Le guardie rosse

guardie rosse
Migliaia di guardie rosse si riuniscono in una manifestazione di piazza Tiananmen a 1966

Il Rivoluzione culturale era guidato dalle Guardie Rosse, un movimento di massa incoraggiato e diretto da Mao Zedong. Divennero la base del potere di Mao mentre si reinstallava come leader sia del partito che della nazione mentre epurava il partito dai suoi critici e concorrenti. Composte principalmente da studenti fanatici, le Guardie Rosse (Hongweibing) cominciò a prendere forma nel giugno 1966, in seguito alla pubblicazione nazionale di una protesta studentesca all'Università di Pechino. Nel giro di poche settimane si erano mobilitati in una milizia politica, il loro numero superava i 10 milioni. Motivate dagli slogan di Mao “È giusto ribellarsi” e “Bombardare il quartier generale”, le Guardie Rosse attaccavano chiunque e qualunque cosa considerassero una minaccia per Mao o per la sua visione socialista. Nessuno era al sicuro: né burocrati né amministratori, né capi di partito, né politici provinciali, nemmeno il presidente Liu Shaoqi. Per un anno questi studenti militanti crearono quello che lo stesso Mao definì un “grande caos sotto il cielo”. Quando nel 1967 le Guardie Rosse divennero ancora più radicali e violente, fu lo stesso Mao ad autorizzare un’azione militare per reprimerle.

Le origini delle Guardie Rosse possono essere ricondotte all'Università di Pechino. Nella primavera del 1966, la Rivoluzione Culturale di Mao era ancora solo un dibattito accademico, limitato principalmente alle università. La situazione ha cominciato a cambiare dopo che il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese (PCC) ha pubblicato la sua circolare del 16 maggio, chiedendo l’epurazione della “borghesia che si è insinuata nel partito, nel governo e in vari ambiti della cultura”. Il 25 maggio Nie Yuanzi, docente di filosofia quarantacinquenne, ha organizzato un Dazibao ("poster di grandi personaggi") critico nei confronti dell'amministrazione dell'università. Motivato tanto dai rancori personali quanto dalla politica, Il poster di Nie accusò i dirigenti dell'università di nutrire idee borghesi antisocialiste e di negare il diritto degli studenti alla protesta e alla rivolta. “Ora il popolo dell’intero paese, nel suo grande amore per il partito e per il presidente Mao, e nel suo odio estremo per gli antisocialisti, si è ribellato in una rivoluzione culturale”, ha scritto, “ma l’amministrazione [dell’università ] risulta non spostato. Il campus è tranquillo”. La protesta di Nie catturò l'attenzione di Mao. Nel giro di una settimana fece pubblicare il testo del suo poster sui giornali statali e leggerlo ad alta voce alla radio governativa.

guardie rosse
Un'immagine propagandistica di Chen Boda, uno dei sostenitori e propagandisti di Mao

Questa pubblicità, che implicava l'appoggio di Mao, innescò la nascita delle Guardie Rosse. La prima organizzazione della Guardia Rossa è stata mobilitata il 29 maggio da studenti delle scuole medie dell'Università di Qinghua. Gli studenti di varie scuole medie e università intorno a Pechino iniziarono a seguire l'esempio. Nei mesi di giugno e luglio, questi studenti militanti hanno tenuto riunioni, formato associazioni e adottato nomi come “Red Flag Combat Team” e slogan come “Salvaguarda Mao Zedong”. Dietro le quinte, Mao incoraggiava questo fiorente movimento. All'inizio di giugno Mao aveva il suo segretario Chen Boda prendere il controllo del Quotidiano del Popolo e pubblica un editoriale intitolato “Spazzare via tutti i mostri e i fantasmi”. Alcuni interpretano questo come il dispiegarsi pubblico di Mao come la Rivoluzione Culturale. I giornali e la radio statali hanno continuato ad alimentare il movimento ripetendo Dazibao manifesti e discorsi dei leader delle Guardie Rosse. Alla fine di luglio le scuole, le università e le strade urbane della Cina vantavano migliaia di diverse brigate della Guardia Rossa, con milioni di membri. Le loro brigate furono sviluppate localmente e senza controllo centralizzato, quindi c’erano alcune variazioni nel modo in cui erano organizzate e in ciò che facevano, ma tutte servivano uno scopo comune: lealtà a Mao e un impegno costante verso le sue idee.

guardia rossa
Uno studente presenta a Mao una fascia da braccio della Guardia Rossa in agosto 18th 1966

Per quanto popolare fosse il movimento, doveva ancora ricevere l’appoggio diretto di Mao. Ciò è avvenuto il 1° agosto quando il presidente ha risposto alle lettere delle Guardie Rosse di Qinghua. In la sua lettera di ritorno, Mao ha offerto un forte appoggio e il suo “sostegno entusiasta” alle Guardie Rosse. La notizia si diffuse rapidamente e creò un'altra ondata nel movimento. Il 18 agosto Mao si presentò di persona davanti a un raduno di circa un milione di guardie rosse in piazza Tiananmen. Il Presidente ha offerto il suo sostegno al movimento replicando la loro uniforme verde oliva, quindi accettando e indossando la fascia preferita dalle Guardie Rosse. Anche Mao rimase in piedi per diverse ore Lin Biao e i leader delle Guardie Rosse si sono rivolti alla folla. Nel corso dei tre mesi successivi, Mao sarebbe comparso davanti a circa 13 milioni di guardie rosse in otto diverse manifestazioni a Tiananmen. All'inizio di novembre 1966, il numero dei partecipanti a queste manifestazioni era salito a due milioni; l'ultima delle otto manifestazioni (25 novembre) ha visto la partecipazione di circa 2.5 milioni di Guardie Rosse.

guardie rosse quattro anziani
Le guardie rosse umiliano le suore cattoliche durante il loro attacco ai "Quattro Vecchi"

Ciò che era iniziato come gruppi studenteschi per discutere le idee borghesi nella cultura era diventato un movimento nazionale che chiedeva pulizia, ripensamento e trasformazione. Le Guardie Rosse combinavano l'idealismo socialista di Mao con il fanatismo politico e la militanza, l'iconoclastia e l'antiautoritarismo dei giovani studenti. Alla manifestazione del 18 agosto Mao e Lin Biao hanno esortato gli studenti a “distruggere i quattro vecchi”: vecchie idee, vecchia cultura, vecchi costumi e vecchie abitudini. Le Guardie Rosse accettarono il compito della sfida con zelo. Alla fine di agosto imperversavano a Pechino e in altre città, costeggiando le strade Dazibao, distribuendo opuscoli, organizzando manifestazioni e pronunciando discorsi politici improvvisati. Hanno sradicato e distrutto tutto ciò che era associato alla storia imperiale della Cina. I segnali e i nomi delle strade furono abbattuti o rinominati. Architettura, arte, antiquariato, scultura e opere letterarie furono fatte a pezzi o bruciate e coloro che le possedevano furono puniti arbitrariamente. Monumenti storici, templi e palazzi furono distrutti o vandalizzati. Perfino la Città Proibita fu quasi vittima delle Guardie Rosse, salvata solo dalla rapidità di pensiero di Zhou Enlai, che ne ordinò la messa in sicurezza.

guardie rosse
I personaggi del partito vengono umiliati durante una "sessione di lotta" delle Guardie Rosse nel 1966

Anche le Guardie Rosse hanno preso di mira le persone. Intellettuali ed ex capitalisti sono stati intimiditi e aggrediti fisicamente. Lo stesso vale per i cinesi vestiti all'estero, comprese le suore cattoliche. Le case private furono perquisite, i residenti picchiati e grandi quantità di proprietà private furono sequestrate. Secondo lo storico Ma Yuping, la campagna "Demolisci i quattro vecchi" ha visto più di 48 miliardi di yuan di proprietà private sequestrate e consegnate allo Stato. Centinaia di migliaia di persone hanno perso la casa, i risparmi di una vita e i preziosi cimeli di famiglia. Nell’autunno del 1966 erano abbastanza fiduciosi da poter prendere di mira i governi municipali e provinciali e figure politiche di alto profilo. Gli studenti sono stati ulteriormente incoraggiati dal famoso poster di Mao Zedong del 5 agosto che esortava le Guardie Rosse a "Bombardare il quartier generale!" In questo Dazibao, ampiamente pubblicato anche dalla stampa statale, Mao ha accusato il governo della Repubblica popolare di essere diventato una “dittatura borghese… Hanno ribaltato i fatti e si sono destreggiati tra bianco e nero, hanno accerchiato e represso i rivoluzionari, hanno soffocato le opinioni diverse dalle loro, imponevano un terrore bianco e si sentivano molto soddisfatti di se stessi. Hanno gonfiato l’arroganza della borghesia e abbassato il morale del proletariato. Che veleno!

“Molti hanno cercato di spiegare le caratteristiche del movimento della Guardia Rossa facendo riferimento al carattere delle istituzioni sociali e politiche dell'era Mao. Alcuni sostengono che l'intenso indottrinamento politico dei giovani cinesi nel culto di Mao e le dottrine della lotta di classe abbiano creato mentalità dogmatiche di lealtà indiscussa, che hanno alimentato la violenza e l'intolleranza degli studenti mobilitati. Altri sostengono che il sistema politico cinese racchiudeva i cittadini in istituzioni sociali dove erano strettamente monitorati, etichettati politicamente in modi che influivano sul loro benessere e futuro e periodicamente sottoposti a campagne di massa stressanti che lasciavano dietro di sé le vittime lese - circostanze che hanno contribuito al successivo tumulto."
Andrew G. Walder, storico

Gli attacchi a figure di spicco del partito hanno subito un'accelerazione negli ultimi due mesi di 1966. Tra quelli soggetti al vetriolo pubblico e all'umiliazione c'erano il presidente nazionale Liu Shaoqi, il suo alleato moderato Deng Xiaoping ed ex portavoce del gruppo Five Man Peng Zhen. Liu è stato il più duramente criticato, denunciato come il “più grande sostenitore del capitalismo nel partito” per le sue politiche economiche e il suo rifiuto di sostenere pienamente la Rivoluzione Culturale. Ex capo della difesa Peng Dehuai, epurato nel 1959 per aver criticato Mao, fu arrestato, picchiato e sottoposto a numerose "sessioni di lotta" pubbliche. Nel gennaio 1967 Liu Shaoqi e sua moglie Wang Guangmei furono aggrediti nella loro casa da alcuni studenti che avevano violato la legge. Due dei figli di Liu sono stati convinti a denunciarlo, dopo le pressioni delle Guardie Rosse locali e Jiang Qing se stessa. Nel marzo 1967 il Comitato Centrale del PCC, sotto la pressione di Mao e delle Guardie Rosse, formò un sottocomitato per indagare sulle accuse contro Liu Shaoqi e sul suo presunto tradimento contro la linea socialista.

guardie rosse rivoluzione cinese

1. Le Guardie Rosse erano organizzazioni in stile paramilitare, formate a metà del 1966 da studenti militanti fanaticamente fedeli a Mao Zedong.

2. Il movimento delle Guardie Rosse è iniziato con l'appello di Mao a identificare e affrontare le idee capitaliste e borghesi nelle scuole e nelle università, una sfida accettata per la prima volta dagli studenti radicali di Pechino.

3. I numeri della Guardia Rossa sono cresciuti rapidamente, incoraggiati in gran parte dalla pubblicità e dalla propaganda diffuse dalla stampa statale, nonché dall'approvazione e dall'incoraggiamento dello stesso Mao.

4. Mao ha invitato le Guardie Rosse a "bombardare il quartier generale" (attaccare figure reazionarie nel partito e nel governo) e "demolire i Quattro Vecchi" (vecchie idee, costumi, cultura e tradizioni).

5. Alla fine di 1966 le Guardie Rosse avevano intensificato i loro attacchi, distruggendo i simboli del vecchio ordine, sequestrando milioni di yuan in proprietà privata e arrestando e perseguitando leader come Peng Dehuai, Peng Zhen e Deng Xiaoping.

fonti guardie rosse

Una guardia rossa si ribella al suo insegnante (1966)
Un editoriale cinese sulle guardie rosse (agosto 1966)
Le Guardie Rosse sono una "forza d'urto" (settembre 1966)
Canzone da battaglia delle guardie rosse (1967)
Una ragazza denuncia i suoi genitori (1968)
Un rapporto della CIA sul ruolo delle guardie rosse (novembre 1968)
China Pictorial: "L'intera famiglia è rossa" (maggio 1969)
Mao Zedong e Lin Biao criticano i leader delle guardie rosse (1968)


© Alpha History 2018. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Glenn Kucha e Jennifer Llewellyn. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
G. Kucha e J. Llewellyn, “The Red Guards”, Alpha History, accesso [data odierna], https://alphahistory.com/chineserevolution/red-guards/.
Questo sito Web utilizza pinyin romanizzazioni di parole e nomi cinesi. Per favore riferisci a questa pagina per maggiori informazioni.