Le idee della rivoluzione francese

idee
Una rappresentazione visiva di libertà, uguaglianza e fraternità

Tutte le rivoluzioni sono motivate da idee – solitamente idee nuove o progressiste che sfidano i modi di pensiero esistenti. Le idee della Rivoluzione francese furono in gran parte tratte dall’Illuminismo e influenzate dalle lamentele della Francia del XVIII secolo. Alcuni erano racchiusi nello slogan rivoluzionario “Libertà! Uguaglianza! Fraternità!', anche se le idee rivoluzionarie francesi erano ampie e andavano oltre i semplici slogan.

Fonti delle idee rivoluzionarie

Le idee rivoluzionarie francesi si ispiravano fortemente alla filosofia politica del Illuminismo e gli scritti del Filosofi (Filosofi illuministi). Ciò è stato sostenuto dall’interesse nell’esplorare modi nuovi e potenzialmente migliori di governare la nazione.

Considerando questo, i rivoluzionari francesi spesso si sono addentrati in altri sistemi politici. Molti rivoluzionari francesi hanno studiato il governo e la società britannici. Arrivarono ad ammirarne le basi costituzionali, la separazione dei poteri e la tolleranza per i diritti e le libertà individuali. IL rivoluzione americana (1775-89) fornì ai riformatori francesi un esempio pratico di rivoluzione e una costituzione attuata con successo.

Le idee della Rivoluzione francese furono plasmate anche da rimostranze specifiche della Francia del XVIII secolo e della sua società. Alcune delle idee chiave della Rivoluzione francese sono riassunte di seguito.

Libertà

Nel contesto del XVIII secolo, la libertà era libertà dall’oppressione. Questo di solito veniva interpretato nel senso di oppressione da parte dello stato, del governo o di governanti tirannici.

Gli strumenti più visibili di oppressione nel Antico Regime sono stati lettres de cacheto ordini sigillati firmati dal re. Questi lettere avevano diverse funzioni, ma il loro uso più comune era detenere e imprigionare individui senza processo o giusto processo. Diverse figure importanti furono imprigionate da lettres de cachet, Compreso Honore Mirabeau (per aver disonorato la sua famiglia) e Voltaire (per scritti diffamatori).

Un altro esempio di oppressione statale è stata la censura delle pubblicazioni contenenti critiche al re, all'aristocrazia o alla chiesa. Il Antico Regime ha anche usato la tortura per affrontare i suoi avversari, anche se questo è diminuito alla fine degli 1700 ed è stato formalmente abolito a maggio 1788.

Uguaglianza

Il desiderio di una maggiore uguaglianza fu alla base anche delle idee della Rivoluzione francese. La struttura sociale del Antico Regime era disomogeneo e ingiusto, soprattutto per quanto riguarda il carico fiscale.

I cittadini del Terza proprietà volevano l’uguaglianza, anche se alcuni volevano livelli di uguaglianza maggiori rispetto ad altri. Il sorgere borghesia voleva l'uguaglianza politica e sociale con la nobiltà del Secondo Stato. Favorivano la meritocrazia: una società in cui il rango e lo status erano definiti dalle capacità e dai risultati piuttosto che dal diritto di nascita e dai privilegi. Per questo guardarono agli Stati Uniti appena formati, dove la rivoluzione aveva trasferito il governo a uomini di talento e abilità.

Nonostante questo apparente spirito progressista, gli uomini e le donne del borghesia era più riluttante a condividere l’uguaglianza politica con i ranghi inferiori del Terzo Stato. Non sostenevano il diritto di voto universale, ritenendo che il voto fosse un privilegio delle classi possidenti.

“La discussione su libertà, uguaglianza e fraternità ha avuto una grande influenza sul pensiero politico sin dai tempi della Rivoluzione francese ... La rivoluzione ha segnato il trionfo del" popolo ". Ha pronunciato, nel 1789, la "Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino". In termini teorici, molte delle idee erano mal elaborate. Ad esempio, i rivoluzionari proclamarono i diritti dell'uomo ma le donne furono in gran parte escluse dal processo. In termini pratici, lo zelo rivoluzionario si è trasformato in fanatismo e la rivoluzione si è rivolta su se stessa ".
Paul Spicker, storico

Fraternità

Lo slogan rivoluzionario fratellanza è meglio tradotto come "fratellanza". La fraternità suggeriva che i cittadini della nazione fossero legati insieme dalla solidarietà. Combinava il nazionalismo con l'amore e la preoccupazione per i propri concittadini.

La fraternità era il più astratto, idealistico e irraggiungibile di tutti gli ideali rivoluzionari. Era più diffuso nella prima fase della rivoluzione, quando il nuovo governo sfornava riforme positive come quella Decreti di agosto e la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino.

Molte fonti visive del periodo 1789-90 mostrano i Tre Stati che cooperano e lavorano insieme per migliorare la nazione. Con il progredire della rivoluzione e l’emergere delle divisioni politiche, questa attenzione all’unità e alla fratellanza svanì presto nella memoria.

Sovranità popolare

Fino all’era moderna, i re e i governi europei affermavano che la loro autorità derivava da Dio, un concetto chiamato monarchia di diritto divino. Con l’avvento dell’Illuminismo, questa idea fu messa in discussione dal nuovo concetto di sovranità popolare.

La sovranità popolare è l’idea che i governi traggano la loro autorità dal consenso e dal sostegno del popolo, piuttosto che da Dio. Si basava in parte sull'idea di un "contratto sociale" tra gli individui e il loro governo, un concetto avanzato da scrittori come John Locke e Jean-Jacques Rousseau.

Un corollario della sovranità popolare è che se un governo fallisce o maltratta il suo popolo, il popolo ha il diritto di sostituirlo. Questo principio è stato utilizzato per giustificare le rivoluzioni americana e francese. Si rafforzava la sovranità popolare Emmanuel Sieyès' Qual è la terza proprietà?. Poiché la Terza Proprietà costituiva la stragrande maggioranza della nazione, sosteneva Sieyès, aveva diritto alla rappresentanza nel governo nazionale.

Costituzionalismo

Quando la Terza Proprietà si separò dalla Proprietà generali nel giugno 1789 si incontrarono in un vicino campo da tennis e si impegnarono a rimanere in assemblea finché la Francia non avesse avuto una costituzione. Una costituzione è un quadro scritto che definisce la struttura del governo e ne delinea e limita i poteri.

Il desiderio di una costituzione scritta fu una caratteristica sia della rivoluzione americana che di quella francese. Frustrati dai fallimenti e dalle promesse non mantenute di re e ministri, la maggior parte dei rivoluzionari voleva un governo sostenuto da un documento costituzionale. Credevano che un governo costituzionale avrebbe segnato la fine dell’assolutismo e del processo decisionale arbitrario. Preverrebbe gli abusi di potere e creerebbe un governo che operi a beneficio di tutti.

Per trovare un esempio pratico, i rivoluzionari francesi guardarono alla Costituzione degli Stati Uniti, redatta nel 1787 ed entrata in vigore l’anno successivo. Questa costituzione creò una repubblica democraticamente eletta con i rami del governo e i loro poteri chiaramente articolati. Incarnava anche concetti politici illuministi come la sovranità popolare, i diritti naturali e la separazione dei poteri.

Diritti naturali

Dall'Illuminismo, in particolare negli scritti di John Locke, emerge anche il concetto di diritti naturali. Come suggerisce il nome, i diritti naturali sono diritti e libertà concessi a tutte le persone, indipendentemente dalle leggi o dai governi sotto i quali vivono. Lo scrittore americano Thomas Jefferson ha descritto i diritti naturali come “diritti inalienabili” perché non possono essere tolti.

Secondo Locke, c'erano tre diritti naturali: vita, libertà e proprietà. Tutti gli individui avevano il diritto di vivere in sicurezza, di essere liberi dall'oppressione, di acquisire proprietà e di proteggerle da furti o sequestri. È responsabilità e dovere del governo, scrisse Locke, difendere e proteggere i diritti naturali delle persone.

La prima fase della rivoluzione francese fu dominata dai liberali borghesia, desiderosi di proteggere i diritti naturali. Il culmine di ciò è stata la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino, approvata dall'Assemblea costituente nazionale nell'agosto 1789.

Anticlericalismo

Il ruolo della Chiesa cattolica nella società e nel governo fu una questione controversa durante la Rivoluzione francese. Molti Filosofi ei rivoluzionari francesi furono critici vocali del Clero cattolico. Hanno condannato la ricchezza e il profitto della Chiesa cattolica, così come la sua influenza politica e la sua esenzione fiscale.

L’insoddisfazione si riscontrava anche nel basso clero, in uomini come Emmanuel Sieyès, frustrato dalla corruzione, dalla venalità e dalla mancanza di responsabilità all’interno della chiesa. La maggior parte di coloro che criticavano la Chiesa cattolica e il suo alto clero non erano atei che cercavano di abolire la Chiesa, né erano contrari alla religione. Erano anticlericalisti che volevano riformare il clero e limitarne il potere sociale e politico.

L'anticlericalismo ha plasmato diverse politiche rivoluzionarie tra cui il sequestro delle terre della chiesa, il Costituzione civile del clero (Luglio 1790) e tenta di creare una religione di stato.

ideologia della rivoluzione francese

1. Le idee della Rivoluzione francese furono tratte dall'Illuminismo, influenzato dal sistema politico britannico, ispirato alla Rivoluzione americana e modellato da rimostranze locali.

2. L'espressione più nota delle idee rivoluzionarie francesi era lo slogan “Libertà! Uguaglianza! Fraternità ”, anche se questo era semplicistico e non abbracciava tutte le idee della rivoluzione.

3. La prima parte della rivoluzione fu motivata da concetti politici dell'Illuminismo come la sovranità popolare e il costituzionalismo, che miravano a creare un sistema di governo più efficace.

4. Un'altra idea rivoluzionaria chiave era la codificazione e la protezione legale dei diritti naturali: diritti individuali e libertà che non potevano essere ignorati o rimossi dalla legge o dal governo.

5. Un'altra importante idea rivoluzionaria era l'anticlericalismo, che cercava di riformare la chiesa cattolica, in particolare le azioni del suo clero, riducendo l'influenza politica, l'interferenza e la corruzione.

Informazioni sulla citazione
Titolo: 'Idee della Rivoluzione francese'
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/revolutionary-ideas/
Data di pubblicazione: Ottobre 3, 2019
Data di aggiornamento: 7 Novembre 2023
Data di accesso: 4 Marzo 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.