il suo direttore, J. Edgar Hoover, ha contribuito allo spavento rosso con avvertimenti pubblici sui “Rossi sotto ogni letto”.

rossi sotto il letto
La spia accusata Alger Hiss testimonia davanti all'HUAC. Hiss venne condannato a cinque anni di prigione

I più noti istigatori dell'isteria anticomunista negli anni '1950 furono il senatore Joseph McCarthy e il Comitato per le attività antiamericane della Camera (HUAC). Un comitato del Congresso degli Stati Uniti, l'HUAC, fu formato nel 1938 per indagare sul sospetto coinvolgimento nazista nel Ku Klux Klan. Rimase in carica come comitato permanente dopo la seconda guerra mondiale, anche se la sua attenzione si spostò sull'investigazione di possibili attività o sovversioni comuniste. Nel 1947 l'HUAC iniziò a indagare sulle accuse secondo cui i film di Hollywood contenevano idee o sfumature comuniste, o erano in sintonia con l'Unione Sovietica. Decine di artisti, registi, sceneggiatori e dirigenti di studi sono stati convocati per testimoniare davanti alle udienze dell'HUAC, tra cui Walt Disney e il futuro presidente Ronald Reagan, allora attore di Hollywood. Diversi artisti furono considerati comunisti o simpatizzanti comunisti e inseriti nella lista nera (banditi) da futuri progetti cinematografici negli Stati Uniti. I risultati dell’HUAC hanno visto la creazione o il potenziamento di altri comitati congressuali per scopi simili. La sottocommissione permanente per le indagini del Senato, guidata da Joseph McCarthy dopo il 1953, ha interrogato più di 700 persone in un periodo di due anni, compresi dipendenti di dipartimenti governativi e forze armate statunitensi. Altri comitati indagarono sull'attività comunista all'interno dei sindacati e delle associazioni sindacali americane.

rossi sotto il letto
Una vignetta americana del 1919, che mostra i comunisti che si preparano a conquistare il mondo stanco della guerra

Nel corso degli anni '1950, l'isteria anticomunista del Red Scare fu accompagnata da tentativi di definire, promuovere e rafforzare i cosiddetti "valori americani". Agli americani venivano costantemente ricordati i grandi benefici della democrazia e del capitalismo – e che il comunismo o i valori comunisti mettevano a repentaglio questi benefici. La propaganda e la cultura pop rafforzarono l’idea della famiglia nucleare: un padre lavoratore, una madre casalinga e scolari che vivevano tutti comodamente nei sobborghi della classe media. Programmi televisivi come Father Knows Best, Lascia fare a Beaver e Ossie e Harriet hanno offerto rappresentazioni di come dovrebbero essere queste famiglie. Questi programmi enfatizzavano e rafforzavano anche i valori sociali conservatori, come il paternalismo, il rispetto per l’ordine e la gerarchia, l’importanza del duro lavoro, dell’istruzione, del patriottismo, dell’obbedienza e del buon comportamento. Mantenevano anche gli stereotipi di genere e di razza, mantenendo le donne fermamente “in cucina” e ignorando completamente gli afroamericani o le famiglie al di fuori di questa concezione idealistica dei sobborghi della classe media.

L'isteria del Red Scare iniziò a svanire a metà degli 1950. Fu diluito e dissipato da diversi eventi, tra cui la fine del Guerra di Corea, la morte di Joseph Stalin, il discredito di Joseph McCarthy e promessa di rapporti amichevoli con il successore di Stalin, Nikita Krusciov. Un altro fattore importante fu l'avvento degli aerei spia U-2, grazie ai quali Washington scoprì che l'arsenale di missili nucleari dell'Unione Sovietica era molto più piccolo e meno sviluppato di quanto si pensasse in precedenza. Il Red Scare, sostenuto dalle azioni di McCarthy, HUAC e FBI, epurò la vita pubblica americana da centinaia di sospetti comunisti e simpatizzanti comunisti. Dopo la fine degli anni Cinquanta, l’Unione Sovietica rimase una minaccia esterna, ma le sue idee e i suoi agenti non suscitarono più lo stesso livello di preoccupazione interna. I civili erano stati condizionati sia a temere che a disprezzare il comunismo. Gli americani e il loro governo sono rimasti vigili ma non isterici.

rossi della guerra fredda sotto il letto

1. Il Red Scare fu un periodo di isteria anticomunista negli Stati Uniti tra 1947 e 1957. Durante questo periodo gli americani divennero intensamente paranoici sull'infiltrazione comunista.

2. Fu il secondo Red Scare negli Stati Uniti. Il primo (1918-21) è stato innescato dalla rivoluzione russa e ha visto lo spurgo di sospetti socialisti dal governo, dai sindacati e dalla vita pubblica.

3. Il secondo Red Scare è stato innescato dalla divulgazione di una vasta rete di spie sovietiche negli Stati Uniti, precedente alla seconda guerra mondiale. Furono prese di mira spie sospette come Alger Hiss e i Rosenberg.

4. I principali istigatori dell'isteria anticomunista furono il senatore Joseph McCarthy, l'HUAC e le sue interrogazioni interrogative su sospetti comunisti, e J. Edgar Hoover e l'FBI.

5. Lo spavento rosso si attenuò a metà degli 1950, in parte a causa della morte di Stalin, del discredito di McCarthy e della crescente convinzione che il comunismo rappresentasse più una minaccia esterna che una domestica.

fonti della guerra fredda

'How to Spot a Communist', un articolo della rivista americana LOOK (marzo 1947)
Ordine esecutivo 9835 richiede lealtà dei dipendenti pubblici (marzo 1947)
Ronald Reagan testimonia prima di HUAC (ottobre 1947)
Walt Disney testimonia prima di HUAC (ottobre 1947)
Il discorso di Joseph McCarthy 'Enemies within' (febbraio 1950)
The McCarran Act o Internal Security Act (settembre 1950)
Ordine esecutivo 10450 sugli standard di sicurezza per dipendenti pubblici (aprile 1953)
Zero Mostel testimonia prima di HUAC (ottobre 1955)
J. Edgar Hoover: Maestri dell'inganno (1958)
Fumetto "This Godless Communism" (marzo 1961)
David A. Noebel: Comunismo, ipnotismo e Beatles (1965)


Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2018. Questo contenuto non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, Jim Southey e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “'Reds under the bed'”, Alpha History, accesso [data odierna], https://alphahistory.com/coldwar/reds-under-the-bed/.