Isaac Le Chapelier

isaac le chapelier

Isaac Rene Le Chapelier (1754-1794) era un avvocato e un politico rivoluzionario moderato, noto soprattutto per la legge 1791 che portava il suo nome.

Nato in Bretagna nella Francia occidentale, Le Chapelier ha conseguito la laurea in giurisprudenza, seguendo le orme del padre di spicco.

In 1789 è stato eletto dal suo baliato per rappresentare il Terza proprietà alla Stati Generali. Le Chapelier ha appoggiato il voto per capo, ha partecipato al Giuramento del campo da tennis e ha sostenuto la formazione di un'Assemblea nazionale. Ha esercitato una notevole influenza all'interno dell'Assemblea costituente nazionale, servendo brevemente come presidente e presiedendo le sessioni che hanno prodotto Decreti 4 di agosto.

Le Chapelier propose l'abolizione dei titoli nobiliari, appoggiò la nazionalizzazione delle terre della chiesa e fu coinvolto nella stesura del Costituzione di 1791. Era anche un membro della fondazione e il primo presidente del Breton Club, che divenne il Jacobin Club alla fine di 1789.

Come molti altri membri del alta borghesia, Le Chapelier era radicale in 1789 ma a malapena moderato da 1791-92. Lo credeva club politici e altri gruppi svanirebbero una volta attuata la Costituzione di 1791, segnando la fine della Rivoluzione francese.

All'inizio del 1791, Le Chapelier divenne particolarmente preoccupato per gli scioperi, le proteste dei lavoratori e le riunioni radicali dei lavoratori che chiedevano salari più alti. A suo avviso, questi gruppi hanno sconvolto l'economia e minacciato il nuovo ordine politico.

A giugno, Le Chapelier ha presentato un disegno di legge che è stato successivamente approvato dall'Assemblea nazionale costituente. Il "Legge Le Chapelier“, Come divenne noto, vietò ai lavoratori di scioperare o formare corporazioni o associazioni. Il disegno di legge di Le Chapelier non riguardava la soppressione delle richieste di salario, come spesso si sostiene. Invece, mirava a prevenire la formazione di grandi corporazioni, sindacati o partiti politici che potrebbero esercitare un'influenza eccessiva sul governo. "Non c'è niente di più che l'interesse privato di ogni individuo e l'interesse generale", ha detto Le Chapelier del suo conto. "Non è consentito ispirare i cittadini ... a separarli dalla repubblica attraverso uno spirito di società."

Come ci si poteva aspettare, il disegno di legge di Le Chapelier era estremamente impopolare tra i lavoratori urbani di Parigi e altri dipartimenti. Lo stesso Le Chapelier si spostò ulteriormente a destra dopo il Massacro di Champ de Mars, abbandonando i giacobini e unendosi Antoine BarnaveFeuillants Club.

Le Chapelier fece un ultimo tentativo di ridurre il crescente potere dei club politici radicali. A settembre 1791, durante le sessioni finali dell'Assemblea costituente nazionale, ha sostenuto che la rivoluzione era "finita" e che i giacobini erano sopravvissuti alla loro utilità per lo stato. Su richiesta di Le Chapelier, l'Assemblea ha approvato un decreto che vieta ai club di esercitare pressioni e altri tipi di attività politica, anche se la maggior parte ha semplicemente ignorato questo.

Come monarchico costituzionale, Le Chapelier divenne un bersaglio per minacce e recriminazioni. Fuggì in Gran Bretagna a 1793 ma tornò in Francia l'anno successivo per rivendicare la sua proprietà. Le Chapelier fu arrestato, processato da Parigi Tribunale rivoluzionario e ghigliottinato a giugno 1794.

Il punto di vista di uno storico:
“Se la legge Le Chapelier fosse stata vista come un modo per proteggere i ricchi dai poveri, o i possidenti contro i senza proprietà, avrebbe incontrato una strenua opposizione da parte di uno dei difensori dei poveri dell'Assemblea. [Ma] la legge è stata approvata senza opposizione perché sembrava evidente all'intera Assemblea Nazionale che la ricostituzione delle società in qualsiasi forma fosse una minaccia fondamentale per la nazione e la sua costituzione libera ... La legge ha chiarito che ... nessun organo intermediario poteva resistere tra l'individuo - ora armato dei suoi diritti naturali - e la nazione - ora garante dei diritti naturali ".
William H. Sewell, storico

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Isaac Le Chapelier"
Autori: John Rae, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/isaac-le-chapelier/
Data di pubblicazione: 11 Maggio 2017
Data di accesso: Dicembre 08, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.