Sieyès e "Cos'è il Terzo Stato?"

qual è la terza proprietà
Un ritratto di Emmanuel Sieyes, dipinto attorno a 1789

Nessun singolo documento ha avuto un impatto maggiore sulla rivoluzione francese di Qu'est ce que le Tiers-etat?, o "Cos'è il Terzo Stato"? Scritto da Emmanuel Sieyes, un ecclesiastico fino ad allora sconosciuto, questo opuscolo riassumeva le lamentele politiche della gente comune. Pubblicato in un momento critico all'inizio del 1789, stimolò la spinta alla riforma presso gli Stati generali.

sfondo

Alla fine di 1788, il re francese Luigi XVI ha annunciato la convocazione del Stati Generali, L'equivalente più vicino alla Francia borbonica di un parlamento nazionale.

Questo annuncio ha scatenato un'ondata di opinioni politiche. Centinaia di saggi e opuscoli politici furono pubblicati e diffusi. Molti hanno speculato sulla composizione, sulla procedura e sui possibili risultati delle tenute generali. Alcuni di questi documenti richiedevano uguaglianza e maggiore rappresentanza per il Terza proprietà, La gente comune della Francia.

Qual è la terza proprietà? infiammò queste aspirazioni politiche più di ogni altra. Ha colpito una corda con le classi inferiori scontente della Francia. Facendo tre domande retoriche e utilizzando un linguaggio chiaro ma energico, Qual è la terza proprietà? sembrava tanto razionale e logico quanto convincente. Ha sfidato le concezioni tradizionali di nazione e governo mentre esortava i suoi lettori a non accettare vane promesse o compromessi. Qual è la terza proprietà? si è rivelato enormemente popolare ed è diventato quello che uno storico chiama "un copione per la rivoluzione".

L'autore di questo straordinario documento era Emmanuel Joseph Sieyès, un ecclesiastico dalla mente libera. Sieyès è nato nel sud-est della Francia nel 1748. I suoi genitori avevano discendenza nobile ma al momento della sua nascita la famiglia di Sieyès era a malapena borghese. Suo padre era un funzionario pubblico e un devoto cattolico che voleva che i suoi figli, compreso il figlio di mezzo Emmanuel, entrassero nel clero.

Sieyès ricevette un'istruzione gesuita prima di trasferirsi a Parigi, dove entrò in un seminario nella periferia parigina e studiò teologia alla prestigiosa Sorbona. Sieyès era uno studente mediocre di teologia, che spesso finiva con voti bassi. mostrò un interesse molto maggiore per la filosofia politica liberale, in particolare per le opere di John Locke. Lettore vorace, nel 1770 Sieyès compilò un elenco di centinaia di libri che desiderava leggere, se mai avesse avuto i soldi per comprarli. Illuminismo i testi presenti in questa lista.

Insoddisfazione per la Chiesa

Nonostante le sue opinioni liberali, Sieyès ha continuato la sua carriera di segretario ed è stato ordinato come abate (abate) nel 1772. Il suo tempo nel clero ebbe un discreto successo ma tutt'altro che felice. Dopo aver atteso due anni per un incarico, Sieyès ha finalmente ottenuto un posto nella diocesi di Chartres. Alla fine è salito agli uffici di vicario generale, canonico della cattedrale e cancelliere diocesano. Mentre la sua carriera procedeva lentamente, Sieyès si rese conto di come gli ecclesiastici di nobili origini ma di mediocre abilità si stessero rapidamente spostando nei ranghi. Man mano che cresceva la sua insoddisfazione per la chiesa, cresceva anche l'interesse di Sieyès per la crisi politica in atto nella nazione.

qual è la terza proprietà
La lettera reale che delinea la convocazione degli Stati Generali in 1789

Nell'agosto 1788, il re ordinò la convocazione degli Stati Generali a metà dell'anno successivo. A questo punto, c'era incertezza sulla composizione e sul funzionamento degli Stati Generali. Gli Stati Generali non si erano incontrati da 1614; non aveva mai seguito strutture o procedure coerenti; non vi era alcun requisito costituzionale per assumere una forma particolare. Questa incertezza ha innescato una discussione nazionale sulla formazione, il funzionamento e i poteri degli Stati Generali.

A settembre 1788, la Parigi parlamento ha stabilito che gli Stati Generali dovevano adottare la stessa forma che avevano nel 1614, cioè con il voto condotto per ordine piuttosto che per testa. Il mese successivo Jacques Necker, che aveva proposto di raddoppiare la rappresentanza del Terzo Stato nelle tenute generali, convocò un Assemblea dei notabili per fornire consulenza in materia. Anche la censura del governo è stata rilassata, consentendo agli esperti e agli ideologi di scrivere ampiamente sulle imminenti tenute generali.

Sieyès lo scrittore

Tutto questo ha ispirato Sieyès a mettere nero su bianco. Nel novembre 1788 pubblicò Essai sur les privileges ("Saggio sui privilegi") che attaccava la presenza di privilegi ed esenzioni nella società e nel sistema politico francese. Questo è stato immediatamente seguito da Qual è la terza proprietà? nel mese di gennaio 1789.

Il testo di Sieyès si basava su una semplice premessa: il Terzo Stato formava la maggioranza della nazione e faceva il lavoro della nazione, quindi aveva diritto alla rappresentanza politica. Come Thomas Paine aveva fatto in America con Buon senso (1776), Sieyès ha mantenuto la struttura semplice usando un ragionamento chiaro e accessibile per i normali lettori. Nel passaggio più citato di Qual è la terza proprietà?, ha pubblicato tre domande e risposte retoriche:

“Cos'è il Terzo Stato? Qualunque cosa.
Cosa è stato finora nell'ordine politico? Niente.
Cosa richiede? Per diventare qualcosa. "

Qual è la terza proprietà? divenne probabilmente il testo più influente della prima rivoluzione francese. Ha cristallizzato le lamentele della gente comune in modo razionale e logico. Ricordava al popolo francese comune che erano stati sfruttati e maltrattati, sia da un governo non rappresentativo che da una nobiltà parassitaria che si rifiutava di pagare a modo suo. 

Ma ancora più importante, Qual è la terza proprietà? ha fornito ai rappresentanti del Terzo Stato che frequentavano gli Stati Generali una serie di obiettivi. Sieyès ha sostenuto che la rappresentanza del Terzo Stato deve essere uguale o maggiore del Primo e del Secondo Stato messi insieme. Ha chiesto che il voto negli Stati generali sia condotto dal capo (cioè da un conteggio dei singoli deputati) piuttosto che per ordine (gli Stati che votano in blocchi). Ciò ha plasmato le richieste del Terzo Stato agli Stati Generali, culminando nella loro decisione di farlo staccarsi per formare l'Assemblea nazionale. Non è chiaro se ciò sarebbe accaduto senza l'impulso fornito da Qual è la terza proprietà?

qual è la terza proprietà
La pagina iniziale di What is the Third Estate?

L'ascesa alla ribalta di Sieyès

Per Emmanuel Sieyès, l'impatto di Qual è la terza proprietà? gli ha portato un notevole rispetto e popolarità. Nel marzo 1789 fu eletto per rappresentare il Terzo Stato negli Stati Generali, nonostante Sieyès fosse un membro del First Estate e non avendo esperienza come difensore, dibattitore o oratore pubblico. Sieyès raramente ha tenuto discorsi pubblici durante gli Stati Generali, ma ha lavorato diligentemente dietro le quinte ed è stato spesso consultato per consigli o istruzioni.

Quando il Terzo Stato si è formato come Assemblea Nazionale il 17 giugno, Sieyès ha presentato personalmente le mozioni per avviare questo cambiamento. Il resto della carriera politica di Sieyès non raggiunse mai l'apice dell'inizio del 1789. Servì sia nell'Assemblea nazionale costituente che nella Convenzione nazionale, partecipando a discussioni costituzionali e redazione. Alla fine, Sieyès non fu abbastanza radicale per la rivoluzione che aveva contribuito a scatenare. Desiderava una monarchia costituzionale e a borghese democrazia piuttosto che una repubblica popolare, ma non riuscì ad attaccare la chiesa come aveva attaccato la nobiltà.

Il punto di vista di uno storico:
“Sieyès - che aveva orecchio per quello che ora chiameremmo il morso - ha dato una famigerata risposta a questa domanda [della rappresentanza politica]. In contrasto con gli altri due ordini, la nobiltà e il sacerdozio, che sosteneva fossero custodi dei propri privilegi aziendali, il Terzo Stato non aveva `` alcun interesse aziendale da difendere ... non richiede niente di meno che rendere la totalità dei cittadini un unico corpo sociale . " Non era, ha affermato, un ordine tra gli altri, ma esso stesso, da solo, "la nazione": era "tutto". "
Iain Hampsher-Monk

rivoluzione francese qual è la terza proprietà

1. Qual è la terza proprietà? è stato uno dei testi politici più significativi e influenti della rivoluzione francese, che ha plasmato il corso degli eventi nel 1789.

2. Il suo autore era Emmanuel Sieyès, un sacerdote di medio rango e libero pensatore che aveva studiato la filosofia politica dell'Illuminismo ed era frustrato dalla nobiltà e dal privilegio.

3. Sieyès ha scritto Qual è la terza proprietà? alla fine del 1788, nel bel mezzo di una "guerra da pamphlet" sulla composizione, le procedure e gli esiti degli Stati Generali.

4. in Qual è la terza proprietà? Sieyès sosteneva che i cittadini comuni costituivano la maggior parte della nazione e facevano la maggior parte del suo lavoro sono stati la nazione. Ha esortato i membri del Terzo Stato a chiedere una costituzione e una maggiore rappresentanza politica.

5. Le idee contenute in Qual è la terza proprietà? furono determinanti nel plasmare gli eventi di 1789, in particolare la formazione dell'Assemblea Nazionale, mentre lo stesso Sieyès divenne delegato politico nel nuovo regime.

Rivoluzione francese fonti club

Estratti da Qual è la terza proprietà? (1789)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Sieyès e" What is the Third Estate? "
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/sieyes-what-is-the-third-estate/
Data di pubblicazione: Luglio 19, 2018
Data di accesso: Dicembre 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.